Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
TNT650R

Cos'è l'Idromele e come si produce

Recommended Posts

Idromele tenuto 14mesi in damigiana..

In bottiglia qualche bollicina l'ha fatta lo stesso.! XD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Idromele tenuto 14mesi in damigiana..

In bottiglia qualche bollicina l'ha fatta lo stesso.! XD

 

???....Tyrion parli da solo?

Va che non e un bel segno eh...

Orca vedi chi ha aperto sto topic....va dove e finito, che fine ha fatto...dall'altra parte del mondo!

Strani sti idromelisti.....e parlano pure da soli eh... :rofl:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma io avevo scritto in altra discussione!

 

Hai ragione...tranquillo... ;)  :rofl:

 

L'idromele.....fa male.....ma tanto eh....e questo fa pure biab...fate voi...ahahahah

Edited by conco

Share this post


Link to post
Share on other sites

non più conco!

da prossima cotta si passa ai tre tini!!!

 

Grande! :good:

Butto li un "miele di castagno" per non andare troppo ot... :crazy:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oh mattia ma se ti sbronzi così di prima  mattina avverti che ci organizziamo! :rofl:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo al topic una domanda. Ho preso del lievito al consorzio agrario...è lievito x vini bianchi ma di + non c'è scritto (neanche sul sito del produttore), la domanda è: che problema ci sarebbe se fossi in overpitching? E...se fossi in overpitching (20g di lievito x 10 litri di idromele) i nutrimenti li metto lo stesso o no?

Edited by noritaka100

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma i dosaggi non ci son scritti?

gli enologici sono assai diversi dai normali brassicoli a riguardo

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è scritto che facendo lo starter ti fa fermentare 10/15 quintali di mosto.... Con 10 litri di idromele sono sicuro in overpitch ma quanto? Faccio 2 dame di sidro e poi 2 di idromele e amen?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io per non sprecarlo nè andare a buttarne chili, ho fatto tappa al discount e comprato 5 litri di succo di mela, mentre aspetto l'idromele apfelwein

Share this post


Link to post
Share on other sites

se 2g ti fan fermentare 100 litri il calcolo è presto fatto... se vuoi usane un paio di grammi per dama e sei ok! nutrimenti se li hai mettili. non credo si parli di starter ma di reidratazione

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le spacco ancora sulla domanda iniziale ..e se andassi in overpitching che succede?

Share this post


Link to post
Share on other sites

booo fanno a botte per chi mangia prima, muoiono tutti e nessuno fermenta? :rofl::P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me al massimo riduci il tempo che ci mettono a colonizzare tutto il mosto. Se poi ne metti talmente tanto da averne abbastanza per colonizzare tutto subito e oltre, entra in gioco il fattore limitante di Liebig che fa si che muoia la parte in eccesso della popolazione. Se poi questo possa essere trigger di una serie di eventi a catena non so. 
Quella specie di sidro fatto con 4.5l di succo della Skipper e mezza confezione di bayanus (teoricamente sufficiente per fermentare 50 litri di mosto di vino) ha portato la densità  da 1065 a 995 in meno di una settimana. Per ora non noto effetti collaterali.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ok tks.

 

Domani uso un po di lievito per il sidro e poi butto tutto il resto per l'idromele (così arriva anche il miele d'acacia)

Share this post


Link to post
Share on other sites

FYI, il sidro fatto con 10x la dose consigliata di lievito, in 7 giorni era fatto e finito, in 10 aveva già  chiarificato abbastanza da leggerci un giornale attraverso. Imbottigliato e già  bevuto per metà , buonissimo! L'altra metà  la lascio stare per un po' e vedo se viene fuori il sapore di mela, adesso è un vino bianco tipo Gotto D'Oro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti!

Ho letto un po' quello che avete scritto.... e probabilmente mi son persa qualche pezzo...

per cui sparo un po' di domande:

 

1- il nutriente è compreso nella bustina di lievito che compro? e va messo sia nel lievito liquido che secco?

2- perchè va messo il nutriente, visto che i lieviti si nutrono di zuccheri? per riattivare il lievito prima di metterlo in miscela?

3- con una miscela di 1kg di miele e 5l d'acqua ottengo un grado alcolico tipo la birra 4% e con una miscela 2kg di miele e 5l d'acqua ottengo un grado alcolico tipo il vino 13% circa?

4- qual'è la massima gradazione alcolica che un idromele può raggiungere? e che tipo di lievito glielo permette? 

5- si può utilizzare la tecnica della fermentazione scalare? può avere dei  vantaggi?

6- la differenza sostanziale tra i lieviti per fare dry mead piuttosto che sweet mead è la capacità  di sopportare la gradazione alcolica. il primo sarà  in grado di far raggiungere all'idromele una gradazione maggiore rispetto al secondo che per questo risulterà  piu dolce?

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Ciao a tutti!

Ho letto un po' quello che avete scritto.... e probabilmente mi son persa qualche pezzo...

per cui sparo un po' di domande:

 

1- il nutriente è compreso nella bustina di lievito che compro? e va messo sia nel lievito liquido che secco?

2- perchè va messo il nutriente, visto che i lieviti si nutrono di zuccheri? per riattivare il lievito prima di metterlo in miscela?

3- con una miscela di 1kg di miele e 5l d'acqua ottengo un grado alcolico tipo la birra 4% e con una miscela 2kg di miele e 5l d'acqua ottengo un grado alcolico tipo il vino 13% circa?

4- qual'è la massima gradazione alcolica che un idromele può raggiungere? e che tipo di lievito glielo permette?

5- si può utilizzare la tecnica della fermentazione scalare? può avere dei vantaggi?

6- la differenza sostanziale tra i lieviti per fare dry mead piuttosto che sweet mead è la capacità  di sopportare la gradazione alcolica. il primo sarà  in grado di far raggiungere all'idromele una gradazione maggiore rispetto al secondo che per questo risulterà  piu dolce?

Premetto che per il momento non ho ancora fatto il mio primo idromele ma sono abbastanza sicuro su qualche punto:

1- il nutriente non è compreso nella bustina, va messo in funzione di quanto lievito metti e da cosa vuoi ottenere (si capirà  meglio con quanto scritto dopo)

2- il nutriente non è composto da atri zuccheri bensì da altre sostanze di cui si nutre il lievito. Ora come ora non ricordo esattamente quali ma senza queste sostanze il lievito non ha gli elementi per riprodursi. àˆ vero che il lievito si nutre di zuccheri ma solamente con questi non si può riprodurre. Infatti quando si fa uno starter per la birra si utilizzata dell'estratto di malto e non semplicemente zucchero per questo motivo, altrimenti lo starter non sarebbe uno starter ma un fermentato di solo zucchero. Di conseguenza se valuti avere sufficiente lievito io credo che sia superfluo aggiungere i nutrienti.

3- mi spiace non ne ho idea

4- la massima gradazione non la so esattamente ma sicuramente utilizzando il famoso lievito per vino bianco (bayanus se non sbaglio) grazie alla sua alta tolleranza all'alcool. Anche alcuni lieviti da birra (sopratutto quelli da barleywine che dovrebbero avere una buona tolleranza all'alcool) si possono usare, son sicuro di aver letto che con l'us-05 si siano raggiunti i 10° alcolici.

5-no idea

6- esatto, meno tolleranza significa che la fermentazione si arresterà  prima lasciando zuccheri ancora fermentabili nel mosto rendendolo più dolce

 

Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti!

Ho letto un po' quello che avete scritto.... e probabilmente mi son persa qualche pezzo...

per cui sparo un po' di domande:

 

1- il nutriente è compreso nella bustina di lievito che compro? e va messo sia nel lievito liquido che secco?

2- perchè va messo il nutriente, visto che i lieviti si nutrono di zuccheri? per riattivare il lievito prima di metterlo in miscela?

3- con una miscela di 1kg di miele e 5l d'acqua ottengo un grado alcolico tipo la birra 4% e con una miscela 2kg di miele e 5l d'acqua ottengo un grado alcolico tipo il vino 13% circa?

4- qual'è la massima gradazione alcolica che un idromele può raggiungere? e che tipo di lievito glielo permette? 

5- si può utilizzare la tecnica della fermentazione scalare? può avere dei  vantaggi?

6- la differenza sostanziale tra i lieviti per fare dry mead piuttosto che sweet mead è la capacità  di sopportare la gradazione alcolica. il primo sarà  in grado di far raggiungere all'idromele una gradazione maggiore rispetto al secondo che per questo risulterà  piu dolce?

1 i nutrienti se vuoi usarli li compri a parte, serve per tutti i lieviti sia liquidi che secchi.

2 serve per fornire ai ieviti durante la fase di forte riproduzione iniziale sostanze di cui loro hanno necessità  ma di cui il mosto è povero

3 ci sono vari software con cui puoi calcolare la gradazione alcolica che ricaverai in base al rapporto acqua miele usato per ricavare il mosto

4 dipende dalla tolleranza alcolica del lievito che usi, più un lievito tollera gradazioni alte più tardi si ubriaca da solo e più fermenta dandoti più alcol, ovviamente se tu gli fornisci zuccheri a sufficienza per farlo sbronzare. A 18% ci arrivi comoda comoda

5 intendi inserire miele gradualmente durante la fermentazione? si può fare soprattutto nel caso di mosti a gradazione zuccherina estremamente alta, così da facilitare la partenza della fermentazione, il contro è il rischio di infezioni e la laboriosità 

6 esatto, i leiviti hanno toleranze alcoliche diverse, se li usassi in uno stesso mosto molto ricco di zuccheri il primo fermenterà  tutto e ti lascia un idromele secco e molto alcolico, il secondo invece raggiunta la tolleranza smette di fermentare e ti lascia un residuo zuccherino che ti farà  percepire l'idromele dolce

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Di conseguenza se valuti avere sufficiente lievito io credo che sia superfluo aggiungere i nutrienti.

Di norma si mette il nutriente (o come si chiama) per (leggo) ridurre la fase di adattamento ed aumentare la vitalità  del lievito, giusto? perchè altrimenti, come dici tu Melior io basta che metto la giusta quantità  di lievito e sono a posto così.... cioè suppongo che si ottenga una migliore fermentazione mettendo il nutriente, no?

 

 

3 ci sono vari software con cui puoi calcolare la gradazione alcolica che ricaverai in base al rapporto acqua miele usato per ricavare il mosto

ne conosci uno valido?

 

 

5 intendi inserire miele gradualmente durante la fermentazione? si può fare soprattutto nel caso di mosti a gradazione zuccherina estremamente alta, così da facilitare la partenza della fermentazione, il contro è il rischio di infezioni e la laboriosità 

intendo inserire inizialmente un lievito con un'elevata tolleranza agli zuccheri ed bassa all'alcool e successivamente un altro lievito con un'elevata tolleranza all'alcool e più ridotta agli zuccheri.

non avevo pensato al contrario!!! ps chiedo giusto per capire quello che di norma si fa e non si fa!!!

 

7- ah poi: considerando il fatto che generalmente il miele ha un pH tra 3,5 4,5 (più o meno) (a parte il castagno che leggo ce l ha più alto) e il mosto d'uva anche, nel momento in cui faccio la miscela di miele ed acqua perdo parte di questa acidità , per cui dovrei aggiungere succo di limone?

 

GRAZIE Meilor ed EnzoR!

Edited by hachi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di norma si mette il nutriente (o come si chiama) per (leggo) ridurre la fase di adattamento ed aumentare la vitalità  del lievito, giusto? perchè altrimenti, come dici tu Melior io basta che metto la giusta quantità  di lievito e sono a posto così.... cioè suppongo che si ottenga una migliore fermentazione mettendo il nutriente, no?

ne conosci uno valido?

intendo inserire inizialmente un lievito con un'elevata tolleranza agli zuccheri ed bassa all'alcool e successivamente un altro lievito con un'elevata tolleranza all'alcool e più ridotta agli zuccheri.

non avevo pensato al contrario!!! ps chiedo giusto per capire quello che di norma si fa e non si fa!!!

 

7- ah poi: considerando il fatto che generalmente il miele ha un pH tra 3,5 4,5 (più o meno) (a parte il castagno che leggo ce l ha più alto) e il mosto d'uva anche, nel momento in cui faccio la miscela di miele ed acqua perdo parte di questa acidità , per cui dovrei aggiungere succo di limone?

 

GRAZIE Meilor ed EnzoR!

Nel mio un pò di succo l'ho messo, a me il primo esperimento con millefiori, acqua e mezzo limone, fermentato con S-04 fermentis ha portato a un prodotto bello secco, dal sapore appunto di prosecco con retrogusto di miele, in parte è stato spumantizzato in parte imbottigliato piatto, vedremo cosa ne uscirà  fuori

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×