Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
HASTE

Mastri Birrai umbri - Cotta 21

Recommended Posts

Ho comprato una bottiglia per tipo cotta 21 ealtre due ed ho assaggiato la 21 e mi pareva la mia prima fatta con il malto luppolato che mi è arrivato con il kit di fermentatori .
DELUSIONE TOTALE , anche per i soldi spesi. Costa di piu la bottiglia della birra!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Checco77 ha scritto:
[br Costa di piu la bottiglia della birra!!!!!

[/quote]

che in effetti è una figata :D

la cotta 74 al contrario della 21 mi è piaciuta!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho assaggiato anche la cotta 74 e devo dire che il giorno dopo averla aperta, non sono riuscito a berla tutta, era meglio che subito. Anche se forse fin troppa schiuma a me.
Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
io mi faccio la birra da quasi due anni , le mie sono state buone ma anche cattive e di infette , sicuramente quelle cattive o infette non le faccio assaggiare
mi mancava assaggiare la cotta 37 delle tre che avevo comprato ..... se ci fosse un modo per rispedire la bottiglia e ricevere indietro i soldi .... bhe lo farei .... pessima!!
non si può mettere in commercio una birra del genere!
ma chi l'ha prodotta l'ha assaggiata?
io non sono esperto ma credo che qualsiasi persona sappia dire che fa schifo!
unica cosa i soldi spesi valgono solo per la bottiglia!

Share this post


Link to post
Share on other sites
infatti io l'ho comprata per la bottiglia...la mia porter ci farà  un figurone!!! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
l'ho appena stappata, al tavolo non é piaciuta a nessuno.
Personalmente trovo che l'aspetto sia buono, schiuma mediamente persistente anche grazie ad un abbondante carbonatazione. All'olfatto poco/per nulla intensa con sentori dominanti di luppolo che si confermano in bocca. Poco in evidenza il malto con gusto piatto di luppolo neanche particolarmente aromatico, amaro finale in pessimo contrasto con il poco corpo, e CO2 fastidiosamente invadente. Voto: 4/decimi

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]velleitario ha scritto:

ok, ma diteci qualcosa di più su sta birra...

ad esempio scrivendo anche solamente alcune delle seguenti informazioni:
stile di riferimento
volume alcolico
aspetto, colore, schiuma (questo ora lo vediamo dalla foto. direi schiuma a grana grossa, velata, color oro carico)
profumi, aromi
gusto, persistenza
ecc ecc
[/quote]

L'ho trovata qualche giorno fa nella catena di supermercati ipercoop.

Provo a definirla meglio ..

stile di riferimento : mi sembra una birra composta da malto pils (o al massimo una piccola percentuale di malto vienna e carapils)
e viene dichiarito in etichetta l'utilizzo del 30% di farro. Il fatto che sia ad alta fermentazione si avverte , ma non in maniera esagerata in quanto gli esteri non sono copiosi : questo mi fa pensare a una temperatura di fermentazione non elevata. Categorizzarla in uno stile non e' cosi' semplice : trattasi di una birra ad alta con malti chiari e una discerta percentule di cereale non maltato.

aspetto,colore,schiuma : il colore e' dorato carico con rifliessi opalescenti. Da ciò si intuisce l'utilizzo del cereale crudo. La schiuma e' a grana medio-grossa e molto persistente. La carbonatazione e' davvero eccessivo e ricorda quella dei una weizen! E' un peccato
perchè rovina la percezione del gusto in bocca.

profumo aromi : al primo naso si avverte un discreto profumo di luppolo. Qualcosa di tedesco o al massimo ceco. Personalemente mi ha fatto pensare all' Hallertau. Al secondo naso invece invece un'odore spiccato di farro (se avete realizzato qualche birra al farro sapere di cosa parlo) con la sua rotondità  specifica.In seconda batttua si avverti il malto (pils prevalentemente)

gusto : la carbonatazione eccessiva rovina un pò la percezione del gusto. Mediamente rotonda ma si avverte un corpo medio-leggero. Birra sicuramente fatta in semplce infusione.Anche in bocca il luppolo d'aroma si avverte forse prima del maltato. Fruttato molto flelbile che fa appena sentire che si tratta di un'alta fermentazione. Il luppolo è ciò che rimane rimane soprattutto in bocca nella persistenza generale. Una birra comunque non eccessivamente amara , anche se con qualche nota astringente nel retrogusto.

grado alcolico : 5%

La bottiglia e' molto bella esteticamente e abbastanza pesante. Tozza e bassa , nonostante i 75 cl, rircoda molto le bottiglie dell'olio di una certa qualità . Chiusura con tappo a corona , ma presenza contemporanea di tappo meccanico.

il fondo e' piuttosto cospicuo ed il sapore dei lieviti non mi ha fatto proprio impazzire .

E' prodotta nello stabilimento di Gualdo Cattaneo - Via centrale********* del Puglia 06035 Perugia

Una birra nel complesso onesta ma che situerei a livello homebrewers.

Ciao


Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Ken75 ha scritto:

[quote]velleitario ha scritto:

ok, ma diteci qualcosa di più su sta birra...

ad esempio scrivendo anche solamente alcune delle seguenti informazioni:
stile di riferimento
volume alcolico
aspetto, colore, schiuma (questo ora lo vediamo dalla foto. direi schiuma a grana grossa, velata, color oro carico)
profumi, aromi
gusto, persistenza
ecc ecc
[/quote]

L'ho trovata qualche giorno fa nella catena di supermercati ipercoop.

Provo a definirla meglio ..

stile di riferimento : mi sembra una birra composta da malto pils (o al massimo una piccola percentuale di malto vienna e carapils)
e viene dichiarito in etichetta l'utilizzo del 30% di farro. Il fatto che sia ad alta fermentazione si avverte , ma non in maniera esagerata in quanto gli esteri non sono copiosi : questo mi fa pensare a una temperatura di fermentazione non elevata. Categorizzarla in uno stile non e' cosi' semplice : trattasi di una birra ad alta con malti chiari e una discerta percentule di cereale non maltato.

aspetto,colore,schiuma : il colore e' dorato carico con rifliessi opalescenti. Da ciò si intuisce l'utilizzo del cereale crudo. La schiuma e' a grana medio-grossa e molto persistente. La carbonatazione e' davvero eccessivo e ricorda quella dei una weizen! E' un peccato
perchè rovina la percezione del gusto in bocca.

profumo aromi : al primo naso si avverte un discreto profumo di luppolo. Qualcosa di tedesco o al massimo ceco. Personalemente mi ha fatto pensare all' Hallertau. Al secondo naso invece invece un'odore spiccato di farro (se avete realizzato qualche birra al farro sapere di cosa parlo) con la sua rotondità  specifica.In seconda batttua si avverti il malto (pils prevalentemente)

gusto : la carbonatazione eccessiva rovina un pò la percezione del gusto. Mediamente rotonda ma si avverte un corpo medio-leggero. Birra sicuramente fatta in semplce infusione.Anche in bocca il luppolo d'aroma si avverte forse prima del maltato. Fruttato molto flelbile che fa appena sentire che si tratta di un'alta fermentazione. Il luppolo è ciò che rimane rimane soprattutto in bocca nella persistenza generale. Una birra comunque non eccessivamente amara , anche se con qualche nota astringente nel retrogusto.

grado alcolico : 5%

La bottiglia e' molto bella esteticamente e abbastanza pesante. Tozza e bassa , nonostante i 75 cl, rircoda molto le bottiglie dell'olio di una certa qualità . Chiusura con tappo a corona , ma presenza contemporanea di tappo meccanico.

il fondo e' piuttosto cospicuo ed il sapore dei lieviti non mi ha fatto proprio impazzire .

E' prodotta nello stabilimento di Gualdo Cattaneo - Via centrale********* del Puglia 06035 Perugia

Una birra nel complesso onesta ma che situerei a livello homebrewers.

Ciao



[/quote]
grazie, molto dettagliata la tua descrizione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Ken75 ha scritto:

Una birra nel complesso onesta ma che situerei a livello homebrewers.

[/quote]

[:o)]...va bè ken75 però....perchè devi offendere...ahahahah....certe birre di HB danno la paga a parecchie produzioni che circolano in giro...:D:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]conco ha scritto:

[:o)]...va bè ken75 però....perchè devi offendere...ahahahah....certe birre di HB danno la paga a parecchie produzioni che circolano in giro...:D:D

[/quote]

Cosa verissima in molti casi!
Ho assaggiato nei vari raduni di homebrewers delle cose meravigliose, fatte con un pentolone , uno scoplapasta
e un secchio filtrante! Altro che impianti e altre amenità ...

Sarà  che quando acquisto qualcosa brassato dai micro ho sempre un certo tipo di aspettative.. Ma forse faccio male... [:I]

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites


No no fai benissimo:D:D:D
Dopo aver sborsato 10 euro o giù di lì per una 75. quanto minimo deve essere superiore agli intrugli da Accabì;);)

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]maltisglt ha scritto:



No no fai benissimo:D:D:D
Dopo aver sborsato 10 euro o giù di lì per una 75. quanto minimo deve essere superiore agli intrugli da Accabì;);)
[/quote]

La birra in questione l'ho pagata 4.94 se non ricordo male...quindi un prezzo ben al di sotto di quello medio dei mirco italiani.


Comunque il tuo discorso e' piu' che valido in generale!
Spendendo in media 8-10 euro per una bottiglia, crea aspettative più che lecite nel consumatore (bevitore) [}:)]

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Ken75 ha scritto:

[quote]velleitario ha scritto:

ok, ma diteci qualcosa di più su sta birra...

ad esempio scrivendo anche solamente alcune delle seguenti informazioni:
stile di riferimento
volume alcolico
aspetto, colore, schiuma (questo ora lo vediamo dalla foto. direi schiuma a grana grossa, velata, color oro carico)
profumi, aromi
gusto, persistenza
ecc ecc
[/quote]

L'ho trovata qualche giorno fa nella catena di supermercati ipercoop.

Provo a definirla meglio ..

stile di riferimento : mi sembra una birra composta da malto pils (o al massimo una piccola percentuale di malto vienna e carapils)
e viene dichiarito in etichetta l'utilizzo del 30% di farro. Il fatto che sia ad alta fermentazione si avverte , ma non in maniera esagerata in quanto gli esteri non sono copiosi : questo mi fa pensare a una temperatura di fermentazione non elevata. Categorizzarla in uno stile non e' cosi' semplice : trattasi di una birra ad alta con malti chiari e una discerta percentule di cereale non maltato.

aspetto,colore,schiuma : il colore e' dorato carico con rifliessi opalescenti. Da ciò si intuisce l'utilizzo del cereale crudo. La schiuma e' a grana medio-grossa e molto persistente. La carbonatazione e' davvero eccessivo e ricorda quella dei una weizen! E' un peccato
perchè rovina la percezione del gusto in bocca.

profumo aromi : al primo naso si avverte un discreto profumo di luppolo. Qualcosa di tedesco o al massimo ceco. Personalemente mi ha fatto pensare all' Hallertau. Al secondo naso invece invece un'odore spiccato di farro (se avete realizzato qualche birra al farro sapere di cosa parlo) con la sua rotondità  specifica.In seconda batttua si avverti il malto (pils prevalentemente)

gusto : la carbonatazione eccessiva rovina un pò la percezione del gusto. Mediamente rotonda ma si avverte un corpo medio-leggero. Birra sicuramente fatta in semplce infusione.Anche in bocca il luppolo d'aroma si avverte forse prima del maltato. Fruttato molto flelbile che fa appena sentire che si tratta di un'alta fermentazione. Il luppolo è ciò che rimane rimane soprattutto in bocca nella persistenza generale. Una birra comunque non eccessivamente amara , anche se con qualche nota astringente nel retrogusto.

grado alcolico : 5%

La bottiglia e' molto bella esteticamente e abbastanza pesante. Tozza e bassa , nonostante i 75 cl, rircoda molto le bottiglie dell'olio di una certa qualità . Chiusura con tappo a corona , ma presenza contemporanea di tappo meccanico.

il fondo e' piuttosto cospicuo ed il sapore dei lieviti non mi ha fatto proprio impazzire .

E' prodotta nello stabilimento di Gualdo Cattaneo - Via centrale********* del Puglia 06035 Perugia

Una birra nel complesso onesta ma che situerei a livello homebrewers.

Ciao



[/quote]


Complimenti!
almeno hai motivato con una dettagliata degustazione il tuo giudizio finale, rispetto ad altri che hanno espresso pareri negativi senza giustificazione

Io non ho ancora provato la cotta 22, che dovrebbe essere la più semplice e beverina delle 3 birre in produzione, ma ho recentemente bevuto le 2 birre prodotte con cicerchia e lenticchie.
Non mi sono discpiaciute considerando quanto le ho pagate...circa 4 euro, considerando il costo della bottiglia (riciclabile per altri usi) e soprattutto considerando la semplicità  degli ingredienti impiegati (nessuna spezia rara o ingredienti superiori a 4!).

Poi se vogliamo paragonare questi 3 prodotti con artigianali tipo Almond 22, Baladin, Karma, e chi più nè ha più nè metta allora c'è nè passa...l'importante è considerare il prodotto per quello che è ed impiegarlo in determinate circostanze...magari con amici che al massimo bevono San Miguel e Bud o quando vuoi bere senza impegno una ale che non ti buchi il portafoglio!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
L'ho bevuta una seconda volta durante una "pizzata" con amici e purtroppo era completamente partita!!!!
Forse la prima volta sono stato solo fortunato... ;)
Vabbè , almeno riciclo la bella bottiglia.. :)

Al di là  di tutto , la conservazione delle birre artigianali è un argomento piuttosto spigoloso e poco affrontato , soprattutto a livello di circuito commerciale.

A quanti di voi è capitato di trovare - a volte - Orval praticamente imbevibili ?


Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Ken75 ha scritto:

L'ho bevuta una seconda volta durante una "pizzata" con amici e purtroppo era completamente partita!!!!
Forse la prima volta sono stato solo fortunato... ;)
Vabbè , almeno riciclo la bella bottiglia.. :)

Al di là  di tutto , la conservazione delle birre artigianali è un argomento piuttosto spigoloso e poco affrontato , soprattutto a livello di circuito commerciale.

A quanti di voi è capitato di trovare - a volte - Orval praticamente imbevibili ?


Ciao
[/quote]

Capitato con Orval, Chimay rouge, Duvel [xx(][xx(] Ma la delusione più grande me la sono beccata con la AVEC LE BONS VEUX di DUPONT, completamente ossidata, sembrava vino Marsala. Mi ripropongo di riprovarla al più presto in quanto in rete se ne tessono lodi a destra e manca ( specie su Mobi)

Ciao:D


Share this post


Link to post
Share on other sites
degustata per la prima volta ieri sera.... che schifoooooooooooooooooooooooooo!!!
scusatemi davvero ma non mi faccio proprio capace come si possano spacciare per birra artigianale simili schifezze!!! non sono riuscito nemmeno a finire la bottiglia!! una carbonatazione invadente...un'astringenza bruttissima e un sapore che mi ricordava il minibatch col cascade autoprodotto (al primo anno) e che nessuno mai mi pagherebbe 5 euro !!!
unica nota positiva la bottiglia!!! non ricomprero mai e poi mai piu una birra dei mastri birrai umbri!!!

scusate il tono ma davvero mi ha disgustato ..

Share this post


Link to post
Share on other sites
oggi ho provata la birra rossa alla cicerchia è una ale, non mi ha fatto schiuma , senza corpo,
non mi è piaciuta per niente, meglio un kit ...

l'unica cosa bella è la bottiglia con tappo meccanico da 75cl, diciamo che l'ho presa solo per quella...

Share this post


Link to post
Share on other sites
...anche le bottiglie tradiscono...ho usato 3 bottiglie (le 3 tipologie di birra che offrono)...e su 2 la birra era sgasata...il tappo non ha tenuto....per togliere l'etichetta e la relativa colla ci vuole un "lanciafiamme"!...penso che etichettino con colla e carta adatti alle bottiglie di olio. per me una delusione su tutti i fronti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×