Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
mase

12/13 Giugno no al nucleare le alternative ci sono

Recommended Posts

[quote]dobbiamo cercare una soluzione che sia definitiva.[/quote]
Sino a che rimarrà  sulla terra plutonio ed uranio . . . NESSUNA cercherà  soluzione alternative valide . . . . prima devono in pochi guadagnarci tanto creando un monopolio mondiale di queste materie prime . . .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Un'altro aspetto poi sarebbe la costruzione delle centrali,in italia siamo tutti bravi a parlare,ma poi nel nostro territorio non vogliamo le discariche,e spesso chi non le vuole non fà  nemmeno la differenziata,e giù proteste e sollevamenti popolari.
Se si crea un centro di accoglienza per gli immigrati,tutti d'accordo che sono necessari,ma se lo fanno nel nostro territorio e no non va bene,e giu proteste e sollevamenti popolari.
Figuratevi cosa potrà  accadere con le eventuali costruzioni di centrali nucleari....secondo me....proteste e sollevamenti popolari.:D
Sono tutti bravi a fare i gay con il culo degli altri.....in italia poi bravissimi.[}:)]

Share this post


Link to post
Share on other sites
non sono pienamente d'accordo sulla sicurezza della nuova generazione di centrali...nel senso quando è stata costruita fukushima l'hanno fatta al TOP della sicurezza di quel tempo e che per il modo di pensare era improbabile che potesse capitare una catastrofe..
e se la costruissimo adesso con le nuove tecnologie è così sicura da sembrare improbabile...però anche l'1% di errore in questo caso non è ammissibile..

il problema è che era anche improbabile una combo terremoto e tsunami come in giappone....il problema è che la natura è improbabile e imprevedibile ed è lei che comanda!e la verità  è che il nucleare non lo si riesce a controllare se impazzisce..
i gestori della centrale giapponese hanno detto che tra 9 mesi la catastrofe sarà  risolta....in realtà  vuol dire che tra 9 mesi smetteranno di buttare acqua contaminata in mare...tra migliaia di anni sarà  risolta....mi sembra netta la differenza...mi sembra chiaro il danno ambientale irreparabile che succederà  in quel mare, mi sembra chiaro che la cosa non è ristretta solo in quella zona visto che c'è il mare....io penso che a volte la gente stia pensando:beh è successo la a nooi è andata bene...è andata bene un.... un disastro ecologico simile influirà  pesantemente per tutto il mondo..qui non si scherza..il problema del nucleare non è la bomba che scoppia e ammazza 10000persone subitoquello vi posso anche dire pazienza poverini(esagerando ovviamente), il problema è l'ecosistema irrimediabilmente compromesso e le radiazioni che produrranno danni per secoli!
pensate solo ai nostri soldati in Kossovo..che per aver sparato proiettili all'uranio impoverito, a distanza di quasi 20 anni stanno morendo in grande percentuale di leucemia....questi poveri, sono tornati a casa sani e salvi dalla missione di guerra, poi in realtà  hanno scoperto che non è così...

tra l'altro noi l'uranio lo dovremmo comprare lo stesso...e le miniere di uranio sono garantite per meno di un secolo.....

concordo anche sul fatto che i pannelli solari non vanno da nessuna parte....tra 20 anni, dovranno essere sostituiti perchè l'efficienza è troppo bassa e smaltire quei pannelli è peggio dell'amianto, ma questo non lo dicono..
forse l'eolico può andare bene e l'idroelettrico da rivalutare e modernizzare..
ovviamente mi unisco a chi dice che non è pensabile di rimodernare in un colpo tutte le case, per quanto poi è un vero investimento diminuire la dissipazione di calore e il resto, siamo in un periodo dove arrivare a fine mese per molti è difficile, non è possibile imporre spese di 20 30mila euro per rimodernare casa...

per quanto riguarda l'acqua, quello è un altro problema da pizza e spaghetti..perchè il 70% della acqua viene sprecata nella rete, contro il 15 20% dell'inghilterra ad esempio...quindi in linea teorica una gestione privata, forse potrebbe migliore la situazione, in realtà , la gestione sarebbe sempre in mano ai soliti gruppi soliti nomi soliti maiali....e quindi non cambierebbe niente o al massimo si potrebbe peggiorare...

si insomma la palude del sistema italico mi fa proprio schifo

ma qui sto andando OT come al solito...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Sono tutti bravi a fare i gay con il culo degli altri.[/quote]

Come dice il SAVOOONESE . . . sono tutti BULICCI . . . siii colculodeglialtri !!!!

Questo lo quoto . . . ma se ci sono GROSSI interessi economici in mezzo . . . . purtroppo il culo diventa il nostro :(

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vediamo di dare altri spunti di discussione anche se vedo con piacere che di argomenti interessanti ne sono gia venuti fuori.
Due pareri autorevoli uno pro e uno contro il nucleare,a tutti noi le valutazioni in merito.

Pro:
[url]http://www.youtube.com/watch?v=NkbknbguWbc[/url]

Contro:
[url]http://www.youtube.com/watch?v=SIW25Q_08SA[/url]


Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]livingstone ha scritto:

Favorevole al nucleare.

Senza se e senza ma.
[/quote]
Franco, invidio le tue certezze! anch'io sono favorevole, pur con tanti se e tanti ma...

secondo me, l'attuale critica situazione energetica è il risultato della mancata ricerca negli ultimi decenni, in quanto la "convenienza" del petrolio ha scoraggiato le fonti alternative.

Penso che non sia fattibile una inversione di rotta nel breve-medio periodo, le fonti rinnovabili non riescono a coprire il fabbisogno e l'unica tecnologia disponibile da subito è quella nucleare, con tutti gli incubi che evoca...



Share this post


Link to post
Share on other sites
io sono per il nucleare.anche perchè nn vedo alternative.
mi spiego meglio.io faccio architetto e giustamente come detto da qualcuno con sistemi come geotermico e fotovoltaico e un attenta progettazione si arriva ad avere case che addirittura producono energia.però il problema è per altri settori tipo industriale dove vi sono ben altri consumi.
parlando con un ingegnere termotecnico mi diceva che cmq nelle più rosee aspettative con energie pulite come solare,eolico,ecc si arriva a ripondere al 30%del fabbisogno.c'è poco da fare il nucleare per adesso è necessario.lo vedo come un ponte tra combustibili fossili e energie pulite per il futuro.però devono ancora svilupparsi.
però fare tipo referendum ora dopo fukushima (ricordo terremoto e tsumani nn proprio eventi che si vedono ogni giorno) la maggior parte vota per sentimento, sull'onda dell'emozione.
cmq il discorso energetico dovrebbe essere affrontato come europa.è inutile ragionare come paesi staccati.
spero di essermi spiegato
ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]non sono pienamente d'accordo sulla sicurezza della nuova generazione di centrali...nel senso quando è stata costruita fukushima l'hanno fatta al TOP della sicurezza di quel tempo e che per il modo di pensare era improbabile che potesse capitare una catastrofe..
e se la costruissimo adesso con le nuove tecnologie è così sicura da sembrare improbabile...però anche l'1% di errore in questo caso non è ammissibile..

il problema è che era anche improbabile una combo terremoto e tsunami come in giappone....il problema è che la natura è improbabile e imprevedibile ed è lei che comanda!e la verità  è che il nucleare non lo si riesce a controllare se impazzisce..
i gestori della centrale giapponese hanno detto che tra 9 mesi la catastrofe sarà  risolta....in realtà  vuol dire che tra 9 mesi smetteranno di buttare acqua contaminata in mare...tra migliaia di anni sarà  risolta....mi sembra netta la differenza...mi sembra chiaro il danno ambientale irreparabile che succederà  in quel mare, mi sembra chiaro che la cosa non è ristretta solo in quella zona visto che c'è il mare....io penso che a volte la gente stia pensando:beh è successo la a nooi è andata bene...è andata bene un.... un disastro ecologico simile influirà  pesantemente per tutto il mondo..qui non si scherza..il problema del nucleare non è la bomba che scoppia e ammazza 10000persone subitoquello vi posso anche dire pazienza poverini(esagerando ovviamente), il problema è l'ecosistema irrimediabilmente compromesso e le radiazioni che produrranno danni per secoli!
pensate solo ai nostri soldati in Kossovo..che per aver sparato proiettili all'uranio impoverito, a distanza di quasi 20 anni stanno morendo in grande percentuale di leucemia....questi poveri, sono tornati a casa sani e salvi dalla missione di guerra, poi in realtà  hanno scoperto che non è così...

tra l'altro noi l'uranio lo dovremmo comprare lo stesso...e le miniere di uranio sono garantite per meno di un secolo.....

concordo anche sul fatto che i pannelli solari non vanno da nessuna parte....tra 20 anni, dovranno essere sostituiti perchè l'efficienza è troppo bassa e smaltire quei pannelli è peggio dell'amianto, ma questo non lo dicono..
forse l'eolico può andare bene e l'idroelettrico da rivalutare e modernizzare..
ovviamente mi unisco a chi dice che non è pensabile di rimodernare in un colpo tutte le case, per quanto poi è un vero investimento diminuire la dissipazione di calore e il resto, siamo in un periodo dove arrivare a fine mese per molti è difficile, non è possibile imporre spese di 20 30mila euro per rimodernare casa...

per quanto riguarda l'acqua, quello è un altro problema da pizza e spaghetti..perchè il 70% della acqua viene sprecata nella rete, contro il 15 20% dell'inghilterra ad esempio...quindi in linea teorica una gestione privata, forse potrebbe migliore la situazione, in realtà , la gestione sarebbe sempre in mano ai soliti gruppi soliti nomi soliti maiali....e quindi non cambierebbe niente o al massimo si potrebbe peggiorare...

si insomma la palude del sistema italico mi fa proprio schifo[/quote]

sono d'accordo dalla prima all'ultima parola..

vedere il nucleare come una soluzione immediata secondo me è sbagliato: anche se iniziassero a costruire le centrali oggi pomeriggio sarebbero pronte tra anni....e l'uranio si esaurirà  e ne aumenterà  il costo...e pagheremo chissà  quanti milioni di euro per "smaltire" le scorie....e tra 50 anni le centrali saranno vecchie e obsolete...

il nucleare non è una soluzione. alla crescente richiesta di energia difficilmente la razza umana non troverà  una soluzione. in linea teorica solo l'energia rinnovabile e pulita può essere una soluzione ma visti i consumi odierni probabilmente è troppo tardi..

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]ab62 ha scritto:

[quote]livingstone ha scritto:

Favorevole al nucleare.

Senza se e senza ma.
[/quote]
Franco, invidio le tue certezze! anch'io sono favorevole, pur con tanti se e tanti ma...

secondo me, l'attuale critica situazione energetica è il risultato della mancata ricerca negli ultimi decenni, in quanto la "convenienza" del petrolio ha scoraggiato le fonti alternative.

Penso che non sia fattibile una inversione di rotta nel breve-medio periodo, le fonti rinnovabili non riescono a coprire il fabbisogno e l'unica tecnologia disponibile da subito è quella nucleare, con tutti gli incubi che evoca...




[/quote]

Guarda Alberto, la base della convinzione è molto semplice.

1) La rinuncia al nucleare unilaterale è perfettamente inutile e ipocrita. L'energia italiana è attualmente prodotta per il 20% da centrali nucleari. Il fatto che siano intorno ai nostri confini vuol dire che il rischio non è scongiurato e che l'energia costa di più.

2) L'unica alternativa oggi al nucleare è il petrolio. Vogliamo parlare di morti dirette e indirette, ingerenze politiche, disastri ambientali ecc, causati dalla "morte nera"?

3) Chi mi dice che la rinuncia oggi al nucleare sarà  di stimolo alla ricerca mi sa che vive in un paese diverso da quello nel quale vivo io. E il resto potete aggiungerlo voi, magari spiegandomi perchè in questi primi trenta anni di rinuncia ciò non sia avvenuto.

4) se l'alternativa è lo sperpero di stato di ingenti capitali per sovvenzionare progetti fallimentari quali pannelli fotovoltaici e energia eolica e in pratica favorire il monopolio di mafie e furbetti del quartierino e riversarne gli oneri sul nostro debito pubblico, allora dico no grazie.

Senza se e senza ma.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alla fine gli ultimi avvenimenti sembrerebbero disinnescare il referendum...ricordiamoci però che ci sono altri tre quesiti importantissimi sui quali deve assolutamente essere raggiunto il quorum.

-2 quesiti sul legittimo impedimento
-privatizzazione dell'acqua

Se qualcuno dovesse esprimere giudizi sui quesiti ricordiamoci del consiglio dei moderatori.
Io vado a votare sicuro.........per me abroghiamo tutto.
senza se e senza ma (cit.)

Share this post


Link to post
Share on other sites
il referendum + importante è quello sul legittimo impedimento e ovviamente nessuno ne parla :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
mi sembra di ricordare che siamo in italia..........ittalia oh dolce italia in italia è già  primavera!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sono passati 24 anni da quando insieme a tanti altri ho detto di no per la prima volta al nucleare in Italia,francamente non vedo altri motivi che mi possano far ritornare indietro a rinnegare quella scelta,quindi ancora una volta il 12 o il 13 giugno priossimi,un no grosso come una casa alle nuove disgraziate voglie di nucleare,anche se per dirlo bisogna ancora una volta votare si.
Oltre ai motivi di fondo di cui si è già  dibattuto per contrastare ancora una volta l'opzione nucleare,sottolineo anche la mancanza di rispetto nei confronti di una scelta che fu fatta dal popolo italiano 24 anni fa(non un secolo),pur motivandola con le mutate situazioni contingenti,sarebbe come rimettere in discussione la legge sul divorzio,alla luce del fatto che ormai si sposano in pochi e la maggioranza delle coppie decide per la convivenza.
Sarà  anche utopico per molti,ma cominciare anche a ripensare al nostro modello di consumo e quindi di produzione energetica,penso sia un'opzione che non possiamo permetterci ancora per molto di procrastinare.
Concordo pienamente con chi mi ha preceduto,nel dire che altrettanta importanza rivestono anche gli altri due quesiti referendari,sono in gioco concetti basilari di giustizia e civiltà  che non possiamo farci sottrarre.
No al nucleare
Si all'acqua pubblica
Giustizia uguale per tutti
sono tre principi a cui non ci possiamo sottrarre dal dare una risposta concreta il 12 ed il 13 giugno prossimi.
ciao a tutti mario

Share this post


Link to post
Share on other sites
anche io sono assolutamnte contro il nucleare e davvero l'energia solare puà³ davvero essere una buonissima fonte per il nostro paese. Ci sono un sacco di paesi nordici che investono in progetti mirati all'uso del fotovoltaico in Italia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
anche io sono contrario alla costruzione di nuove centrali nucleari, credo che dovremmo, o almeno i nostri politici, dovrebbero impare dall'esperienza del passato. anche da quella piu' recente, insomma non si puo' mai prevedere una catastro naturale , quindi e# meglio prevenire non costruendo centrali che potranno un domani mettere a repentaglio la vita dei nostri bambini. Al contrario bisonga investire sulle energie alternative che ci sono e cercare di sprecare meno energia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Contrario anch'io al nucleare.
Due motivi su tutti.

La gestione dei rifiuti. Nessuno al mondo ha un sito di stoccaggio definitivo e sa precisamente cosa fare di rifiuti pericolosi e che saranno pericolosi per secoli a venire. Mi sembra incoscente produrre potenziali pericoli che ad oggi nessuno sa come gestire.

Seconda questione il caso Italia. Noi siamo quelli che con un mezzo terremoto vediamo crollare una città  (l'Aquila) perchè fatta con sabbia e materiali scadenti. Siamo quelli della tav che costa al km il triplo che gli altri. Siamo quelli di mafia, camorra e mazzette varie nelle commesse pubbliche. Abbiamo la responsabilità  e le capacità  per gestire un qualcosa di così pericoloso? Secondo me no, siamo dei "bambini" e di solito i primi a scottarsi con il fuoco sono appunto i bambini.

Share this post


Link to post
Share on other sites
allo stato attuale il fotovoltaico non è "La soluzione" è conveniente soltanto perchè lo stato ci mette gli incentivi dietro, ma da dove vengono gli incentivi? chi li paga? ovviamente noi quindi ne segue che tale fonte energetica non è conveniente.

sul referendum dell'acqua sinceramente non so cosa pensare, molti paesi Eu che hanno privatizzato stanno tornando indietro, mentre noi arriviamo adesso, sicuramente il privato e più efficente dello stato però si corre il rischio, come già  accennato da qualcuno, che si crei un monopolio di gestione dell'acqua che di fatto aumenterebbe i costi e non aumenterebbe il livello di servizio, come fatto notare da qualcuno i nostri qcuedotti fanno acqua da tutte le parti

Per il legittimo impedimento..non mi pronuncio credo che sia più un fatto politico che altro

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io sarò a favorissimo del nucleare. Continuiamo a dire no, e l'unica cosa che davvero ciò comporta è dover comperare dalla francia o svizzera l'energia, perchè tanto se succede qualcosa di brutto ci siamo dentro lo stesso fino al collo. Faccio solo una domanda a proposito: tutti a dire no al nucleare, inquina, è pericoloso...vi domando, quanti di voi sano davvero (e sottolineo SANNO DAVVERO) come funziona una centrale nucleare e cosa sia energia nucleare? Ve lo chiedo perchè, generalizzando parecchio, si tende sempre e quotidianamente a giudicare e sentenziare su cose che poi di fatto non si sa nemmeno (davvero) di cosa si stia parlando. Non è colpa di nessuno eh, non sentitevi offesi, è proprio la nostra società  che è così. O almeno questa è una mia costante impressione.
Just my 5 cents.
;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Trauma ha scritto:

Io sarò a favorissimo del nucleare. Continuiamo a dire no, e l'unica cosa che davvero ciò comporta è dover comperare dalla francia o svizzera l'energia, perchè tanto se succede qualcosa di brutto ci siamo dentro lo stesso fino al collo. Faccio solo una domanda a proposito: tutti a dire no al nucleare, inquina, è pericoloso...vi domando, quanti di voi sano davvero (e sottolineo SANNO DAVVERO) come funziona una centrale nucleare e cosa sia energia nucleare? Ve lo chiedo perchè, generalizzando parecchio, si tende sempre e quotidianamente a giudicare e sentenziare su cose che poi di fatto non si sa nemmeno (davvero) di cosa si stia parlando. Non è colpa di nessuno eh, non sentitevi offesi, è proprio la nostra società  che è così. O almeno questa è una mia costante impressione.
Just my 5 cents.
;)
[/quote]

Io non sono un ingeniere, lo ammetto.
Trovamene uno però, serio e non pagato dalla lobby di turno, che sappia imbastire un discorso serio per lo stoccaggio (o trattamento) definitivo delle scorie.
Convicimi su questo e cambio volentieri idea.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non posso convincerti riguardo lo smaltimento delle scorie e materiali di scarto. Questo è un dato di fatto ed è un reale problema della questione nucleare si o nucleare no. Il mi discorso precedente era riferito più che altro alla pericolosità  degli impianti stessi.
Ma anche relativamente alle scorie posso dirti come la penso, se vuoi. Non trovo, personalmente, questo problema così rilevante e discriminante nei confronti del nucleare rispetto a tutto ciò che ormai siamo abituati a considerare quotidiano e normale e che, comunque, inquina e danneggia anche più di quanto non siamo mai disposti ad ammettere. Non entro nel banale parlando dell'inquinamento del petrolio e derivati, non ce n'è bisogno. Mi domando solo per quale motivo l'inquinamento delle scorie di una centrale nucleare diventi improvvisamente così importante, come mai relativamente a questo discorso siamo tutti così moralisti e amanti del mondo e della natura, quando ogni giorno, per più volte al giorno zuccheriamo una tazzina di caffè con un po di aspartame al posto dello zucchero. Sapete cos'è l'aspartame? quella cosa che si usa come dolcificante dietetico, avete idea di che roba sia? Sto già  andando a parlare di cose che sembrano non centrare niente, ma è solo un esempio stupido del fatto che ormai troppe volte siamo scesi a immorali compromessi (come genere umano) che considero poco rilevante, o comunque superabile, il "rimorso" delle scorie del nucleare nei confronti dei potenziali benefici che darebbe ad un paese. Soprattutto ad un paese come il nostro, circondato da decine di centrali estere, dalle quali, per di più, siamo costretti a comperare l'energia, perchè di fatto tutti i lati negativi del nucleare li abbiamo già , sono solo quelli positivi che ci mancano!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Trauma ha scritto:

Non posso convincerti riguardo lo smaltimento delle scorie e materiali di scarto. Questo è un dato di fatto ed è un reale problema della questione nucleare si o nucleare no. Il mi discorso precedente era riferito più che altro alla pericolosità  degli impianti stessi.
Ma anche relativamente alle scorie posso dirti come la penso, se vuoi. Non trovo, personalmente, questo problema così rilevante e discriminante nei confronti del nucleare rispetto a tutto ciò che ormai siamo abituati a considerare quotidiano e normale e che, comunque, inquina e danneggia anche più di quanto non siamo mai disposti ad ammettere. Non entro nel banale parlando dell'inquinamento del petrolio e derivati, non ce n'è bisogno. Mi domando solo per quale motivo l'inquinamento delle scorie di una centrale nucleare diventi improvvisamente così importante, come mai relativamente a questo discorso siamo tutti così moralisti e amanti del mondo e della natura, quando ogni giorno, per più volte al giorno zuccheriamo una tazzina di caffè con un po di aspartame al posto dello zucchero. Sapete cos'è l'aspartame? quella cosa che si usa come dolcificante dietetico, avete idea di che roba sia? Sto già  andando a parlare di cose che sembrano non centrare niente, ma è solo un esempio stupido del fatto che ormai troppe volte siamo scesi a immorali compromessi (come genere umano) che considero poco rilevante, o comunque superabile, il "rimorso" delle scorie del nucleare nei confronti dei potenziali benefici che darebbe ad un paese. Soprattutto ad un paese come il nostro, circondato da decine di centrali estere, dalle quali, per di più, siamo costretti a comperare l'energia, perchè di fatto tutti i lati negativi del nucleare li abbiamo già , sono solo quelli positivi che ci mancano!!

[/quote]

Pur apprezzando il tuo discorso, il punto è molto semplice.
Il nucleare crea rifiuti pericolossimi che non sappiamo trattare in nessun modo. Che durano millenni.
Ora, anche il peggio petrolio alla lunga viene riassorbito dalla natura, il radioattivo no (o si se ragioni in tanti millenni).
Quindi, ha senso creare altre fonti di rifiuti non trattabili ed estremamente pericolosi? Secondo me è uno scherzetto un po' eccessivo che lasciamo alle future generazioni..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sarei anche contrario al nucleare, perchè ritengo l'uomo una scimmia incapace di gestire simili complessità  senza farsi male, per eccesso di lucro o carenza di razionalità . Tutti gli incidenti nucleari di livello mondiale (tre in 60 anni: Three Miles Island, Chernobyl, Fukushima) hanno come base errori umani nel gestire l'ordinario o l'emergenza.

Ma dietro al movimento anti nucleare, insieme a tanti genuinamente contrari per ideale o per filosofia che apprezzo e rispetto, sono convinto che ci siano le ombre lunghe e generose del potere petrolifero, che in modo molto meno idealista e più pragmatico vede il nucleare come l'unica minaccia seria al monopolio energetico de facto, quello stesso che mantiene mezzo mondo destabilizzato in quello scontro che è null'altro che l'affrontarsi delle diverse lobby petrolifere mondiali, ognuna schierata da qualche parte, finanziate dai nostri pieni alle nostre belle auto. Decenni di conflitti, milioni di morti: ma il dibattito è sul nucleare!

La realtà , che nessuno ammetterà  mai, è che il no al nucleare non è un sì al rinnovabile, ma è un defilatissimo quanto sonoro SI al petrolio, alle guerre che finanzia direttamente od indirettamente, alla devastazione ambientale che causa ed ha causato negli ultimi decenni, all'inquinamento ed alle malattie che favorisce - ad oggi, non avessi altre scelte preferirei cento volte su cento vivere vicino ad una centrale nucleare che ad una raffineria.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Chris ha scritto:
La realtà , che nessuno ammetterà  mai, è che il no al nucleare non è un sì al rinnovabile, ma è un defilatissimo quanto sonoro SI al petrolio,
[/quote]
che poi è un dejà  vu datato 1987.

Share this post


Link to post
Share on other sites
contrario ho già  votato.
forse il nucleare è una energia sicura , ma NON in italia e non se fatte da ITALIANI.

guardiamoci negli occhi non riusciamo a gestire la spazzatura di napoli figuriamoci una centrale nucleare -.-

facciamo ridere i polli .:D:D:D:D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...