Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
TNT650R

TNT conquista il Belgio

Recommended Posts

I°Giorno Venerdì:
Eccoci di ritorno dal Belgio siamo stati via dal 10 al 13 dicembre....
Sono stati 4 giorni molto intensi! perché parlo al plurale? ovviamente perché al mio fianco c’era la mia morosona! (il viaggio è in realtà  il regalo per la sua laurea.. ehm ehm!).
Il ritiro del bagaglio da stiva a Bruxelles non è stato facilissimo comunque alle 10 eravamo pronti per partire, l'unico problema era la prenotazione dell'auto a noleggio, per le 11.30, ci siamo quindi recati a fare una tipica colazione belga, ottime patatine gusto paprika in una leffe bruine e una kerst......dopo aver iniziato con una colazione da campioni tutto ci è sembrato più facile!!
Preso possesso dell'auto, ci siamo diretti a Brugge. Il tragitto è durato un’oretta circa mentre la ricerca del parcheggio 20 minuti, intrappolati in un triangolo tracciato dal navigatore (d’oh!).
Brugge è una bellissima cittadina. Mentre si cammina per le sue viuzze, sorseggiando un bicchiere di cioccolata calda, sembra di essere in uno di quei paesini racchiusi in una palla di vetro che se agiti scende la neve..…tutta questa sensazione viene amplificata dalla magia dalle mille luci di Natale!
Lasciati i bagagli siamo andati subito a visitare il De Halve Maan un birrificio in pieno centro storico, visto che per la visita c'era da aspettare mezz'oretta abbiamo deciso di assaggiare la loro produzioni alla spina;
[img]http://img35.imageshack.us/img35/6791/dscn0251d.jpg[/img]
La Brugse zot, è una blond di un bel giallo carico non certo limpido con una schiuma bianca compatta e persistente, in bocca si fa apprezzare subito il malto che viene bilanciato con una luppolatura equilibrata. Ottenuta con più varietà  di luppoli in aroma non facilmente identificabili ma che compongono un bouquet molto ricco, nel finale si fanno apprezzare delle note citriche, dovute all'invecchiamento in botte (a quanto mi hanno spiegato), che rendono una birra di 6°abv molto beverina e ogni sorso ti invita a farne un altro fino a che il bicchiere rimane esanime…..
La Brugse zot dubbel 7,5°abv ha un colore mogano scuro e una schiuma marroncino chiaro bella e persistente, in bocca inizialmente prevalgono le note tostate che lasciano poi seguito a una fresca luppolatura di saaz ben distinta e, mentre scorre in bocca, fa capolino un bel amaro che ci prepara alla chiusura citrica analoga alla blond, più importante ma sempre non invasiva.
Bevendo queste birre in successione si sente che sono una sorella dell’altra ma indubbiamente ben distinguibili e da provare o riprovare..!
Finite le birre è iniziato il tour del birrificio, molto antico, in buono stato di conservazione e la guida era simpatica anche se dotata di uno spiccato humour inglese...e spesso non capivo cosa ci fosse da ridere;). Più della metà  del birrificio è dedicato esclusivamente alle visite e hanno perciò lasciato gli antichi arnesi, verso la fine della visita si va sul tetto, da dove si gode di una favolosa vista panoramica su tutta la stupenda cittadina!accompagnata dalle vampate di profumo e di vapore dovute alla cotta.
Finita la birra compresa nella tappa finale del tour, ci siamo lasciati coccolare dalle chocolaterìe (la mia morosa) e dai beershop(io), acquistati alcuni”souvenir” si era oramai fatta ora di cena e dopo aver guardato un po’ di menu esposti all’esterno di ogni locale del Belgio, ci siamo accorti che i piatti erano sempre gli stessi e i prezzi costanti tra i 13 e i 20 euro al piatto(stessi prezzi riscontrati anche nel pieno centro di Bruxelles e Oostende)...Alla fine abbiamo opltato per una carbonde flammade accompagnata da una Belle Vue gueuze e non ricordo cosa abbia preso la mia morosa...cmq una blond un po anonima, mentre la mia gueuze non era estremamente acida e quindi si è lasciata bere...
Usciti dal locale ci siamo accorti che se Brugge può sembrare un paesino surreale con la luce, al buio si trasforma in una vera e propria favola!Mentre si cammina ti sembra davvero di sognare!
[img]http://img690.imageshack.us/img690/8615/dscn0324z.jpg[/img]
[img]http://img46.imageshack.us/img46/5337/dscn0332a.jpg[/img]
Brugge by night
Finito il giretto nel centro tutto illuminato a festa e con tutte le bancarelle che vendevano schifezze ottime e vin brulè, siamo tornati in hotel stanchi dalla levataccia delle 4.30..






II giorno Sabato
Questo nel programma era il giorno indubbiamente più impegnativo, alle 16 avevo un appuntamento tutto particolare…
Abbiamo lasciato Brugge e ci siamo diretti verso Oostende per vedere le Mer Du Nord. Dopo aver fatto delle foto in spiaggia, siamo andati a mangiare del pesce in una birreria, accompagnato da una triple karmeliet e da una corsedonk blond oltre che da una Den Haene Kriek, quest’ultima mi ha confermato che non mi piacciono le birre alla frutta…..
Ci siamo poi diretti verso il De Dolle a Hesen, ma quando siamo arrivati erano le 15.30. abbiamo perciò dovuti demordere dal bere in loco e optato per l’acquisto di souvenir…disponibili avevano solo la Oerbier e la Arabier e ne abbiamo prese 3 e 3.
[img]http://img513.imageshack.us/img513/4486/dscn0413d.jpg[/img]
la cantina del De Dolle
Poi ci siamo rimessi in auto e il navigatore ci diceva che al prossimo itinerario ci saremmo arrivati alle 16.20….e per noi questo non era accettabile
!E’ si, perché l’appuntamento alle 16.00 come forse avrete capito era con il leggendario convento Saint Sixtus di Westvleteren e se fossimo arrivati dopo le 16.15 non ci avrebbero consegnato le 2 casse di Westvleteren 8 che, con non poca fatica, ero riuscito a prenotare.
Io e la mia morosa ci siamo perciò trasformati rispettivamente in pilota e navigatore ed è iniziato un rally infuocato per la campagna belga, per caso, tra l’altro, il tom tom era impostato sulla strada piu corta e non piu veloce, quindi continuava a farci fare scorciatoie!!!e fidatevi che divorare stradine di campagna a una corsia sporche di fango a 90-100km/h non è una cosa così facile…!
Alla fine siamo arrivati davanti all’abbazia alle 15.58!!!!
Entriamo dentro il cancello della rivendita trappista e un ragazzo ci aspetta con le nostre casse sul carrello, pronte a caricarcele, però al momento della verifica della targa dell’auto mi mostra che sulla sua lista non ci sono prenotazioni con quella targa (per chi non lo sapesse, per prenotare la birra di questo monastero bisogna telefonare e indicare il numero di targa) .
Io sorrido, infilo la mano nello zaino e…..
….Tiro fuori la targa della mia auto che avevo smontato prima di partire!
Inizialmente mi guarda perplesso io allora gli spiego che siamo venuti in aereo e che l’auto era a noleggio e quindi al momento della prenotazione della cassa non avrei potuto indicare la targa del veicolo con cui sarei arrivato, ma ho usato quella della mia auto, lui controlla sulla lista di avere la prenotazione per la targa che ho in mano, poi ridendo mi dice che non gli era mai capitata una cosa simile da quando lavora lì, quindi decide di caricarmi così le birre sull’auto!!!
TNT WIN!!!
[img]http://img263.imageshack.us/img263/3017/dscn0420ax.jpg[/img]
Io con la cassa in mano e la targa della mia auto(oscurata) sopra.
Fatte le foto di rito con le casse, ci siamo recati all’ “in de Vrede” che è l’unica rivendita autorizzata ad avere le birre trappiste di Wv e si trova di fronte all’abbazia.
Abbiamo iniziato con la Westvleteren blond, proseguito con la 8 e terminato ovviamente con la 12!
Beh non ve le voglio descrivere per lasciare la sorpresa, positiva o negativa che sia, a chi potrà  assaggiarle e anche per lasciare un velo di leggenda su queste birre…vi faccio una breve classifica, forse banale, comunque la migliore è senza dubbio la 12, seguita a ruota dalla 8 che di certo non sfigura e infine la blond un po’distaccata e forse quella meno rappresentativa.
[img]http://img810.imageshack.us/img810/8678/dscn0436q.jpg[/img]
Io davanti alle coppe della mitica Wv12!
Una cosa che non sapevo è che allo shop del locale è possibile acquistare una scatola da 6 di blond oppure la scatola di degustazione con 1 bottiglia per ogni tipo.
Poi per asciugare un po’ abbiamo guardato il menu e c’erano la croque de monsieur, la croque de madame e la mitica “Croque in de vrede”quindi pensando sia qualcosa di straordinario…l’abbiamo ordinata, salvo poi scoprire che è un normalissimo toast prosciutto e formaggio………bah!
Mentre noi ci gustavamo le birre al tavolo a fianco al nostro c’era una coppia di 80 o 90enni completamente ubriachi e a un certo punto si sono messi a inveire contro di noi e indicando i nostri piedi…...e in modo molto sgarbato continuavano a urlare in fiammingo qualcosa di incomprensibile….dopo 15minuti di show abbiamo capito che stavano cercando gli occhiali e dopo altri 5 minuti di urla il vecchio si è accorto che li aveva fatti cadere dall’altra parte del loro tavolo e non verso di noi…..alla faccia dell ”in the Vrede”,
Ci siamo poi rimessi in marcia verso Bruxelles che era oramai buio pesto, abbiamo però fatto tappa al famoso minimarket di Popperinge il NOEL CUVELIER, dove effettivamente i prezzi delle birre sono davvero bassi, e la scelta è imbarazzante, soprattutto considerando di essere in un minimarket disperso in mezzo ai campi, da far sbiancare la maggior parte dei beer shop nostrani…mi ha anche colpito il fatto di vedere i clienti di varie età  che escono con le loro casse piene di birre ricercate e a fianco la spesa..qui abbiamo acquistato un po’di bottigliette da 33 e un pacchetto di patatine alla cipolla(squisite)… siamo poi ripartiti verso bruxelles, ci abbiamo messo circa un’ora, dopo l’uscita dall’autostrada inizia la coda, al che penso ecco siamo arrivati in una schifosa grande città  trafficata, poi però vedo dei lampeggianti, al che penso poveretti qualcuno ha fatto un incidente, in lontananza però si vedevano due camionette che bloccavano le corsie esterne e convogliavano le auto in un'unica corsia, alzando poi lo sguardo leggiamo la tanto odiata scritta che non ha bisogno di traduzioni:
ALCOL TEST
Panico a bordo del veicolo, 2 cicche sparate subito in bocca e iperventilazione…..i peggiori pensieri mi assalivano, mi avrebbero trovato probabilmente oltre i limiti e con circa 30 liti di birra a bordo del veicolo, vagli a spiegare che sono una formichina laboriosa e sto facendo le provviste per il freddo e lungo inverno……attraverso il varco delle camionette e mi accorgo che ne fermavano 1 su 3, io per fortuna sono terzo....non sono mai stato così contento di arrivare ultimo!!!
Scampata anche questa siamo riusciti ad arrivare all’hotel verso le 20, anche qui abbiamo girato per un’oretta prima di trovare parcheggio infine siamo entrati in uno coperto, che ricordava molto quelli di GTA, scendo e c’è un magrebino non proprio raccomandabile come custode, nessun pregiudizio, però diciamo che non prometteva nulla di buono... comunque provo a parlare, non capisce l’inglese, e mi fa capire che vuole 1 €/h io rispondo che non è possibile perché devo lasciarla per 2 giorni... nel frattempo arriva un magnaccio con una “donnina”in minigonna girovagina pelliccia e tacco 30, il custode si rivolge a lui in arabo e poi questo con tono cattivo e alto mi dice in inglese:
Qual è il tuo problema?
Io tiro fuori il peggio di me e gli dico fermo e incazzato:
“Non c’è nessun fottuto problema!”
Al che lui si scusa mi sorride e iniziamo la trattativa..alla fine ci siamo accordati per 10 euro al giorno....va bene...parcheggio scarico l’auto e mi dirigo all’hotel sperando di ritrovare la ford fiesta del 2010 e non quella del 1990 al mio ritorno.
Entriamo in hotel e il ragazzo alla reception dopo averci registrato e dato le chiavi, si accorge delle casse di birre e mi fa scherzosamente:
“Signori Vi devo chiamare un ambulanza?”
Mettiamo giù le valige, sciacquata veloce e andiamo a fare un giro della città . Incredibilmente al sabato sera alle 11 il centro di Bruxelles era piuttosto vuoto e i locali quasi tutti chiusi, l’unico negozio per mangiare ancora aperto era lo schifezzaro dietro alla Borsa, abbiamo preso un panino e non abbiamo capito perché, ma, prima di darcelo ci ha messo sopra le patatine....sai paese che vai...sarà  un modo per non inquinare con il cartoccio di patatine...
Poi abbiamo girato un po’ in cerca di locali aperti ma non ne abbiamo trovati, l’unico era la Taverne Bruxelloise in grand place locale storico davvero bello, vale la pena fermarsi per una birra!noi ci siamo bevuti 2 Orval, che ci hanno positivamente stupito, il sapore del dry hopping era più “fresco”rispetto a quelle bevute in Italia.
Per quanto possa essere bello il locale, l’atmosfera è un po’ troppo “seria” e allora finita la birra siamo usciti a fare un giretto per il centro ma la città  era oramai quasi del tutto dormiente e oltre tutto la pioggia incalzava e ci siamo così diretti in hotel, senza però nascondere un po di amaro in bocca....non dovuto al luppolo ma più che altro alla delusione, si insomma di primo pelo Bruxelles non ci è piaciuta.

III giorno domenica:
Dopo aver fatto un abbondante colazione ci dirigiamo ancora in centro, la mia morosa voleva vedere la mostra di Magritte e io che sono troppo buono l’ho accontentata, devo ammettere però che il vecchio Renè era davvero in gamba, ne è valsa la pena, l’unica cosa che mancava alla mostra era la birra!
Usciti dalla mostra abbiamo preso il tour bus, è molto carino e consigliato costa 15 euro per gli adulti e 10 euro per i bambini, l‘autista deve aver pensato che la mia morosa fosse una bambina ed io un pedofilo e ci ha fatto un totale di 25 euro..boh...meglio così!
Praticamente il pulman ferma nei posti principali sia del centro che fuori (es.l’atomium) e uno può scendere per visitarli e risalire su di un altro convenzionato, il biglietto è valido per 24 h e include anche degli auricolari da attaccare al sedile che spiegano un po la storia del belgio e di bruxelles, e dei vari punti di interessi. Questo è un modo semplice e tutto sommato poco dispendioso per poter vedere tutte le cose più importanti della capitale in giornata senza impazzire con metrò e tram.
Finito il tour siamo andati a passeggiare per il centro città .
[img]http://img708.imageshack.us/img708/3761/dscn0505c.jpg[/img]
[img]http://img20.imageshack.us/img20/5724/dscn0507e.jpg[/img]
La Grand Place
“””””””Sfortuna””””””” vuole(era pomeriggio inoltrato e non avevo ancora bevuto un goccino di birra….) che si è messo a piovere e ci siamo infilati a bere a Les Brasseur de la Grand Place anche in questo caso il locale merita davvero di una sosta per il pieno!!
Qui abbiamo fatto la degustazione delle loro birre con il pallet grande, beh direi birre abbastanza inutili e soprattutto invece della blonde ci hanno dato una lager…ok che era bionda però…l’unica degna di nota ma neanche troppo era la triple. Abbiamo ordinato la carbonade e le cozze alla birra…questa volta la carne non sapeva di manzotin come la prima volta ma era anzi davvero buona e anche le cozze non erano male, sicuramente fresche. Finita la cena siamo usciti e sull’edificio principale della Grand Place hanno proiettato un filmato natalizio riempiendo tutta la piazza di musica e colore è stata una cosa davvero speciale, sembrava un sogno allucinogeno con tutti gli edifici colorati!Davvero emozionante!
Poi ci siamo recati alla Mort Subit, locale antico e caratteristico molto spartano, impressionanti sono i tavoli e le sedie in legno che devono essere quelle delle origini del locale, ricordano quelle che aveva mia nonna nella casa in campagna quando ero piccolino e già  mio padre mi diceva che erano vecchie quando era piccolo lui!!avete presente quelle sedie tutte in legno che quando ci si siede scricchiolano tutte e sembra che si debbano rompere da un momento all’altro?esattamente quelle!!!
Visto che siamo a natale ci siamo fatti corrompere dalle proposte natalizie del menu, la bush noel e l’affligem che però ci hanno portato la patersvat e non quella di natale. Poi per togliermi l’etichetta del commercialotto..ho deciso di prendere la Gueze della casa…e capire così che è inutile, non diventerò mai un cultore del genere……troppo acida dannazione!!!la bevi e ti lega tutta la lingua, tutte le papille gustative rientrano dentro la lingua e non vogliono saperne di uscire e mentre cerchi di mandarla giù, anche la gola tenta di chiudersi per non far passare nulla…sono birre da vero intenditore e d’io sono fiero di ammettere di essere un semplice bevitore e da qui non voglio neanche evolvermi!!!!Ogni sorso era un supplizio, passato questo la lingua iniziava ad inaridirsi e così tutto il palato così che d’istinto prendi il bicchiere e lo porti alla bocca, MA appena i fumi corrosivi ti giungono al naso ti ricordi che se ti ritrovi una duna del Sahara al posto della lingua, è colpa proprio dall’ultimo sorso di quel liquido e il cervello cerca di vietare di andare avanti……..L’ho finita di forza e abbiamo poi deciso di cambiare locale, anche in questo locale per quanto fosse strapieno, non c’era poi tutta sta gran vita…ma in effetti il nome non lascia molte speranze!
Ci siamo quindi diretti al Delirium Cafè, che è molto vicino a la Mort Subit praticamente si rientra in galleria si esce a metà  e il primo viottolo a destra se non sbaglio c’è il Delirium, tra l’altro in fondo al viottolo c’è anche la statua della bambina che piscia però questa non ha attirato le simpatie dei bruxellesi come il bimbo di makken pis...
Entriamo nel locale e purtroppo ci accorgiamo che è un locale di fumatori…. non demordiamo e ci sediamo nella saletta in fondo dove il numero di fumatori minore..chiediamo il menu a dei ragazzi vicini(i camerieri non ti filano, bisogna arrangiarsi..) ma sfogliandolo rimango un po perplesso perché non vi è traccia delle 2004 birre del guinness ma solo di una 20ina circa, poi ho capito che il menu era quello delle spine!!!!!!!Comunque ci facciamo attrarre dalla nuovissima stout della Dupont, il menu riporta che quelli della Dupont hanno ritrovato tra le ricette antichissime quella di una birra nera, va beh..crediamoci……. cmq la birra ha un bel colore nero e una schiuma pannosa nocciola chiaro al naso un forte profumo di caffè che viene poi riconfermato anche in bocca, quasi da pensare più a una porter salvo che poi mentre scivola in bocca si trasforma diventando più corposa con un bel finale amaro. Davvero una birra interessante la gradazione alcolica è di 4,8°pero non sono sicuro dei decimali..cmq le birre sono state accompagnate da uno sketch davvero comico tra un gruppo di ragazzi giapponesi aspiranti reporter e uno di spagnoli aspiranti V.I.P.
Mentre loro si divertivano così noi abbiamo preso un'altra Dupont monk’s stout e intanto ho trovato la vera carta o meglio “rivista” delle birre quella con tutte le 2004, dopo averla sfogliata tutta ho visto che avevano la stout del De Dolle che non ero riuscito a prendere nel birrificio, allora vado nel locale al piano interrato(al piano terra hanno birre alla spine al -1 invece le bottiglie) e chiedo la birra che però è finita e mi propone perciò la Hercule stout del birrificio ellezelloise. E io accetto, devo dire che è stata una bella scoperta, ancora meglio della Dupont, è un imperial stout o forse una stout belga. visti i 9%abv una birra molto ordinata e l’alcol è magistralmente nascosto da farla sembrare beverina, anche se quando si arriva a metà  bicchiere si comprende il motivo del nome, da quel momento in avanti infatti si realizza che questa birra ha il corpo e l’alcol di Hercule!!!infatti sconfiggere il figlio illegittimo di Zeus non è cosa da tutti….ma io sono celtico e i greci me li bevo a colazione quindi sconfitta la prima abbiamo optato per un bis!
Poi ci siamo ritirati a vita privata. Molto più felici rispetto la sera prima e una rivalutazione di molto positiva della città !

IV giorno lunedì
Mi sono svegliato un po’presto con tanto di insulti della mia morosa e mi sono messo a impacchettare le birre una ad una per spedirle, rinforzare il pacco etc etc..poi siamo andati dallo spedizioniere e infine all’aeroporto a consegnare l’auto entro le 11.30, abbiamo felicemente scoperto che ci sono 30 minuti di tolleranza…davvero, davvero utili!Poi abbiamo preso il treno e siamo tornati in centro per dare l’ultimo saluto alla Grand Place. volevamo concludere la vacanza al Poechenellekelder allora ci siamo diretti alla fontana del bimbetto piscione, facendo però sosta per una pita greca“da passeggio”, la versione greca del kebab, ma sicuramente piu buona meno pesante meno speziata e meno grassa.
Il bimbo questa volta sfoggiava uno dei suoi abiti caratteristici, molto simpatico.
[img]http://img207.imageshack.us/img207/4046/dscn0518c.jpg[/img]
Il bimbetto che piscione vestito da turco...credo..
Giriamo lo sguardo e ci accorgiamo che il locale era chiuso…allora ripieghiamo su quello che c’è di fronte che si chiama Brasserie Makken Pis (che fantasia..)e ci siamo bevuti una maredsous bruin alla spina mentre la mia lei ha preso la winter de koninck e sapete cosa ricorda quest’ultima???la mitica sumera di Phate!!non so se abbiano usato come il buon phate il ciglio della quaglia spettinata nata sull’himalaya dal monastero di monaci buddisti e vissuta sulle pianure della kamchatka e deceduta tragicamente a maranello assorbita dal motore della Ferrari di Schumacher…però la speziatura ricordava molto la birra del nostro phate, la de koninck aveva un pelo meno corpo.
Vista l’ora poi ci siamo diretti in aeroporto e prima di imbarcare la valigia piena di birre l’abbiamo pesata perché sforare di qualche kg significa pagare una follia…e noi…eravamo fuori di 3 kg..(che con Easyjet corrispondono circa a 60euro..)allora visto che c’era tempo abbiamo tirato fuori 1 bottiglia di duchesse de bourgogne(pagata 4 euro)da 75 e la Den Haene trammelantje oltre a 2 wv8…un po’ un peccato bere quelle birre di fretta in meno di un ora…però l’alternativa era buttarle nel cestino…e questo non si fa….cmq dopo averle finite siamo andati ai metal detector, io metto giu la valigia e la giacca nel cesto per passare allo scanner e passo tranquillamente, peccato che avevo dimenticato cellulare e portafoglio…..puntualmente il rilevatore suona, poi passa la mia valigia e il tipo allo scanner si agita e chiama di corsa il suo amico, manco ci fosse una bomba…questo va a vedere e mi fa:
“Hai del formaggio in valigia?”
A quel punto mi sono chiesto se quello ubriaco ero io o lui….cmq gli dico di si…e lui:
“E’ molle o duro?”
Alla fine apre la borsa e mi dice:
“No, è molle non te lo faccio passare perché per noi è equivalente a un liquido!
…ma era tipo brie…e sto microcefalo lo butta via…ma si può?almeno mangiatelo!!!che cretino…cmq il formaggio bomba era quello di westvleteren…puzzava di piedi di monaco da fare schifo era 3 giorni che avevo quella puzza sotto il naso…e quel microcefalo me lo ha buttato!!!ma si può?????
Va beh, cmq questo teatrino ci ha fatto perdere non poco tempo e rischiavamo di perdere l’aereo, abbiamo perciò dovuto fare una bella corsetta per riuscire a salire.
Finalmente imbarcati siamo arrivati a malpensa, andiamo a ritirare la valigia ma ci accorgiamo che stava sanguinando………………………………………quei macellai di addetti al carico scarico l’avranno lanciata… per fortuna giunti a casa ho visto che solo una non ce l’ha fatta…le altre bimbe erano sane e salve, poteva andare peggio…
Dopo tre giorni invece mi è stato recapitato il pacco con tutto il magico contenuto perfettamente intatto…
That’s all folks!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest sc.1976
ci sono stato a novembre per lavoro a bruges e oostende......

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Io sorrido, infilo la mano nello zaino e…..
….Tiro fuori la targa della mia auto che avevo smontato prima di partire![/quote]

TNT sei un mito!!!

ottimo resoconto :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bel report, invidia per il bel viaggio!
La scena della targa vale da sola la lettura! [:255]

Share this post


Link to post
Share on other sites
[:81][:245][:81][:245]

Grandissimi tu e la morosa...Quoto Ab62 e Source per quel che riguarda la targa,solo una mente folle come la tua poteva arrivare a tanto...:D
Complimenti per il report bellissimo si vede che è passato tra le mani della Dott.ssa.;)

P.s Hai voglia a mangiar cicche e iperventilare....se ti fermavano ci facevi un report un pò più lungo ho idea..:D:D
P.p.s Riguardo all'ingrediente di Phate :"se abbiano usato come il buon phate il ciglio della quaglia spettinata nata sull’himalaya dal monastero di monaci buddisti e vissuta sulle pianure della kamchatka e deceduta tragicamente a maranello assorbita dal motore della Ferrari di Schumacher"....il ciglio è quello dell'occhio sinistro....quello dell'occhio destro porta astringenza....è risaputo dai,qua mi deludi un pò....;):D:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si vede che è passato dalle mani della Dottoressa ma c'è sempre lo zampino d TNT:
[quote]...abbiamo perciò dovuti demordere...[/quote]
Comunque fantastica la scena della targa:D.
Ciao:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grande TNT! Viaggio spettacolare!
Complimenti per il resoconto!

...Easyjet there's no worst way to fly!

Share this post


Link to post
Share on other sites
bel report, grande TNT! [8D]

p.s. se al Mort Subite la geuze ti è sembrata una tortura, sei stato fortunato a non andare da Cantillon!:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ecco così ora finalmente tutti(anche quei pochi che non ne erano al corrente)sanno che non sei a posto con il cervello....:D:D:D

P.s in altra discussione dicevi che quando dicevo "io o qualsiasi altro pirla" avevi la netta sensazione che mi riferivo a te......Tnt.....ma dai......sai la stima incondizionata che nutro nei tuoi confronti....non mi permetterei MAI e poi MAI di darti del "qualsiasi",non scherziamo dai....[:261][:261][:261]
P.P.s Pensa se dovessimo andare a Bristol....altro che report...[:59][:59]

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]
la blond un po’distaccata e forse quella meno rappresentativa.
[/quote]

Miscredente!!
Penitenziagite!!! [:216]

Share this post


Link to post
Share on other sites
più lo rileggo e più mi convinco che al monastero di Saint Sixtus misureranno gli annali con "prima di TNT" e "dopo TNT" :D:D

OT
[quote]Bertinotti ha scritto:
Penitenziagite!!! [/quote]

Penitenziagite?! uhm, qui ci vuole la Santa Inquisizione... [}:)]

Share this post


Link to post
Share on other sites
@ tutti,
troppo gentili ragazzi!
scusatemi se non sono riuscito ad'accorciare il racconto però è stato un viaggio davvero bello e intenso e non sapevo cosa tagliare, purtroppo la mia dottoressa non mi ha aiutato nella correzione del testo, e infatti ci sono un sacco di errori sui tempi verbali e espressioni da "muratore"...però tutto sommato si lascia leggere, se poi reversi vorrà  metterlo tra i viaggi sarà  meglio dargli una"registrata"..

Indubbiamente la scena di saint sixtus da sola valeva tutta la vacanza, per la serie:
volo easyjet 40 euro con mastercard
noleggio auto 100 euro con mastercard
cassa di saint sixtus 45 euro con mastercard
vedere la faccia basita dell'addetto mentre gli do la targa in mano...
....non ha prezzo, per tutto il resto c'è mastercard!
:D

@smilzon, molto grassa!!!!Mi facevano pelo e contropelo!
@conco, se andiamo io e te a bristol è già  buona se torniamo a casa!figurati se riusciamo ancora a scrivere![xx(]
@schigi, sai che me lo dicono in tanti?!?!Ma io non ci credo![8D]
@lukeout, mi è spiaciuto non visitare il birrificio, perchè viste le foto....meritava sicuramente, mi è spiaciuto meno non bere la loro birra!!!!!no beh mi sarebbe piaciuto assaggiarla, sai mi piace conoscere prima di parlare, certo che se mi dici che la gueuze de la mort subit è nulla confronto con la Cantillon...beh..............................................
@bertinotti, Penitenziagite:
(Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.)
Penitenziagite (fate penitenza), abbreviazione in volgare della frase latina Poenitentiam agite, appropinquabit enim regnum caelorum - "Fate penitenza, che il regno dei cieli è vicino" (Mt 3,2; 4,17), fu il motto del movimento ereticale degli apostolici fondato da Gherardo Segarelli alla fine del XIII secolo, e in seguito fatta propria dal discepolo Fra' Dolcino da Novara. Tale espressione si ritrova anche nel romanzo "Il nome della rosa" di Umberto Eco e nell'omonimo film diretto da Jean-Jacques Annaud
ma dove cacchio hai trovato questo termine?????:Dcomunque boh...la blond è un ottima birra sia chiaro, perfetta in tutto, beverina, bilanciata quella che sicuramente berresti piu di un bicchiere..ma la 8 e la 12 a mio parere sono un universo a parte.....stampate indelebilmente in testa, appena ci penso mi tornano in mente tutti i profumi che hanno aggredito il mio naso..WOW!
@pistillone, ogni volta che penso al formaggio mi viene il nervoso, a saperlo lo avrei messo nel pacco che ho spedito col coriere oppure me lo sarei mangiato...quando mi ha detto che era molle volevo dirgli di provare a toccarlo magari si irrigidiva!
@ab62 ahahahah sto ancora ridendo B.T./A.T. :D:D
spero di avere risposto a tutti, comunque non mi aspettavo questa standing ovation...:D
grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho letto con gusto il tuo racconto ma non riesco a trovare le parole per un degno commento.........
Mi complimento per lo spirito di iniziativa, oltre che per tutto il resto e soprattutto per la tua cantina.....[:p]
Mi faceva piacere salutarti e sono sicuro che saprai bene come impegnare quel pò di tempo libero che questo periodo di festività  vorrà  regalarci.....[:264]

Share this post


Link to post
Share on other sites
A mi ero dimenticato..
A Brugge ho trovato il modo per sbronzarsi senza spendere nulla e sopratutto beffare l'alcol test!!!!!
[url]http://www.youtube.com/watch?v=48JXPUy7Q48[/url]

Share this post


Link to post
Share on other sites
[:151]si vede che il nostro evo è innamorato...è proprio romantico[:151]

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ah......... l'Amore............[:160]
Chi è il fortunat[u][b]o[/b]</u>? [}:)]
:D:D:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
evo è conteso tra conco(voci dicono che si sia innamorato vedendolo brassare come maestria e grazie) e il gemello omozigota di schigi...ricordate la foto?!?!?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vabbè...... conco, in questo momento , ha più appeal.......
Ah, che bell'uomo Evo..........[:91]
Scherzo, nè..........;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×