Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
romulea86

Coltivazione orzo disitco invernale o primaverile?

Recommended Posts

Salve a tutti quanti...sono un neofita dell' HomeBrewing, infatti finora ho fatto soltanto 2 cotte!!!ma la mia intenzione è quella di passare poi al metodo finale all grain, so che ci vorrà  del tempo e quindi voglio partire un pò in anticipo!!!
Viso che possiedo un piccolo appezzamento di terra volevo coltivarmi un pò di orzo da me, e volevo sapere da voi che siete più esperti se è meglio una semina invernale oppure primaverile dell'orzo, cioè vorrei sapere se ci sono delle sostanziali differenze di qualità  finale quando l'orzo è pronto, io avevo intenzione di fare una semina invernale, ma se ciò non mi conviene posso pure aspettare febbraio/marzo e iniziare quella primaverile così ho più tempo da dedicare alla cura del terreno!!!
fatemi sapere che è molto urgente!!
grazie a tutti...:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
le varietà  seminate in inverno e raccolte a primavere sono più caratterizzanti (usate per le ale).
le varietà  seminate in estate e raccolte in inverno sono più delicate (usati per gli stli tedeschi).

ovviamente poi andrebbe maltato.
è dallo scorso anno che vorrei fare un tentativo di maltazione, ma ancora non ci sono riuscito per motivi di tempo...

prima di piantarlo a terra, io ti consiglio di procurarti dell'orzo (il quantitativo di una cotta) e proverei a maltarlo.
Varietà  distiche, cioè spighe con due file di chicchi, perchè sono più grandi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
si certo vorrei anche maltarlo!!!!infatti mi si pone davanti questo problema che spero di risolvere il prima possibile!!!non so ancora come maltarlo perchè il forno di casa parte già  da temperature molto elevate e ha me serve un forno che abbia anche basse temperature...qualcuno sa consigliarmi qualcosa a riguardo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
io sono di roma...ma ho un appezzamento di terra vicino carsoli sono circa 1000mq...si conosco la difficoltà  nel coltivarlo!!!mi sono preoccupato anche di misurare il PH del terreno che è di circa 6/ 6.5 infatti aggiungerò qualcosa di naturale per farlo salire a 7...naturalmente farò smuovere anche la terra per preparare bene il terreno...percaso hai qualche consiglio da darmi un pò su tutto?te ne sarei molto grato ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anch'io, vivendo in campagna ci avevo fatto un pensierino...ma non sono riuscito a trovare un pò di aiuto circa le varietà  da coltivare...forse "scarlet" oppure "otis"...boh...
Se riesci a sapere qualcosa in più tienimi aggiornato.
Giorgio

Share this post


Link to post
Share on other sites
esperienza personale...ho coltivato orzo distico quest'anno su circa 2,5 ettari di terreno con forte pendenza, sia per curiosità  dal punto di vista birrario sia perchè le forti oscillazioni del mercato del grano in questi ultimi anni mi hanno un pò fatto spazientire...

al di là  del tipo (estivo/invernale) è importante conoscere e scegliere la corretta qualità  tra le molteplici in commercio..io per questo mi sono fatto consigliare dal maltificio presente quà  nelle marche (se trovi il sito ci sono linee guida abbastanza dettagliate che vanno dalla semina al raccolto)...al di là  di tutti i consigli tecnici che ti posso dare (e che fai meglio a cercare sul sito che ti ho citato) ti posso dire che rispetto al grano ha indubbi vantaggi a livello economico/lavorativo in quanto necessita di pochissimi trattamenti...la fase più delicata è la raccolta in quanto il chicco deve avere una precisa percentuale di umidità ...lo svantaggio fondamentale per un agricoltore, rispetto al grano, è il prezzo di mercato e la resa...

quello che ti consiglio in ogni caso è, prima di coltivare, di testare il processo di maltazione...mi sono ritrovato infatti 5 quintali di orzo che non so dove maltare (sarebbe una pazzia usare il forno) e che stanno finendo pian piano in bocca a maiali, galline e quant'altro...

insomma ti consiglio di seminare a febbraio/marzo, nel frattempo studiati bene la procedura di coltivazione e sopratutto fai prove con la maltazione...

Share this post


Link to post
Share on other sites
non ricordo il nome del maltificio... qua in ogni caso trovate un articolo con mail per richiedere informazioni...

[url]http://www.agricolturalternativa.info/index_file/Page672.htm[/url]

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Briuk ha scritto:

non ricordo il nome del maltificio... qua in ogni caso trovate un articolo con mail per richiedere informazioni...

[url]http://www.agricolturalternativa.info/index_file/Page672.htm[/url]
[/quote]

Anch'io ho letto quell'articolo e da li mi è venuta l'idea...pensavo di rivolgermi a loro per quanto riguarda la maltazione anche se sono un pò lontanuccio (Benevento).
Ho provato anche a contattarli tramite e-mail ma nessuna risposta.
Le varietà  che consigliano sono:
- barke
- scarlet
- prestige

Ma non chiedetemi di più dal punto di vista produttivo...io sono un (quasi) commercialista..:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per fortuna il barke è reperibile vicino da me...allora aspetterò febbraio/marzo e nel frattempo continuerò le mie ricerche, in modo da essere pronto per quando sarà  la semina ma soprattutto per quando dovrò maltare l'orzo...
Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]romulea86 ha scritto:

io sono di roma...ma ho un appezzamento di terra vicino carsoli sono circa 1000mq...si conosco la difficoltà  nel coltivarlo!!!mi sono preoccupato anche di misurare il PH del terreno che è di circa 6/ 6.5 infatti aggiungerò qualcosa di naturale per farlo salire a 7...naturalmente farò smuovere anche la terra per preparare bene il terreno...percaso hai qualche consiglio da darmi un pò su tutto?te ne sarei molto grato ;)
[/quote]
già  i concimi fanno
inacidire il terreno...se hai bestie, metti il letame,ari ben benino e semini...attento a non seminare troppo fitto però, rischi di far ammalare le piante

Share this post


Link to post
Share on other sites
non so se vi interessa, ma a proposito di coltivazione propria èp uscito qlk settimana fa un interessante articolo sulla stampa:

[url]http://www3.lastampa.it/costume/sezioni/articolo/lstp/326942/[/url]

Share this post


Link to post
Share on other sites
si si..interessante l'articolo...anche se non citano il decreto...cmq il problema rimane sempre lo stesso...dove maltare l'orzo...maltifici in italia ce ne sono pochi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao,riapro questa conversazione per chiedere se nella produzione di malto ha differenza un orzo distico rispetto ad altri tipi a parte le dimensioni.

grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, e non poco. L'orzo invernale ha.una percentuale di proteine più alta oggi considerata inidonea a produrre i malti chiarissimi richiesti dall'industria. Un malto Monaco o Vienna probabilmente con le migliori varietà  di orzo invernale si riesce ancora a fare, ma un Pils moderno no. Comunque la percentuale di proteine elevata avrà  sempre conseguenze su torbidità  e stabilità  della birra.

 

P.S. àˆ uno dei motivi (insieme al costo) per cui nelle birre americane fatte con malto da orzo esastico mettono sempre degli adjunct tipo mais che non apportando proteine ribilanciano il tutto.

Edited by Vale

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...