Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
Teo HC

A.P.A. (America Per Alcoolizzati)

Recommended Posts

Sono recentemente rientrato da due settimane in U.S.A., viaggiando per tre stati (Minnesota, Wisconsin e capatina a Chicago).
Da quando ho intrapreso la mia carriera di homebrewer, il mio interesse per alcuni tipi di birra poco conosciuti è cresciuto esponenzialmente.
Credo che si possa dire, che il culto della birra negli states abbia portato a prodotti di alta qualità  e di buona varietà .
Partendo dal Minnesota, e più precisamente dal liquor store di Excelsior, ho potuto fare la conoscenza di buona parte del catalogo della oregonense ROGUE ([url]http://www.rogue.com/[/url]), provando in successione:
- Juniper Pale Ale, che come si intuisce dal nome è una PA aromatizzata al ginepro, forse un po' troppo delicato il suo intervento per dare una vera accezzione alla birra
- Brutal Bitter una IPA con il malto Cara-vienna, decisamente buona, un po' più mite per amarezza e alcool rispetto alle altre IPA da me assaggiate
- Maierfest Lager, ottima e beverina
- Single Malt Ale di Chatoe Rogue, cioè realizzata con malti e luppoli coltivati dall'azienda stessa, leggera e profumata
Tra tutte le mie preferite è stata la brutal bitter e la single malt.

Ottima anche la Dugana di Avery Brewing Co. del Colorado ([url]http://www.averybrewing.com/[/url]), una tra le IPA più buone da me assaggiate, bella cattiva sia sotto il profilo dell'aroma che dell'amaro. C'era anche la sua sorella maggiore Imperial Marajà , ma ho glissato su Double Wide IPA di Boulevard Brewing Co., un'azienda del Missouri. Un po' troppo orientata sul lato alcoolico per i miei gusti, pur ponendosi a metà  strada tra un'imperial e una IPA più tradizionale.

Pur non disprezzando la Miller tradizionale, al market di Milwaukee ho assaggiato la Torpedo, altra ipa di Sierra Nevada (il link non ve lo metto neanche..), più per la curiosità  di provare qualcosa che non fosse la solita Pale Ale (ottima per altro e reperibile ovunque negli states). Anche la Torpedo, comunque, fa la sua sporca figura, forse una delle più equilibrate provate nel suo genere, per quanto, personalmente la mia preferita di tuttel le IPA mai assaggiate sia la High Tide di Port Brewing, su cui direi che ho tarato il mio gusto.

A Chicago non ho potuto mancare l'assaggio alla spina di Goose Island alla spina ([url]http://www.gooseisland.com[/url]) presso il ristorante della Weber, il più grande produttore americano di barbeque. Senza infamia né gloria la Honkers Ale e piuttosto inutile la IPA, mi aspettavo di meglio.
Assaggio anche la Fat Tire del Colorado, pur trovandola piuttosto cattiva ([url]http://www.newbelgium.com/beer/fat-tire[/url]).

Prima di salire sull'aereo mi faccio una bella Sam Adams, che per essere una birra commerciale... avercene, bella profumata e luppolata... l'etichetta di lager le va un po' stretta.

Un paio di considerazioni: Sierra Nevada è presente in bottiglia in ogni liquor store, seguita a ruota per diffusione da Anchor, la cui Steam Beer è stata rivalutata dopo questo viaggio. I prezzi? Ridicoli... un six-pack delle seguenti birre varia tra i 6.99$ e 8.99$, meno di una cassetta di Corona in Italì, le altre birre più di nicchia si attestavano sui 6-8$ a bottiglia. Al bar o al ristorante una pinta sta sui 4$.
La pecca resta sulle temperature di servizio da era glaciale e alla mancanza di bicchiere in alcuni "postacci", per il resto che dire... mi sono tolto un bel po' di soddisfazioni e tornare alla Menabrea del super mi ha causato una crisi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×