Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
velleitario

BQTV 20sima puntata

Recommended Posts

Fino ad ora avevo visto solo le prime 3-4 puntate, poi avevo abbandonato...
incuriosito dagli special guest mi sono scaricato la 20 puntata (per ora ho visto i primi 30 minuti e poi sono andato avanti a singhiozzo).

Devo dire che questa puntata vale veramente la pena di essere vista.
Aldilà  del gossip e delle frecciatine che si lanciano alcuni presenti, dette per altro senza sbraitare (evitiamo di portare su questo forum diatribe che non sono nostre); i commenti sugli abbinamenti formaggi/birra sono veramente interessanti.
La cosa che mi piace e che ognuno abbinerebbe in modo diverso (per contrasto, per assonanza, era meglio quella che abbiamo bevuto prima...) e questo serve anche a capire che grazie a Dio la birra non è una scienza esatta ed è fatta di opinioni.
Interessanti anche alcuni aneddoti buttati qua e là  (ad esempio sul luppolo fresco, ecc ecc)

[url]http://www.bqtv.it/page.php?5[/url]

Share this post


Link to post
Share on other sites
sinceramente è difficile parlare di quella puntata senza sollevare le sopracciglia sul gustoso batti e ribatti Arioli-Schigi, dove devo dire Schigi mi ha stupito, si è comportanti come un signore anche se le sue argomentazioni le ho trovate un pò deboli.
mi chiedo perchè nel web le discussioni sono infuocate da una violenza verbale fastidiosa mentre nella trasmissione di polli si è discusso di argomenti molto molto spinosi e di ferite mai rimarginate senza però offendere nessuno.
devo spezzare una lancia in favore di schigi sul discorso dei prezzi presso il proprio punto vendita, io posso parlare delle scelte che fà  la mia azienda di solito il ns. listino di vendita per il cliente che viene a trovarci è molto simile a quello che paga il negoziante privato che viene da noi o si fà  spedire la merce.
poi abbiamo un listino grossisti e un listino Gdo che hanno una scontistica più profonda.

per la questione abbinamenti io preferisco sempre accompagnare i gusti negli abbinamenti, e vado quasi sempre per assonanza.


Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]rico kaboom ha scritto:

Ma qual'è il birrificio dove lavora Schigi?
Ciao:)
[/quote]
questo:
[url]http://www.microbirrifici.org/Extraomnes_birrificio.aspx[/url]

ma non ho capito chi sono gli altri soci

Share this post


Link to post
Share on other sites
@ pistillone
sul discorso prezzi concordo.
se il consumatore finale salta gli intermediari e compra direttamente dal produttore non devono pompargli il prezzo con un ricarico da beershop.
C'è anche da dire che di solito i produttori premiano i clienti che comprano grosse quantità  con sconti o omaggi, quindi il discorso che non si possono penalizzare i publican e i beershop non si regge molto...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]velleitario ha scritto:

@ pistillone
sul discorso prezzi concordo.
se il consumatore finale salta gli intermediari e compra direttamente dal produttore non devono pompargli il prezzo con un ricarico da beershop.
C'è anche da dire che di solito i produttori premiano i clienti che comprano grosse quantità  con sconti o omaggi, quindi il discorso che non si possono penalizzare i publican e i beershop non si regge molto...


[/quote]



guarda se penso alla mia società  di clienti che fanno consumi simili ad un negozio me ne verranno in mente forse 2 su 2000 clienti che vengono ogni anno a fare acquisti di 10-30 euro cad.
quindi capisco il discorso di polli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io non sono d'accordo che un produttore debba vendere allo stesso prezzo del beershop.
Secondo me per non scontentare nessuno ed incentivare le vendite basterebbe applicare un listino che preveda degli scaglioni sulle quantità  per ottenere sconti ed omaggi.

in altri termini se compri una bottiglia il costo è X
se compri a cartoni è X - sconto
se compri più di 20 cartoni è X - super sconto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Direi che da consumatore mi aspetto esattamente quello che avete detto. Pagare la birra (o qualsiasi prodotto) meno dal produttore.

Avendo ormai un piede al di là  della barricata direi che ci sono varie posizioni che possono essere tenute. Ognuna legittima.

Un piccolo differenziale tra il prezzo del Beer Shop e lo spaccio aziendale non credo dia fastidio a nessuno.
Però il differenziale non può essere troppo alto perchè in questo clima di caccia alle streghe il beershop verrebbe marchiato come un ladro.
E da un punto di vista puramente commerciale è vero quello che dice Polli.
I conti a fine mese non si pagano con quello che ti arriva dal cliente finale.
Il produttore è principalmente un venditore all'ingrosso.

Quello che il produttore deve fare per il consumatore finale è diverso dal semplice abbattimento dei prezzi allo spaccio.
Deve tendere a fare un prodotto sempre migliore e sempre più economico.
Deve dare un valore aggiunto che può essere dato dall'organizzazione di eventi o dalla partecipazione ad eventi.
Deve fare cultura.

In ogni caso ricordiamoci che i birrai in italia non hanno le idee ben chiare su nessun punto.
Per esempio ci sono alcune scelte altamente incoerenti con il principio di tutela del cliente professionale.
Mi riferisco alla massiccia partecipazione a feste ed altri eventi dove si somministra direttametne al pubblico.
La conseguenza spesso non è che il beershop o il pub perdono una fetta di mercato.
La conseguenza è che il birraio non ha birra da vendere.
E per l'immagine sua e del locale che vende la sua birra questo mi sembra ancora più grave.

I problemi da una parte e dall'altra sono tanti.
Le soluzioni o anche i verdetti non sono semplici i trovare le soluzioni non è banale.
Mi mette comunque tristezza vedere come un ragazzo che si da da fare, (anche per fini commerciali ma che male c'è?) come il Paolo Polli, ma anche Agostino, ma anche Teo, vengno sempre aspettati al varco per bersagliarli di accuse spesso totalmente pretestuose.

Perchè alla fine spesso diciamo tutti la stessa cosa ed è deleterio analizzare parola per parola, o peggio andare a cercare tra le righe.

Beviamo di più e polemizziamo di meno!

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]
In ogni caso ricordiamoci che i birrai in italia non hanno le idee ben chiare su nessun punto.
[/quote]
l'amara verità ...
ma non si può mica criticare chi lo fa notare agli interessati

Share this post


Link to post
Share on other sites
@ livingstone
credo che la questione sia molto seria e molto intricata, difficilmente si riuscirà  a trovare una soluzione all'annoso problema e di sicuro la soluzione non passerà  certamente attraverso internet.
Ora non vorrei guardarmi ancora una volta la trasmissione, la cosa che mi ha lasciato basito è stata il voler giustificare la vendita di una bottiglia a 12 euro presso lo spaccio del microbirrificio (non vorrei ricordare male, ma credo fosse c/o toccalmatto), dicendo che il produttore non voleva penalizzare i suoi "<s>consumatori</s>" clienti cioè publican e beershop.

Te hai un piede dall'altra parte della barricata, quindi devi considerare che anche inconsciamente la tua attività  cerebrale dovrebbe tende a favorire di chi produce. :D

Alta cosa, non vedo perchè i produttori non debbano partecipare a feste ed altri eventi dove si somministra direttametne al pubblico la birra. Si fanno conosce alla grande massa e si liberano di un bel po' di fusti. Non è quello che vogliono tutti? più birra artigianale per tutti. Ne avranno giovamento anche i beershop e i pubblican perchè aumentano i consumatori consapevoli.

Io credo che sia giusto che ci siano organizzazioni che tutelino gli interessi dei produttori e quelli dei consumatori, ecc ecc, è un presupposto necessario affinché ci sia l'equilibrio (non credo che i produttori abbiano a cuore più di tanto gli interessi dei consumatori). Ovviamente mi auspico che lo facciano a viso scoperto, cioè: siamo l'associazione X e tuteliamo gli interessi dei produttori/venditori/consumatori di birra.

Aggiungo i complimenti a Polli per la 20sima puntata, nella prossima ci sarà  anche Bottero (probabilmente parlerà  di prezzi).

Share this post


Link to post
Share on other sites
oggi, in un momento di relax, sono andato a rivedermi il pezzo in cui viene criticata la campagna MoBI dei prezzi allo spaccio.
siamo intorno al 1:05 di trasmissione.
Polli dice che non è d'accordo che allo spaccio si debba vendere meno, dice che il prezzo deve essere lo stesso che pratica il beershop al consumatore finale...
Arioli invece mi sembra che sia sulla stessa lunghezza d'onda di Schigi.
Correggo quanto scritto ieri, Polli definiva publican e beershop clienti.

Sono sempre del parere che ci sia necessaria un associazione che rappresenti gli interessi dei consumatori, se non si crea un "equilibrio di interessi" (perchè secondo me adesso c'è squilibrio) i prezzi della birra italiana non caleranno mai e poi mai.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]velleitario ha scritto:

@ livingstone

Te hai un piede dall'altra parte della barricata, quindi devi considerare che anche inconsciamente la tua attività  cerebrale dovrebbe tende a favorire di chi produce. :D


[/quote]

Mah, guarda, a questa storia dell'inconscio non credo...dopo tutto sono stato un bevitore per più di cinque lustri e continuo ad esserlo, mentre mi sono "sporcato" il piede nella produzione da pochi mesi.

Credo di avere una visione più ampia, avendo assaporato entrambe le posizioni. Le mie convinzioni sono come minimo consapevoli. Poi si può anche dissentire con quello che dico, ovvio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]bertinotti ha scritto:

[quote]
In ogni caso ricordiamoci che i birrai in italia non hanno le idee ben chiare su nessun punto.
[/quote]
l'amara verità ...
ma non si può mica criticare chi lo fa notare agli interessati
[/quote]

Hai ragione. Infatti io non critico , scusa la ripetizione, la critica.
Talvolta sono perplesso sui toni e sugli atteggiamenti che prevalgono nella maggior parte dei luoghi d'incontro virtuale.
Non sono in linea con una mia idea di birra e del mondo che dovrebbe circondarla.

Il problema dei prezzi è un caso lampante.
Nel merito sono d'accordissimo. I prezzi sono esosi.
La forma nella quale si è sviluppata la battaglia per l'abbassamento dei prezzi non mi piace.
Credo che lasciare spazio alla polemica possa addirittura minarne l'efficacia.

Tra l'altro a molti è sfuggito un paradosso.
SE l'unica leva efficace per l'abbassamento dei prezzi sarà  la concorrenza, proprio dai birrifici accusati per essersi associati ad Assobirra e ancora di più dalle birre "artigianali" delle multinazionali potranno arrivare i primi attacchi efficaci alle birre d'oro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]livingstone ha scritto:
Tra l'altro a molti è sfuggito un paradosso.
SE l'unica leva efficace per l'abbassamento dei prezzi sarà  la concorrenza, proprio dai birrifici accusati per essersi associati ad Assobirra e ancora di più dalle birre "artigianali" delle multinazionali potranno arrivare i primi attacchi efficaci alle birre d'oro.
[/quote]
mah... qui penso che alcuni abbiano equivocato i fondamenti di certe "battaglie".
MoBI non è una propaggine di un movimento luddista che mira ad abbattere l'orco cattivo industriale. La stella polare è "buona birra a prezzi corretti". Il problema è che gli industriali producono oscenità  e ti convincono di acquistare prelibatezze. Se i birrifici industriali di Assobirra producessero Rochefort al prezzo di una Dreher, saremmo tutti più felici.
Decidono di entrare nel mercato delle birre "speciali"? Benissimo, assaggeremo e giudicheremo il rapporto P/Q.

Comunque, mia opinione, non arriverà  da quel versante la spinta alla discesa dei prezzi. Già  ora quelli producono Dreher al prezzo della Rochefort!

La vera liberalizzazione si deve compiere sulla distribuzione alla spina, ma senza una seria normativa antitrust, gli omini in verde terranno i publican per le palle per molto ancora...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]livingstone ha scritto:

Tanto per essere chiari.
Il mio non era un attacco a MoBI.
[/quote]
questo mi è più che chiaro.
evidenziavo il fatto che l"'accusa" a certi birrifici non era settaria come alcuni ritengono...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]livingstone ha scritto:

[quote]velleitario ha scritto:

@ livingstone

Te hai un piede dall'altra parte della barricata, quindi devi considerare che anche inconsciamente la tua attività  cerebrale dovrebbe tende a favorire di chi produce. :D


[/quote]

Mah, guarda, a questa storia dell'inconscio non credo...dopo tutto sono stato un bevitore per più di cinque lustri e continuo ad esserlo, mentre mi sono "sporcato" il piede nella produzione da pochi mesi.

Credo di avere una visione più ampia, avendo assaporato entrambe le posizioni. Le mie convinzioni sono come minimo consapevoli. Poi si può anche dissentire con quello che dico, ovvio.


[/quote]
La mia era una battuta. Cmq non sottovalutare la potenza "dell'omino del cervello" [:81]

per le altre cose, sai già  che la penso come te sulle polemiche rissose e sulle pubbliche fustigazioni... alla fine si rischia di passare dalla ragione al torto ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Interessante...

[url]http://www.youtube.com/watch?v=k91t4bj5VX4[/url]

Che ne pensate?

Dov'è che Lelio sbaglia, ammesso che sbagli?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lelio sicuramente non dice nulla di sbagliato.
Che la birra artigianale italiana sia cara rispetto a quella proveniente dalle altre nazioni è un dato di fatto inconfutabile;
come è inconfutabile che è più oneroso fare impresa in Italia rispetto che all'estero (vale per tutti i settori non solo la birra).

Sui birrifici che hanno chiuso andrebbero approfondite meglio le ragioni, senza essere precipitosi, le cause potrebbero essere molteplici (investimenti sbagliati, acquisti fuori la portata aziendale, esubero di personale, ecc ecc), come dice Lelio alla base ci sono degli errori di calcolo... anche perchè mi pare che qualcuno che ci campa producendo birra artigianale c'è in Italia...
Le accise che fine hanno fatto? :D

Lelio fa il nome di Amarcord, proprio di Amarcord ho comprato 2 bottiglie da 1 litro (no 75 cl), qualche settimana fa presso un centrocommerciale, pagate non più di 4 euro l'una, erano in offerta.
Se dopo la quarta gestione si ostinano a vendere ancora birra sottocosto ricalcando gli errori dei loro predecessori questi sono tutti pazzi (tutti e 4).

Il nodo cruciale è sicuramente al minuto 7.25, quando Bottero (meno male che Bottero c'è) solleva la questione dei brewpub e delle bottiglie.
Allora, stringiamo giustamente il cerchio, il problema per noi consumatori è il prezzo delle bottiglie. Ma perchè i birrai italiani spendono così tanti soldi per le bottiglie (intese come contenitori di vetro), tanto che alla fine l'involucro (tappo, etichetta e boccia di vetro) ci costa come la birra che c'è dentro?
perchè non trovare una soluzione più economica sulle bottiglie?

La butto lì, in tutti questi anni, con tutte le varie collaborazioni (e varie organizzazioni) che ci sono state, può essere che a nessuno sia venuto in mente di creare una cooperativa o un consorzio fatto da un numero limitato di birrai vicini goegraficamente, con lo scopo sociale di produrre birra a minor costo, facendo un investimento collettivo per mettere in piedi un Medio-birrificio (impianto di dimensione intermedia tra industria e artigianalità ) e per acquistare anche grossi volumi di materie prime a minor costo?
Diciamo un po' come fanno le famose Cantine Sociali.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Velle i professionisti hanno spiegato che fare birra è cara per i xxyy motivi che non andiamo a ripetere.
quindi perché si continua a fare questa domanda quando si hanno ricevuto le risposte ?

Quando a più riprese si fanno i confronti con i prezzi del Belgio si palesa che non è sufficiente neanche una riduzione di 50 cent o un euro a bottiglia per placare queste polemiche.
riduzione che probabilmente per i produttori sarebbe una stretta al collo.
Ma appurato che i produttori la birra la vendono comunque e dedotto che viene comprata soprattutto da chi nel web non ci bazzica, cara o non cara che sia è probabile che questi web consumatori scontenti non fanno sistema risultando per ora ininfluente sulle scelte dei produttori.

quindi perché non fare un consorzio, la risposta è in quello che ho scritto sopra, non ha senso concentrare l'offerta quando la domanda è polverizzata nel territorio e sufficiente per tutti.
almeno sino ad ora ma le cassandre paventate da alcuni sono ancora molto lontane.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]pistillone ha scritto:

Velle i professionisti hanno spiegato che fare birra è cara per i xxyy motivi che non andiamo a ripetere.
quindi perché si continua a fare questa domanda quando si hanno ricevuto le risposte ?

Quando a più riprese si fanno i confronti con i prezzi del Belgio si palesa che non è sufficiente neanche una riduzione di 50 cent o un euro a bottiglia per placare queste polemiche.
riduzione che probabilmente per i produttori sarebbe una stretta al collo.
Ma appurato che i produttori la birra la vendono comunque e dedotto che viene comprata soprattutto da chi nel web non ci bazzica, cara o non cara che sia è probabile che questi web consumatori scontenti non fanno sistema risultando per ora ininfluente sulle scelte dei produttori.

quindi perché non fare un consorzio, la risposta è in quello che ho scritto sopra, non ha senso concentrare l'offerta quando la domanda è polverizzata nel territorio e sufficiente per tutti.
almeno sino ad ora ma le cassandre paventate da alcuni sono ancora molto lontane.


[/quote]
questo è vero...
la birra artigianale italiana è stata concepita per l'alta ristorazione.

Però dobbiamo anche spezzare una lancia nei confronti degli appassionati internettiani... molta gente si iscrive ad areabirra o in altre community per clonare la guinness o peggio franziscanner o moretti e per altre banalità  legate al mondo della birra industriale, poi quando sono dentro queste community iniziano a conosce anche l'altra realtà  più saporita...
Non sottovaluterei troppo le opinioni dei webbari.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]velleitario ha scritto:
questo è vero...
la birra artigianale italiana è stata concepita per l'alta ristorazione.

Però dobbiamo anche spezzare una lancia nei confronti degli appassionati internettiani... molta gente si iscrive ad areabirra o in altre community per clonare la guinness o peggio franziscanner o moretti e per altre banalità  legate al mondo della birra industriale, poi quando sono dentro queste community iniziano a conosce anche l'altra realtà  più saporita...
Non sottovaluterei troppo le opinioni dei webbari.

[/quote]


io non credo che la birra artigianale italiana sia solo concepita per la G.R., se ad esempio senti il parere di Agostino Arioli ti faresti l'idea contraria.
faccio solo riferimento a chi compra il 90% della birra Artigianale Italiana, sono consumatori che amano un gusto "diverso" rispetto alla peroni di rito e per questo possono accettare di spendere qualche soldo in più.
sono persone che la birra artigianale la comprano 1 volta alla settimana di sabato o forse 1 volta al mese e poi tornano alla moretti, come si fa con la bottiglia di vino "buono".
Ho l'impressione che i consumatori consapevoli che vogliono fare "sistema" e pensano di fare pressione ai produttori sono in realtà  molto pochi rispetto al mercato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io comunque la penso come Schigi, secondo me dal produttore il prezzo dovrebbe essere più conveniente per l'appassionato.

E' così per tutto...

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il vero problema, più etico che economico, è che certi birrifici o distributori vendono la birra ai privati allo stesso prezzo a cui la vendono ai locali, e poi un piccolo sconto ai privati si può anche fare non è questo il problema!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...