Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
mysobry

Fermentatore 30L controllato in temperatura!

Recommended Posts

Ciao
sono riuscito finalmente a mettere insieme un sistema per controllare in temperatura il mio fermentatore tronco conico da 30L

Con un po' di ingegno e poca spesa finalmente ho modo di controllare la temperatura del mosto/birra durante il processo di fermentazione...un passo in piu' verso i birrai professionisti !

[IMG]http://lh4.ggpht.com/_qc2XA-Uc6Zk/S7ciqx4p5nI/AAAAAAAADqw/f0BW_D4358Y/s512/P1040724.JPG[/IMG]

Per tutti i dettagli tecnici e costruttivi completi di foto vi rimando a un posto sul mio blog MySobry

[url]http://mysobry.org/wordpress/?p=805[/url]

se poi volete vederlo dal vivo vi aspetto tutti il [b]12 giugno [/b] all'agriturismo cascina Gaio di Piverone (TO) per [b]terza edizione del corso da homebrewer in collaborzione con MoBi[/b]

[url]http://www.movimentobirra.it/scheda_evento.aspx?IdEvento=22[/url]

aspetto vostri commenti e suggerimenti !

Davide

[i]< spostato discussione > mod[/i]

Share this post


Link to post
Share on other sites
innanzitutto un caloroso benvenuto a Davide :D

sposto il topic nella sezione autocostruzioni, che mi pare più adatta...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grazie per il caldo benvenuto..
Sorry non avevo visto la sezione apposita per l'autocostruzione...

Per risposdere ad alcune domande...si funziona egregiamente per fermentare, la temperatura impostata dal termoregolatore rimane stabile, e' facile da gestire, pulire etc...per lagerizzare o scendere a temperature prossime allo zero, anche se la potenza del gruppo frigo allo stato solido c'e' , occorre provvedere a coibentare il fermentatore, le tubazioni etc per non disperdere il freddo accumulato

Sul costo...a parte il fermentatore (quello della tabec venduto da canevari birra) considerate (vado a memoria)

50E serpentino INOX
60E il gruppo con celle di peltier e scambiatore (surplus ebay)
40E alimentatore switching
40E termoregolatore PID
15E sonda PT100
30E pompa
15E raccordi e componetistica varia

per dettagli costruttivi fate riferimento al mio post su MySobry

enjoy
Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites
eccezionale! grande!
se mi posso permettere avrei qualche commento / curiosità 
1. quale potenza hai installato per le celle di peltier? dici che riesci a tenere un delta di temperatura di -10°C. ma considerando che le celle hanno un'efficienza abbastanza bassa e l'assenza di isolante, alla fine di una bassa fermentazione il tutto potrebbe costare caro di energia. a spanne anche 5-10 euro in bolletta! quindi coibentazione assolutamente necessaria secondo me!!
2. visto che ormai hai già  tutto fatto... perchè non attacchi alla serpentina una bel vaporetto (o un sistema di circolazione di acqua bollente) e dentro al fermentatore non ci fai anche il mash?
ancora complimenti!
ciao
alberto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grazie albier !

non ho fatto ovviamente il conto della bolletta e del consumo ...per il riusultato finale l'homebrewer non sta a guardare il capello [8D] ... in generale fare discorsi di efficienza energetica su una scala da homebrewer non e' il primo obiettivo, l'importante e' il risultato finale...quello nel bicchiere intendo.
Sono assolutamente concorde che il tutto vada coibentato...non penso sia poi cosi' difficile sagomare un rivestimento termico tipo neoprene intorno al cilindro e al cono...magari smontabile per effettuare pulizie etc.

Come detto sono riusito a portare 25 litri di mosto 10 gradi sotto temperartura ambiente..e visto che almeno qua al nord l'estate e' ben lontana da arrivare ho avuto ampio margine per fermentare una pils a tra gli 11 e 12 gradi.
Il gruppo frigo una volta arrivato in temperatura si attaccava saltuariamente (1 grado di isteresei sul termoregolatore)
Da riprovare in piena estate...se mai verrra'....

Sul fatto di fare il mashing...beh..proprio non ci avevo pensato...penso che il fondo conico non si adatti a questa operazione e renda difficile mescolare impasto e mantenere temperatura omogennea...ma in un contenitore con fondo piano why not..

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao Davide
Complimenti per il gran progetto e la sua bella esecuzione e benvenuto in questa speciale e fantastica comunità  di homebrewer.
Ciao Paolo... entusiasta partecipante del tuo secondo corso a Piverone....

Share this post


Link to post
Share on other sites
complimenti per tutto, per il fermentatore troncoconico refrigerato e per il tuo (o vostro) blog sempre ricco di spunti interessanti.
Benvenuto su AreaBirra :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
bel lavoro davvero......
il fermentatore l'ho preso anche io da Canevari ma non è da 30 litri come dichiarato, ma da quasi 40!!!!!!!!poi gli ho trovato un frigo dove entrava e il gioco è fatto!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
@Paolo ciao e' un piacere ritrovarti, se non sai cosa fare il 12 giugno fai un salto in Agriturismo ora di pranzo che beviamo qualcosa di buono e porta le tue produzioni !

@velleitario grazie per complimenti al blog ..anche io seguo il tuo da cui ho preso molti spunti per mio hop garden...a breve nuova serie di post sulla coltivazione dei luppoli...ho 9 piante messe a dimora ..se finisce questo diluvio universale faccio foto e reportage

@vinnieland sicuramente la tua soluzione e' la piu' semplice ed economica...quello che ho provato a fare era piu' una roba da tecnofun... idea di usare le celle di peltier mi sfiziava...e funziona !

Share this post


Link to post
Share on other sites
ciao mysobry e benvenuto,

complimenti per il fermentatore

le celle di pelier le usi solo per il raffreddamento oppure anche per innalzare la temperatura qualora sia troppo bassa?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ottimo lavoro, anche io avevo acquistato delle celle di Peltier ma non ho avuto ancora il tempo di utilizzarle, io avevo intenzione però di collegarle ad un dissipatore in alluminio all'interno di una camera di fermentazione coibentata.
Ciao:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
nei frigoriferi termoelettrici (con piastre peltier) mettiamo 2 dissipatori in alluminio uno all'interno del frigorifero ed uno all'esterno accoppiato ad una ventola ed usiamo una pasta termoconduttrice sulla superfice di contatto cella-dissipatore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao Davide ,complimenti anche da parte mia per l'eccezionale lavoro , confesso anche che in passato ho sbirciato il tuo blog predendo vari spunti:D:D:D:D
Coome dice albier, e come hai specificato anche tu , secondo mè l'unica cosa che manca è una corretta coibentazione del fermentatore e dei tubi che ad esso arrivano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pensavo anche io a realizzare una cosa simile, ma al posto delle celle di peltier, ho trovato in un negozio di animali un climatizzatore per acquari, e pensavo invece di usare la serpentina, di creare un doppifondo esterno in cui far circolare il liquido. Adesso valuto le due soluzioni.
Comunque complimenti per il tuo fermentatore...

Share this post


Link to post
Share on other sites
@smilzon
le celle di peltier generano un gradiente termico tra le due facce e se si inverte la polarita' la faccia "calda" diventa quella fredda e viceversa...il linea di principio potrei anche quindi scaldare il flusso di acqua invertendo la polarita' di alimentazione...in realta' il gruppo "frigo" non e' simmetrico...da un lato ho dissipatore e ventole fatto appositamente per dissipare calore, dall'altra ho lo scambiatore con i due canali per far scorrere il liquido. Temo che se invertissi la polarita' la parte calda andrebbe facilmente a temperature elevate.

@smilzon
le celle di peltier in questa applicazione possono essere usate in vario modo
1) realizzare una camera frigiorifera coibentata con un dissipatore interno e uno esterno e la cella in mezzo…si potrebbe in questo caso realizzare con la stessa struttura una camera calda per rifermentazione in bottiglia e una fredda per la fermentazione primaria/secondaria. I contro sono nei volumi da gestire per contenere fermentatore e/o bottigle
2) applicazione diretta sul fermentatrore. E’ un'altra soluzione che avevo pensato…applicare le celle direttamente sulla parte esterna inox del fermentatore, usandolo in pratica come dissipatore.
Potrebbe anche funzionare avendo cura di distribuire le celle su tutta la supefice in modo da non creare punti gelidi molto concentrati e raffreddare/scaldare uniformemente la massa. Il problema che non sono riuscito a risolvere e meccanico: le celle hanno una superficie piana e devono essere aderire perfettamente a una superficie curva. Andrebbe far realizzare una piastra (magari saldata) esterna che renda possibile l’applicazione della cella.
3) raffreddamento/riscaldamento di un fluido convettore. La soluzione alla fine che ho adottato come compromesso tra fattibilità  meccanica , spazio etc ...ed efficienza.

altre idee ??
Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites
Davvero un ottimo lavoro.. Complimenti.

Anche io come rico stavo cercando di usare le celle peltier per termostatare la mia camera di fermentazione.

Ho scelto la cameta di fermentazione per potere d'inverno mantenere anche le bottiglie in carbonazione a temperatura controllata..

Però è ovvio che con un fermentatore come il tuo, altro che camera ci vorrebbe....:D

Penso che se coibenti l'esterno con del polurietano eda nche i tubi, avrai un consumo minore... Ma questo lo hanno già  detto in tanti

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
@mysobry mi riferivo infatti proprio all'inversione di polarità  secondo me la superfice calda non dovrebbe superare i 50-60°, sto cecando anche io di studiare una camera di fermentazione a temperatura controllata il peltier mi sembra una buona soluzione peccato che il rendimento non sia altissimo , a come si dice dalle mie parti non si può avere la botte piena e la moiglie ubriaca.:D
Secondo me la soluzione con fluido vettore è ottima , l'applicazione diretta sulla superfice provocherebbe raffreddamento a macchie di leopardo oltre ai già  citati problemi di contatto tra le superfici.

comuqne secondo me il riscaldamento del mosto durante la fermentazione mantenedo il tuo sistema così com'è ,invertendo solo il flusso di corrento, è fattibile se fai qualche prova fammi sapere. Appena ho un pò di tempo mi procuro un nostro frigorifero termoelettrico per fare qualche prova

ciao
Stefano

Share this post


Link to post
Share on other sites
@mysobry
puoi darmi qualche dato tecnico sulla pompa?
[img]http://lh4.ggpht.com/_qc2XA-Uc6Zk/S7cihNhkkMI/AAAAAAAADfA/BugzibWUHb4/s640/P1040714.JPG[/img]
la potenza e il costo

Share this post


Link to post
Share on other sites
ok.. la mia mente malata mi porterà  alla distruzione.. dell'appartamento che ho in affitto. ma tanto sono assicurato bwahahahah!

sono finalmente arrivate le 2 peltier che ho ordinato su ebay!!! piccolo problemino.. 136.8W ciascuna!!! le ho provate con un alimentatore da soli 8.5V e in pochissimi secondi da un lato raffreddano paurosamente ma dall'altro bruciano le dita! temo che almeno dal lato caldo dovrò usare un water cooling coi controcazzi.. dissipare 136.8W in soli 40x40mm tenendo la temperatura sotto i 70°C non sarà  facile, specialmente quando le collegherò a 12V! anche perchè questo postaccio d'estate supera tranquillamente i 35°C!!

pensavo di usare una pompa da acquario..

idee/progetti?? help me!!!!

ciao

al

ps: sono un disastro coi nomi.. chi c'era al mio tavolo sabato? mi ricordo perfettamente le facce, ma i nomi... sailor?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...