Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
velleitario

birra artigianale su rai1 in tarda mattinata

Recommended Posts

Mi hanno riferito che oggi 23.04.10 in tarda mattinata, verso che ora non saprei... si è parlato di birra artigianale nella trasmissione di alessandro di pietro su raiuno.

qualcuno l'ha visto?

Share this post


Link to post
Share on other sites
credo che si possa vedere sul sito della rai..
[url]http://www.direttaraiuno.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-a8d217f3-876e-48b3-914a-556b3f7082f2.html?p=[/url]

Share this post


Link to post
Share on other sites
ero a lavoro, comunque anche su linea verde alla domenica ogni tanto fanno qualche servizio sulla birra artigianale...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[i]di pietro:
quanti tipi di birra esistono in commercio che io ho perso il conto?

presidente assobirra:
forse l'ho perso pure io....
...se mi permette, siccome qui vedo birra industriale e birra artigianale, vorrei ricordare che le birre industriali sono le birre artigianali che qualche decennio fa hanno vinto la guerra...[/i]

che cosa vuol dire?

Share this post


Link to post
Share on other sites
prima dicono che per fare la birra ci vogliono 3 ingredienti: acqua, orzo (sarebbe orzo maltato) e luppolo.
poi li fanno vedere:
ecco il luppolo
[i]di pietro:
ecco vedete il luppolo, sono dei cilindretti verdi[/i]
il lievito
e l'orzo (sarebbe orzo maltato)

vuoi vedere che gli ingredienti sono 4? :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
adesso il birraio artigiano cerca di fare un po' di chiarezza, spiega la differenza tra birra artigianale e quella industriale...

Share this post


Link to post
Share on other sites
è una analisi socio-economica interessante secondo me.... nel periodo di "ristrutturazione"/sviluppo economico è ovvio che nel mercato vince chi sa imporre un prodotto al minor costo (di produzione e d'uso).... una azienda che oggi definiamo artigianale inevitabilmente in un periodo del genere è costretta a una scelta ben precisa: adeguarsi alle logiche imposte dal mercato o crearsi uno spazio nel quale proseguire (magari nel piccolo) la sua attività ...
al giorno d'oggi in italia oramai l'offerta è notevole per cui si fa largo come concetto quello quanlitativo

è un pò come succede in cina (non vuol dire cina= italia di quache decennio fa)... chi si sognerebbe di aprire oggi a shangai un birrificio artigianale e proporre birra ad un prezzo triplo di quella industriale... sarebbe assurdo

Share this post


Link to post
Share on other sites
qualcuno dica a di pietro e al presidente di assobirra che la cecoslovacchia non esiste più.

dopo di questa vado in pausa.
Esco, vado a bere.
Poi riprendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
un medico parla delle proprietà  benefiche del luppolo.
poi un po' di di pietro show, vado avanti...

si torna alla birra, abbinamenti:[i]"con la polenta al forno con i funghi porcini ci vuole una birra adeguata, un'abbazia"[/i]
alla fine si parla di etichette e di ingredienti e spunta fuori il granturco...

fanno vedere come si versa la birra e si parla di bicchieri...
un esperto dice che la pinta equivale a 0,4 (la pinta inglese è 0,57 litri)
fanno vedere anche un TeKu
fine

Share this post


Link to post
Share on other sites
ciao a tutti!

ieri sera anch'io ho visto il programma in streaming.

premesso che detesto questo genere di trasmissioni in cui il presentatore vuole essere un tuttologo e interrompe di coninuo l'interlocutore di turno, è un fatto che si parli di birra artigianale ("non pastorizzata", ormai filtrano tutti?) come fenomeno emergente.

l'informazione che passa è comunque superficiale e approssimativa, come già  evidenziato da velle.

la cosa che mi ha più colpito è la sicumera del rappresentante Assobirra nel presentare la birra industriale come prodotto di assoluta qualità ...

chi è Massimo Serra, presentato come birraio artigianale?

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]ab62 ha scritto:

ciao a tutti!

ieri sera anch'io ho visto il programma in streaming.

premesso che detesto questo genere di trasmissioni in cui il presentatore vuole essere un tuttologo e interrompe di coninuo l'interlocutore di turno, è un fatto che si parli di birra artigianale ("non pastorizzata", ormai filtrano tutti?) come fenomeno emergente.

l'informazione che passa è comunque superficiale e approssimativa, come già  evidenziato da velle.

la cosa che mi ha più colpito è la sicumera del rappresentante Assobirra nel presentare la birra industriale come prodotto di assoluta qualità ...

chi è Massimo Serra, presentato come birraio artigianale?
[/quote]
concordo.

il presidente di assobirra è fermo a qualche decennio fa: sulla birra, sulla geografia, sugli ingredienti poi... a qualche centenario (il lievito? caxxo)

era evidente che il presentatore non aveva studiato abbastanza il prodotto della giornata.

il servizio esterno (bolzano) era molto televisivo, cmq apprezzabile.

il birraio artigiano Massimo Serra, nei pochi secondi che gli sono stati concessi, è stato molto preciso e ha cercato di spiegare cos'è la birra artigianale (definizione tecnica e teorica).

PS: delle volte ho come il sospetto che chi cura l'immagine e la promozione della "birra industriale" conosca solo superficialmente il prodotto birra...

[quote]
chi è Massimo Serra, presentato come birraio artigianale?
[/quote]
potrebbe essere il birraio del neonato birrificio Turan

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]velleitario ha scritto:

presidente assobirra:
...se mi permette, siccome qui vedo birra industriale e birra artigianale, vorrei ricordare che le birre industriali sono le birre artigianali che qualche decennio fa hanno vinto la guerra...[/i]

che cosa vuol dire?

[/quote]

provo a dare un'interpretazione.

Decenni fa la gente si faceva la birra in casa e la birra industriale
- nel senso come la intendiamo noi oggi con milioni di ettolitri venduti in un anno solo in Italia -
non aveva ovviamente la stessa diffusione (e produzione) dei giorni nostri.

Quindi vi e' stata un'evoluzione delle birre artigianali e, fra le tante che si facevano "concorrenza", solo alcune sono riuscite ad emergere sul mercato ed a diventare "finalmente" BIRRE INDUSTRIALI.

ciao
Massimo

P.S. Massimo Serra e' un Rappresentante di Commercio di Impianti per la produzione di birra.
Essendo per motivi di lavoro in questo settore, potrebbe senz'altro aver acquisito un'esperienza nel settore che gli permetta di presentarsi in una trasmissione televisiva senza fare brutta figura.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]velleitario ha scritto:
[quote]
chi è Massimo Serra, presentato come birraio artigianale?
[/quote]
potrebbe essere il birraio del neonato birrificio Turan
[/quote]
[url]http://www.facebook.com/photo.php?pid=4360574&id=45197171948&l=db8aee9a5f[/url]
l'accendiamo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]ab62 ha scritto:

ciao a tutti!

ieri sera anch'io ho visto il programma in streaming.

premesso che detesto questo genere di trasmissioni in cui il presentatore vuole essere un tuttologo e interrompe di coninuo l'interlocutore di turno, è un fatto che si parli di birra artigianale ("non pastorizzata", ormai filtrano tutti?) come fenomeno emergente.

l'informazione che passa è comunque superficiale e approssimativa, come già  evidenziato da velle.

la cosa che mi ha più colpito è la sicumera del rappresentante Assobirra nel presentare la birra industriale come prodotto di assoluta qualità ...

chi è Massimo Serra, presentato come birraio artigianale?
[/quote]

però vedi l'artigianale americana molto spesso è pastorizzata eppure è considerata una gran birra ...
insomma cosa si intende per artigianale.

per me l'artigianale deve essere non pastorizzata e non micro filtrata punto.

almeno su questo tipo di concetto bisogna essere saldi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mah il link non funziona più ora ???? [:38]
Ero curioso di vedermi il servizio completo, ieri mattina girando per caso ho visto solo l'ultima parte.........

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]pistillone ha scritto:

però vedi l'artigianale americana molto spesso è pastorizzata eppure è considerata una gran birra ...
insomma cosa si intende per artigianale.

per me l'artigianale deve essere non pastorizzata e non micro filtrata punto.

almeno su questo tipo di concetto bisogna essere saldi.
[/quote]

sono d'accordo con te.

purtroppo il concetto di birra / birrificio artigianale è in continua evoluzione, significando tutto e niente...

adesso il "birrificio è artigianale quando ha almeno una valvola manuale" (sarà  quella del wc? - aggiungo io...:D )

Share this post


Link to post
Share on other sites
secondo me è proprio il termine artigianale ad essere sbagliato. "artigianale" e "industriale" dovrebbero riferirsi più che altro alla differenza di realtà  produttive, ai numeri, alla distribuzione, etc... e non alle modalità  di fare la birra (pastorizzata o meno, filtrata o meno).

anche perché alcune realtà  che fanno birra "artigianale" stanno cominciando ad avere numeri più "industriali" ma ciò non toglie che la loro birra continui ad essere prodotta, anche se in maggiori quantità , con le stesse caratteristiche (non filtrata e non pastorizzata).

Share this post


Link to post
Share on other sites
secondo me il concetto di birra artigianale sta diventando sempre più astratto...

oramai siamo lontani dalla definizione giuridica di impresa artigianale,
se lo vogliamo ricondurre la definizione "artigianale" al prodotto allora ci vuole un disciplinare rigido, nel senso che non posso cambiarlo secondo le esigenze delle imprese... (prima era non filtrata, ora si, almeno che vengano stabiliti i parametri di microfiltrazione). Oppure qualcosa tipo CAMRA...

poi, come dici pistillone ci sono prodotti americani, belgi, ecc ecc che vengono definiti artigianali ma sono lontani da tale concetto per volumi e non solo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]source ha scritto:

secondo me è proprio il termine artigianale ad essere sbagliato. "artigianale" e "industriale" dovrebbero riferirsi più che altro alla differenza di realtà  produttive, ai numeri, alla distribuzione, etc... e non alle modalità  di fare la birra (pastorizzata o meno, filtrata o meno).

anche perché alcune realtà  che fanno birra "artigianale" stanno cominciando ad avere numeri più "industriali" ma ciò non toglie che la loro birra continui ad essere prodotta, anche se in maggiori quantità , con le stesse caratteristiche (non filtrata e non pastorizzata).

[/quote]


insomma
baladin ha l'impianto più grosso d'Italia e mi pare sia 5000 litri, non è piccolo ma neanche paragonabile ai mostri americani.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]oramai siamo lontani dalla definizione giuridica di impresa artigianale,
se lo vogliamo ricondurre la definizione "artigianale" al prodotto allora ci vuole un disciplinare rigido, nel senso che non posso cambiarlo secondo le esigenze delle imprese...[/quote]

d'accordissimo!

[quote]Oppure qualcosa tipo CAMRA...[/quote]

magari!!

pure io odio questi pogrammi che, invece di fare luce e spiegare alla gente che la moretti fa schifo e la vera birra è un'altra cosa, fanno solo casino!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...