Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Christian A.

Not English IPA

Recommended Posts

Ciao a tutti,

avendo avanzato diversi chili di Vienna della Weyermann, vorrei sfruttarli per fare i primi (secondo in realtà) test di IPA e, ovviamente, dato che vorrei fare una English IPA, userò un Cascade :lol: (ironico.. avanzava anche lui).

Nel test precedente avevo usato un Hallertauer Mitt. per Amaro (tonnellate) + Cascade 4g/l 7gg in dry hop + US05 (non mi fido con 24 gradi a mettere l'S04), protein rest di 15 (che ha reso nullo il livello di schiuma) .. risultato: birra asprigna con sapori agrumati fruttati e aroma medio blando, sempre agrumato (a mio personale gusto, non buona). 

Domani, salvo intervento divino, vorrei provare a fare una nuova cotta, con pochi ingredienti, così impostata:

4.8Kg Vienna + 0.2Kg Caraamber con Mash in 23l a 68° * 70 min BIAB no sparge (OG desiderata 1.058)

Bollitura 60 Min con Cascade :

35g 60min + 10g 20min + 25g 10min

Passaggio in fermentatore con 6kg di acqua ghiacciata  che ho già preparato (non odiatemi, è la prima prova che lo faccio): purtroppo fino ad oggi ho fatto raffreddare in vasca con acqua fredda aspettando finanche 3/4h prima di scendere sotto i 30g e no nposso attaccare la serpentina ai rubinetti domestici. (spero di cambiare casa a breve)

Lievito US05 

Travaso in altro fermentatore dopo i primi 7gg

In bottiglia dopo altri 7gg o a FG stabile (Desiderata 1.012)

Carbonazione 2,9 vol CO2 - teoricamente 6.5g/l (su 20l finali)

 

Cosa ne pensate ? Ci tengo a ribadire che vuole essere un ennesimo test per diversi aspetti tra cui:

-schiuma (ennesimo test mannaggia a lei)

-ghiaccio in fermentatore (prima volta)

-bilanciamento luppoli e note aromatiche (solo recentemente ho iniziato a considerarle con attenzione)

Speriamo comunque in una buona IPA

Spero di aver messo tutti dati :unknw: 

Grazie in anticipo per la vostra opinione

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao! Scusa non ho capito una cosa, i 6 kg di ghiaccio sono NEL fermetatore? Occhio perché in questo modo diluisci il mosto, quindi di cambia l'og e l'amaro. Non è un errore, ma devi tenerne conto...

Per quanto riguarda la schiuma, non è il proteine rest di 15 Min che te la distruggere, fidati... Piuttosto la causa potrebbe essere una fermentazione non controllata... 24 gradi sono tanti anche per l'us-05, meglio farlo lavorare sui 18/20...

Ultima cosa, per la ricetta nuova, di quanti litri stiamo parlando?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco, forse ho tralasciato un dettaglio importante: parto con 23 litri in ammostamento e 19,2 pre boil, concludendo con 22 nel fermentatore (considreando i +6 di ghiaccio nel totale dei 22)

Per il protein rest, considera che ho avuto problemi di temperatura (stavo testando una piasta da 1500W per la prima volta.. addio) e la curva fino a 65/68 si è estesa per parecchio tempo..

Purtroppo non ho modo di scendere sotto quelle temperature non avendo ambiente controllato o condizionato (uso la cantina interrata che almeno non ha molti sbalzi), visto anche il caldo selvaggio :unsure:

non c'è un lievito in grado di lavorare in un range più alto ? leggendo in giro ho sempre trovato solo lo 05..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sinceramente mi sento di sconsigliarti di raffreddare con ghiaccio diretto perchè fai diluizione e quindi il mosto che prepari pre diluizione è una alta OG (con tutte le problematiche di drop di efficienza che comporta). Prova invece a dare un occhio alle tecniche no cool (soprattutto se finisci sui forum australiani le usano in tanti, ma anche qui se non ricordo male trovi qualche esperienze di chi ci aveva provato)

18 minutes ago, Christian A. said:

non c'è un lievito in grado di lavorare in un range più alto ? leggendo in giro ho sempre trovato solo lo 05..

beh... la risposta è semplice...  c'è ed una grossa famiglia di lieviti che sono i kveik. Ok... non sono la panacea di tutti i mali (come alcuni dicono), ma soprattutto se hai problemi a tenere la temperatura sono una manna del cielo. lavorano tra i 18 e i 38 gradi 
Ce ne sono vari ceppi... Su un ipa andrei di Lutra o di Hornidall (sono i due un po' più neutri)... ma dato che hai l'agrumato del cascade la nota di marmellata di arancia di un Voss potrebbe star bene, 

p.s. vero che ho lavorato in pressione ma con il lutra c'ho fatto una helles e 32 gradi... e a parte un po' di DMS (ma quello son pirla io che faccio 30 di boil su un bohemian pilsner come base...) è uscita molto pulita. Piccola nota a margine era ad FG in 2 giorni dal pitch...

Edited by T.Rex
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quoto in tutto @T.Rex, ma ti consiglio in ogni caso di procurarti un vecchio frigo da adibire a camera di fermentazione... Ti risolvi in toto tutti i problemi di fermentazione 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tornando alla ricetta, la vedo un po' scarica in aroma... Diminuisci la gettata a 60 e aumenta le altre 2... Tra quella a 20 e quella 10 (che sposterei a 15 e 5) sei a 1,5g/l... Per una IPA 2g/l sono il minimo sindacale!:D

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minutes ago, T.Rex said:

beh... la risposta c'è ed una grossa famiglia di lieviti che sono i kveik. Ok... non sono la panacea di tutti i mali, ma soprattutto se hai problemi a tenere la temperatura sono una manna del cielo. lavorano tra i 18 e i 38 gradi 
Ce ne sono vari ceppi... Su un ipa andrei di Lutra o di Hornidall... ma dato che hai l'agrumato del cascade la nota di marmellata di arancia di un Voss potrebbe star bene, 

Grazie! li tengo in considerazione per i prossimi acquisti :good:

 

Per il ghiaccio mi aspettavo avesse anche delle controindicazioni (non avevo pensato alla perdita di eff. dovuta alla densità troppo elevata), ma per questa volta ritengo opportuno provare, almeno per esperienza personale.

Prendendo però atto del tuo consiglio, provo a rivedere la ricetta cercando di scendere ad un ABV di 4+ (invece che 5.4), abbassando anche la OG (a 1.040) e passando a una "session" (con correzione dei luppoli a 20g 15g 15g )

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minutes ago, Blackbread said:

Tornando alla ricetta, la vedo un po' scarica in aroma... Diminuisci la gettata a 60 e aumenta le altre 2... Tra quella a 20 e quella 10 (che sposterei a 15 e 5) sei a 1,5g/l... Per una IPA 2g/l sono il minimo sindacale!:D

OK, non sapendo come comportarmi con i luppoli vado sulla fiducia :lol: 

25g 60 min

25g 15 min

20g 5 min

ABV 4% OG 1.043 IBU 40 BU/GU 0.92 è un problema un valore di rapporto così alto ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se ti piace amara va bene così, se no stai sul rapporto bu/gu intorno a 0,75/0,8

dry hop lo fai?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Niente Dry Hop, ho avuto risultati discutibili in fatto di profumi e gusti. preferisco per questa volta testare i soli risultati ottenuti con la bollitura. Lo riproverò in futuro, se otterrò prima risultati stabili senza. 
L'amaro non mi dispiace , ma non vorrei ottenere il risultato "Only" amaro, che ho sentito su alcune artigianali e.g.: "Calypso" del birrificio Valcavallina, con il rischio di coprire qualsiasi altra cosa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche io non sono un fan del dry hop... Cmq allora se non la vuoi troppo amara togli qualche grammo dalla gettata a 60 fino a scendere ad un rapporto di 0,75 e quei grammi che risparmi aggiungili alla gettata a 5 Min. In pratica togli amaro e aggiungi aroma!;)

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

aggiungo come consiglio quello che di provare un po' di hopstand a 70-80 grammi per una 20ina di minuti

aumenta un po' le ibu estratte ma lato aromatico è interessante

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao @T.Rex, troppo tardi purtroppo, ho lasciato dentro i luppoli dopo aver spento il fuoco per altri 15 min ma tanto.. la cotta è finita nello scarico.

Purtroppo mi son distratto in fase di ammostamento e (non so assolutamente spiegarmelo) negli ultimi 20 min c'è stato un decollo di temperatura a 78° (credo per tutti i 20 minuti).

probabilmente si è formata una sacca di calore sotto alla sacca o tra sacca e trebbie, oppure la valvola del fornello è impazzita.. sta di fatto che me ne sono accorto solo quando avevo già tolto le trebbie purtroppo (mea culpa).

Ho portato avanti il tutto sperando fosse durato poco, ma l'OG post bollitura / raffeddamento non mentiva: 1.029 (acqua sporca)

Almeno ho testato il Ghiaccio:

PRO: Temperatura mosto, lasciato prima a fuoco spento per 15 min con coperchio, scesa a 36 gradi in 25 minuti (oggi ne ho 35 in casa) + la pentola pesa meno da spostare

CONTRO: non facendo raffreddare in pentola non si riesce a depositare lo scart osul fondo, mosto molto torbido + mosto diventato stranamente scuro appena entrato in contatto col ghiaccio (tipo ossidato in toni di grigio), ma magari era solo una mia percezione.

Ridiamoci sopra.. almeno ho salvato una bustina di lievito..:sorry:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non hai misurato l'OG preboil? Avresti potuto ricalcolare l'amaro per tirare fuori una sorta di session IPA... Oppure potevi prolungare la bollitura, avresti avuto meno litri, ma più concentrati! Lavandinare tutto mi sembra eccessivo.... anche perché sono ore di lavoro, non pochi minuti!:unknw:

Share this post


Link to post
Share on other sites

capisco un po' di scoramento, ma mi accodo a black beard.

La stratificazione in BIAB e' un rischio abbastanza classico, soprattutto quando hai un mash abbastanza denso. Due soluzioni rapide e a basso costo

  1. una pompetta di ricircolo (ai tempi andavano le solar project che era pompette food grade usate nei sistemi fotovoltaici che costavano veramente poco, un metro o 2 di tubo in silicone e un rubinettino da usare per gestire il flusso )
  2. posizionare due sonde di temperatura (una in testa e uno a fondo) almeno tieni d'occhio il delta

Lato ghiaccio... resto su quello che ti dicevo prima... ti incasina la vita veramente tanto (poi sul fatto che il ghiaccio dovrebbe comunque essere acqua ricca di ossigeno entriamo nella querelle delle teorie dell'ossigenazione a caldo... ma su questo argomento si iniziano ad aprire scontri tra posizioni ideologiche diverse) . Una serpentina inox o rame che sia ti consiglierei di costruirtela (trovi si qui che in altri lochi in rete dei tutorial per farsela partendo da del tubo di rame con tecniche diverse per come piegarlo) o acquistrla ( se vuoi stare su scelte budget, prova a sbirciare la sezione mercatino qui oppure su fb trovi gruppi di compro/vendo materiale da hb... in alternativa c'e sempre anche la cina)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avete perfettamente ragione, purtroppo però:

  • non avevo il tempo materiale per recuperare: ad oggi utilizzo il fornello della cucina, che a malapena mi porta il mosto a sobbollire (e mai bollitura vigorosa), quindi avrei dovuto aspettare almeno 3/4 ore per perdere tutto quel volume di acqua (tempo che no navevo).
  • la pompa l'ho comprata di recente, per travasi alimentari ad alte temperature, peccato che non sia riuscito ad utilizzarla (non adatta al ricircolo e sopratutto a piccoli volumi e su un fusto solo - necessita anche di pre-riempimento dei tubi in quanto non ha potenza a suff. per aspirare (diametro tubi 2cm..), ma acnche così no nsembra reagire bene alla risalita dei liquidi dalla pentola .. incauto acquisto: la rivenderò)
  • BONUS : dovevo capire che non era la giornata giusta per la cotta: 7:30, tutto pronto, accendo il Ph-metro... Rotto , probabilmente la circuiteria è andata , segna valori a salire o scendere a caso e solo con determinate inclinazioni.. non reagisce al contatto con acqua, non accetta il comando di reset (per la taratura).. insomma, da buttare.. (l'ho sempre trattato come un vetro di murano; mai sopra il livello massimo, sempre ripulito e tarato con i suoi prodotti specifici, nessuno scossone o sbalzo di calore)

in ogni caso, non ho scusanti, si poteva salvare in mille modi lo so.. ma questa volta mi sono arreso.

Più che per il tempo di lavoro mi spiace di aver sprecato 4+ Kg di malto e 20 litri di acqua di rete + 4 bottiglie di acqua + Luppolo 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...