Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Recommended Posts

salve a tutti, sono in procinto di acquistare il mio primo kit ed iniziare a fare birra in casa, ma conoscendomi sono una persona molto precisa e non amo fare le cose un po a casaccio, infatti ho letto un po di discussioni ed ho capito che altre alla sanitizzazione  degli strumenti ed il lievito che deve lavori a temperature "costanti" sono fattori fondamentali, quindi ho iniziato a cercare un posto stabile  ed ho trovato 2 possibili zone dove potrei posizionare i fermentatori. il promo in un angolo in salone, dove  la temperatura nelle ore diurne risulta essere sui 21 gradi, di notte dovrebbe scendere di 2 gradi massimo. L'altro  è in cantina dove le temperature risultano essere molto più rigide, 15 sulle diurne e 9 per le notturne, dove e come potrei far mantenere la temperatura del mosto stabile ? ovvero come potrei diminuire al massimo lo scambio termico tra recipiente del mosto ed ambiente circostante ? diminuire lo scambio termico tra fermentarore ed ambiente porterà ad un innalzamento della temperatura eccessivo dovuto allatto della fermentazione?

scusate se risulto essere paranoico ma odio fare le cose alla carlona. 

un saluto denny

Share this post


Link to post
Share on other sites

la temperatura di fermentazione può essere controllata con un frigo collegato ad un termostato e fascia riscaldante.

In casa, con temperatura 19-21°C puoi avere buoni risultati, magari non ottimali (ad esempio, con un lievito "multiuso" come US05); differenze tra 9 e 15°C sono eccessive.

Lo scambio termico tra fermentatore e ambiente è il modo nel quale funziona il frigorifero, il problema è dissipare l'eccesso di calore durante la fermentazione tumultuosa.

Opinione personale, quando riuscirai a distinguere birre fermentate con un certo lievito a 19 invece che a 21, sarai mooolto avanti :D

CIao

Mario

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Denny

anche io avevo il tuo stesso problema, la temperatura costante, però ho notato che l'inerzia termica ci mette del suo, ovvero se fai cotte da 23 lt la temperatura del mosto si abbassa o si alza molto lentamente, a differenza dei kit più piccoli. inizialmente andavo a "pata verta" ovvero senza nessun tipo di correzione, poi ho comprato una fascia riscaldante e qualcosa è migliorato. Adesso mi sono munito di frigorifero(ancora non è controllato da un termostato) e tra fascia e frigo resta abbastanza stabile. Questo però in inverno, adesso che arriva il caldo se devi raffreddare diventa un problema. Se vuoi iniziare per provare vai con un kit ad alta fermentazione(scegli tu ma niente pilsener/lager o bock) e vedi come si comporta. Non so dove abiti ma qui da me(nord Piemonte) per adesso non è un problema.

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie mille per le vostre risposte, l'inerzia termica l'avevo presa in considerazione e per questo mi tranquillizzava un po di più, attualmente (casa dei miei in molise) non ho molta paura delle temperature elevate in quando sono a circa 700 metri slm, mentre casa dove sono attualmente in affitto per  sta a circa 150 m slm. A questo punto credo che la locazione migliore sia casa dei miei per ora. grazie mille  per le risposte. mi sento più tranquillo 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, se non hai possibilità di raffreddare il mosto è meglio scegliere un posto più fresco e con una fascia riscaldante da 25 euro te la cavi. Però se non abiti li devi demandare qualcuno per tenere sott'occhio la temperatura.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×