Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Recommended Posts

Hai sbagliato sezione e non hai scritto niente di sensato

 

Inviato dal mio POT-LX1 utilizzando Tapatalk

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho trovato su internet un sito che vende spillatori che raffreddano birra senza l’uso della co2 ma hanno l’attacco keykeg dove ho scritto qualcosa di non sensato?poi sono nuovo in questo forum e non sapevo dove scrivere..ti avrò toccato il nervo scoperto per ricevere una risposta così da lei


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

A prescindere dal fatto che sia o meno il posto giusto per postarla... non si capisce bene la domanda.. cosa chiedi in particolare?

La CO2 non si usa per raffreddare ma per “spingere” la birra fuori dal fusto senza ossidarla... i keykeg sono fusti monouso in plastica con all’interno un sacco... la birra viene messa all’interno del sacco in modo che il gas di “spinta” non vada a contatto con essa, in questo modo si può utilizzare della semplice aria compressa per spillarla...

Ma il raffreddamento deve comunque essere fatto a prescindere da che gas usi se vuoi la birra fredda...

Se posti il link di quello che hai trovato sicuramente sarà più chiaro..


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

È stato chiarissimo!!sono un po’ inesperto nel campo della birra e mi dicono che se uso uno spillatore con keykeg la birra mi dura di piu(ho paura di ossidarla)ma ho altrettanta paura di non trovare fusti nel mercato comuni visto che è un tipo di fusto particolare..ho paura esistono solo alcuni tipi di birra molto particolari e cari


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se poi un moderatore sposta nella sezione giusta viene fuori una cosa fatta bene@velleitario

Inviato dal mio POT-LX1 utilizzando Tapatalk

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se poi un moderatore sposta nella sezione giusta viene fuori una cosa fatta bene[mention=7237]velleitario[/mention]

Inviato dal mio POT-LX1 utilizzando Tapatalk


L'ho messo in post imbottigliamento. Va bene? Dove la posso parcheggiare?

Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma la domanda che mi sorge spontanea è?
Come mai un home-brewer dovrebbe usare i keykeg? O comprare un keykeg di birra già pronta?


Presumo quindi tu voglia aprire un qualche tipo di attività.. In tal caso questo non è il posto giusto dove chiedere.. Siamo un forum di appassionati e non un sito di consulenza.. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah ok scusatemi pensavo sapevate qualcosa in più di me..sono un amante della birra che ha già un bar e volevo solo un’informazione


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti non capivo se eri interessato all’acquisto o alla produzione...

Comunque per farla breve i keykeg sono molto utili la dove si ha un impianto di spillatura lontano dalla cella dove si tengono i fusti..
Questo perché avendo una tubazione più lunga la pressione di spinta che bisogna applicare alla birra deve essere maggiore e quindi si rischia di sovracarbonare la birra stessa..

Le celle per norma di legge devono essere a 4 gradi quindi a quella temperatura per non sovracarbonare bisognerebbe tenere la pressione di CO2 a circa 0,6/0,7 bar per avere nella birra circa 4,5g/L di CO2... ma con quella pressione se appunto la linea è lunga non riesce ad arrivare e quindi si è costretti a tirare su la pressione a molto di più... 1/1,5bar... a quella pressione ed a 4 gradi nella birra dopo un giorno o due si avranno dai 6 ai 7 g/L di CO2 facendo diventare la spillatura molto ostica per via della schiuma ed avendo anche una birra non al top per via della troppa CO2 disciolta...
Con i keykeg questo non avviene proprio perché essendo la birra all’interno del sacco e quindi non a contatto con la CO2 la carbonazione rimarrebbe costante ed immutata come quella dell’infustamento...

Il keykeg ha questo vantaggio oltre al risparmio sul gas di spinta, perché basterebbe un compressore e non dovresti acquistare CO2 alimentare ed in più avresti una birra più stabile dal punto di vista della carbonazione...

di contro invece ha il fatto che la birra in quei fusti costa decisamente di più...

Se hai un impianto di spillatura dove i fusti sono vicino alle spine e quindi puoi tenere le pressioni basse o hai un consumo di birra tale da non lasciare lo stesso fusto attaccato per più di un giorno l’opzione con l’utilizzo del fusto classico è una valida scelta e penso anche un buon risparmio... in più credo che avresti anche una più ampia scelta sul tipo di birra perchè non tutti i produttori mettono a disposizione i keykeg..

Comunque come ti è stato detto prima questo è un forum di obbisti... qua potrai trovare solo consigli e pareri... anche ottimi... ma per fattori di vero e proprio business sarebbe meglio chiedere a qualche professionista fidato del settore che per la tua attività è di sicuro meglio...


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×