Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
ale-75-homeb

aiuto x ricetta IPA/APA con luppoli rimasti in freezer

Recommended Posts

28 minutes ago, andrea75 said:

Con una densità così alta secondo me aumenta il rischio di avere problemi in fermentazione. Io diluirei. O ti vuoi bere una birra da 12 gradi?

Avendo calcolato il pitch rate del lievito su più litri, in teoria non dovrebbero esserci problemi di quantità di lievito, e l'US-05 come tolleranza alcolica dovrebbe reggere una OG 1.090. 

 

7 hours ago, ale-75-homeb said:

Mah, dopo avere assaggiato il mosto che ho messo nel densimetro, ho quasi la certezza che sia maledettamente amara!

Se non ci sono controindicazioni a farla fermentare così io per ora non diluisco.

Ma perchè secondo te diluire è una stupidaggine? quello che mi preoccupa sono i luppoli: calcolati per 65 litri!

 

Beh hai anche più zucheri quindi qualcosa che ti bilancia i luppoli c'è. L'amaro della birra sale ma comunque non dovresti essere così fuori scala.

Sul diluire dopo… boh è forse una mia fisima… considera che aggiungendo acqua vai ad ossidare comunque, cosa che su una birra focalizzata sul luppolo non è il massimo.

 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
9 hours ago, T.Rex said:

Avendo calcolato il pitch rate del lievito su più litri, in teoria non dovrebbero esserci problemi di quantità di lievito, e l'US-05 come tolleranza alcolica dovrebbe reggere una OG 1.090.

Ecco, ne imparo sempre una nuova! non davo minimamente peso al fatto che il lievito, salendo la gradazione, potrebbe rallentare e bloccarsi? (e poi magari ripartirmi nel fusto quando diluisco e abbasso la gradazione?)

Per il pitching avevo già preparato 3 buste di us-05 in un po' di acqua bollita e raffreddata... e ce le ho buttate tutte e 3...

Quindi ora ti chiedo quale opzione sceglieresti:

-opzione 1: arrivo almeno a 50 litri nel fermentatore aggiungendo acqua dal rubinetto del fermentatore per non ossidare (prima lo candeggio a dovere ovviamente!). Poi valuterò se mi piace così o se arrivare ai 65 litri previsti lavorando a livello di fusti: metto acqua nel cornelius, saturo di CO2, travaso la birra dentro. (dici che si ossida anche facendo così?)

-opzione 2: lascio tutto così e poi, nel caso mi faccia schifo l'imperial ipa, diluisco nei cornelius fino ad arrivare a 65 litri previsti col metodo sopraddetto.

Grazie per la pazienza! purtroppo quando credo di avere sperimentato tutti gli errori possibili.... ne invento dei nuovi! credo che potrei scrivere un libro su tutti gli errori che ho fatto facendo AG: verrebbe fuori un volume di un centinaio di pagine!

Ciao,

Alessandro

 

Edited by ale-75-homeb

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io dovessi diluire lo farei il prima possibile..

Per fermentazione, non ti preoccupare che ce la fa tranquillamente..

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

il problema dell'ossigeno non è tanto nello splashare ma quanto nell'ossigeno disciolto nell'acqua che vai ad introdurre. Per diminuire l'impatto potresti bollire e raffreddare l'acqua che vai ad imettere

personalmente io non diluirei… ogni tanto una "BIG" beer ci sta e una imperial ipa se ben bilanciata è un gran bere.

Ovvio se l'idea è quella di una birra estiva "easy" da grigliata, vai e diluisci ( e in quel caso concordo con tyrion che sia meglio farlo il prima possibile, con una fermentazione vigorosa in corso assorbi in fretta l'ossigeno disciolto).

Se invece l'idea di sperimentale qualcosa di diverso ti intriga… Anzi seguendo la strada dell'imperial IPA valuterei un 3-4gr litro di DH, che su una birra così ci vuole.

 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Bene, grazie ad entrambi!

Per colpa vostra mi andrò a cimentare in qualcosa che neppure potevo immaginare fino ad un ora fa, ma in effetti l'errore originario è mio e, senza suggerimenti, nella cacca sarei!

...io una IPA IMPERIALE non so cosa sia e per certo non l'ho mai bevuta (però adoro le IPA "non imperiali")!

Farò così: domani (seconda giornata di fermentazione, vigorosa, a 19 gradi circa dentro al fermentatore) tiro fuori dal fermentatore 17 litri sfruttando la "spinta" data dalla fermentazione: Li tiro fuori piano piano "assecondando" la produzione di CO2, per non immettere ossigeno nel fermentatore da cui prelevo. Li immetto in un cornelius "caricato" a CO2 per non ossidare nulla (o in un qualunque fermentatore "caricato" in qualche modo a CO2... devo riflettere un po' sul da farsi).

I restanti 20 litri li vado a diluire, passando dal rubinetto del fermentatore (che ormai ho sanitizzato a dovere nel passaggio precedente) per non splashare, e sperando che i lieviti si mangino alla svelta tutto l'ossigeno (sono in seconda giornata di lavoro) e si riproducano a dovere per produrre la suddetta IPA da grigliata... che era il progetto originario ahimè!

Un progetto ambizioso.... Poi dopo mi aiutate a gestire l'IPA IMPERIALE.... dovrà maturare un po' immagino... boh!

Ciao e grazie,

Alessandro

 

Edited by ale-75-homeb

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla fine, cambiando i dati dell'acqua nel software viene fuori così:

640104843_Doubleipa.thumb.jpeg.9e4d0bc5aec722fd5342248ce3d5da85.jpeg

Con una OG che nella realtà è risultata 12 punti inferiore (sob)....

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 hours ago, ale-75-homeb said:

Bene, grazie ad entrambi!

Per colpa vostra mi andrò a cimentare in qualcosa che neppure potevo immaginare fino ad un ora fa, ma in effetti l'errore originario è mio e, senza suggerimenti, nella cacca sarei!

...io una IPA IMPERIALE non so cosa sia e per certo non l'ho mai bevuta (però adoro le IPA "non imperiali")!

Farò così: domani (seconda giornata di fermentazione, vigorosa, a 19 gradi circa dentro al fermentatore) tiro fuori dal fermentatore 17 litri sfruttando la "spinta" data dalla fermentazione: Li tiro fuori piano piano "assecondando" la produzione di CO2, per non immettere ossigeno nel fermentatore da cui prelevo. Li immetto in un cornelius "caricato" a CO2 per non ossidare nulla (o in un qualunque fermentatore "caricato" in qualche modo a CO2... devo riflettere un po' sul da farsi).

I restanti 20 litri li vado a diluire, passando dal rubinetto del fermentatore (che ormai ho sanitizzato a dovere nel passaggio precedente) per non splashare, e sperando che i lieviti si mangino alla svelta tutto l'ossigeno (sono in seconda giornata di lavoro) e si riproducano a dovere per produrre la suddetta IPA da grigliata... che era il progetto originario ahimè!

Un progetto ambizioso.... Poi dopo mi aiutate a gestire l'IPA IMPERIALE.... dovrà maturare un po' immagino... boh!

Ciao e grazie,

Alessandro

 

Io eviterei d'incasinarmi troppo la vita.. o diluisci tutto, o non diluisci niente..

Un'imperial ipa in realtà va bevuta abbastanza in fretta.. soprattutto se dryhoppi.. altrimenti i suoi profumi lì perdi..

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

 

Come dice tyrion sia imperial ipa che apa son birre da bere molto giovano, per godere del meglio dell'esplosività della luppolatura d'aroma.

Al contrario penso però che l'idea dello smezzarla può starci, in pratica fai "sorellona" e "sorellina" .

Personalmente lo sbattimento della saturazione di c02 nel travasare lo eviterei, Se fai scorrere bene il flusso a caduta con un tubo non ossigeni tanto di più che saturando l'ambiente con C02. Se hai paura dell'ossidazione come ti dicevo prima per me il rischio vero è l'ossigeno disciolto nell'acqua che metti, non quello che si crea dal salto d'acqua.

L'imperial ipa non è un grosso problema da gestire, la lasci attenuare bene gli fai un bel dh per 2-3 giorni, magari mentre raffreddi per far depositare il tutto e poi imbottigli o infusti.  Tempo una settimana o due e puoi iniziare a berla

Io con i tempi brevi esagero, ma si sa che preferisco decisamente le birre "teen" alle birre "milf" :p ma quando si parla di luppolate farle durare più di 3-4 mesi per me è un crimine

p.s. il drop di efficienza di 12 punti su una og così alta ci sta benissimo. Sopra l'1.080 stare sopra al 70% di efficienza non è cosa facile

Edited by T.Rex
  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene, mi avete convinto: questa notte procedo.

Grazie ancora ad entrambi per la pazienza e per le preziose informazioni!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piccolo aggiornamento dopo 11 giorni di fermentazione (la APA a 18 gradi circa, la IPA imperiale a 19 circa):

APA: da 1045 siamo scesi a 1013, la fermentazione sta rallentando. L'ho assaggiata e non mi dispiace anche se la componente fruttata è un po' inferiore alle aspettative, ma del resto i luppoli erano vecchiotti e io non ho tutto questo palato per giudicare (inoltre capisco che sia ancora molto presto).

I-IPA: da 1091 siamo a 1028. Questa qui è decisamente più complessa per il mio palato. L'alcool si sente già eccome (8 gradi e qualcosa), l'amaro anche ed è bello pronunciato però è già migliorato rispetto all'assaggio del mosto raffreddato, e come avevate giustamente previsto, in qualche modo è bilanciato (da cosa non so, ma lo è :)  ). L'aroma è anch'esso più complesso e intenso.

Che dire, sono molto soddisfatto dall'esperimento! quasi quasi lo ripeto per le prossime cotte :P, alla fine con una cotta sola ho due birre per due differenti "occasioni" ma con un profilo aromatico che comunque rientra nella mia sfera di godimento... ovviamente andrei a diluire appena raffreddato il mosto, così l'ossigenazione sarebbe solo d'aiuto!

Vedremo come evolvono...

 

Edited by ale-75-homeb

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×