Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Pie11

riflessione sull'impianto

Recommended Posts

Salve a tutti,

Stavo riflettendo su quale impianto comperare o farmi: dopo una decina abbondante di cotte, posso dire che mi diverto e che i risultati me li bevo volentieri. Quindi vorrei passare la birrificazione in cantina (per non ingombrare la cucina) e smettere di litigare con pentole troppo piccole sul fornello.

Ho in mente diverse opzioni:

1) klarstein mundschenk (o brewmonk come viene commercializzata qui) più scambiatore di calore a placche o controflusso.

Pregi: soluzione relativamente economica e compatta, siamo appena oltre i 500€. Inconvenienti: funzionamento per piccole cotte, qualità costruttiva non top, sparge da inventare.

2) grainfather

300€ più della klarstein, ma meglio costruita. Esiste il tubo corto per cotte piccole. Facile da pulire.

3) tre tini "bricolage"

Per il tino di cottura doppia secchia con rimescolatore meccanico. Per lo sparge tanica con resistenza. Per l'ebollizione: pentola elettrica in inox per sterilizzare le marmellate.

Pregi: il meno costoso, il più adattabile (es decozione), inconvenienti: richiede più spazio e tempo per farlo (di tempo adesso ne ho molto meno).

Avete qualche consiglio da darmi a riguardo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sul tempo coi tre tini non sono d'accordo... per cotte a bassa og sui 50 litri riusciamo a stare sotto le 6 ore da quando riempiamo pentole a quando mettiamo mosto in camera con tutto lavato e messo ad asciugare. Questo con malto già pesato e macinato il giorno prima e bevendo qualche birretta nel mentre :good:

Poi per me tre tini sempre e comunque! C'è un po' di ingombro in più ma fai tutto quello che vuoi senza troppa sbatta e ottieni un mosto pulito prima della fermentazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
24 minutes ago, EnzoR said:

Sul tempo coi tre tini non sono d'accordo... per cotte a bassa og sui 50 litri riusciamo a stare sotto le 6 ore da quando riempiamo pentole a quando mettiamo mosto in camera con tutto lavato e messo ad asciugare. Questo con malto già pesato e macinato il giorno prima e bevendo qualche birretta nel mentre :good:

Poi per me tre tini sempre e comunque! C'è un po' di ingombro in più ma fai tutto quello che vuoi senza troppa sbatta e ottieni un mosto pulito prima della fermentazione.

Credo si riferisse al tempo per costruire l'impianto.. :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

:rofl: mi metto a nanna presto stasera! :drinks:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per il messaggio. Effettivamente mi riferivo al tempo per costruire l'impianto.

Buona notte :drinks:

Edited by Pie11

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh dipende cosa vuoi fare... alcune cose puoi delegarle a chi fa pentole per esempio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque io anche propenderei per il tre tini..

Sia per una questione di soldi, sia perchè è l'unico a darti realmente libertà d'azione.. Mentre con gli altri devi sempre scendere a compromessi con l'og, i litri, la bollitura ecc ecc..

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minutes ago, Tyrion132 said:

Comunque io anche propenderei per il tre tini..

Sia per una questione di soldi, sia perchè è l'unico a darti realmente libertà d'azione.. Mentre con gli altri devi sempre scendere a compromessi con l'og, i litri, la bollitura ecc ecc..

Beh con il Klarstein da 50L di libertà d'azione ne hai se fai cotte da 20/25 litri..

Poi la gente se lo compra sperando di fare 50L finiti, ma non ha capito come funziona evidentemente :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
52 minutes ago, Tyrion132 said:

Appunto, non hai libertà di azione..

Beh il klarstein da 50L ti permette di lavorare fino a 10/11Kg di grani che sono più che sufficienti per tutte le ricette da 20/25L..

Se si compra il 50L nell'ottica di cotte da 20/25 litri la libertà di azione ce l'hai eccome, decidendo di lavorare in BIAP o con sparge..I limiti sono gli stessi che ti da una pentola da 40/50 litri usata in mash..

Poi per carità a volte rimpiango anche io il 3 tini, che ho rimpiazzato con il brewmonster..A livello di costo siamo lì (ovviamente facendo su un 3 tini semi-completo)..

 

Ah e leggo che hai nominato il tubo corto del grainfather: quello ce l'ha anche il brewmonster. Ne hai due di serie (uno lungo e uno corto che puoi usare insieme) e ce n'è uno ancora più corto (che penso sia lo stesso del grainfather, ma che non concepisco)..

Il brewmonster ha tanti difetti eh:

- Acciaio sottile

- Controller non PID ma on/off

- sistema del troppo pieno un pò ballerino

Ma è un sistema che costa meno del grainfather e a livello di all in one per me c'è quello o lo speidel (che però ha un costo altissimo)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche il GF con la centralina nuova non è un pid, ma ha un triac che sostanzialmente funziona tipo un ssr

 

Tre tini è ingombrante, ma fai davvero tutto. Tutto dipende da quanto vuoi fare grosso l'impianto e se lo vuoi fare a caduta o con una pompa

 

Per i sistemi di raffreddamento, ti consiglio un controflusso in acciaio per il tre tini

 

Per i biap, sempre e solo serpentina. Ti vai a complicare la vita e svuoti il portafoglio se intraprendi la via della piastra et simila.

 

Se non hai spazio: biap da 50 litri (sono tutti uguali, compra quello che ti costa di meno)

 

Se hai spazio, tre tini! E quando senti la gente smadonnare per fare mash reiterato per 20 litri cagati di barleywine dentro a un biap, riderai sotto i baffi

 

Inviato dal mio LG-D855 utilizzando Tapatalk

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, ilrost said:

20 litri cagati di barleywine dentro a un biap

Dipende sempre dall’impianto biap che hai...con il mio og 1.090 20 litri e ancora ho margine 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per tutti i consigli molto interessanti.

Il mio obbiettivo non è di arrivare a fare 20-30 litri in bottiglia (mi annoio a bere sempre la stessa e non sono un grande bevitore), ma 8-10. Per questo mi serviranno circa una 15 di litri di impianto.
Piuttosto che farne uno da 20 litri preferisco due da 10 e doppie cotte.
Se dovessi farmi un impianto tre tini sarebbe:
1°) doppia secchia di plastica per l'infusione, con il fondo della prima forato, un pò come il mio tino filtro attuale.
Riscaldamento fatto con due resistenze da 1000w per le fasi di riscaldamento, e a potenza ridotta per le fasi di mantenimento.
Rimescolamento meccanico fatto con una specie di forchettone in legno o in inox, montato su di un motoriduttore.
2°) Secchia sa 10-12 litri con resistenza 1kw e inkbird
3°) sterilizzatore per barattoli in inox o simile da 2kW o 2.5kW.
Costo del tutto poco sotto i 300€.
4°) raffreddamento controflusso o a piastre da definire.
Tutto che funziona a gravità e a braccia.
Che ne pensate?

Dei nuovi klarstein con pompa esterna che ne pensate? 400, un raffreddamento a controflusso o piastre e ci sono?
I 400€ in più del grainfather si giustificano?
Lo spidel è decisamente fuori budget.

Ps: un scr può essere pilotato con una regolazione di potenza. Anzi normalemnte si usa proprio per quello.

Envoyé de mon SM-G930F en utilisant Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Pie11 said:

Il mio obbiettivo non è di arrivare a fare 20-30 litri in bottiglia (mi annoio a bere sempre la stessa e non sono un grande bevitore), ma 8-10. Per questo mi serviranno circa una 15 di litri di impianto. 
Piuttosto che farne uno da 20 litri preferisco due da 10 e doppie cotte.

Allora brewmonster da 50l, non si sa mai qualche alta og, e sei apposto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Allora brewmonster da 50l, non si sa mai qualche alta og, e sei apposto
50 litri ?????

Envoyé de mon SM-G930F en utilisant Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto, il cestello da 50 litri ti permette di fare birre ad alta OG senza scendere a compromessi, con il riduttore puoi scendere fino a 1/3 dei litri (considera che in un cestello da 50 litri ne fai 46 a fatica, quindi puoi arrivare a fare 15 litri senza problemi

Se invece non ti interessano le birre ciccione, prendi un cestello da 30 litri e puoi farne 10/12 alla volta

Imho se vuoi fare cotte da 10 litri ti conviene prendere un cestello da 30, sicuramente più maneggevole

Inviato dal mio LG-D855 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours ago, ilrost said:

Esatto, il cestello da 50 litri ti permette di fare birre ad alta OG senza scendere a compromessi, con il riduttore puoi scendere fino a 1/3 dei litri (considera che in un cestello da 50 litri ne fai 46 a fatica, quindi puoi arrivare a fare 15 litri senza problemi

Non potevo dirlo meglio, io sono del parere meglio stare comodi, con 50 fai cotte da 10 a 35 litri con più libertà di azione poi lo sai tu quello che vuoi fare 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per le risposte.
Non penso che per fare una decina di litri un impianto da 50 sia ergonomico.
Oggi con un tino filtro fatto con due secchie da 12 (diciamo che saranno 15-16 litri al bordo) litri non sto particolarmente stretto.
Isolo il tutto arrotolandolo con due coperte di pile.
La cosa che non mi piace dei biap è non filtrare veramente il mosto e di trovarmi con qualcosa di molto torbido in ebollizione.

Perché mi sconsigliate uno scambiatore di calore a piastre?


Envoyé de mon SM-G930F en utilisant Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 minutes ago, Pie11 said:

Grazie per le risposte.
Non penso che per fare una decina di litri un impianto da 50 sia ergonomico.
Oggi con un tino filtro fatto con due secchie da 12 (diciamo che saranno 15-16 litri al bordo) litri non sto particolarmente stretto.
Isolo il tutto arrotolandolo con due coperte di pile.
La cosa che non mi piace dei biap è non filtrare veramente il mosto e di trovarmi con qualcosa di molto torbido in ebollizione.

Perché mi sconsigliate uno scambiatore di calore a piastre?


Envoyé de mon SM-G930F en utilisant Tapatalk
 

Se non erro in biap si ha la possibilità di fare un vero e proprio sparge..
Con tutti i limiti del caso, ma sicuramente filtri molto di più rispetto al biab.. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Birre limpide in bottiglia, provare per credere

Lo scambiatore a piastre è scomodo da a, necessita di una pompa ed è un'incognita quando ti si infetta qualcosa

Se sei mirato sui tre tini ti consiglio il controflusso in inox, alla meglio una serpentina ;)

Inviato dal mio LG-D855 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 hours ago, Tyrion132 said:

Se non erro in biap si ha la possibilità di fare un vero e proprio sparge..
Con tutti i limiti del caso, ma sicuramente filtri molto di più rispetto al biab.. :)

E' uno sparge un pò farlocco (le trebbie restano esposte e ci passa l'acqua in mezzo), ma sicuramente ha la sua utilità..Io lo faccio solo quando ne ho voglia o sono costretto dalle dimensioni della pentola..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tre tini o biap... è la domanda.
Oggi faccio tre tini con un pentolone per l'acqua calda, un tino filtro fatto con due secchie e una coperta di pile, un pentolone da 10 litri per la bollitura.
Mi sono fatto prestare una serpentina una volta, ma ha messo più tempo a raffreddare che mettere il pentolone in una secchia di acqua e ghiaccio.
Penso che vada bene per chi ha l'acqua dell'aquedotto ben fredda, e non è il mio caso nelle giornate calde.

Dei tre tini sono soddisfatto dei risultati e della flessibilità (infusione o decozione) del biap mi piace la compattezza e la possibilità di automatizzare parte del processo.

Per il momento cerco di capire di più vantaggi e svantaggi e costi.
Mi chiedo anche se potrei usare le pentole biap senza pompa come tino filtro in modo efficacie.


Envoyé de mon SM-G930F en utilisant Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Pie11 said:

.Per il momento cerco di capire di più vantaggi e svantaggi e costi.
Mi chiedo anche se potrei usare le pentole biap senza pompa come tino filtro in modo efficacie.
 

Cioè usare un all-in-one per mash e sparge? È fattibile, apri il rubinetto e fai partire lo sparge. Oppure sfrutti la pompa per svuotare la pentola, girando il beccuccio del ricircolo e riempiendo il pentolone di bollitura

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×