Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
IRicI

[imbottigliamento] a che temperatura?

Recommended Posts

Ciao Ragazzi,

ho un dubbio sulla fase di imbottigliamento: posto che il mio scopo è limitare l'ossigeno che viene a disciogliersi nel mosto, è meglio  imbottigliare con un mosto freddo (6°C) oppure u mosto a temperatura ambiente (20°C)?
Il dubbio mi è venuto in quanto ho notato come sia l'anidride carbonica  che l'ossigeno hanno delle % di solubilità che decrescono con l'aumentare della temperatura. 

Grazie in anticipo!

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A che temperatura è la tua birra?

Inviato dal mio SM-G900F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Imbottiglia a questa temp. Ricorda per il calcolo del priming tieni conto la temperatura più alta raggiunta a fine fermentazione

Inviato dal mio SM-G900F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi chiedo, corro piu rischi di ossidazione dei luppoli a imbottigliare a 6 gradi o a 18 gradi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

È una domanda a cui non c è risposta, almeno al nostro livello

Mi spiego meglio

La solubilità è una misura termodinamica, ovvero calcolata supponendo una situazione di equilibrio (tempo infinito), e aumenta al decrescere della temperatura

La velocità di solubilizzazione è una misura cinetica, condizione di non equilibrio tenendo conto del tempo impiegato a svolgere certi processi, e disciolgo gas meno velocemente tanto piu abbasso la temperatura

Quindi questi due processi sono concorrenti, quale prevale non lo so

Io mi trovo bene a imbottigliare a 2 gradi

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prevale la seconda, semplicemente perchè la birra si rovina per ossidazione con valori di ossigeno disciolto enormemente inferiori ai limiti di saturazione a qualsiasi temperatura. Basti pensare che a livello industriale l'ossigeno disciolto nella birra si misura in ppb (parti per miliardo) mentre i limiti di saturazione sono in ppm, un'unità ben 1000 volte più grande.

Per questo, oltre che per prevenire la schiuma nel riempimento in contropressione, la birra si travasa (e imbottiglia) sempre a non più di 0°C.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minutes ago, Vale said:

Prevale la seconda, semplicemente perchè la birra si rovina per ossidazione con valori di ossigeno disciolto enormemente inferiori ai limiti di saturazione a qualsiasi temperatura. Basti pensare che a livello industriale l'ossigeno disciolto nella birra si misura in ppb (parti per miliardo) mentre i limiti di saturazione sono in ppm, un'unità ben 1000 volte più grande.

Per questo, oltre che per prevenire la schiuma nel riempimento in contropressione, la birra si travasa (e imbottiglia) sempre a non più di 0°C.

:good:

sempre esaustivo

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 hours ago, Vale said:

Prevale la seconda, semplicemente perchè la birra si rovina per ossidazione con valori di ossigeno disciolto enormemente inferiori ai limiti di saturazione a qualsiasi temperatura. Basti pensare che a livello industriale l'ossigeno disciolto nella birra si misura in ppb (parti per miliardo) mentre i limiti di saturazione sono in ppm, un'unità ben 1000 volte più grande.

Per questo, oltre che per prevenire la schiuma nel riempimento in contropressione, la birra si travasa (e imbottiglia) sempre a non più di 0°C.

Grazie Vale per la tua spiegazione.

Non sono un tecnico, ma vorrei approfondire con te qualche considerazione (dato che ne capisci certamente di piu).

Se ho un mosto saturo di CO2, l'ossigeno a contatto farà fatica a sciogliersi.

Il punto di saturazione è piu alto a temperatura piu alte, quindi se il procedimento di imbottigliamento casalingo alza progressivamente la temperatura della birra, anche punto di saturazione si alzerà, facendo rilasciare CO2.

Il procedimento di imbottigliamento, di suo, fa si che a causa dei travasi si rilasci del Co2 disciolto. L'innalzamento della temperatura, modificando il punto di saturazione, potrebbe aiutare a tenere il mosto in saturazione di ossigeno.

E' un ragionamento che può aver senso?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×