Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
CeT_LoLLo

IBU post fermentazione

4 posts in this topic

Buona sera a tutti, di recente ho letto un libro sul luppolo (Materie prime della birra: acqua, malto, lievito, luppoli; i 4 libri che vendono i soliti rifornitori) e dopo molte pagine poco interessanti ho letto che dopo la fermentazione gli IBU possono scendere fino al 20%, al che mi sono sorti dei dubbi:

1) i calcolatori che usiamo (nel mio caso calcoliamobirra @trappist_forever) indicano gli IBU post boil o post fermentazione?

2)Le birre che beviamo in cui sono indicati gli IBU indicano quelle post boil o post fermentazione?

A naso (o a palato) mi verrebbe da pensare che la risposta alla prima domanda sia post boil e alla secondo sia post fermentazione; opinioni?

Grazie in anticipo per le risposte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

1 i calcolatori utilizzando dei modelli che in quanto tali contengono intrinsecamente un errore, indicano gli ibu dopo la bollitura, teorici chiaramente

2 non lo so MA per vedere gli ibu ci vanno analisi specifiche che non avrebbe senso fare per mettere un numerino in etichetta; mi viene in mente la 1000 ibu di mikkeller che chiaramente non ha 1000 ibu reali

Da aggiungere che l amaro non è dato solo dagli alfa acidi isomerizzati ma anche da quelli non isomerizzati o da humolinoni e altre cose il tutto con un cobtributo variabile

I calcolatori tengono solamente conto degli isoalfa acidi

Inoltre interazione tra lieviti/proteine/materiale vegetale e altro possono portare a una precipitazione degli isoalfaacidi ma questo dipende da mosto a mosto

Se a tutto questo vogliamo aggiungere che grossolanamente il palato non percepisce differenza di 5 ibu penso che non abbia senso farci certi problemi sul voler spaccare al centesimo le ibu tanto il risultato è sbagliato

Quello che si può fare è ulizzare il numero che esce dal modello in maniera comparativa e usare il buon senso 

3 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

@CeT_LoLLo i software, e quindi anche calcoliamo birra, eseguono i calcoli applicando le formule realizzate da Tinseth, Rager Daniels ecc. Tutte queste formule stimano (non calcolano) l'amaro che ci dovrebbe essere ad inizio fermentazione nel mosto. Non sono gli IBU reali di una birra, quelli possono essere misurati solo con analisi di laboratorio. E sicuramente non coincidono con quelli stimati dai software per tutte le cose che ti ha già menzionato @Simone11 con il quale concordo sicuramente. 

Calcoliamo birra, nello specifico, usa la formula thinset, che dovrebbe fornire i valori più prossimi alla realtà e che più si avvicina ai valori riportati nel bjcp, he sono i valori storici delle birre o i dati di analisi di birre commerciali rappresentative dello stile, misurati a fermentazione avvenuta. 

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intanto grazie per le risposte, visto he tanto già bi ho rotto le scatole a questo punto vorrei chiedervi se avete qualche lettura da consigliarmi per approfondire il discorso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now