Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Recommended Posts

ciao a tutti.

condivido con voi il risultato della mia versione di IPA che ha compiuto a gennaio 1 anno dalla produzione. nei vari stili che ho sperimentato negli anni posso dire con certezza che le birre con elevato IBU, magari con un buon DH, sono quelle che 1-mi riescono meglio  (in realtà è lo stile che amo di più) 2-tendono a conservarsi nel tempo e rimanere stabili.

 

in questa produzione in particolare non ho notato un decadimento dei profumi del luppolo che si sono mantenuti costanti. la carbonazione è leggermente aumentata ed ha raggiunto quella ottimale. sono solito infatti a carbonare sempre in difetto. la schiuma è bella compatta e resiste circa 15 minuti nel bicchiere.

voi con che stile vi trovate meglio? risultati migliori con cosa?

 

cheers

20180216_125646.jpg

Edited by DKPaolo
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se dopo un anno ha lo stesso aroma di appena imbottigliata le opzioni sono 2:

1 hai un pandoro nel naso

2 sei un mago (e spiega anche come tu riesca a infilare un pandoro nel naso)

Edited by Simone11

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io faccio un sacco di IPA e APA..
Senza non saprei come fare le birre da lasciare a maturare fino all'anno

Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 hours ago, Lucio#09 said:

Io faccio un sacco di IPA e APA..
Senza non saprei come fare le birre da lasciare a maturare fino all'anno emoji23.png

Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk
 

altri stili particolarmente riusciti? 

sono curioso di vedere cosa va per la maggiore qua nel forum :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutte le Belghe, qualche inglese e molte basse tedesche... Niente che finisca per.... IPA

Edited by trappist_forever
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'aroma del luppolo è la prima cosa che decade

il nostro cavallo di battaglia è un american IPA, ma il mio sogno è riuscire a fare bene una bassa (keller, marzen...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, trappist_forever said:

Tutte le Belghe, qualche inglese e molte basse tedesche... Niente che finisca per.... IPA

le belghe a mio parere sono tra le più complesse da fare e mantenere. oltre che a rifare con una certa reperibilità.

in particolare la scelta del lievito diventa essenziale. tu come ti regoli? mai provato a recuperare del lievito da bottiglia? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 hours ago, DKPaolo said:

le belghe a mio parere sono tra le più complesse da fare e mantenere. oltre che a rifare con una certa reperibilità.

in particolare la scelta del lievito diventa essenziale. tu come ti regoli? mai provato a recuperare del lievito da bottiglia? 

Dalle bottiglie mai, mi scoccia troppo lungo il procedimento e non posso stare li a preoccuparmi di risvegliarli, ci vuole una vita più regolare, non fa per me:P. Se ho tempo a disposizione preferisco fare altri tipi di esperimenti. 

Per  esempio, per le belghe di solito quando sono interessato ad una particolare birra metto a punto una cotta di prova e poi splitto in dame più piccole e li inoculando lieviti diversi valuto il profilo che producono. Dopo aver individuato il lievito o i lieviti che mi interessano alla prossima cotta della stessa ricetta splitto e fermento a temperature diverse di solito facevo 18 - 21 ora la disponibilità di un amico ho inserito anche 23 o 24.

Quando non ho tempo di fare prove mi affido a ricette collaudate e ai lieviti che mi piacciono...  già usati e conosciuti. 

Edited by trappist_forever

Share this post


Link to post
Share on other sites

a me ha sempre incuriosito recuperare i lieviti. (deformazione personale)

avevo fatto delle prove di conservazione sia su piastra Petri che su slant. poi avevo abbandonato l idea sia per tempo che per.mancanza di coraggio... non ero mai riuscito dopo 5 ore di cotta ad inoculare un lievito selezionato. 

ora mi piacerebbe tornare sull' argomento. tentando anche la strada di una "banca" di lieviti in glicerolo. non sarebbe male trovare un sistema di conservazione a lungo termine da cui attingere. 

 

ricordo che uno dei problemi era la mutazione del lievito nel tempo partendo da generazioni successive. sarebbe bello avere invece una banca da cui partire (generazione 0).

 

bello il tuo approccio della suddivisione in batch con diverse temperature. il mio sogno è fare una belga con i controcazzi e non anonima come spesso mi vengono...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×