Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sleipnir

Saldatore elettrico da 20 a 60W

8 posts in this topic

Buonasera, ho recentemente acquistato un saldatore elettrico da 60W. Lo userei per realizzare i cablaggi (collegamenti fili e prolunghe) e saldare cavi a schede elettriche.

Nelle istruzioni c'è scritto che per le componenti tipo schede elettriche, è preferibile usare un saldatore da 20-40W. Mi chiedo, ha senso secondo voi variare il voltaggio, con un dimmer per esempio, così da portare il saldatore da 20 a 60W e viceversa, a seconda di quello che devo saldare? Controllerei il tutto con un wattmetro digitale.

In caso affermativo, basta bypassare la fonte di corrente con un interruttore-dimmer-wattmetro, o c'è bisogno di inserire qualche altra componente?

In attesa di vs risposte, vi ringrazio e auguro una buona serata

 

Sleipnir

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma questo è areabirra o areaelettronica? :rofl:

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Già!! XD

Nel senso, magari qualcuno che sa risponderti lo trovi eh..
Ma non sarebbe molto meglio chiederlo su un forum inerente? Così almeno sapresti che quasi tutti gli utenti possono darti una risposta sensata e alcuni anche molto di più! :) 

Share this post


Link to post
Share on other sites

era molto meglio prendere un saldatore con regolazione della temperatura, potresti variare il voltaggio per abbassare la temperatura raggiunta dall'elemento riscaldante ma io lo userei a potenza piena, basta solo usare uno stagno buono con flussante e stare sulla parte da saldare solo per il tempo necessario a fondere lo stagno, se ti fermi di più rischi di danneggiare i componenti, ma comunque devi veramente impegnarti per danneggiarli. quando lo stagno è fuso non soffiarci sopra e non muovere il cavo per evitare saldature fredde e isola il tutto con guaine termorestringenti al posto del nastro isolante

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 14/10/2017 at 20:36, dea90 said:

era molto meglio prendere un saldatore con regolazione della temperatura, potresti variare il voltaggio per abbassare la temperatura raggiunta dall'elemento riscaldante ma io lo userei a potenza piena, basta solo usare uno stagno buono con flussante e stare sulla parte da saldare solo per il tempo necessario a fondere lo stagno, se ti fermi di più rischi di danneggiare i componenti, ma comunque devi veramente impegnarti per danneggiarli. quando lo stagno è fuso non soffiarci sopra e non muovere il cavo per evitare saldature fredde e isola il tutto con guaine termorestringenti al posto del nastro isolante

Grazie dea90 per la risposta e i preziosi consigli!

Mi hai rassicurato e non credo di dover costruire nulla di particolare per il saldatore. Devo solo stare un po' attendo e fare pratica.

 

Grazie anche EnzoR e Tyrion132 per essere intevenuti...

 

Sleipnir

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perdona l'umorismo Sleipnir, quando lessi era notte fonda e mezzo addormentato non capivo cosa era successo! :rofl:

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho il classico saldatore cinese da 15 euro preso su amazon..comprato a parte lo stagno..per quel che costa va bene..sicuramente va oltre alle mie capacità

Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rimane comunque uno strumento utilissimo per fare lavoretti di casa o, per chi come me, si è costruito l'impiantino elettrico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now