Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
chekkov94

Confronto Birra Casalinga E Birra Artigianale E Industriale

Recommended Posts

Salve a tutti, oggi vi vorrei porre un quesito: La birra casalinga può essere paragonata in termini di qualità  alle migliori birre artiginali e\o industriali?

La mia risposta è si in termini di qualità , ma non in termini di quantità  e stabilità . Mi spiego meglio, con i kit casalinghi e con il metodo all grain io credo diventi solo una questione di conoscenza, ma penso che un homebrewer possa replicare ogni tipo di birra in termini qualitativi perchè a livello tecnico le cose da possedere sono le stesse di un birrificio grande in scala ridotta. Diventa quindi una questione di conoscenza delle materie prime, di tempi di infusione ecc. Invece ovviamente in termini di quantità  non è possibile per le dimensioni ridotte e neanche in termini di stabilità /commerciabilità  poichè vengono sottoposte a processi che devono renderla conservabile,sicura,pulita,di sapore omogeneo, che quando la apri deve sempre essere gassificata al 100%, fare schiuma ecc. Queste cose però vanno alcune volte pure ad inficiare il sapore originale della birra rendendola meno buona; quindi io credo che un homebrewer (ovviamente esperto), possa competere al 100% in termini qualitativi con le birre più blasonate sul mercato anche di tradizioni importanti, poichè il tutto si riduce semplicemente alla conoscenza del metodo e non al possesso delle attrezzature. 

Voi che ne pensate?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh insomma....prima di tutto dovresti diversificare tra birre pastorizzate e non pastorizzate.

Le prime sono più stabili.....ovviamente (sono morte  :rofl: ).

Per le seconde il problema stabilità  lo hanno pure i birrifici....tranquillo....oh se lo hanno.

Questo per stabilità .

Su qualità ...per pastorizzate nemmeno ne parlo.

Per quelle non beh....ci sono alcuni birrifici che creano delle vere chicche.....non sempre, nei nostri confini.

Fuori dai nostri confini e così comunque, ci sono lotti più o meno buoni sempre.

Se prendiamo ad esempio birrifici vs hb beh.....io ho avuto la fortuna di conoscere hb molto validi, e posso dire di aver bevuto birre home made veramente di livello assoluto!

Le materie prime tradiscono spesso gli hb....ma anche i birrifici.

Ovviamente e più facile che un fornitore passi la fuffa agli hb...che ad un birrificio.

Certo poi un birrificio ha attrezzature che il 99% degli hb non hanno.

L'hb dalla sua ha più facilità  nella pulizia dato attrezzatura ridotta e di piccole dimensioni, se e uno attento.

Ma lo sono pure molti birrifici...certo non tutti...come non tutti gli hb.

Ed infine i birrifici hanno più esperienza degli hb  facendo cotte a raffica....correggendo di volta in volta.

Gli hb tendono a diversificare molto....giustamente.

Edited by conco
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, ma quando parli di attrezzature di cosa parli? Queste attrezzature aumentano cosi enormemente la qualità  della birra? Quindi si potrebbe dire che con una buona attrezzatura homebrewing si potrebbero emulare almeno 80%-90% delle birre internazionali al livello di qualità  intendo? E' una curiosità , giusto per capire fino a dove si può spingere l'homebrewing. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con attrezzatura intendo i sistemi di controllo nel processo produttivo.

Poi e vero che ci sono impianti e impianti.

E aiutano a replicare in maniera abbastanza coerente una birra già  fatta.

Anche se come ho già  detto pure i birrifici hanno lotti ottimi e altri meno spesso....e normale anche per loro.

Io poi non sono sto gran conoscitore di impianti pro...non mi affascinano molto....anzi per nulla, magari altri sapranno chiarirti meglio la cosa nel caso.

Comunque se la tua curiosità  e fino a dove si può spingere un hb....la mia risposta e fino alle stelle! :crazy:

Non vi e limite per me.

Il limite spesso sono le materie prime.

E ceppi di lieviti "particolari".

Poi per un hb  replicare paro paro una cotta e cosa ardua....molte variabili che con nostra attrezzatura non e semplice controllare.

Ma su cotta singola beh....può spaccare il culo ai birrifici?

Si.

Poi dipende dal manico.... :crazy:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah bene, questo volevo sentir dire. Quando parlo di emulare intendo lo stile della birra e non la birra in sè singolarmente. Volevo capire se la birra casalinga può competere al livello qualitativo con i birrifici, e la risposta è si!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh campana di hb....se senti i birrifici probabile che la risposta sia...no! :rofl:

Ma giusto per sapere....perché questa tua curiosità  scusa?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono convinto di aver bevuto birre di homebrewer nettamente migliori di molte vendute da birrifici anche blasonati.

Le variabili son tantissime, comunque sì la competizione ci sarebbe e sarebbero botte da orbi!

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io e un mio amico sostenevamo due cose opposte e lui diceva che l'homebrewing è solo un'imitazione della birra che si può trovare nelle birrerie e che sarebbe stata sempre di qualità  inferiore. Io penso che a pari bravura la cosa in più sono alcuni impianti ma la birra può facilmente competere. Tutto qui. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Impianti si e no... quasi tutto è replicabile dagli homebrewer anche in scala. Sulle materie prime la situazione cambia, e comunque son pochi i birrifici italiani che impazziscono a cercare materie prime di ottima qualità  direttamente dal produttore.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avendo solo una pentola un termometro e un densimetro, un homebrewer esperto e capace può fare il culo a qualunque birrificio.

 

L'impianto incide sulla comodità , sulla facilità  di certi passaggi, ti sporchi meno le mani o fatichi di meno, e sicuramente impostare una temperatura su un fermentatore è meglio che girare per gli angoli di casa in cerca della temperatura di fermentazione ideale, ma la birra alla fine la fa il birraio ( e il lievito ), l'impianto è come un'auto, dai a me una ferrari e la pianto sul primo palo, dai una panda a un Hamilton, e te la porta "diretta all'esplorazione di nuovi mondi, alla ricerca di altre forme di vita e di civiltà , fino ad arrivare laddove nessun uomo è mai giunto prima" (cit.). 

 

Se il birraio pro ha dalla sua la pratica derivante dalla ripetizione delle cotte, l'homebrewer ha il vantaggio di non dover sottostare a leggi regolamenti e controlli ( a parte il divieto di vendita ovviamente ), non deve dichiarare le ricette prima di eseguirle, non deve dichiarare il grado plato prima della cotta, e può puntare alla qualità  totale perché non deve venderla, e quindi non gli interessa cercare di fare economia.

 

Altro vantaggio dell'homebrewer sono le piccole dimensioni dell'impianto, come diceva una mia amica di un birrificio, in casa se ti viene in mente di provare come viene la birra al tonno lo puoi fare ( farà  ridere, ma pensate a chi ci mette le ostriche ), in birrificio anche se hai l'impianto pilota la escludi a priori.

La quantità  può far gola, ma non lo metterei tra i vantaggi, te lo dice uno che ha l'impianto da 100 litri, se potessi tornare indietro non lo farei più grande di 50.

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×