Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Condor

Come Meglio Sanitizzare?

Recommended Posts

Sicuramente per la riuscita della nostra birra dobbiamo ottenere una buona sanitizzazione, un aspetto su cui non possiamo trascurare nulla. Su questo siamo tutti d'accordo, anche se in realtà  non tutti gli danno la giusta importanza. Proprio per questo, un mio amico mi ha scritto di riportare la mia personale esperienza sul mio blog. Visto il delicato processo, volevo confrontarmi prima con voi e le vostre esperienze. Anche perchè i prodotti per sanitizzare sono molti e la confusione può essere ancora di più.

 

Diciamo che tra i tanti prodotti io utilizzo, con ottimi risultati, la candeggina (4ml per litro di acqua, per 15 minuti). Successivamente risciacquo con acqua calda e una passata di metabisolfito (nonostante non sia un agente sanitizzante, forse lo uso solo perchè sono una persona nostalgica.). In futuro, non troppo lontano, non escludo di fare il dopo risciacquo con il ChemiPro Oxi.

 

Detto questo vorrei capire il vostro punto di vista e le vostre esperienze, grazie amici!

 

N.B. Mi scuso se questo argomento sia stato già  trattato più volte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chemipro oxi per la detersione, acido peracetico per la sanificazione e passa la paura  ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chemipro oxi per la detersione, acido peracetico per la sanificazione e passa la paura  ;)

 

L’acido peracetico non necessita di risciaquo, sicuramente questo è un ottimo vantaggio. Ciò nonostante non mi è del tutto chiaro il dosaggio, visto che il più delle volte viene indicato in percentuali diverse. Anche se il problema maggiore (per me) è che l'acido peracetico resta più pericoloso della candeggina.

Share this post


Link to post
Share on other sites

acido peracetico per la sanificazione e passa la paura  ;)

 

Per non parlare del fatto che viene venduto in volumi molto grandi, per noi che facciamo birra in casa potrebbe essere un esagerazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perché usare la candeggina in dosi da rinsless (Senza risciacquo ) sciacquarla con acqua calda e poi col solfito (che elimina gli eccessi di ipoclorito)...

Un po' come usare l'Oxi prima del peracetico...

Ogni buon libro per hb ha un capitolo sulla sanificazione, attenersi alle indicazioni semplifica la vita e solitamente garantisce un buon risultato, il resto sono perlopiù "pippe da web"

 

PS

Comunque a meno di contaminazioni strane, i vari prodotti (cloro, iodio, oxi, starsan, ecc..) sono praticamente sovrapponibili

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

perdonami dieghigno se so' de coccio, ma non capisco questa frase

 

"Perché usare la candeggina in dosi da rinsless (Senza risciacquo ) sciacquarla con acqua calda e poi col solfito (che elimina gli eccessi di ipoclorito)..."

 

forse manca qualche punto di domanda o simili, ma non capisco dove cuoi arrivare.

 

io di solito faccio come condor, più che tutto perchè sarà  anche rinsless la dose di candeggina, ma l'odore si sente eccome, e io non me lo voglio ritrovare nella birra :D

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nella birra difficilmente lo ritrovi.. Il cloro evapora molto molto in fretta..

Però capisco la fisima.. Anche io passavo con una punta di bisolfito per eliminarlo..

Poi son passato all'oxi e via! :)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

perdonami dieghigno se so' de coccio, ma non capisco questa frase

 

"Perché usare la candeggina in dosi da rinsless (Senza risciacquo ) sciacquarla con acqua calda e poi col solfito (che elimina gli eccessi di ipoclorito)..."

 

forse manca qualche punto di domanda o simili, ma non capisco dove cuoi arrivare.

 

io di solito faccio come condor, più che tutto perchè sarà  anche rinsless la dose di candeggina, ma l'odore si sente eccome, e io non me lo voglio ritrovare nella birra :D

Si, mancava il punto interrogativo alla fine, e comunque era una domanda retorica

 

Se usi la dose da rinseless che sono 2/4 ml litro (dipende da titolo, pH ecc) e aspetti che scoli/asciughi dopo i 15/20 di contatto non resta molto, non lo dico io, ma la chimica.

Vuoi essere cautelativo e passi con acqua calda o fredda?

Vuoi essere ancora più cautelativo o hai fretta e passi con metab?

Bene, ma è anche bene sapere che è superfluo!

 

PS

Il metab (un riducente), elimina l'ipoclorito (ossidante) e lascia un ambiente riducente, anche io lo uso se ho fretta, ma a quel punto il candeggio lo faccio alla membro canis e non guardo la dose!

 

Pps

L'odore di cloro indica la sua presenza nell'aria, non sulle superfici

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

che il peracetico non necessiti di risciacquo dubito fortemente.......

Dipende da quanta fretta hai. Se fai scolare bene e aspetti un po' degrada in acqua e acido acetico, dosi omeopatiche di acetico non le sente nemmeno un cane da tartufo.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vi invio un link di un documento molto interessante riguardo la detersione e sanificazione nell'industria alimentare. Descrive i principi e le procedure di sanificazione con vari prodotti e riporta alcune tabelle con concetrazione, temperatura e temi necessari per la sanificazione.

https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=13&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwjg5OW39ujPAhWD2SwKHastDLw4ChAWCCcwAg&url=http%3A%2F%2Fwww.ausl.mo.it%2Fdsp%2Fflex%2Fcm%2Fpages%2FServeAttachment.php%2FL%2FIT%2FD%2FD.504a4c0cf4f4aad96a35%2FP%2FBLOB%253AID%253D99&usg=AFQjCNE9l-D6DQcyxJTVlfOLph7kCcbT8A&sig2=H4wQWQ4ZAW8sLz0AxyK48Q&bvm=bv.136499718,d.bGg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dipende da quanta fretta hai. Se fai scolare bene e aspetti un po' degrada in acqua e acido acetico, dosi omeopatiche di acetico non le sente nemmeno un cane da tartufo.

Esatto! in realtà  vale per il 99% dei sanificanti/disinfettanti.

Praticamente sono tutti ossidanti, se la forma ossidata non è rischiosa/cattiva allora possono essere usati rinseless.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vuoi essere ancora più cautelativo o hai fretta e passi con metab?

Bene, ma è anche bene sapere che è superfluo!

 

Infatti io avevo scritto che lo uso solo perchè sono una persona nostalgica  ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

comunque sia avendoci avuto a che fare secondo me e' meglio risciacquare

 

In poche parole, se ho capito bene, alcuni evitano il risciacquo perchè è possibile farlo, basta che si lascia per diverso tempo ma detto questo il risciacquo male non fa.

 

Poi è solo una scelta personale, l'importante è che non sia uno sbaglio

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

il risciacquo male non fa.

 

Poi è solo una scelta personale, l'importante è che non sia uno sbaglio

Dipende!

Per esempio in Usa è quasi obbligatorio non risciacquare visti i livelli di cloro delle loro acque di rete.

àˆ consigliato anche a chi usa acqua da pozzi privati o da fonti pubbliche.

 

In sintesi il rischio è quello di ridurre l'efficacia del trattamento precedente, invero remota, o comunque di introdurre difetti (tipicamente da cloro).

Di contro la presenza di residui dei prodotti può portare a altrettanti difetti (ossidazione, medicinale, saponato ecc).

 

Come sempre le generalizzazioni tendono a fallire

Share this post


Link to post
Share on other sites

L’acido peracetico non necessita di risciaquo, sicuramente questo è un ottimo vantaggio. Ciò nonostante non mi è del tutto chiaro il dosaggio, visto che il più delle volte viene indicato in percentuali diverse. Anche se il problema maggiore (per me) è che l'acido peracetico resta più pericoloso della candeggina.

l'acido peracetico va assolutamente risciacquato altrimenti ti ritroveresti con il lievito stecchito o quasi..

Per non parlare del fatto che viene venduto in volumi molto grandi, per noi che facciamo birra in casa potrebbe essere un esagerazione.

ci sono negozi che lo vendono anche al litro  ;)

 

@Dieghigno: il chemiproxi è ottimo, ma a volte è più utile come detergente, in più la maggior parte dell'attrezzatura è più pratica sanificarla a freddo con peracetico  ;)

 

Per quanto riguarda le dosi, l'acido peracetico è utilizzabile in diluizioni da 1% in su, dipende da come si utilizza, per sanificare superfici porose come la plastica dei fermentatori conviene spruzzare "a secco" soluzioni concentrate piuttosto che usare diluizione "omeopatiche" a bagnoper tempo prolungato..

Edited by Bryan

Share this post


Link to post
Share on other sites

... il risciacquo male non fa.

 

Questo dipende da cosa ti porti dietro col risciacquo. L'acqua potabile è decisamente sicura ma la sicurezza totale l'hai solo evitandolo completamente.

In una certa misura dipende anche da cosa metterai nel recipiente. Io per esempio le bottiglie le risciacquo dopo il passaggio in peracetico perchè ci metterò la birra finita che è abbastanza resistente alle infezioni, nel fermentatore dove metterò il mosto che invece è molto suscettibile uso un prodotto a base di iodio pirovidone e non sciacquo ma lascio sgocciolare molto bene (fermentatore in INOX).

Edited by Vale
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io usavo solo metabisolfito,adesso è da un anno che uso oxi-brew,scaldo l'acqua la metto in un recipiente aggiungo oxi e faccio stare a contatto l'attrezzatura per 5 minuti,si può usare anche con uno spruzzino?Le bottiglie appena bevute le sciacquo con acqua e faccio andare via il lievito sul fondo,poi metto candeggina e acqua,dopo aver messo da parte un bel po di bottiglie le lavo mettendole in ammollo in acqua calda e sapone per piatti uso lo scovolino poi una bella risciacquata per far andar via il sapone,una volta asciugate cobtrollo che non ci siano macchie o sporcizia le tappo con pellicola e al momento di imbottigliare uso lo sciacquabottiglie con oxi,la mia procedura è giusta?

Edited by Giuseppe V

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piccolo estratto dal link che vi ho indicato prima:

 

Per compiere al meglio il suo dovere, è necessaria una concentrazione di 100-200 ppm di cloro
libero con un’esposizione di 10 minuti. L’attrezzatura da disinfettare deve essere immersa per 10
minuti, e poi sciacquata o lasciata seccare per eliminare il resto del cloro.

 

simili suggerimenti vengono dati anche per altri prodotti, tipo iodio, acido peracetico,...

 

Personalmente uso candeggina; riempio i fermentatori con una soluzione a circa 50 ppm e li lascio in ammollo per circa 2-3 ore, poi svuoto e li lascio scolare rovesciati fino al momento del riempimento.

Per le bottiglie, dopo averle lavate con acqua calda e con un detergente a base di carbonato di sodio (detergenti per bottiglie che si trovano nei negozi di enologia), le risciacquo e le metto a scolare. Qualche ora prima di imbottigliare sciacquo con 5-10 ppm di ipoclorito e lascio scolare fino al momento dell'imbottigliamento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao scusate ma per il fermentatore avete dato due dosi completamente diverse  di candeggina 

 

dfat 50 ppm sono 0,05 ml/lt

condor 4 ml/lt 

 

cosa è meglio ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Questo dipende da cosa ti porti dietro col risciacquo. L'acqua potabile è decisamente sicura ma la sicurezza totale l'hai solo evitandolo completamente.

In una certa misura dipende anche da cosa metterai nel recipiente. Io per esempio le bottiglie le risciacquo dopo il passaggio in peracetico perchè ci metterò la birra finita che è abbastanza resistente alle infezioni, nel fermentatore dove metterò il mosto che invece è molto suscettibile uso un prodotto a base di iodio pirovidone e non sciacquo ma lascio sgocciolare molto bene (fermentatore in INOX).

Sicuramente il risciacquo deve essere fatto in funzione di non contaminare ciò che è stato precedente sanitizato. Questo è alla base. Volendo togliere i vari residui candeggina, credo che il risciacquo con acqua calda (potabile) e ChemiPro Oxi (anche se come già  detto ho usato sempre metabisolfito per questo risciacquo)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vai con chemipro oxi e stai tranquillo e non hai nessun aroma residuo

 

Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao scusate ma per il fermentatore avete dato due dosi completamente diverse  di candeggina 

 

dfat 50 ppm sono 0,05 ml/lt

condor 4 ml/lt 

 

cosa è meglio ?

Non siamo professionisti anche se alcuni di noi hanno competenze in chimica, prodotti alimentari, biologia,....non è possibile a questo livello dire cosa sia meglio o peggio. Stiamo facendo un confronto delle nostre esperienze.

Se vuoi avere delle "certezze" la cosa migliore è prendere dei prodotti commerciali e seguire le indicazioni dei produttori; sicuramente le dosi da loro indicate sono più che sufficienti per una sanificazione ma......ricordiamo che siano degli hobbisti e quei prodotti sono fatti per professionisti che hanno materiali, procedure ed esigenze ben diverse dalle nostre.

 

detto questo:

50 ppm ovvero 50 mg/L se la candeggina è al 3% e supponendo che 1ml=1g, sono 1.7 ml/l.

4 ml/l, con le stesse ipotesi corrispondono a 120 ppm.

 

Tieni presente inoltre che la concentrazione della candeggina può variare fra il 3 e il 5%.

Già  questo rende inutili tanti calcoli, dato che non abbiamo nessun modo per verificare il titolo della candeggina che utilizziamo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie mille sei stato chiarissimo .

 

Volevo usare la candeggina avendola già  in casa ,partirò dalla tua concentrazione che è la più bassa .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...