Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Recommended Posts

Buongiorno a tutti,

questo è il mio primo post su questo forum e spero che mi possiate dare l'aiuto che cerco,

Questo è il dunque:vorrei passare a produrre cotte in AG dopo qualche esperienza con kit e e+g.

 

Il primo passo che vorrei fare è quello di iniziare con il metodo BIAB e poi passare, magari in futuro, alle canoniche 3 pentole.

 

Al momento sono in possesso di serpentina in rame e di una pentola Polsinelli da 35L(40 all'orlo) con rubinetto e termometro.

 

Questa è l'introduzione..Bene, passiamo al dunque:come procedere?

 

Non ho un garage o comunque un locale comodo in cui cucinare con le bombole:dovrei farlo fuori, sotto ad un portico completamente aperto.

Per l'elettrico invece non ho particolari problemi, i kW non mi mancano, l'unico inconveniente è il lavoro che c'è dietro all'installazione di una resistenza. Senza contare che con l'elettrico avrei maggior controllo e più possibilità  di sbizzarirmi con l'automazione, cosa che un fornellone a gas non mi permetterebbe. Anche se la soluzione elettrica mi obbligherebbe ad adottare un continuo ricircolo con pompa alimentare.

 

Al momento sono più propenso per l'elettrico,ma mi spaventa un po' l'installazione della resistenza.

Il mio obbiettivo è quello di produrre cotte di 20 litri finiti, ma per un primo momento sarei intenzionato a usare la pentola che ho per fare biab e rimanere su quello che il litraggio della pentola mi permette di fare(16/17?). In questo caso mi organizzerei in questo modo

-Pentola polsinelli con resistenza

-Falso fondo

-pompina di ricircolo

 

Detto ciò, cosa mi conviene fare?Vorrei un parere da voi esperti. Adottare la classica soluzione a gas o propendere per quella elettrica, più costosa ma più precisa?

 

Altra cosa..In questo forum mi sono imbattuto cercando pareri sulle resistenze Gandolfi. Mi chiedevo se faceva al caso mio questa resistenza

RESISTENZA V230 W2500 INOX AISI 316 1â€1/4

2 elementi d.8 lunghezza sotto battuta 350mm tappo inox 304 1â€1/4+IP40

 

Ovviamente devo richiedere un preventivo(il post che ho trovato era di 2 anni fa ormai). Ma da quel che ho visto, non dico che una costi come un fornellone non cinese, ma poco ci manca

 

Qualcuno ce l'ha?Pareri riguardo alla caramellizzazione?E' sufficiente per far bollire 30/35 litri?

 

Scusate il papiro :D ahahahah

Edited by Lucio#09

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate il doppio post, ma non me lo fa modificare..

 

Mi sta balenando in testa un'altra idea..Ho un vecchio piastrone elettrico trifase(la presa dovrebbe essere una 16A) di quelli professionali: in teoria sarebbe una sorta di bistecchiera, ma mio padre la usava anche per friggere(ovviamente l'olio dentro una pentola)..Dite che può funzionare se la uso per cucinare con la pentola o corro il rischio che si rovini?

Devo verificare che riesca a portare in ebollizione i 30 litri di mosto previsti ovviamente, farò alcune prove con dell'acqua..

 

Se ciò funzionasse poi devo ragionare sul controllo temperature..Non so ancora esattamente com'è fatto l'impianto, nè come avviene il riscaldamento in quanto è in un angolo di un capannone a prendere polvere..Ma se funzionasse mi eviterei sia l'acquisto di attrezzatura in più sia il rischio di caramelizzazione..

Share this post


Link to post
Share on other sites

io uso resistenze. o meglio ho fatto un impianto 3 pentole con sistema herms quindi in realtà  durante mash nn c'è contatto mosto-resistenza mentre questo c'è per bollitura. calcola che con resistenza 4kw bollo all'inizio quasi 50 litri. fossi in te starei su elettrico che come precisione e gestione è meglio (e più sicuro). certo ci sono più sbattimenti in montaggio ecc... ma già  su componenti elettrici basta prenderli online e paghi poco. se all'inizio fai biab potresti fare un rims con resistenza e bollire poi con fornellone (se nn ricordo male era impianto hb di rico così). ti segnalo sito electricbrewing 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

La combo fornellone+resistenza la eviterei anche se è sicuramente la miglior strada..mi ispirava l'elettrico in quanto in quel campo non ho il fatidico limite dei 3kw..
Quello che mi frena è la foratura della pentola dato che la pentola l'ho pagata fiori di quattrini..devo parlare col fabbro

 

Stavo guardando il sito da te consigliato,veramente interessante:soprattutto le loro resistenza a bassissima densità  di potenza..Ma mi sorge un dubbio:per le tasse doganali, se compro dal loro sito, come funziona?

Quella ULWD da 4500W(considerando poi il diverso Voltaggio di utilizzo) da 40 dollari non sarebbe male..Ovviamente poi va preso il resto per montarla..

 

EDIT:Ho visto che la spedizione direttamente da loro viene quanto la resistenza(40 dollari) ahaha Spero che per lo meno siano incluse le tasse doganali..

Edited by Lucio#09

Share this post


Link to post
Share on other sites

mah guarda io le resistenze le presi in un negozio in città  che mi fece anche pannello per gestirle che poi ho attaccato ai termostati pid. almeno ho preso cose sicure in acciaio ecc... su internet boh nn mi fido tanto di comprare certe cose. magari era solo una fissa mia ma visto quanto le utilizzo direi ottima spesa (con quelle ho fatto più di 100 cotte). problema con americani sono tasse ecc...io direttamente presi le chugger pump mentre mulino lo comprò lì mio amico e me lo spedì

 

mah guarda io ho fatto tutto elettrico che sono in cantina e gpl nn è legale perché pericoloso. se stai all'esterno zero problemi. sono scelte.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sto costruendo il mio impianto a tre pentole da 100 litri finita con gpl.

Recupero da caldaie senza fiamma pilota le valvole a gas... l'accensione e gli elettrodi di presenza fiamma e il piezoelettrico per l'accensione. Le valvole sono modulante. Praticamente il pid controlla pure la modulazione della valvola a gas

Quando per un motivo qualsiasi la fiamma si spegne...gli elettrodi fanno chiudere la valvola a gas e suonare l'allarme. Dimenticavo...ho recuperato pure i bruciatori da 25kw ..... tutto gratis.

Edited by Bao
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per la resistenza ho sentito già  Gandolfi,buon prezzo e vicino a casa..perfetto

 

Cavolo,25kw di bruciatori?ahaha

Anche le valvole modulanti applicate al fornello sono uma buona idea,ma sono sempre più convinto dell'elettrico..

 

Come pompina di ricorcolo cosa conviene usare?non cerco cose sofisticate

 

Inviato dal mio LG-D855 utilizzando Tapatalk

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualche topic più giù(o su) è stato detto che anche le resistenze gandolfi tendono a caramelizzare..sta cosa mi frena un po'..qualcuno ha esperienze dirette?anche con una pompa di ricircolo?

 

Perché ciò mi farebbe rivalutare il gas con elettrovalvola..ma mi ispirava di più un controllo veramente automatizzato

Edited by Lucio#09
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stiamo portando avanti più o meno la stessa discussione. Essendo una scelta che spero sia definitiva mi farebbe veramente comodo capire l'esperienza diretta di chi ci è già  passato!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto,proprio la tua discussione stavo leggendo e mi ha spaventato 😂

 

Inviato dal mio LG-D855 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho Gandolfi....non ho usato ne pompa ne pale ma solo sacca BIAB e non è successo nulla di strano...a mio parere sono ottime

Share this post


Link to post
Share on other sites

(e più sicuro)

Se tu sei un elettricista professionista o ti rivolgi ad un professionista posso essere anche d'accordo, se mi dici che chiunque può mettere mano, o peggio, assemblare un impianto elettrico dai 4KW in su in PIENA SICUREZZA allora non posso che contraddirti! L'elettricità  E' MOLTO MA MOLTO MA MOLTO più pericolosa del gas quando non "maneggiata" correttamente! Col GPL se lavori conscienziosamente (presidio continuo della cotta e riduzione al minimo delle derivazioni del gas) se c'è qualcosa che non ve te ne accorgi subito ed in un micro secondo chiudi la bombola...con la corrente se non cabli correttamente la messa a terra, se usi cavi di sezione errata, se non metti adeguate protezioni magnetotermiche, se ti "scappa" qualche spruzzo d'acqua ecc...beh, non credo ci sia bisogno di dire altro.....

Ripeto sia per il gas che per la corrente ci vuole SEMPRE buonsenso e, soprattutto, un costante presidio della cotta ma in caso di gas i danni possono essere avvertiti per tempo e si ha tutto il tempo di intervenire con calma ed efficiacia. La solo possibilità  nella quale una bombola di GPL possa esplodere è il caso in cui essa sia praticamente vuota e si approssimi una fiamma all'ugello di uscita della bombola stessa. In condizioni normali il "solo" rischio è quella della perdita che va evitata facendo fare i lavori di raccordo da chi ne è competente e, una volta di più, col presidio

 

Riguardo poi all'onanismo mentale dell'elettrico per ottenere la precisione, beh, secondo me è proprio tale....

 

Andrea

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Spero che per lo meno siano incluse le tasse doganali..

Non credo sia possibile in quanto le tasse doganali vengono calcolate dalla dogana di destinazione all'atto dell'arrivo in funzione del valore dichiarato. Se poi, come succede a volte, il mittente pensando di fare una cosa utile NON dichiara il valore della merce o scrive la fatidica frase "GIFT" che leggenda metropolitana vuole essere il passepartout delle dogane, allora gli intendenti terranno in fermo il pacco e ti manderanno comunicazione di fornire le fatture di acquisto (attenzione che la ricevuta PayPal, ad esempio, non è considerata tale) ed in caso tu non le fornisca verrà  attribuito al pacco un valore forfettario assolutamente arbitrario e su quello pagherai tutto il pagabile....purtoppo lo so per esperienza diretta...anni fa ordinai dall'America un tubo di prolunga macro per la mia fotocamera del valore di 30 Euro, lo fermarono alla dogana, dopo un mese mi arrivò la comunicazione della fornitura della fattura, inviai la ricevuta PayPal e dopo un altro mese mi arrivò il pacco con un contrassegno da pagare di 54 Euro in quanto non avendo accettato la ricevuta PayPal hanno attribuito al pacco un valore di 120 Euro e su tale valore hanno calcolato il tutto....comprare dalla Cina o dagli Stati Uniti è sempre un "rischio" soprattutto se si ordinano pacchi voluminosi che più facilmente "danno nell'occhio"....9 volte su 10 ti va dritta ma la decima volta ti fa pentire per le prime 9....

 

Andrea

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sei stato molto chiaro Andrea,ti ringrazio per il tuo intervento :D

Detto questo,mettendo il caso di usare il gas,cosa occorre per controllarne al meglio l'uso senza stare a regolare manualmente?

Da quello che ho capito elettrovalvola+termocoppia+fiamma pilota giusto?

L'installazione su un fornellone standard è un lavorone?sinceramente non ho trovato nessuna guida certa

Sempre da quel che ho letto il top sarebbe prendere il sistema di accensione da una caldaia..

 

Inviato dal mio LG-D855 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

@ dragonlord: punti di vista ma nn mi trovo molto d'accordo. Nel mio settore anzi si tende a ridurre al massimo uso del gas passando a fare tutto elettrico. Proprio x questioni sia di efficienza che sicurezza. X me elettico è più sicuro. Poi chiaro senza la testa e buonsenso tutto è pericoloso. Questa mia opinione. Chiudo qui che poi si va ot e nn voglio intasare discussione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io pagai dogana anche sulla sacca per il BIAB.. Ed era segnata come gift..

Pagata 19 dollari, 11.40 euro di dogana..

Share this post


Link to post
Share on other sites

io uso resistenze. o meglio ho fatto un impianto 3 pentole con sistema herms quindi in realtà  durante mash nn c'è contatto mosto-resistenza mentre questo c'è per bollitura. calcola che con resistenza 4kw bollo all'inizio quasi 50 litri. fossi in te starei su elettrico che come precisione e gestione è meglio (e più sicuro). certo ci sono più sbattimenti in montaggio ecc... ma già  su componenti elettrici basta prenderli online e paghi poco. se all'inizio fai biab potresti fare un rims con resistenza e bollire poi con fornellone (se nn ricordo male era impianto hb di rico così). ti segnalo sito electricbrewing 

 

parli del sito ? : http://www.theelectricbrewery.com/

Share this post


Link to post
Share on other sites

si. io ho spesso contattato il canadese. gentile mi ha sempre risposto. poi sito è fatto bene fa vedere tutto dal funzionamento, alla cotta fino a tutti i pezzi usati x montaggi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per controllare la fiamma GPL basta trovare una vecchia caldaia e smontare valvola gas con centralina di accensione e i vari elettrodi (elettrodo di accensione e controllo fiamma).

Il termostato da il consenso ad accendere il gas... chiude il contatto della centralina di accensione e apre le valvole. Se il controllo di fiamma "legge" la presenza della fiamma ok...altrimenti se non c'è accensione o per qualsiasi motivo si spinge la fiamma.... la valvola gas si chiude e si accende la spia di blocco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sono informato da Gandolfi..

La 2 elementi 2500w corrisponde a circa 7w/cm^2 che è la stessa dichiarata da electricbrewing nell'ulwd..certo lì sono 4.5 kw,ma la densità  quella è e quella dovrebbe importare per la caramelizzazione..

 

Inviato dal mio LG-D855 utilizzando Tapatalk

Edited by Lucio#09

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io penso che alla fine opto per l'elettrico e vorrei provare a costruire un RIMS in modo da evitare di forare ulteriormente la pentola. Ho già  trovato una pompetta della topsflo ad un prezzo ragionevole su ebay in UK in modo da evitare dazi. Apprezzo l'idea del gas ma vorrei provare l'elettrico visto che vorrei sfruttare il PID al massimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si anche io penso proprio che opterò per un elettrico: più preciso, più controllo e più economico(nel mio caso). Ovviamente tutti i cablaggi li farò fare da mani più esperte delle mie.

Inizialmente BIAB con ricircolo e poi si vedrà , tanto non credo di andare oltre i 23 litri.

 

Ah Cacio, complimentissimi per la tua bestiolina :D Bell'impianto

Edited by Lucio#09

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...