Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
Blinko

[Mezzo-Offtopic-Manontroppo] Gestione Piastra Ad Induzione.

Recommended Posts

Salve a tutti! Come ho scritto nella mia presentazione, per la gestione di mash e boil uso una piastra ad induzione (con un adattatore perché ho il set d'alluminio, della Agnelli -non Manuel, meno piagnone-).
Ora si sta ragionando sull'automatizzare il mash, valutando la gestione con arduino (vorrei provare sia ArdBir che easybrew).

Però mi si pone un problema di elentronica

Però oggi ho riflettuto su un problema: la mia piastra ha un suo pulsante on off e perfarl partire, oltre ad essere accesa, va pigiato il tasto della temperatura. Se durante la cottura si stacca la presa e poi la riattacco (quindi simulando l'azione del relè), la piastra è spenta e va riaccesa e ripigiato il tasto della temperatura.
Il che, ovviamente, significa che l'automazione gestita dal relè non ci sarà , perché riattaccato il circuito elettrico, dovrò io avviare la piastra manualmente.

...e a sto punto, a pigiar bottoni per pigiar bottoni, un PID con allarme andrebbe bene...

Secondo voi, come potrei bypassare i pulsanti (sono pulsanti, non bottoni on-off) della piastra? Sono, appunto, dei pulsanti montati su una scheda PCB. La mia idea (da ignorante) è si sostituirli con dei bottoni ON-OFF da lasciare accesi e quindi con il circuito sempre aperto. Però il pulsante può essere sostituito dal bottone on off?

Potrei smontare la pulsantiera e sostituirla integralmente con il relè gestito da arduino?

Share this post


Link to post
Share on other sites

il pulsante non puoi sostituirlo con bottone .il pulsante lavora su elettronica i bottoni su elettrotecnica quindi come dici tu sarebbe meglio eliminare la prima e gestire tutto con pid però devi vedere cosa c'è nella piastra ( elettronica. sicurezze e gestione temperatura ) e vedere se puoi farlo ti auguro buona fortuna se ci riesci scrivi in futuro dovrei provare anche io

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

il pulsante lavora su elettronica i bottoni su elettrotecnica

Cosa che, sebbene sia ignornte, temevo... (il pulsante da solo l'ipulso, è la scheda che legge il comando, ovviamente...).

 

Ci devo riuscire, perché mi secca buttare una piastra ad induzione comprata ben 10 euro compreso di pentola!!! :rofl:

 

...la verità  è che consuma pochissimo. Lanciata sulla temperatura massima, che riesce a bollire 26 litri di "sbobba", consuma meno di 1800w. Con la rete casalinga a 3kw è perfetta!

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cosa che, sebbene sia ignornte, temevo... (il pulsante da solo l'ipulso, è la scheda che legge il comando, ovviamente...).

 

Ci devo riuscire, perché mi secca buttare una piastra ad induzione comprata ben 10 euro compreso di pentola!!! :rofl:

 

...la verità  è che consuma pochissimo. Lanciata sulla temperatura massima, che riesce a bollire 26 litri di "sbobba", consuma meno di 1800w. Con la rete casalinga a 3kw è perfetta!

Sarebbe troppo facile....io non ho ancora aperto la mia ma so già  che sarà  dura la gestione anche perché ha i pulsanti a sfioro e un potenziometro rotativo elettonico vedremo prossimamente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci sarà  pure un sistema, lo troverò.

Oggi ho provato a disconnettere la scheda di controllo, magari funzionava in modalità  diretta (più un desideri, che una consapevolezza...). Niente, si accende solo la ventola di raffreddamento.

 

Intanto vi allego due foto dell'Interno, magari qualcuno vedendo lo schema elettronico gli viene qualche idea su come farla interagire con ArdBir 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci sarà  pure un sistema, lo troverò.

Oggi ho provato a disconnettere la scheda di controllo, magari funzionava in modalità  diretta (più un desideri, che una consapevolezza...). Niente, si accende solo la ventola di raffreddamento.

 

Intanto vi allego due foto dell'Interno, magari qualcuno vedendo lo schema elettronico gli viene qualche idea su come farla interagire con ArdBir

no, il sistema non ci sarà !! A nessuno viene in mente che se apparecchiature elettriche ed elettroniche vengono costruite e CERTIFICATE per un determinato uso sono destinate SOLO ed ESCLUSIVAMENTE a quell'utilizzo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

nessun componente (o quasi) nasce per un solo scopo, se ne ha le capacità  ben venga, sicuramente aprendo e modificando un circuito se ne assume le responsabilità  e le conseguenze!

Di pende dalla logica di funzionamento della piastra se può interagire o no, se ti basta pigiare il tasto e parte sicuramente sei sulla buona strada, usa iun relè per simulare il tasto che si chiude!

eventualmente si potrebbe cambiare il firmware del ardbir...

Share this post


Link to post
Share on other sites

no, il sistema non ci sarà !! A nessuno viene in mente che se apparecchiature elettriche ed elettroniche vengono costruite e CERTIFICATE per un determinato uso sono destinate SOLO ed ESCLUSIVAMENTE a quell'utilizzo?

Certo, però non è che voglio usare la piastra per viaggiare nel tempo ;)

Voglio solo controllarne l'accensione e lo spegnimento, di una componente che, comunque, fa quello: si accende e si spegne. Nessuna forzatura, cerco di capire la fattibilità , se è possibile inserire un altro controllo oltre a quelli già  esistenti.

E' un approccio un pò paternalistico, il tuo. Il mio è un elettrodomestico comprato per pochi euro, se pure non dovesse funzionare più, non ne farò un problema. E, chiaramente, non mi metto a pasticciare con l'elettronica prima di valutarne la sicurezza. Ed in ogni caso, mi farò aiutare da qualcuno più competente di me ;)

 

 

nessun componente (o quasi) nasce per un solo scopo, se ne ha le capacità  ben venga, sicuramente aprendo e modificando un circuito se ne assume le responsabilità  e le conseguenze!

Di pende dalla logica di funzionamento della piastra se può interagire o no, se ti basta pigiare il tasto e parte sicuramente sei sulla buona strada, usa iun relè per simulare il tasto che si chiude!

eventualmente si potrebbe cambiare il firmware del ardbir...

Esattamente quello che sto pensando di fare (o meglio, che sto cercando di capire). Il tasto è un pulsante, toccato il quale parte la piastra. Se anziché il relè funzionare sull'alimentazione, potesse funzionare al posto del tasto, sarebbe più semplice.

 

Altrimenti, forse ancora più semplice, è controllare l'alimentazione del solo elettromagnete, come stavo discutendo con altri utenti, tramite il cavetto elettrico rosso che si vede in angolo a sinistra nella foro.

Li, credo, potrei usare normalmente l'SSR come configurato con ArdBir, purché abbiano un carico da 230v (come mi hanno spiegato Agos e Ciuchitu")

 

30vd9u9.jpg

Edited by Blinko

Share this post


Link to post
Share on other sites

contento tu contenti tutti

 

Inviato dal mio Samsung Galaxy S7 Edge

Adesso mi sembra che la stiamo mettendo sul personale ....mi sembra che il forum serva per chiedere pareri e consigli non per creare zizzania fra utenti questo è quello che vedo e non solo in questo therad ne ho visti altri dove si chiedevano consigli su una semplice ricetta o si fa un gruppo unito o si fa un gruppo chiuso ognuno è libero di pensarla come vuole questo penso valga per tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

non puoi collegare il rosso alla 220... non è la strada giusta, quella è una induttanza-antenna che lavora ad una determinata frequenza comandata dalla parte di potenza della piastra che si trova credo sotto le alette di raffreddamento nella parte sinistra dell'ultima foto.

mi faresti una foto sotto l'antenna-avvolgimento?

dovresti descrivere il funzionamento un pò piu precisamente, sempre con la spina attaccata e la piastra accesa, come fai a farla partire? se tieni il tasto premuto?

 

p.s.

Ti chiedo questo perchè potresti far rimanere la piastra accesa e con un rele simulare che schiacci il bottone, il discorso è che spegnerlo dovresti ri-schiacciarlo e non lasciarlo come fa il relè...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cacchio, X84ANDREA, ho letto solo ora il tuo post e sono già  in migrazione verso sud. A fine agosto provvedo alla foto.

 

Comunque l'idea era di mettere il relè sul filo rosso, ad aprire e chiudere quel circuito, non attaccandolo alla corrente.

Questo perché la piastra funziona cosi:

1) attacco la spina, la piastra fa un bip ma è spenta;

2) la piastra si accende pigliano un pulsante (quindi non un bottone) e sta accesa ma non in funzione;

3) per far partire l'elettromagne, oltre la pentola sopra, è necessario premere il pulsante della temperatura. A quel punto la piastra parte.

4) se stacco la presa e la riattaccare, la piastra si spegne e rimane spenta, quindi per farla partire vanno rifatti i punti 2) e 3).

 

Non so se sono stato chiaro nello spiegarmi, adesso.

Considera che la foto con la scheda con i led è il pannellino di controllo. A destra e sinistra dei led ci sono i pulsanti per la temperatura (vanno pigiati, indifferentemente il meno o il, se si vuol azionare la piastra). Sotto c'è il pulsante on-off, che accende l'elettrodomestico (ma non l'elettromagnete).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti! Come ho scritto nella mia presentazione, per la gestione di mash e boil uso una piastra ad induzione (con un adattatore perché ho il set d'alluminio, della Agnelli -non Manuel, meno piagnone-).

Ora si sta ragionando sull'automatizzare il mash, valutando la gestione con arduino (vorrei provare sia ArdBir che easybrew).

 

Però mi si pone un problema di elentronica

 

Però oggi ho riflettuto su un problema: la mia piastra ha un suo pulsante on off e perfarl partire, oltre ad essere accesa, va pigiato il tasto della temperatura. Se durante la cottura si stacca la presa e poi la riattacco (quindi simulando l'azione del relè), la piastra è spenta e va riaccesa e ripigiato il tasto della temperatura.

Il che, ovviamente, significa che l'automazione gestita dal relè non ci sarà , perché riattaccato il circuito elettrico, dovrò io avviare la piastra manualmente.

 

...e a sto punto, a pigiar bottoni per pigiar bottoni, un PID con allarme andrebbe bene...

 

Secondo voi, come potrei bypassare i pulsanti (sono pulsanti, non bottoni on-off) della piastra? Sono, appunto, dei pulsanti montati su una scheda PCB. La mia idea (da ignorante) è si sostituirli con dei bottoni ON-OFF da lasciare accesi e quindi con il circuito sempre aperto. Però il pulsante può essere sostituito dal bottone on off?

 

Potrei smontare la pulsantiera e sostituirla integralmente con il relè gestito da arduino?

Ciao la piastra che utilizzi di quanti Kw è? Quanti litri di mosto riesci a far bollire e in quanto temporaggiungi la temperatura ? Grazie mille

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...