Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
silentman13

Prodotti Per Pulizia Attrezzature Alternativi

Recommended Posts

Spesso su forum stranieri trovo gente che usa prodotti 'alternativi' per la pulizia delle attrezzature..

Uno su tutti è lo smacchiatore oxi del LIDL..

 

Alcuni tentano anche di riprodurre il famoso PBW in casa, assemblando i vari ingredienti.

 

Cosa ne pensate?

Abbiamo un chimico nel forum che faccia chiarezza?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che il primo punto da sbarcare sia il confronto della composizione dei prodotti (ovvero leggere le rispettive etichette).

Share this post


Link to post
Share on other sites

I detergenti "oxy" sono più o meno tutti simili, cambia la concentrazione di ossigeno attivo e la temperatura a cui viene sviluppato. Quelli generici spesso contengono schiumogeni e impurità  e non sono adatti per uso nell' ambito alimentare.

 

Fare il PBW in casa in Italia è molto difficile, per la reperibilità  dei componenti (edta, vetro solubile ecc) e sconsigliabile al di fuori di un laboratorio...

Sanizzanti economici e "facili" ci sono, oxy, candeggina e Iodopovidone. Inutile complicarsi la vita ;-)

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate l'ignoranza....ma cos'è il PBW?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, son comodi, veloci e la non costano molto, poi da loro hanno il problema dell'acqua fortemente clorata, per quello piacciono tanto. Qualunque prodotto rinsless a basso dosaggio ha pregi e difetti... io mi trovo bene con iodio/ipocloriti in spruzzino alcuni preferiscono altro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bisogna distinguere tra detergenti e sanificanti, i detergenti che io sappia si risciaquano sempre. Io uso normalmente una versione fatta in casa del PBW, che e' un detergente, e mi trovo molto bene. Ho usato anche il prodotto reale, si trova in italia ma e' abbastanza costoso. Il risultato e' molto simile, per non dire uguale, a quello che mi realizzo in casa. Mi piace perche non e' pericoloso come la soda pur essendo decisamente efficace..posso usarlo su materiali sui quali la soda e' da evitare, inoltre si usa a temperature piu basse della soda, con conseguente risparmio energetico.

 

Riguardo alla reperibilita dei materiali per farlo..ok per il tensioattivo citato (se ne possono usare altri simili oppure non usarne, il risultato non cambia molto, ho provato) mentre non mi risulta il vetro solubile nella composizione del pbw. Tutti gli altri 'ingredienti' sono di facile reperibilita in forma pura, adatta al nostro uso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si effettivamente è indicato come detergente, però è comunque una soluzione alcalina (12+) e ossigeno attiva.... sanifica per denaturazione proteica.

Non e rinsless, e vero. Avevo letto solo l'abstract, poi ho cercato la composizione!

EDTA è un chelante serve a stabilizzare il pH in acque dure, non mi pare sia tensioattivo essendo globulare.

Il vetro solubile (metasilicato) è uno dei gelificanti nonché la "base alcalina" del composto(15-45%) non metterlo significa non fare pbw :-P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il metasilicato e' impiegato nel mio detergente, non lo avevo mai sentito chiamare vetro solubile quindi non capivo di cosa parlavi..lo prendo qui come tutto il resto della mia ricetta..

http://percarbonato.it/37-sodio-metasilicato

 

Come chelante o sequestrante che dir si voglia (erroneamente pensavo che quello indicato fosse un tensioattivo), uso il sodio citrato. Funziona molto bene in ambiente alcalino, facilita il risciacquo, soprattutto in caso di acque dure. Si potrebbe usare anche l'acido citrico ma essendo appunto un acido abbassa il ph mentre il nostro e' un detergente alcalino..

 

Mancherebbe un tensioattivo ma, ripeto, non ho notato grosse differenze.

 

@silentman13

Non sono propriamente un chimico ma qualcosa a scuola l'ho studiata..e leggo molto..

Il detergente mi costa circa 3.5E al kg. Poco piu della soda, parecchio meno dei detergenti specifici tipo enzibrass, pbw etc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Il metasilicato e' impiegato CUT.

Citrato ed edta non sono uguali però, più o meno fanno la stessa cosa (edta è un complessante migliore e più stabile nel tempo ). Il tensioattivo serve a migliorare la bagnabilità , se non lo usi in un CIP (o comunque a spruzzo) non ti cambia nulla, anche perché saponifichi "in situ".

 

Ps

Occhio alle polveri di metasilicato, da diluito non fa niente, ma puro è mxxda

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

..non ti cambia nulla, anche perché saponifichi "in situ".

 

Ehm..questa non l'ho capita:-)

 

Mi rendo conto che citrato ed EDTA non siano la stessa cosa, a me interessava il risultato finale...a proposito, che tu sappia il citrato ha problemi di stabilita e/o conservazione?

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Ehm..questa non l'ho capita:-)

 

Mi rendo conto che citrato ed EDTA non siano la stessa cosa, a me interessava il risultato finale...a proposito, che tu sappia il citrato ha problemi di stabilita e/o conservazione?

In pratica questo composto funziona denaturando le proteine e i grassi con ossigeno e pH. Quindi il risultato è una specie di sapone (sale di acido grasso) anche noto come tensioattivo.

 

I citrati sono tutti più o meno igroscopici, in una formulazione secca sarebbero da evitare.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco spiegata la tendenza del detergente a solidificare..in effetti, preparando circa 10kg di prodotto alla volta, per contrastare questa tendenza ho cominciato a fare pacchetti sottovuoto da 1kg..si conserva decisamente meglio..

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Disperdici talco, gesso anidro o silicagel 1-5% sono indicati anche nell'originale. Puoi anche metterlo in un sacchetto di TnT, così hai meno roba da mischiare.

10 Kg di quel miscuglio io solo con tuta gialla...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel caso un giorni mi decedessi ad abbandonare l'oxi.

 Iodopovidone : diluizione 1,25 ml per litro e no si risciacqua. Corretto?

 

Contatto con la superficie 2 minuti?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel caso un giorni mi decedessi ad abbandonare l'oxi.

Iodopovidone : diluizione 1,25 ml per litro e no si risciacqua. Corretto?

 

Contatto con la superficie 2 minuti?

Si circa, ammetto che ora uso metodo "colorimetrico" (se è giallino va bene ), ma più o meno era sul ml/l, tale da avere 10+ mg/l di iodio. Il tempo però sono abbastanza sicuro sia 10 minuti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×