Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Recommended Posts

 

Sto pianificando una cotta estiva in cui vorrei utilizzare della frutta che avrò a disposizione direttamente dal contadino, nelle specifico parlo di pesche.

 

Come base di partenza pensavo ad una American Wheat, per avere sì l'acidulo del frumento ma senza un lievito caratterizzante che mi vada a coprire aromi e gusto del mix luppolo+frutta. Ok, fin qui la cosa è abbastanza ordinaria. L'idea che mi stuzzica è dividere la cotta in due:

 

1 batch =  lievito neutro (US05, M44) con aggiunta di "marmellata" di pesche (a seguito di pastorizzazione) dopo la fase di tumultuosa. In questo caso ricerco solo l'apporto aromatico e gustativo della pesca.

 

2 batch = lievito neutro/"wild" (WLP644...) con aggiunta di pesche solo snocciolate (con buccia e senza pastorizzazione). In questo caso vorrei sperimentare il lato wild, sfruttando il fatto di poter avere il frutto fresco appena raccolto. Onestamente non so cosa aspettarmi dai mostriciattoli presenti sulla buccia...se una cosa imbevibile, se una deriva acida ma contenuta e piacevole ecc. A questo proposito forse (ma mi si complicherebbe la cosa se non altro a livello di spazio e attrezzature) sarebbe utile e interessante dividere questo batch in:

 

2a = lievito neutro

2b= lievito "wild"

 

...in modo da capire bene i ruoli di lievito e pesca nella deriva acida della birra.

 

Che ne dite? Suggerimenti o vostre esperienze simili?

 

Grazie

Edited by Dani

Share this post


Link to post
Share on other sites

In bocca al lupo, soprattutto per la wild...

Ma vuoi mettere le pesche subito o nel secondario?

Forse con un po'di alcol i lievito selvaggi stanno un po'più sotto controllo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bell'esperimento. ..ma la "marmellata" la feresti aggiungendo zucchero? O solo cupcendo le pesche? Di wild potresti darne uma piccola quantità  (5 l?) Senza inoculo di bestie, sfruttando quelle che vivono sulla buccia e un batch inoculando un lambic blend...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La marmellata pensavo tramite il processo di pastorizzazione...75-80 gradi con un filo d'acqua e le pesche sbucciate e tagliuzzate e precedentemente in freezer credo di arrivare vicino ad una purea di pesche. Senza aggiungere zuccheri.

 

Avevo pensato anche al batch 2c come dici tu...il problema è trovare spazio e attrezzatura. A questo proposito...quei boccioni di vetro per queste cose dove posso trovarli?

Share this post


Link to post
Share on other sites

...quei boccioni di vetro per queste cose dove posso trovarli?

Anche al supermercato. Ma poi devo svuotare il vinaccio che c'é dentro...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io li trovo anche nei negozi di agraria ad un paio di euro la boccia.. :)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io li trovo anche nei negozi di agraria ad un paio di euro la boccia.. :)

Stavo per scriverlo io però da me son più cari . L'ultimo da 7/10 l a bocca larga quasi un deca e il tappo non è durato il tempo di un amen...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho un consorzio vicino a casa, magari sto week end ci faccio un salto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bell'esperimento. ..ma la "marmellata" la feresti aggiungendo zucchero? O solo cupcendo le pesche? Di wild potresti darne uma piccola quantità  (5 l?) Senza inoculo di bestie, sfruttando quelle che vivono sulla buccia e un batch inoculando un lambic blend...

 

io l'avevo fatta così con 1kg di pesche e un 1kg di albiccoche denocciolate ( e le pesche sbucciate ). Lasciate in frezer per un 10-15 giorni e poi buttate così in fermentatore.

 

Non avevo usato selvaggi a parte quelli della frutta, base american wheat con us-05. Il risultato, personalmente l'ho gradito parecchio, un filo di acidità  un po' di wildness e al naso si sente ancora la frutta. Unico appunto è rimasta un po' secca ma penso che i selvaggi della frutta si sono pappati il corpo residuo

Share this post


Link to post
Share on other sites

A tal proposito cercherò di farla bella corposa e di stare il più alto che posso col mash.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A tal proposito cercherò di farla bella corposa e di stare il più alto che posso col mash.

 

è anche la mia idea per la versione dell'anno prossimo ( penso la rifarò a fine luglio se la painta di pesche che ho ne fa anche quest'anno un bel po' ) anche se temo che il mash più alto possa accentuare la "selvatichezza" restando comunque secca

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×