Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Recommended Posts

Caio Conco, per quel che riguarda la pizza sono un maniaco effettivamente!!

L'ho "sfogata" per un periodo della mia vita anche come professione. Cercando di riprodurre qui la tradizione napoletana, ma anche se apprezzato dai tutti non mi sono sentito appagato a livello professionale (avevo progetti troppo diversi dai titolari) ed ora mi occupo di altro, covando però il desiderio di far partire qualcosa di mio sempre nel campo della ristorazione qui a Londra!!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seseeee,

sai cosa ti dico: spero che tu possa realizzare i tuoi progetti londinesi. Magari un giorno ci vedremo nella vecchia inghilterra e ci faremo una birra.  Poi, che il lievito sia stato inculato con o senza idratazione sarà  assolutamente irrilevante.  ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Terry sai invece cosa ti dico io?!

Io te dic ca tu me piaci!! E che l'idea di farci una birra assieme me pare un'ottima idea!!

Se poi farcela vuol dire prima crearla e poi berla assieme me pare pure meglio come pensata!! hahaha.

Ps: sto forum me piace proprio!! hahaha.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caio Conco, per quel che riguarda la pizza sono un maniaco effettivamente!!

L'ho "sfogata" per un periodo della mia vita anche come professione. Cercando di riprodurre qui la tradizione napoletana, ma anche se apprezzato dai tutti non mi sono sentito appagato a livello professionale (avevo progetti troppo diversi dai titolari) ed ora mi occupo di altro, covando però il desiderio di far partire qualcosa di mio sempre nel campo della ristorazione qui a Londra!!

 

Ah....accidenti peccato.

Ma business e passione non vanno d'accordo spesso...e i titolari guardano solo ai daneè.

Ma il livello della pizza medio a Londra com'è?

Per il resto in bocca al lupo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

ahah pure io pizzo a gogo per passione

basse tonde, in teglia, alla pala...

poi fucacc liguri, di recco, baresi, farinate...

e pure torte vegan XD

fino ad un annetto fa, per un periodo, ho anche creato ed utilizzato per un po' il mio lievito naturale homemade... poi però era abbastanza impegnativo starci dietro coi rinfreschi (e anche perché avrei dovuto impastare quasi senza sosta...) e portarmelo dietro pure nelle vacanze lunghe XD

 

tornando alla birra...

io comunque sono sicuro di aver letto e probabilmente anche sentito in qualche video, che il mosto bollente non va ossigenato, splashato, ecc... una volta raffreddato poi certo che va ossigenato per bene, anzi anche splasharlo dall'alto più volte è molto indicato...

probabile però che, considerate anche le istruzioni brewferm che riportano tranquillamente di versare il mosto bollente direttament nel fermentatore, sia una cosa più per le tecniche più serie (e+g, ag)

comunque se mi dite che per i kiti non è così vero dover raffreddare il mosto prima di rovesciarlo nel fermentatore, mi fido :)

 

mi pare comunque di capire che, di sicuro, non è sbagliato raffreddare il mosto in kit come ho fatto... a questo giro (kit grand cru) ho poi aggiunto acqua fredda direttamente nella pentola dopo che avevo inizialmente abbassato come al solito la temperatura a bagnomaria di almeno una trentina di gradi, così ho ridotto sensibilmente i tempi complessivi di raffreddamento rispetto alla scorsa volta (e così, molto probabilmente, ho consumato anche meno acqua per raffreddare)

tra l'altro, spulciando in giro, mi sono imbattutto in una tecnica che sicuramente conoscete... io non ne sapevo ancora nulla... un metodo australiano di lasciare il mosto caldo anche un giorno a raffreddare a temperatura ambiente... e io che mi facevo mille paranoie :) vabbé prendetela più come una battuta, non ho approfondito più di tanto questa tecnica e quindi non so se va bene per qualsiasi stile... poi, sicuramente, approfondirò meglio...

 

densità  iniziale della grand cru: almeno 1070 (solita schiumetta ad infastidire) vs 1075 previsti

 

per il lievito (oggetto di alcuni ultimi messaggi), io ho reidratato come al solito e anzi ho aggiunto una puntina di nutrienti wyeast e poi molto meno di mezzo cucchiaino nel mosto nel fermentatore (mi sono basato anche in questo caso ad indicazioni trovate sul web)... li ho messi anche perché li avevo comprati per provare l'idromele, poi però ho preso un lievito da vino che già  viene venduto con la sua bustina di nutrienti... e quindi, per ora, utilizzerò questo tubetto di nutrienti già  con i kit per la birra...

Edited by sampei

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vai tranquillo Sampei fatti la tua birra senza paranoie, se non fai sonore cappellate con la sanitizzazione, la birra verrà  sicuramente meglio, ma molto meglio di quelle industriali. Riguardo alla pizza ho appena fatto impastare da mia moglie 1,5 kg di farina e stasera pizza e sopra ci metto una delle birrette che ho brassato in precedenza. :drinks:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah....accidenti peccato.

Ma business e passione non vanno d'accordo spesso...e i titolari guardano solo ai daneè.

Ma il livello della pizza medio a Londra com'è?

Per il resto in bocca al lupo!

Caro Conco come hai ragione sui titolari....

Il livello medio di pizza qui è veramente basso, da napoletano ovviamente....

Grazie mille per l'imbocca al lupo! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Sampei, mi fa piacere che anche tu ti diletti con gli impasti.

Ah a proposito io oggi sono stato un poco assente perchè fervono i preparativi per le pietanze di domani, ed a proposito di impasti mi sto per accingere a creare uno dei miei famosi casatielli o tortani che dir si voglia. Sicuramente sapete di cosa si tratta cmq per chi proprio non lo sapesse è una specie di torta rustica fatta con un impasto di acqua, farina, lievito e sugna al cui interno poi si incorporano salumi e formaggi, e sopra in genere guarnito con uova sode. Ah ovviamente con molto pepe vuole la tradizione (ed io)! ;)  

Al momento mia moglie si sta cimentando nella pastiera napoletana, mentre la lasagna per domani è già  avviata con pasta fatta in casa poco fa...

Insomma la pasqua è una festività  impegnativa culinariamente parlando, anche se non stai a Napoli, basta che avere ospiti a pranzo napoletani come li avremo noi domani! hahaha.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah giustamente tornando alla birra, io penso che il mosto per i kit (ovvero l'estratto di malto se liquido o se secco disciolto in acqua tiepida, anche se non so come si usa quello secco, sto cercando ancora informazioni in merito) non vada raffreddato perchè non penso vada proprio portato ad ebollizione, visto che cmq è stato gia luppolato per formare il kit. Almeno per quelli che per ora ho usato io.

Io in genere metto la busta o la latta di malto liquido in un pentolone di acqua bollente per un poco di tempo a fuoco spento. Poi in un'altra pentola, se richiesto dal kit, metto un poco di acqua a bollire per sciogliere lo zucchero dopo di che metto tutto nel fermentatore e ci aggiungo naturalmente un poco di acqua fredda per non fondere il fermentatore. Sciolgo bene il mosto nell'acqua cmq bella calda e poi ci metto acqua fredda a pentolate intervallandole con vigorose mescolate per ossigenare formando una bella schiuma importante!! Mano a mano arrivo ai 23 litri previsti monitorando la temperatura così da aggiungere acqua calda o fredda a seconda (generalmente tutta fredda o quasi)... 

Naturalmente correggetemi se pensate che sbagli qualcosa spiegandomi i perchè e mi fate contento!! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

No minchia....la pastiera noooo.... :cray:

C'era lo zio di mia moglie....delle tue parti....faceva pastiera da paura, che spettacolo!

Ora purtroppo non e più tra noi.

Ma che roba che era....

Io ho provato anche a replicare il ragù napoletano...e devo dire che mi e venuto benino penso, con ziti ovviamente...magari Eduardo avrebbe storto un po' il naso...ahahah...poi fatto da un brianzolo...ahahah

Ma non era carne c' 'a pummarola eh....

Anzi mi permetto di citarlo:

 

«  'O rraù ca me piace a me
m' 'o ffaceva sulo mammà .
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà .
Io nun songo difficultuso;
ma luvà mmel' 'a miezo st'uso

Sì, va buono: comme vuò tu.
Mò ce avéssem' appiccecà ?
Tu che dice? Chest'è rraù?
E io m' 'o mmagno pè m' 'o mangià ...
M' 'a faje dicere 'na parola?...
Chesta è carne c' 'a pummarola Â»(Eduardo'O rraù.)

Edited by conco
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah giustamente tornando alla birra, io penso che il mosto per i kit (ovvero l'estratto di malto se liquido o se secco disciolto in acqua tiepida, anche se non so come si usa quello secco, sto cercando ancora informazioni in merito) non vada raffreddato perchè non penso vada proprio portato ad ebollizione, visto che cmq è stato gia luppolato per formare il kit. Almeno per quelli che per ora ho usato io.

Io in genere metto la busta o la latta di malto liquido in un pentolone di acqua bollente per un poco di tempo a fuoco spento. Poi in un'altra pentola, se richiesto dal kit, metto un poco di acqua a bollire per sciogliere lo zucchero dopo di che metto tutto nel fermentatore e ci aggiungo naturalmente un poco di acqua fredda per non fondere il fermentatore. Sciolgo bene il mosto nell'acqua cmq bella calda e poi ci metto acqua fredda a pentolate intervallandole con vigorose mescolate per ossigenare formando una bella schiuma importante!! Mano a mano arrivo ai 23 litri previsti monitorando la temperatura così da aggiungere acqua calda o fredda a seconda (generalmente tutta fredda o quasi)... 

Naturalmente correggetemi se pensate che sbagli qualcosa spiegandomi i perchè e mi fate contento!! 

Anche quello è un metodo e se ti trovi bene così Ok. Non credo che facendo i kit luppolati ci si debba prendere di paranoie sul metodo utilizzato per preparalo. Probabilmente è più importante fare una buona fermentazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche quello è un metodo e se ti trovi bene così Ok. Non credo che facendo i kit luppolati ci si debba prendere di paranoie sul metodo utilizzato per preparalo. Probabilmente è più importante fare una buona fermentazione.

D'accordissimo!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

No minchia....la pastiera noooo.... :cray:

C'era lo zio di mia moglie....delle tue parti....faceva pastiera da paura, che spettacolo!

Ora purtroppo non e più tra noi.

Ma che roba che era....

Io ho provato anche a replicare il ragù napoletano...e devo dire che mi e venuto benino penso, con ziti ovviamente...magari Eduardo avrebbe storto un po' il naso...ahahah...poi fatto da un brianzolo...ahahah

Ma non era carne c' 'a pummarola eh....

Anzi mi permetto di citarlo:

 

«  'O rraù ca me piace a me

m' 'o ffaceva sulo mammà .

A che m'aggio spusato a te,

ne parlammo pè ne parlà .

Io nun songo difficultuso;

ma luvà mmel' 'a miezo st'uso

 

Sì, va buono: comme vuò tu.

Mò ce avéssem' appiccecà ?

Tu che dice? Chest'è rraù?

E io m' 'o mmagno pè m' 'o mangià ...

M' 'a faje dicere 'na parola?...

Chesta è carne c' 'a pummarola Â»(Eduardo'O rraù.)

Mi hai commosso....  ;)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche mia mamma fa la pastiera napoletana..
Le prime volte non era un granchè..

Ma piano pianino ha imparato e ora inizia ad essere degna di essere chiamata tale!!
E non vedo l'ora di mangiarla! XD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragà  ma siamo sicuri che questo sia un forum sulla birra?!

Qua più che bere me sa che se magna.... hahaha.

Ps: io adoro cucinare più che mangiare, ma peer la birra potrei rinunciare a tutto questo!!

Spero quanto prima di riuscire a capire un poco come funziona l'E+G. 

Siete riusciti ad incuriosirmi tanto in merito!!

Mi dite per favore la fonte più diretta e rapida per cominciare a capirci qualcosa in merito tenendo presente che avendo famiglia non ho tutto il tempo che vorrei per dedicarmici come studio!! Anche se la cosa mi interessa tantissimo, ma mi farebbe piacere iniziare a sperimentare mentre studio!!

Dai datemi una dritta in merito. E soprattutto qualcuno mi dica come si usa sto estratto in polvere per carità , trovo solo cose discordanti in rete...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragà  ma siamo sicuri che questo sia un forum sulla birra?!

Qua più che bere me sa che se magna.... hahaha.

Ps: io adoro cucinare più che mangiare, ma peer la birra potrei rinunciare a tutto questo!!

Spero quanto prima di riuscire a capire un poco come funziona l'E+G. 

Siete riusciti ad incuriosirmi tanto in merito!!

Mi dite per favore la fonte più diretta e rapida per cominciare a capirci qualcosa in merito tenendo presente che avendo famiglia non ho tutto il tempo che vorrei per dedicarmici come studio!! Anche se la cosa mi interessa tantissimo, ma mi farebbe piacere iniziare a sperimentare mentre studio!!

Dai datemi una dritta in merito. E soprattutto qualcuno mi dica come si usa sto estratto in polvere per carità , trovo solo cose discordanti in rete...

"La tua birra fatta in casa" Bertinotti e Faraggi..

 

E' il testo più diretto, sintetico e completo che io conosca a riguardo.. Dopo aver letto quello, hai le basi per partire a fare tutto.. :)

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

"La tua birra fatta in casa" Bertinotti e Faraggi..

 

E' il testo più diretto, sintetico e completo che io conosca a riguardo.. Dopo aver letto quello, hai le basi per partire a fare tutto.. :)

Grazie mille Tryon!! Io ho letto qualcosa da "Come fare la birra in casa" sempre di Bertinotti se non erro.

Ma non mi pare di aver trovato nulla sul come sciogliere l'estratto secco... a questo punto penso che si sciolga in acqua come fosse zucchero...

Tu che ne pensi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In realtà  è il forum dell'off topic

Ciao ciaki, vorrei fare delle domande sull'uso delle spezie nel birrificare, dove posso inserire la discussione? Siccome volevo iniziare a documentarmi sull'E+G anche pensavo di iniziarla lì la discussione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ahahah...anch'io mi sono commosso...mangiandolo!

Ci ho messo il tempo che ci metto a fare una cotta in ag...ahahah

Comunque venendo a tuo quesito estratto secco di scoglie in acqua calda.

Ti fa un po' di grumi all'inizio.

Ma poi si scoglie tranquillo.

Poi porti a bollore e vai con gittate luppoli.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ahahah...anch'io mi sono commosso...mangiandolo!

Ci ho messo il tempo che ci metto a fare una cotta in ag...ahahah

Comunque venendo a tuo quesito estratto secco di scoglie in acqua calda.

Ti fa un po' di grumi all'inizio.

Ma poi si scoglie tranquillo.

Poi porti a bollore e vai con gittate luppoli.

Grazie milleeee!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le.spezie ha.una discussione apposta su attrezzature e materie prime. Sulla sezione è+g trovi molte discussioni utili. Vai a vederle

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

io a questo giro mi son limitato a sfurnà  focacce, appena arrivato sabato mattina ero già  con le mani ad impastare e incordare... fare quelle classiche, quelle olive, quelle cipolle e varie...

 

comunque avete ragione di non farmi troppe paranoie con i kit, forse è perché già  cerco di ragionare con nozioni che forse sono più importanti per gli altri metodi (e qui intendo sempre l'aspetto del raffreddamento rapido del mosto e del fatto di non ossigenare il mosto caldo)

 

però, questi kit, sono utili per prendere la mano con le fasi di sanificazione e preparazione (pur semplificata rispetto agli altri metodi)

ad esempio già  rispetto alla prima volta ho fatto tutto più velocemente e con più organizzazione

 

e ammetto che penso sempre più, per dopo l'estate considerato che dopo la gran cru farò gli altri due kit (triple e poi gallia), ad un eventuale step successivo

 

continuando a leggere, libro (Bertinotti) e miriadi di robe online, sono sempre indeciso tra e+g concentrato e biab concentrato...

come molti, ho il problema delle attrezzature... in particolare, ad esempio, anche i fornelli di casa che non so se per il biab concentrato (trappist rulez) siano sufficienti...

 

PRO dell' E+G CONCENTRATO:

- attrezzatura economica e poter già  partire

posso usare un metodo trovato online dove servono solo due pentoloni (da circa 8 litri) che ho già ...

il primo pentolone per metterci gli etti di grani speciali, una sola parte di estratto di malto e le due/tre fasi di luppolatura (l'unico dubbio che mi rimane è l'effetto su un mosto con una densità  diversa, a livello teorico ho compreso che l'estrazione dell'amaro varia al variare della densità  del mosto)

la seconda pentola per far bollire per 15 minuti la restante parte di estratto di malto e una parte di acqua

- per raffreddare non mi serve per forza la serpentina essendo i soliti pentoloni-ini e potendo anche diluire inserendo acqua fredda nel mosto tipo come sto già  in parte facendo con i kit

CONTRO:

- i prezzi delle materie prime sono più alte rispetto all'AG (gli estratti di malto  dell'e+g costano parecchio, confezioni da 1 kg che sono troppo inutili costano 9 euro, mentre confezioni da 25 kg se non erro superano tranquillamente i 125 euro e 25 kg sono pure tanti per sperimentare eh...)

tra estratto di malto secco e liquido (rapporto 1:1,2 circa), anche qui se ho capito bene e non mi dimentico di qualcos'altro, la differenza sostanziale la fa soprattutto lo stile di birra (se vogliamo una chiara, molto meglio l'estratto secco: light o extra light)

 

PRO BIAB concentrato by Trappist:

- totale controllo di tutta la fase di birrificazione come negli altri metodi AG

- minor tempi e difficoltà 

- minor costo delle materie prime tra ag e eg

- ditemi se ho capito bene, essendo utilizzata una concentrazione minore (circa 3 litri/grani) posso usare una pentola più piccola (certo non quelle da 8 litri che ho, questo è poco ma sicuro) e dovrebbero essere sufficienti i fornelli tradizionali di casa? ragionamento mio: pentola più piccola, fornello tradizionale ok...

CONTRO:

- spesa attrezzatura (pentolone, serpentina di raffreddamento, macinatore grani ...)

- maggior competenza richiesta che attualmente non sento di avere (molte cose che leggo non le capisco in pieno però è anche vero che se non si inizia anche a livello pratico è più difficile comprendere tutto eh...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pentola le vende il veronese Du ebay. 70 euro spedita quella da 70 litri

Serpentina 70 euro

Mulino 30 euro

Sacca biab autoprodotta dalla nonna 10 euro

Metti il.rubinetto e tutto con 220 euro sei in biab.

Il.concetto è che nel.biab decidi te i mash. In è+g non decidi nulla quindi il corpo della birra lo tiri a caso spesso. Poi gli estratti generici sono.mix di orzi(pale e Pilsner)vedi te che ti conviene. Con 200 e qualcosa porti a casa già  tutto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...