Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
BdB

Consigli Su Prima Cotta E+G

Recommended Posts

Ciao a tutti, mi sono iscritto sul forum perché ho già  letto diverse discussioni e le ho sempre trovate molto interessanti.

 

Chiarisco che sono un neofita in fatto di homebrewing, vogliate quindi scusare inesattezze e ignoranza.

 

 

Premessa

 

Mossi dalla voglia di produrci la nostra birra io ed altri 3 amici abbiamo deciso di procurarci gli strumenti base per l'homebrewing:
- Fermentatore inox conico 150l

 

- Pentola da 50l

 

- Scambiatore di calore a piastre

 

- Elettropompa 0.5cv

 

- Ecc...

 

 

Abbiamo fin'adesso fatto 2 "cotte" partendo da malto luppolato Brewmaker Premium Lager , utilizzando il lievito in dotazione ed il normale zucchero bianco. Oggi abbiamo fatto il primo assaggio ufficiale (a circa 3 settimane dall'imbottigliamento) e devo dire che, considerato il fatto che può solo migliorare, già  ha un buon sapore; il retrogusto lascia ancora a desiderare ma spero che la maturazione faccia la differenza. Tutto sommato sono, anzi siamo, molto soddisfatti.

 

 

Adesso vorremmo provare ad entrare nel mondo E+G, per questo ho comprato un fusto da 25kg di estratto liquido ed il lievito secco Fermentis T-58. La scelta è caduta su questo lievito perché dovrebbe meglio adattarsi ad un fermentatore conico, formando uno strato compatto una volta fermentato, sia anche perché si adatta alla produzione di diversi tipi di birra.

 

 

Quello che voglio chiedervi è di consigliarmi qualche ricetta E+G che consideri questo tipo di lievito (Fermentis T-58) per la produzione. Indicarmi una guida ben fatta per seguire i passaggi principali e magari qualche chicca per personalizzare le ricette.

 

 

Ho capito che quello della birra è un mondo da esplorare, ci sono una marea di cose da imparare e quindi uno scambio di informazioni (inteso come sfruttare la vostra esperienza e sapienza) è quello che ci serve.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

penso che se avessi chiesto prima di comprare ti avremmo consigliato altro....in genere le birre più semplici da fare (in cui è più difficile sbagliare e dove i piccoli errori possono essere "nascosti" meglio) sono le pale ale...

comunque sia...che birra vorresti fare?

 

ps...invece che una guida (anche se ne puoi trovare di ben fatte) comprati "la tua birra fatta in casa" di Bertinotti Faraggi....li trovi tutto....

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

ho comprato un fusto da 25kg di estratto liquido ed il lievito secco Fermentis T-58. La scelta è caduta su questo lievito perché dovrebbe meglio adattarsi ad un fermentatore conico, formando uno strato compatto una volta fermentato, sia anche perché si adatta alla produzione di diversi tipi di birra.

 

 

Quello che voglio chiedervi è di consigliarmi qualche ricetta E+G che consideri questo tipo di lievito (Fermentis T-58) per la produzione. Indicarmi una guida ben fatta per seguire i passaggi principali e magari qualche chicca per personalizzare le ricette..

 

 

Ah, adesso si scelgono i lieviti che si adattano meglio alla forma del fermentatore? :D

 

Bah... Ad ogni modo col T-58 ci puoi fare tutte le belgian ale ma escluse quelle iperattenuate dato che il suddetto lievito non è un campione di attenuazione e in e+g non hai la possibilità  di gestire la fermentabilità  del mosto.

Usato a 21°C ha un profilo molto buono.

 

Circa la guida per le ricette, basta che scrivi su google "belgian ale recipe" e trovi un mondo. :)

 

P.S. All'inizio le ricette non si personalizzano, si fanno bene, senza errori e in stile (inizia a scaricare questo: http://www.bjcp.org/docs/2015_Guidelines_Beer.pdf ). Se intendi consigli su spezie e cagate varie, hai sbagliato forum. :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per clau:

Grazie per il libro, sarà  sicuramente un prossimo acquisto!

 

Per Vinc

Te l'ho detto che sono un principiante ;)

Comunque sono d'accordo con te, prima si impara a rispettare le regole e poi, forse, si possono trasgredire. Personalizzare non era la parola adatta, diciamo che intendevo consigli pratici per evitare difficoltà .

 

 

Ieri ho trovato un utilissimo pdf (Tabella degli stili e delle materie prime), che poi dovrebbe essere un po' il sunto della guida che Vinc mi ha appena postato, in cui ho evidenziato tutte le ricette che comprendono il suddetto lievito; ne sono venute fuori 9.

Una la escluderei in quanto la Stout non è un nostro obiettivo, Restano quindi le belgian and french ale e soprattutto le belgian strong ale.

Il nostro gusto a questo punto si avvicina alla sia alla Dubbel/Tripel che ad una Golden strong ale.

 

 

Vorrei mi indicaste una ricetta per la Tripel con ingredienti facilmente reperibili nei siti di fornitura birra (ho trovato ricette in cui c'erano 3 tipi di miele diversi, per carità  sicuramente verrà  fuori una bomba ma oltre a dove trovare i suddetti mieli la birra avrebbe un costo di produzione esagerato).

Share this post


Link to post
Share on other sites

La tripel è una birra superattenuata e, ripeto, non credo che riesca a ritrovarti nei parametri corretti col T-58 data la sua bassa attenuazione...

 

Ad ogni modo, vuoi una ricetta semplice per une tripel? Te la faccio al volo:

 

Per 25 lt:

 

5050 gr estratto extralight (83%)

1000 gr zucchero candito chiaro (17%)

 

60 gr styrian goldings (a.a. 5.4%) @ 60 min (pellet)

25 gr styrian goldings (a.a. 5.4%) @ 10 min (pellet)

25 gr coriandolo macinato @ 10 min

 

OG 1075 (è il valore minimo previsto per lo stile. Non è possibile sceglierne uno maggiore altrimenti ti ritrovi una FG fuori stile)

FG prevista 1014 (almeno lo si spera! è il valore massimo previsto per le tripel ma nonostante tutto quello zucchero la vedo difficile che riesca ad ottenerlo...)

ABV% previsto 8.6 (post priming)

IBU 30.2

BU/GU 0.4

SRM 6

 

Lievito: 2 bustine di T-58 (ne servirebbero 1.6 ma usane tranquillamente 2).

Fermentazione: 15 gg @ 21°C; travaso; 2 gg winterizzazione @ 0°C.

Imbottigliamento: travaso e priming con 2.4 vol CO2

Maturazione: 6 mesi almeno.

 

Fine. :)

Edited by Vinc

Share this post


Link to post
Share on other sites

P.S. Una stout col T-58?! Dove l'hai letta sta stxxnzata? :)

 

Ti ricordo che le stout sono inglesi mentre abbiamo appena appurato che il T-58 è belga fino all'osso. :)

Edited by Vinc

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per la ricetta Vinc, io voglio imparare quanto possibile, per questo cerco di aiutarmi alle fonti.

La tabella da cui sono venute fuori i 9 stili di birra la trovi scrivendo su Google "areabirra tabella stili". Come vedi la imperial Stout e la tripel sono quelle tra cui è consigliato il t58.

 

Per la stout il problema non si pone perché non mi interessa, ma se dici che la Tripel è molto attenuata e il t58 non è molto indicato il problema c'è.

 

La domanda definitiva è quindi:

quale birra mi consigliate di fare partendo dal t58 e da 25kg di estratto liquido?

 

Inviato dal mio GT-I9192 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una belgian pale ale: grist semplice quindi nessun bisogno di usare eventuali grani, SRM da 8 a 14 quindi riesci a rientrarci nonostante la scurezza intrinseca degll'estratto; attenuazione media, quindi nessuna necessità  di usare zucchero o cambiare lievito; OG bassa quindi meno problemi in fermentazione e utilizzo di una sola bustina di lievito.

 

Trovi tutte le informazioni sul BJCP, che ti ho linkato.

 

P.S. Il BJCP è LA BIBBIA, non una guida qualsiasi. :)

 

P.P.S. Sì, ero a conoscenza di questa imperial stout fatta col T-58. Autorevoli utenti del forum dicono che è buona, ma a me mi pare comunque na stxxunzata. :P

Edited by Vinc
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Provvederò a far stampare e rilegare il BJCP, insieme al libro consigliatomi da clau ;)

Vada per la Belgian Pale Ale..mi sembra in linea con i nostri gusti e poi...il Belgio non l'ho mai discusso!

 


Sulla GuidaMadre degli stili è ben spiegato tutto tranne le proporzioni tra gli ingredienti.

Ho trovato questa ricetta AllGrain:

Nome ricetta: Juza

Tecnica: All Grain

Stile: Belgian & French Ale/Belgian Pale Ale

Litri finali: 29 litri

OG: 1062

FG: 1008

IBU: 30

SRM: 6

Alc.Vol.%: 7%

Note mash: 64°x 90 min

 

INGREDIENTI:

Malto:

Pilsener - Belgio 5500 gr.

Candi Sugar (clear) - Generico 1000 gr.

Flaked Soft White Wheat - USA 900 gr.

 

Luppolo:

Pellets - Styrian Goldings 30 gr. 5,3% 10 min.

Pellets - Styrian Goldings 28 gr. 5,3% 60 min.

Pellets - Magnum 14 gr. 13,4% 60 min.

 

Lievito:

Secco - SafBrew Specialty Ale - T-58

 

Volendola adattare al metodo E+G quanto estratto liquido devo sostituire ai 3 grani indicati nella ricetta (sempre rimanendo sui 29l di produzione indicati)?

Edited by BdB

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ci siamo. Hai detto di voler rilegare il BJCP e lo ammiro, ma allora perché non rispettare l'OG prevista per lo stile?

La ricetta che hai linkato è evidentemente di una "belgian blond ale" e non di una "belgian pale ale". :)

 

Circa la quantità  di estratto da usare in sostituzione dei grani, beh, ti tocca fare una ricerchina su due parole fondamentali: "potenziale" e "efficienza". Potrei darti la risposta ma non impareresti nulla. :)

 

Inoltre, tipico errore dei neofiti, non credere di poter usare i fiocchi senza ammostarli con un malto base i cui enzimi ne convertano l'amido! Sarebbe gravissimo, soprattutto se usati in quella quantità !

Edited by Vinc

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora fammi capire se, almeno a grandi linee, ho intuito.

 

Mi hai detto che nella BJCP c'è tutto quello che mi serve per produrre la birra che voglio.

Io ti ho risposto che mancavano le proporzioni, ma solo perché sono un neofita cieco.

 

Ho fatto una piccola ricerca ed un articolo in particolare credo mi abbia aperto gli occhi:

  • dalla BJCP prendo i valori base (OG, FG, IBU, SRM, Alc.Vol.%) e gli ingredienti dello stile,
  • dato che sommando il potenziale proprio dei malti di grano e degli zuccheri utilizzati dovrei arrivare dritto dritto alla OG della ricetta, 

posso procedere a ritroso cioè

calcolare la quantità  di estratto liquido (o estratto + zucchero, o estratto e altro fermentabile) partendo dalla OG della ricetta (a patto di conoscere il potenziale del fermentabile e soprattutto l'efficienza dell'impianto).

 

nello specifico leggendo dalla potenzialità  dell'estratto, si raggiunge per 23 litri una OG di 1054 (propria della belgian pale ale) con 4,3kg di malto liquido puro (oppure con 3,7kg + 500gr di zucchero e così via).

Finalmente comincio a capire come funziona, sono quasi emozionato.

 

Vinc ti sono debitore  :drinks:

Edited by BdB

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bravissimo! ;)

 

Visto che sei recettivo ti do qualche dritta:

 

- il potenziale dei grani in infusione (non ammostamento) è 1005

- qua capirai cos'è l'ammostamento: http://www.bebeer.it/news/la-saccarificazione-azione-delle-alfa-e-beta-amilasi/ e quindi la differenza con l'infusione

- qua i tipi di malto con i rispettivi potenziali (in ppg, devi coonvertirli in gr/lt): http://www.beersmith.com/Grains/Grains/GrainList.htm

- qua il pitching del lievito: http://www.mrmalty.com/calc/calc.html

- qua i tipi di luppolo: https://www.hopunion.com/aroma-wheel/?aroma=Herbal

- qua i tipi di acqua: http://www.brewersfriend.com/mash-chemistry-and-brewing-water-calculator/?watertarget=Balanced#section_TargetWater

- qua il priming: https://lacompagniadellebirre.wordpress.com/2012/05/17/il-priming-e-il-livello-di-co2/

Edited by Vinc

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Vinc, mi scuso per l'assenza dal forum e per non averti ringraziato abbastanza per avermi fatto aprire gli occhi.

 

Tuttavia durante questi due mesi abbiamo avuto modo di fare un paio di cotte, sempre in E+G(+L); per l'ultima abbiamo mirato ad una tripel.

 

Espongo quindi i passaggi che mi sono rimasti un po' oscuri:

- dei link sopra l'unico che non sono riuscito ad interpretare è quello riguardante il pitching del lievito, come funziona? (Fino ad adesso ci siamo basati sulle ricette ma mi piacerebbe riuscire a padroneggiare gli ingredienti)

- in base al link che mi hai suggerito sul priming ho un dubbio dato dal fatto che, nonostante abbiamo inoculato il lievito sui 20° una volta partita la fermentazione il mangrove m31 ha portato la temperatura a più di 27°. La tabella nel link arriva a 22, posso procedere proporzionalmente fino a 27° per calcolare infine la quantità  di zucchero da usare per il priming?

- sempre riguardo il priming, considerato che usiamo un fermentatore tronco conico, siamo costretti (almeno questo è quello che credo), ad usare il misurino per evitare il "metodo kit con zucchero sciolto nel pentolino" e quindi che lo zucchero si mescoli in modo non omogeneo (considera che ovviamente chiudiamo il fermentatore dopo l'inoculo e lo riapriamo quando abbiamo finito di imbottigliare). Esistono altri metodi per ottenere un priming preciso ed omogeneo senza rischiare di ossigenare il mosto e senza rischiare di attrarre i residui di lievito sul fondo? (anche se è vero che prima di imbottigliare spurghiamo e facciamo ridepositare almeno un paio di volte)

- ha senso, sempre per il priming, usare un tipo di zucchero aromatizzato?

 

Forse è un po' confusionario ma il priming per me è ancora un aspetto poco chiaro

 

Inviato dal mio GT-I9192 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non c'è molto da capire sul pitching: inserisci i litri, inserisci l'OG, inserisci la data di produzione del lievito (che deduci dalla scadenza) e il programma ti dice quanto ne devi usare.

 

Circa il priming, in rete immagino che troverai un'altra tabella che arriva a 27°C. In caso contrario considerala lineare con buona pace.

 

Se elimini il fondo che problema avresti ad inserire lo zucchero nel fermentatore? Non l'ho capito sto passaggio...

 

Zucchero aromatizzato? No, grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Se elimini il fondo che problema avresti ad inserire lo zucchero nel fermentatore? Non l'ho capito sto passaggio...

 

 

io non ho un troncoconico ma mi vengono in mente una serie di problemi a rimescolare in un troncoconico per fare priming:

1) il primo è che se il tronconico non è perfettamente liscio (dipende dalla qualità  della lucidatura dell'acciaio) e se il lievito è fortemente flocculante (come ad esempio S04 che forma dei depositi parecchio densi) c'è una certa possibilità  che il lievito in parte si depositi anche sulle pareti. Mescolando andresti a rimescolarlo e a riportarlo in soluzione con la birra.

2) non avendo fatto travasi di solito ci sono dei residui di lievito in superficie, e rimescolando te li porti in soluzione. Potresti rimuoverli con una schiumarola sanitizzata, ma è ovvio che è sempre meglio non "toccare la birra"

 

A questo punto hai varie soluzioni alternative

 

1) te ne freghi di quanto detto sopra, provi comunque a rimescolare così e vedi come viene

2) te ne freghi in parte di quanto detto sopra, e almeno rimuovi con schiumarola i residui di lievito galleggianti prima di aggiungere zucchero e rimescolare

3) travasi in secchio di plastica, ci fai priming e imbottigli (perdendoti il vantaggio di evitare il travaso)

4) usi un quartometodo, che è quello che usano alcuni qui sul forum, me compreso.

 

Premesso che sembra una pippa mentale galattica, e invece è incredibilmente veloce ed efficiente una volta che ci fai la mano.

 

TI calcoli quanto zucchero ti serve (es 134 gr) e lo fai bollire con poca acqua come se facessi priming classico. Una volta prodotto lo sciroppo zuccherino, lo versi in un recipiente di pirex graduato

 

51mxZBivQyL._AC_UL320_SR280,320_.jpg

 

 

 

e rabbocchi con altra acqua bollita per arrivare a un volume totale da te calcolato(*). A quel punto per fare priming prelevi la giusta quantità  da mettere in ogni singola bottiglia usando una siringa sterile usa e getta. Insomma fai priming con siringa (togliendo l'ago ovviamente).

 

(*)Da notare che per fare le cose semplicemente e velocemente basta scegliere un volume totale comodo.

Esempio

Devo imbottigliare 23 litri di birra in bottiglie da 50 cl.

Mi tengo largo e faccio conto di dover imbottigliare 25 litri.

Usi siringhe da 5 ml.

Perfetto, diciamo che per comodità  voglio mettere 3 ml di soluzione zuccherina in ogni bottiglia.

Il volume totale necessario sarà :

3ml * 25l / 0.5l = 150 ml

a questo punto sei sicuro che mettemdo 3 ml per bottiglia sei a posto.

 

Per assurdo che possa sembrare, quando ci prendi la mano diventa un gioco da ragazzi. Estremamente più veloce e pulito dei misurini, elimina la necessità  del travaso preimbottigliamento. Nota che ciò significa risparmiare veramente molto ma molto più tempo di quello che impiegheresti a pulire e sanitizzare un fermemtatore, più il travaso, più il fatto che eviti fonti di possibili infezioni.

Edited by Peperin
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma questa cosa della siringa la fate perchè avete un troncoconico o evitate il travaso pre-imbottigliamento anche con un fermentatore normale?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma questa cosa della siringa la fate perchè avete un troncoconico o evitate il travaso pre-imbottigliamento anche con un fermentatore normale?

Io la faccio perché non travaso e ci metto meno. Ho fermentatore normale in plastica

 

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io la faccio perché non travaso e ci metto meno. Ho fermentatore normale in plastica

 

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk

E non rischi di smuovere il fondo mentre imbottigli?

 

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

E non rischi di smuovere il fondo mentre imbottigli?

 

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk

No perché winterizzando non si smuove fino all'ultimo. Imbottiglio a birra fredda. Metto uno spessore lato rubinetto sotto il fermentatore, fin da inizio fermentazione, tenendolo lievemente inclinato in modo che il lievito si depositi dall'altra parte

 

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk

Edited by Peperin

Share this post


Link to post
Share on other sites

No perché winterizzando non si smuove fino all'ultimo. Imbottiglio a birra fredda. Metto uno spessore lato rubinetto sotto il fermentatore, fin da inizio fermentazione, tenendolo lievemente inclinato in modo che il lievito si depositi dall'altra parte

 

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk

Sposti il fermentatore prima di imbottigliare o lo lasci dentro la camera di fermentazione?

 

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sposti il fermentatore prima di imbottigliare o lo lasci dentro la camera di fermentazione?

 

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk

Lo sollevo delicatamente dal pozzetto . se sei delicato non si smuove nulla

 

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo sollevo delicatamente dal pozzetto . se sei delicato non si smuove nulla

 

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk

Se in quel momento ti si appoggia un'ape sul naso?

 

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se in quel momento ti si appoggia un'ape sul naso?

 

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk

Amo il rischio

 

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

àˆ un complotto per non farti imbottigliare. Le api vengono comandate dalle scie chimiche. Chiedete a conco, lui sa la verità 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amo il rischio

 

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk

grazie delle info, ne farò buon uso!

 

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×