Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
bibentes beer

Filtro Bazooka Con Pompa

Recommended Posts

ciao a tutti, ormai è quasi un anno che produco birra in casa anche se sono iscritto al forum solo da ieri.

Come filtraggio ho sempre utilizzato il metodo BIAB per all grain (con una sacca autocostruita) ora la sacca si sta iniziando a rompere e volevo provare a costruire un filtro bazooka, ( il filtro lo so costruire ) ma la mia domanda è la seguente: al rubinetto del filtro bazooka posso collegare una pompa, per aspirare più velocemente la birra? quali sono i pro e contro?

Grazie in anticipo

 

P.S.   I materiali per il filtro bazooka e la pompa gli otterrei quasi a gratis.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che non utilizzo un filtro bazooka, ma se la pompa che vuoi utilizzare non è a trascinamento magnetico, con una pompa che aspira parecchio rischi di far passare molti residui. Inoltre le trebbie, spinte dall'aspirazione, potrebbero schiacciare il filtro bazooka in quanto il flessibile che vai ad utilizzare è sprovvisto di anima in gomma e quindi, di conseguenza, la parte metallica risulterà  più fragile e più facilmente deformabile.

 

P.S. La mia è solo teoria, magari qualcuno che ha utilizzato questo metodo potrà  esserti più d'aiuto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perchè collegare una pompa a un filtro bazooka? il letto di trebbie in filtrazione si disturba solo se lo guardi male, che senso ha? Se vuoi tirar fuori mosto+quello che capita fai pure, ma poi si va a far benedire l'azione di filtro che le trebbie fanno quando il mosto le attraversa naturalmente, creando una depressione non avrai mai un mosto pulito, tanto vale continuare col biab no?

Guarda qualche video in cui si brassa coi tre tini: se ci fai caso, spesso dal rubinetto esce un filo di mosto appunto per evitare che un flusso troppo veloce o violento trascini con se farine e altre piccole particelle.

Io brasso coi tre tini e sinceramente l'uso di una pompa lo vedo più deleterio che altro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie delle risposte ,allora continuerò con il metodo BIAB, volevo sapere se ce differenza tra questi 2 sacchetti?

 

1) http://www.pinta.it/prodotti/1087/filtro_a_sacchetto_large_in_nylon-maglia_fine_1_pz_.html

 

2)http://www.pinta.it/prodotti/1671/sacco_filtro_mashing_sparging.html

 

forse uno si chiude e l'altro no? cosa mi consigliate?

Share this post


Link to post
Share on other sites

faccio cotte coi 3 tini e la pompa la uso eccome xche la pentola del mash e del boil sono allo stesso livello.

Viene molto utile invece, il primo mosto della pentola del mash lo ributto nella pentola stessa perché è parecchio "sporco", facendo un po di ricircolo il letto di trebbie lo filtra e lo pulisce alla grande. Ovviamente è un passaggio lento per non smuovere il fondo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io in genere raccolgo in un secchio graduato e trasferisco con una brocca di plastica senza ossigenare, così mi rendo conto di quanto mosto ho e di quanto è pulito.....ho una iwaki md 15 e penso ci farò qualche cotta in biab

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie delle risposte ,allora continuerò con il metodo BIAB, volevo sapere se ce differenza tra questi 2 sacchetti?

 

1) http://www.pinta.it/prodotti/1087/filtro_a_sacchetto_large_in_nylon-maglia_fine_1_pz_.html

 

2)http://www.pinta.it/prodotti/1671/sacco_filtro_mashing_sparging.html

 

forse uno si chiude e l'altro no? cosa mi consigliate?

Cerca custom biab bag su ebay, c'è un utente che te la cuce su misura, se la vuoi te la fa a fiorellini o in gessato

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cerca custom biab bag su ebay, c'è un utente che te la cuce su misura, se la vuoi te la fa a fiorellini o in gessato

avevo sentito di questo utente peccato che volevo poi fare l'ordine su pinta.it e per pagare 12è di spedizione , raggiungevo i 65 comprando la sacca, sai per caso quanti micron deve essere il tessuto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mmmmmmbbbuuuuuuuu!!! Che ne sacciu iu? Se vuoi ti fotografo quelle che ho, ma domani, ora sto uscendo

Share this post


Link to post
Share on other sites

trovo il filtro bazooka una moda da dover perdere subito l'acciaio chirurgico e quello alimentare 316 ecc non devono essere lavorati in nessun modo nella creazione del filtro bazooka dovrai segare parte di esso per liberare l anima di gomma cio compromette la tempera e rilascia scoree del tipo niobio silicio e altre difficili da lavare via compromettendo comunque le propietà  a parità  prezzo e sterili puoi trovare nei fornitori per odontotecnici garze a trama di ogni misura che puoi combinare con la lega per intenderci che si usa per fare apparecchi dentali diciamo che con 30 euro non hai piu problemi anche perche sono materiali sterilizzabili a basso dosaggio di sanificante ed a basse temperature se hai tempo sempre nel campo medico puoi trovare sistemi di filtraggio di ogni genere a costo blando io personalmente non prendo in considerazione il bazooka

al 18 filtraggio di una tisana ho ancora trovato spore di metalli esperimento ripetuto per 6 tipi diversi di flessibili

fonti...sono un chirurgo pediatrico 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mamma mia, devi essere pellizzari per leggere......metticela ogni tanto una virgola .

Scherzo, scusami.

Allora, aisi 304 e 316 sono acciai alimentari, sono adatti all'esposizione al calore utile per cuocere e gestire alimenti, resistono alla corrosione che sostanze alimentari possono generare e soprattutto sono fatti per restare inalterati a seguito del trattamento per contatto con i cibi.

Detto questo, l'acciaio è un materiale isotropo e omogeneo, presenta le stesse caratteristiche di resistenza per carichi orientati in qualsiasi direzione, e presenta le stesse caratteristiche di resistenza in ogni suo punto....che vol di? Che se prendi un cubetto pieno in acciaio, puoi sottoporlo a trazione o compressione e otterrai gli stessi carichi di rottura e, questo è quello che ci interessa, se tu potessi caricare ogni singola molecola o cristallo di questa lega, avrebbe in teoria gli stessi risultati e stesse caratteristiche.

Se tagli il cubetto di acciaio quindi, senza sottoporlo a uno stress termico, e il seghetto a ferro ti assicuro che non lo fa, le facce del taglio presenteranno le stesse caratteristiche delle facce del cubetto originale, saranno acciaio! Tagliare e lavorare a freddo questo materiale non ne altera le caratteristiche, posso assicurartelo.

Forse il sapore metallico è dovuto ad altre cose, forse ad oli di lavorazione non correttamente eliminati, o ad altri fattori.

Se il metallo ha ceduto qualcosa, non era acciaio aisi 316 o 304, questo penso sia sacrosanto, come detto, questi sono materiali progettati appositamente per stare a contatto con alimenti.

L'acciaio chirurgico è meglio indubbiamente, hai qualche link o qualche riferimento per saperne di più? Se i prezzi son quelli che dici, ma sei del campo e non metto in dubbio minimamente, la cosa è molto interessante!!! Grazie per la dritta!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giunto a isotropo e omogeneo ammetto di aver avuto impeti omosex... :P

fortuna che non hai tirato in ballo il mare elettronico :lol:

 

:P era dai corsi di fisica dei materiali che non li leggevo più.

Bravo trattazione esemplare !

piove...

Edited by Dieghigno
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

il mare elettronico è la colonna sonora dei rave party al mare?

Share this post


Link to post
Share on other sites

non faccio esempio al sapore metallico ma alle scoree lasciate dopo la lavorazione(modifica). forse ai letto sapore invece di spore.parli di carichi di rottura ok la tua spiegazione è giusta ma ti invito a rileggere il mio messaggio.e comunque sappi che puoi fare una tempera anche a 10c° se poi ai modo di raffreddare a 1000 c° sotto zero

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh effettivamente Se sei in grado di raffreddare a -1000°C (Kelvin negativi :huh:) puoi fare ciò che vuoi...

 

Mi sa che hai confuso quenching e tempra ( indurimento per soluzione ) che più che al raffreddamento é legata al riscaldamento oltre la "temperatura di austenizzazione "

 

Su spore metalliche invece sospetto seriamente la supercazzola

 

piove...

Edited by Dieghigno

Share this post


Link to post
Share on other sites

piove ti invito a chiarirti le idee a rigurdo la tempera che comunque non credo sia la parola che possa rovinare una birra le spore come ho potuto testare persistono per molti filtraggi esse comunque non compromettono come la tempera il risultato evita di leggere alla rinfusa fonti di wikipedia spesso se non si sà  di cosa si parla rischi di diffondere paroloni tipo quenching  e austenizzazione

 

da me sempre sole

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sorry wiki non è la mia fonte

Una delle tante è questo

http://www.amazon.it/Scienza-ingegneria-materiali-William-Callister/dp/8879597248

 

Effettivamente è solo un'introduzione da 600 pag ed è un po' di tempo che non lo rileggo. Hai voglia di farmi un sunto e correggere le mie lacune?

grazie

 

ps

A sto punto partendo dalle spore di niobio e silicio

 

 

piove a -273,## ma a -1000 c'è sempre il sole ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

be se hai voglia dimmi la pagina anzi postala dove hai letto queste cose grazie

imparare è sempre bello se si fa con l'ombrello

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Elementi di lega e proprietà  dell'acciaio[modifica | modifica wikitesto]

Gli elementi di lega, naturalmente presenti nell'acciaio o aggiunti per conferire caratteristiche specifiche, determinano alcune modifiche delle proprietà  chimico/fisiche del materiale, quali ad esempio:

  • fosforo (massima percentuale tollerata 0,05%) e zolfo (massima percentuale tollerata 0,05%):

riducono la tenacità  dell'acciaio;

favorisce la fragilità , nocivo in tenori superiori a 2 ppm;

 

induce la formazione di fiocchi;

riduce la lavorabilità  a caldo;

 

abbassa le caratteristiche meccaniche;

promuove l'invecchiamento dell'acciaio al carbonio;

 

aumenta la resistenza al pitting negli acciai inossidabili (coefficiente 16 nella formula di calcolo del PREN);

 

aumenta la resistenza meccanica degli acciai inossidabili;

 

stabilizza l'austenite negli acciai inossidabili;

  • manganese (massima percentuale tollerata 0,8%):

agisce come desolforante e disossidante;

 

in alte percentuali aumenta il tasso di incrudimento;

disossidante;

 

affinante del grano;

  • silicio (massima percentuale tollerata 0,4%):

disossidante;

disossidante;

 

il Titanio denitrurante;il Niobio nitrurante durante la conversione in A.O.D.

 

affinante del grano;

 

previene la corrosione intergranulare negli acciai inox;

essenziali negli acciai indurenti per precipitazione

 

aumentano la resistenza meccanica;

 

aumentano la resistenza a fatica;

 

aumentano la resistenza a corrosione;

 

aumentano la resistenza all'usura;

aumenta la temprabilità ;

 

aumenta la resistenza a caldo;

 

aumenta la durezza a caldo e la resistenza all'usura;

 

aumenta la resistenza alla corrosione degli acciai inox, in particolare la resistenza al pitting (coefficiente 3,3 nella formula di calcolo del PREN);

 

aumenta la resistenza meccanica ad alta temperatura;

 

viene utilizzato con concentrazioni notevoli (9% circa) per produrre acciai per utensili;

aumenta la temprabilità ;

 

aumenta la resistenza all'usura;

 

aumenta la stabilità  al rinvenimento;

 

con concentrazioni superiori al 12% è utilizzato negli acciai inossidabili ferritici e martensitici;

 

aumenta la resistenza al "pitting" (Coefficiente 1 nella formula di calcolo del PREN);

aumenta la resistenza e la durezza dopo la bonifica;

 

aumenta di poco la temprabilità ;

 

partecipa alla resistenza alla corrosione dell'acciaio inox, dove raggiunge percentuali molto elevate (25% circa);

aumenta la resistenza meccanica e la resistenza all'usura;

aumenta la resistenza all'usura e la durezza;

 

è impiegato con tenori che vanno dal 13 al 25% negli acciai rapidi per utensili;

può provocare cricche a seguito di lavorazioni a caldo;

 

migliora la resistenza alla corrosione (acciaio Corten);

favorisce la fragilità .

 

Cenni storici

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

cosa non ti è chiaro il silicio?o la tempera dei metalli e gli sbalzi di temperatura repentiva?dai ti insegno qualcosina a riguardo visto che fai lo sborone

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...