Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
jak83

Ricetta Apa Per Test Impianto All Grain

Recommended Posts

Ciao a tutti!
Chiedo cortesemente consiglio su questa ricetta all grain che mi dovrebbe permettere di prendere confidenza e testare il mio nuovo impianto appena terminato.
Cosa ne dite? Avete qualche suggerimento?

American IPA ALL Grain
Minuti ammostamento :60
Litri in pentola :35
Litri in fermentatore :25
Efficienza: 75 %
OG : 1056
ABV :5.6 %
Plato :13.8
IBU : 53.5
BU/GU :0.96
EBC : 9

Malti e Fermentabili
Pale Grani 5000 gr 81 %
CaraVienna 650 gr 10 %
Aromatic 550 gr 9 %
Totale 6200 gr

Luppoli
Columbus (AA 14) 20 gr 60 min Pellet
Simcoe (AA 12) 15 gr 60 min Pellet
Cascade (AA 5.5) 20 gr 10 min Pellet
Simcoe (AA 12) 20 gr 10 min Pellet
Cascade (AA 5.5) 20 gr 5 min Pellet
Columbus (AA 14) 80 gr Dry-Hop Pellet
Totale 175 gr 60 Min

Lieviti
SafAle US 05 Dry US-05


JAK

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se ti piacciono le IPA belle caramellate questa ricetta è impeccabile. ;)

 

Che tipo di mash farai?

Edited by Vinc

Share this post


Link to post
Share on other sites

A dire il vero questa ricetta l'ho già  utilizzata la scorsa settimana....volevo però rifarla, magari poco diversa altre 3 4 volte per padroneggiare al meglio il mio impianto e il metodo all grain.

Cmq single step a 68° per 60 minuti + mash out 78°.

Vorrei provare a sostituire aromatic e Vienna con il Crystal.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

io metterei il crystal eliminando caravienna e aromatic, al massimo 600 gr.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

A gusto mio troppo caramello...se poi ci aggiungi pure il mash a 68 gradi ottieni una IPA con troppa "ciccia"..per me 5% di caramello, altrettanto Monaco e, se vuoi far "splendere" il luppolo aggiungi zuccheri semplici (destrosio) e mash a 66 gradi.

Edited by tbone73

Share this post


Link to post
Share on other sites

A gusto mio troppo caramello...se poi ci aggiungi pure il mash a 68 gradi ottieni una IPA con troppa "ciccia"..per me 5% di caramello, altrettanto Monaco e, se vuoi far "splendere" il luppolo aggiungi zuccheri semplici (destrosio) e mash a 66 gradi.

Scusa perchè usare il destrosio quando potrebbe ammostare a 63/64 gradi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono 2 strade per ottenere un risultato simile..io preferisco il destrosio tra le 2 perché ho la sensazione che per quanto bassa possa tenere la T di mash ottengo comunque troppa struttura di malto rispetto a quella che cerco in una birra molto luppolata..magari è una mia fissa..

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io preferisco usare la strada delle beta amilasi e solo malto base non troppo invadente (pale o pils tedesco), metterci il destrosio mi sembra una semplificazione un po' riduttiva, ed è ovvio che senti meno il malto, visto che ci sostituisci una parte dei fermentabili classici col destrosio che non lascia aromi.

Poi puoi lavorare anche sulla luppolatura, prova a fare solo late hopping e vedrai che il maltato non sarà  un problema, anzi, un bel hop burst e dh e voli via come un uccellino a primavera.. e attenzione al ph ma si va fuori dal seminato

Edited by herbart
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, penso che il primo cristiano o mussulmano o quel che sia, non aveva il destrosio in dispensa :good: (opinione mia eh!), quoto herbart per il fare le cose alla vecchia maniera, riservandomi l'aggiunta di zuccheri semplici per correggere magari un mash andato un pò fuori controllo con la temperatura, ma anche li avrei di che pensare, un dolcione è la giusta punizione per il birraio che sbaglia :rofl:

Scherzo, è comunque bene in previsione di voler usare questa correzione, non mettersi ai limiti estremi dello stile come OG e grado alcolico.

Detto questo, con il 19% di malti melanoidici e caramello, io terrei il mash più basso....abbastanza più basso, per tre tini non andrei oltre i 65° metre per il biab 66°-67° sono una "buona pesa" (opinione mia!!) entrambe in single step.

La luppolatura non mi dispiace ma io aggiungerei qualcosa al flame off, il DH da una bella sensazione nell'immediato mentre il luppolo messo allo spegnimento della fiamma rimane avvertibile per più tempo (opinione mia....lo so ho rotto, ma se si ha a che fare coi gusti, questi ultimi prevalgono sulle opinioni mie :good: ).

Il luppolo a 0 minuti lo metto perchè spesso le ipa sviluppano un amaro taglientissimo nelle prime settimane soprattutto se la maggior parte delle ibu sono state date a inizio bollitura, che poi pian piano si riduce con la maturazione, può succedere che l'effetto del DH sia già  parzialmente in attenuazione quando diventa consumabile la birra, e do un aiutino in tal senso.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il dolcione è la giusta punizione per il birraio che sbaglia.. parole dure ma vere ahahah

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il dolcione è la giusta punizione per il birraio che sbaglia.. parole dure ma vere ahahah

Beninteso, se la cosa è voluta non si tratta di alcun errore, si sbaglia quando ci si aspetta un risultato e si ottiene un risultato diverso...cioè sempre!!!! :rofl:  :rofl:  :rofl:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, penso che il primo cristiano o mussulmano o quel che sia, non aveva il destrosio in dispensa :good: (opinione mia eh!)

Giusto, e non aveva neanche orzo e cereali maltati e con caratteristiche note, lieviti selezionati, termometri precisi, sanificanti, tester ph..tantomeno faceva la birra con un camion di luppolo..

Negli ultimi 2 o 3000 anni qualcosa sembra essere cambiato, non sempre in meglio, ma tant'è.. :good:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Negli ultimi 2 o 3000 anni qualcosa sembra essere cambiato, non sempre in meglio, ma tant'è.. :good:

Giusto impercettibili cambiamenti :rofl:

Era per rendere l'idea ma mi rendo conto che è un paragone lacunoso :good:

Comunque penso lo stesso che tutto ciò che si possa raggiungere con un mash attentamente controllato sia preferibile a quelle che io chiamo scorciatoie ma che poi sono tecniche e passaggi stracollaudati da birrifici e HB quindi nulla da dire.

Sono io che gestendo il mio hobby preferisco non usarle, ma non critico assolutamente chi le usa.

Detto questo, perchè il destrosio e non lo zucchero da tavola? C'è differenza?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto ne so io il destrosio è un monosaccaride, lo zucchero bianco e quello di canna sono polisaccaridi, costituiti da glucosio e fruttosio. Non sono un chimico quindi non so spiegarti esattamente cosa succede quando il lievito mangia gli zuccheri in questione, ma si predilige il destrosio perché è completamente fermentabile, non lascia niente nella birra se non l'alcool, mentre zucchero di canna e bianco possono apportare aromi "sidrosi". Chiaramente la cosa è trascurabile per il priming, viste le piccole percentuali.

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×