Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
seannnnn5

Mash Per Mosto Più Fermentabile Possibile

Recommended Posts

63 gradi per 45 min più 15 min a 68? ci sono opzioni migliori? 

Purtroppo non ho un secondo fornello per utilizzare il metodo suggerito di portare una porzione a 68 per poi reinserirla.

 

Ciao

il secondo fornello non è strettamente necessario basta che ti organizzi un pò, se hai la possibilità  di scaldare pochissimi litri di acqua prima del mash, oppure durante il mash in una pentola normale da cucina potresti fare così:

 

porta il mash a 63 per 30 minuti, ne poi preleva il 50-60% della frazione liquida e la tieni da parte, porta il pastone denso a 67-68°C aggiungendo acqua calda (preferibilmente quasi bollente) diluendo e mescolando, attendi 20 minuti a 67-68°C e unisci la frazione liquida che avevi messo da parte (che nel frattempo si sarà  portata a qualche grado di meno 60-61°). Puoi anche reiterare una seconda volta questo processo.

 

Se non hai neanche la possibilità  di scaldare acqua, dopo aver tolto la frazione liquida, riaccendi il fuoco alla pentola di mash e porta solo il mash denso residuo a 67-68° attendi i 20 minuti e aggiungi la parte liquida. 

 

Solo lasciando lavorare il destrinase limite in questo modo disgreghi le tutte le destrine e di residue non ce ne saranno.

Con il mash da te proposto, tutte le destrine e gli zuccheri complessi formatesi in quei 15 minuti a 68° e quelle che si formeranno verso il mash out ti resteranno nel mosto e poi nella birra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scherzavo, sappiamo che distillare in casa oltre che essere illegale è anche pericoloso, avrà¡ sicuramente progetti brassicoli NO?

Errore distillare in casa non è illegale. Lo puoi fare fino a quantità  di 3 o 5 litri mi sembra

Share this post


Link to post
Share on other sites

Errore distillare in casa non è illegale. Lo puoi fare fino a quantità  di 3 o 5 litri mi sembra

Non è illegale se il volume del matraccio o caldaia è inferiore a 3 litri e si produca qualsiasi distillato diverso dall'alcol etilico (dm 153/2001).

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su sto forum è già  stato scritto migliaia di volte..
Pur senza i riferimenti legislativi(si dice così??).. Grande cicale! :)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao

il secondo fornello non è strettamente necessario basta che ti organizzi un pò, se hai la possibilità  di scaldare pochissimi litri di acqua prima del mash, oppure durante il mash in una pentola normale da cucina potresti fare così:

 

porta il mash a 63 per 30 minuti, ne poi preleva il 50-60% della frazione liquida e la tieni da parte, porta il pastone denso a 67-68°C aggiungendo acqua calda (preferibilmente quasi bollente) diluendo e mescolando, attendi 20 minuti a 67-68°C e unisci la frazione liquida che avevi messo da parte (che nel frattempo si sarà  portata a qualche grado di meno 60-61°). Puoi anche reiterare una seconda volta questo processo.

 

Se non hai neanche la possibilità  di scaldare acqua, dopo aver tolto la frazione liquida, riaccendi il fuoco alla pentola di mash e porta solo il mash denso residuo a 67-68° attendi i 20 minuti e aggiungi la parte liquida.

 

Solo lasciando lavorare il destrinase limite in questo modo disgreghi le tutte le destrine e di residue non ce ne saranno.

Con il mash da te proposto, tutte le destrine e gli zuccheri complessi formatesi in quei 15 minuti a 68° e quelle che si formeranno verso il mash out ti resteranno nel mosto e poi nella birra.

Grazie mille per la spiagazione molto precisa, farò così!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, io in materia continuo a seguire la stessa linea di comportamento: mi faccio i caxxi miei, non sapendo se al serpente ho tagliato tutta la coda, ma soprattutto TUTTA LA TESTA, evito di incontrarlo sul mio cammino.

Col metanolo non si scherza e non so come si possa fare a riconoscere bene testa e coda del distillato con una caldaia di tre litri, non ho e non voglio avere esperienza in materia, mi limito alla birra :drinks: .

Un povero cristo che non finirò mai di ringraziare, morendo ha donato il rene che mi ha salvato la vita, vorrei evitare di terminarla per sbaglio addirittura per mia mano.

Dice lu saggiu: li guai te colpiscono si te fai li caxxi tui.....si te li vai a cercare ti pigliano prima e meglio

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caldaie, se stai distillando alcol, le puoi usare anche molto più grandi di 3 litri.. Tanto sempre illegale rimane!

La distillazione di alcolici è VIETATA, fine..

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, io in materia continuo a seguire la stessa linea di comportamento: mi faccio i caxxi miei, non sapendo se al serpente ho tagliato tutta la coda, ma soprattutto TUTTA LA TESTA, evito di incontrarlo sul mio cammino.

Col metanolo non si scherza e non so come si possa fare a riconoscere bene testa e coda del distillato con una caldaia di tre litri, non ho e non voglio avere esperienza in materia, mi limito alla birra :drinks: .

Basta controllare la temperatura con un buon termometro posto in cima alla colonna. Tutto ciò che esce sotto i 78 gradi C è testa da scartare. Con tre litri di base a 12 abv ti fai un mezzo litro circa da diluire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, io in materia continuo a seguire la stessa linea di comportamento: mi faccio i caxxi miei, non sapendo se al serpente ho tagliato tutta la coda, ma soprattutto TUTTA LA TESTA, evito di incontrarlo sul mio cammino.

Col metanolo non si scherza e non so come si possa fare a riconoscere bene testa e coda del distillato con una caldaia di tre litri, non ho e non voglio avere esperienza in materia, mi limito alla birra :drinks: .

Un povero cristo che non finirò mai di ringraziare, morendo ha donato il rene che mi ha salvato la vita, vorrei evitare di terminarla per sbaglio addirittura per mia mano.

Dice lu saggiu: li guai te colpiscono si te fai li caxxi tui.....si te li vai a cercare ti pigliano prima e meglio

Sei molto saggio e condivido pienamente la tua opinione riguardo al serpente!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao

il secondo fornello non è strettamente necessario basta che ti organizzi un pò, se hai la possibilità  di scaldare pochissimi litri di acqua prima del mash, oppure durante il mash in una pentola normale da cucina potresti fare così:

 

porta il mash a 63 per 30 minuti, ne poi preleva il 50-60% della frazione liquida e la tieni da parte, porta il pastone denso a 67-68°C aggiungendo acqua calda (preferibilmente quasi bollente) diluendo e mescolando, attendi 20 minuti a 67-68°C e unisci la frazione liquida che avevi messo da parte (che nel frattempo si sarà  portata a qualche grado di meno 60-61°). Puoi anche reiterare una seconda volta questo processo.

 

Se non hai neanche la possibilità  di scaldare acqua, dopo aver tolto la frazione liquida, riaccendi il fuoco alla pentola di mash e porta solo il mash denso residuo a 67-68° attendi i 20 minuti e aggiungi la parte liquida. 

 

Solo lasciando lavorare il destrinase limite in questo modo disgreghi le tutte le destrine e di residue non ce ne saranno.

Con il mash da te proposto, tutte le destrine e gli zuccheri complessi formatesi in quei 15 minuti a 68° e quelle che si formeranno verso il mash out ti resteranno nel mosto e poi nella birra.

è un problema se invece di spostare una frazione più liquida divido in due parti con lo stesso grado di liquidità ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

è un problema se invece di spostare una frazione più liquida divido in due parti con lo stesso grado di liquidità ?

 

tieni presente che gli enzimi che devi preservare (destrinase limite) dopo un certo periodo di mash sono contenuti nella frazione liquida non più nei chicchi di malto, quanta più parte liquida lascerai a 63° tanti più enzimi avrai una volta che riunirai le due parti.

Detto ciò, puoi fare anche come dici te, ma, non farei proprio 50% e 50% ma lascerei a 63° qualcosa di più e reitererei almeno una volta il processo.

Edited by trappist_forever

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vi aggiorno sull'esperimento fatto.

grani: 100% pilsner

OG:1089

mash un pò strano:

65° per 30 min

lasciato scendere fino a 60° e tenuto altri 30 minuti

portato a 67-69 per finire la conversione per 15 min

lievito: mangrove M27. 2 bustine

 

dopo 10 giorni travaso e misuro la denstità  senza credere a quello che leggo: 1000 :shok:

Non avrei mai pensato che questo lievito pappasse così tanto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma scusa, non hai diviso il mosto in due parti? 

Non s'è mai visto scendere di temperatura...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si c'è chi fa il mash inverso anche, parte dalle alfa e arriva al protein rest

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come mai hai voluto fare una birra del genere?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho voluto provare a fare una birra molto alcolica e molto attenuata, come il vino, che è molto alcolico e molto attenuato

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si c'è chi fa il mash inverso anche, parte dalle alfa e arriva al protein rest

 

Te lo giuro, tra forum italiani e americani è la prima volta che leggo sta cosa. :mellow:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Te lo giuro, tra forum italiani e americani è la prima volta che leggo sta cosa. :mellow:

àˆ la versione più saccopelista dell'homebrewing. :rofl: :rofl:

àˆ noto anche come overnight mash, metti tutto in un bel baule frigo portatile (di quelli americani quindi minimo 80-100 litri :rofl: ) a 75°C e lo lasci tutta la notte, la mattina avrà  sui 50°C per cui aggiungi acqua bollente per il mash-out e poi filtri. Per forza di cose con questo sistema la temperatura è decrescente, si arriva sempre alla completa conversione e anche l'efficienza non è male, ci sono solo due problemi:

 

- le beta amilasi un po' lavorano ma in maniera ridotta, difficile ottenere mosti estremamente fermentabili ma se ci fai una APA da 70 IBU non so se riesci a percepire la dolcezza residua con le papille in modlità  "red alert" per l'amaro

- estrazione di tannini da paura ma anche qui 70-80 IBU probabilmente coprono tutto

Edited by Vale
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

àˆ noto anche come overnight mash

 

Aaaaaaah! Così non mi è nuovo! Grazie mille per l'explanation! ;)

 

Ad ogni modo, che aromi c'ha sto M27?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sean immagino che volendo imitare un vino tu sia stato molto basso con gli ibu, quanti? Comunque facci sapere dopo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho voluto provare a fare una birra molto alcolica e molto attenuata, come il vino, che è molto alcolico e molto attenuato

Probabilmente avresti ottenuto lo stesso risultato (82% reali che non è male) tenendo 65°C fissi per un tempo molto lungo, ben oltre la saccarificazione completa. A questa temperatura le beta si denaturano molto lentamente mentre le alfa sono già  attive permettendo la conversione completa senza ulteriori step, se continui il mash per un tempo molto lungo (anche un paio d'ore) le beta continueranno a scindere le destrine prodotte dalle alfa aumentando sempre di più la fermentabilità .

Il limite massimo indicato da Narziss e ottenuto in laboratorio è dell'88% con un mash a due step 50/60°C con diluizioni elevate e macinatura molto fine che si usano solo in laboratorio. Oltre non si può andare perchè ci sono destrine inattaccabili dagli enzimi presenti nel malto, per arrivare al 100% bisogna aggiungere enzimi di sintesi come si fa p.e. a livello industriale nella produzione di alcool puro per avere la massima resa e quindi il minimo costo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vi aggiorno sull'esperimento fatto.

grani: 100% pilsner

OG:1089

mash un pò strano:

65° per 30 min

lasciato scendere fino a 60° e tenuto altri 30 minuti

portato a 67-69 per finire la conversione per 15 min

lievito: mangrove M27. 2 bustine

 

dopo 10 giorni travaso e misuro la denstità  senza credere a quello che leggo: 1000 :shok:

Non avrei mai pensato che questo lievito pappasse così tanto!

 

Il densimetro funziona bene?

Share this post


Link to post
Share on other sites

10 IBU, le ho tenute basse sperando di ottenere una attenuazione importante.

Per Vale: tenere i 65° fissi sembra una cosa interessante, però credo ci voglia un tempo veramente lungo. Nel mio tentativo ho dovuto alzare la temperatura per riuscire a finire la conversione e compresa la sosta per la proteasi ho impieganto poco meno di 2 ore per il mash.

Per Marcus: il densimetro funziona bene, in tutte le mie produzioni non ho mai avuto una lettura pari a 1000, questo è l'unico caso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...