Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Guest Alessio70

-Guida- Come Graduare Una Pentola Con Incisione Con Acido Elettrolitico

Recommended Posts

Purtroppo credo che il blog sia stato chiuso non so quali siano le modalità  di gestione.

Probabile che Alessio si stia organizzando per spostare magari su altra piattaforma tutto quanto di buono ha fatto fino adesso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho finito giusto 10minuti fa di fare tutto..

E' venuto abbastanza bene... non preciso come alcuni di voi, ma bene..

Ho però notato che la superficie è divenuta ruvida dopo il trattamento.. spero di non aver rovinato nulla..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno ha provato a fare una cotta con le pentole segnate? Rimane il segno? Perché essendo un trasferimento di elettroni con il riscaldamento e l'acqua potrebbe sparire

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con il riscaldamento e l acqua non dovrebbe scomparire, ma se riscaldi a resistenza e c'è un po' di dispersione allora le cose cambiano.. W il gas!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con il riscaldamento e l acqua non dovrebbe scomparire, ma se riscaldi a resistenza e c'è un po' di dispersione allora le cose cambiano.. W il gas!

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ho provato con la pila a 9 volt ma niente da fare.. allora sono passato ad un alimentatore da 12v e 10ampère ma anche così i segni sono appena percettibili..  :sad:  ho aumentato il sale, provato con il limone... boh.. forse la mia pentola non si vuole far marchiare!!   :angry:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Metti tanto sale, la soluzione deve essere satura e abbi pazienza.. Dopo un po i segni sono nettamente percettibili(ho usato aceto bianco scrauso da 50cent la bottiglia e il 5%di acidità )..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per puro caso, diverso tempo fa, mi sono imbattuto nel blog di Alessio. L'ho fin da subito apprezzato molto e posso dire con certezza che è grazie a lui che mi sono deciso ad adottare la tecnica BIAB per fare finalmente birra nella mia piccola dimora (dove non posso permettermi nè sistemi classici, nè fornelloni da campo). Ho trovato nel suo blog la guida per graduare le pentole mediante una elettrolisi "casalinga". Ho acquistato tutto il materiale e oggi ho provato con un pezzo di acciaio inox trovato per caso. Delusione! Sarà  per l'acciaio, sarà  per la cattiva proporzione aceto-sale (50g di sale in 500mL di aceto), sarà  per qualche astro non allineato perfettamente, ma non ho inciso nulla se non qualche segno impercettibile.

La prossima volta proverò a sostituire la pila 9V con un alimentatore variabile da 15V 5A, mescolare poco aceto con tanto sale (fino alla saturazione e oltre) e incrociando le dita affinchè, sulla mia pentola, funzioni.

 

Per chi volesse provare questa tecnica ma non riesce a reperire informazioni, data la chiusura del blog e la scomparsa di qualsiasi traccia di Alessio (davvero un peccato), lascio il link in inglese "originale":

 

https://byo.com/stories/issue/item/3113-etch-your-kettle-projects

 

PS Qualcuno sa qualcosa di Alessio e perchè è definitivamente scomparso da internet? Per me è una grave mancanza e spero possa tornare un giorno attivo il suo blog.

 

Sleipnir

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me sulla pentola del crucco ha funzionato a meraviglia..
E i segni sono ancora visibili ora dopo almeno 15 cotte..

Share this post


Link to post
Share on other sites

oggi avevo il pomeriggio libero e ho provato a fare le tacche alla nuova pentola...è stato semplicissimo...ho usato una soluzione satura di sale in aceto bianco al 6% di acidità ...con una pila da 9V i segni compaiono subito...ho avuto l'impressione che per far si che vengano belli evidenti sia necessario cambiare spesso il cotton fioc (si scrive così??) e sfregare con una certa forza sull'acciaio...

ho anche fatto (a mano) gli stencil per i numeri...peccato che ho segnato il 10 sulla tacca dei 15 litri :cray:  :cray:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche la mia pentola di boil da 2 giorni ha le tacche..hehe.

 

forse forse lo farò anche al troncoconico

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche la mia pentola di boil da 2 giorni ha le tacche..hehe.

 

forse forse lo farò anche al troncoconico

Io su uno dei due fermentatori l'ho fatto..

Sull'altro no, ma solo perchè quando ho fatto l'incisione su pentola e fermentatore, l'altro era impegnato..

Mi son detto che l'avrei fatto prima o poi.. Dopo più di un anno è ancora lì.. :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Recentemente ci ho provato: delusione!

Mi è uscito un flebile segnetto dopo ore di tentativi. Ho cambiato batteria, sovrasatura l'aceto ma nulla!

Ho rimediato alla meglio, segnando con un taglierino la paletta per mescolare i malti... Rimedio meschino ma sempre meglio di nulla...

 

Sleipnir

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dipende anche dal tipo di acciaio..
Sul mestolo di mia madre, rimane solo un vago segno.. Idem su di un coperchio cinese che avevo a casa..
Mentre sulle pentole del crucco rimane un bel segno evidente.. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rispolvero questo vecchio topic per condividere la mia esperienza per quanto riguarda la marcatura elettrolitica dalle pentola.

 

Per prima cosa ho versato un litro alla volta nella pentola e preso le misure del livello dell'acqua dal fondo della pentola: 3 misurazioni per litro, media delle 3 misurazioni come valore di riferimento.

 

Ho segnato su un foglio Excel tutti gli incrementi del livello dell'acqua da 0 a 25 litri: i miei valori oscillavano tra 10 mm e 11 mm, per litro (l'oscillazione è dovuta all'errore del litro campione e la misurazione stessa). La media ottenuta era pari a 10,75 mm (fatta eccezione per l'intervallo 4-5 litri dove ho la resistenza quindi l'alzamento dell'acqua è maggiore). Valore che mi ha convinto anche perché coincideva con il calcolo matematico (teorico).

 

Ho quindi disegnato una sorta di "righello" in AutoCAD con le misure ottenute in Excel.

Scala_graduata_pentola_3_30_L.jpg

Il disegno è stato intagliato su un foglio adesivo di vinile e applicato alla pentola

 

IMG_3349.jpg

 

àˆ stata quindi eseguita la marcatura elettrolitica come al solito con l'unica differenza sulla pila usata. Al posto di una pila da 9 Volts ne ho usate due, collegate in serie così da avere un totale di 18 Volts.

 

Questo è il risultato finale:

 

IMG_3350.jpg

 

Ed ecco un particolare:

 

IMG_3352.jpg

 

Segni ben visibili, linee nette e ben marcate. Pienamente soddisfatto.

 

Ho fatto delle prove e ho stimato un errore dell'ordine dei 100 ml... per i nostri scopi, più che accettabile!

 

Questa sera procederò alla passivazione dell'acciaio con del succo di limone per ripristinare le sue proprietà  anti ruggine.

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

 

 

Questa sera procederò alla passivazione dell'acciaio con del succo di limone per ripristinare le sue proprietà  anti ruggine.

Potresti spiegare meglio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Artista!

 

Ahaha... grazie!

 

Potresti spiegare meglio?

 

Con questa procedura di marcatura elettrochimica si va a rimuovere parte dello strato protettivo dell'acciaio, esponendolo a corrosione.

Con la passivazione si va a ripristinare questo strato protettivo.

Qui per approfondire: Passivazione

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come si fa ad intagliare il vinile con che macchina chi lo fa ecc. e com'è la procedura per incidere con le batterie? Grazie

 

Inviato dal mio XT1068 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Va che con il limone non passivi nulla mi sa.

Possibile che mi sbagli io, ma ricordi di elettrochimica mi dicono che serva un acido ossidante minerale (p.e. nitrico).

 

Ps

àˆ anche possibile che non sia necessario passivare nulla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come si fa ad intagliare il vinile con che macchina chi lo fa ecc. e com'è la procedura per incidere con le batterie? Grazie

 

Inviato dal mio XT1068 utilizzando Tapatalk

 

Per la procedura la trovi all'inizio di questa discussione.

Per intagliare il vinile è inutile che ti dica dove sono andato io in quanto vivo nei Paesi Bassi.

Prova a cercare qualche centro dove stampano.

 

Va che con il limone non passivi nulla mi sa.

Possibile che mi sbagli io, ma ricordi di elettrochimica mi dicono che serva un acido ossidante minerale (p.e. nitrico).

 

Ps

àˆ anche possibile che non sia necessario passivare nulla.

 

Mi riferivo al limone in quanto su parecchie discussioni su altri forum americani si fa riferimento all'acido citrico.

Dici che non è necessario?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...