Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Recommended Posts

Secondo voi, per fare piccole cotte (max 10 L, al massimo posso fare cotte concentrate) posso usare

-una pentola da 28 cm - 15 L senza rubinetto,

-uno scolapasta da pentola tipo questo

http://www.zanonicookingcenter.com/prodotti/Colapasta_per_pentola_in_alluminio_spess_3mm

della misura adatta

-una sacca in voile cucita dalla moglie

Il tutto avrebbe molti vantaggi:

-è materiale che ho già  in casa

-il colapasta servirebbe sia da doppio fondo (è rialzato di meno di un cm) che da filtro per i luppoli se uso fiori o coni

-userei il fornello della cucina tripla corona

-raffreddamento nel lavello con acqua e ghiaccio

e tanti svantaggi:

-molto lavoro per poco prodotto

-travaso con sifone, che non amo.

.

Che cosa ne pensate ? Si può fare (è chiaro, tutto si può fare, ma...) ?

Grazie e saluti

Mario

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bello lo scolapasta, ricorda il cestello interno di alcuni prodotti commerciali per birrificare, che però sfruttano tutti una pompa per distribuire le temperature.

Senza un sistema di ricircolo, così a occhio, credo che la temperatura tra scolapasta e pentola, a fiamma accesa, potrebbe salire molto rispetto al resto del mosto, incasinando il mash, e mettendo a rischio gli enzimi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che sarà  obbligatorio mescolare molto spesso e lavorare di termometro/fiamma con pazienza.

Pensi che si può provare ?

Ciao

Mario

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come dicevi tu all'inizio, tutto si può provare, poi io ti sto parlando solo di mie impressioni, la parete forata di quello scolapasta, unita alla sacca e ai grani, mi da l'idea di creare una bella barriera per il mosto, ho il dubbio che a fiamma accesa, anche mescolando ( e la parte sotto lo scolapasta non arrivi a mescolarla assieme al resto ), il fondo ti arriva a 80-90 gradi mentre dentro misuri ancora 60, e che quando spegni il fuoco la temperatura si distribuisce lentamente con una deriva termica che ti porta ben oltre quel che volevi.

Poi è solo una mia impressione, non ti sto dando la cosa per certa, ma senza ricircolo quel sistema non mi ispira. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

La parte sotto il colapasta credo sia molto meno di mezzo litro (misurerò).

Alla fine, l'unica sarà  provare: 10 L di acqua, 2 kg di grani, 40 g di luppolo e via !

Ovviamente, proverò una ricetta semplice semplice con Brew mate. Ma credo se ne parlerà  dopo l'estate.

Grazie !

Mario

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa per te purtroppo è troppo grande:

http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/10112530/

Ma già  una cosa del genere, distanziata dal fondo con qualcosa, anche solo posate, si comporta bene.

Tanto il lavoro importante lo fa la sacca, il fondo serve solo a proteggerla dalle bruciature, non serve che sia aderentissimo.

Io con la pentola da 100 uso due griglie inox ikea incrociate, distanziate dal fondo con un aggeggio inox per cottura al vapore.

La misura più piccola delle griglie è questa:

http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/00186041/

Potresti tagliarle a misura della pentola, io l'ho fatto. Se le scegli, occhio che i tubi sono vuoti all'interno, bisogna pulirli bene dopo l'uso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ops, ho visto ora che sono 18x18, piccoline, quelle che uso io sono larghe 50. Il concetto però resta.

Una prova in effetti, tempo a parte, non ti costa molto, poi per me, la cosa più importante è divertirsi  ;)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ops, ho visto ora che sono 18x18, piccoline, quelle che uso io sono larghe 50. Il concetto però resta.

Una prova in effetti, tempo a parte, non ti costa molto, poi per me, la cosa più importante è divertirsi  ;)

Concordo !

Ciao

Mario

Edited by corbaccio
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

prova!

 

lascia da parte lo scolapasta, e vedi quanta temperatura perdi in un'ora coibentando bene (tipo giacca a vento stretta attorno alla pentola con elastici).

Fai un monostep tanto per cominciare.

Sifona tranquillo, fissa il tubo al bordo della pentola con una molletta con la sinistra tieni il tubo, e usa il gorgogliatore per aspirare se temi di contaminare il tubo con la saliva.

Poi lo risanifichi dopo.

 

Andrà  benissimo.

ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Scusate ma passano bene i liquidi in messo al paraschizzi? Mi sembra che abbia una trama troppo fitta

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il paraschizzi è una rete, sicuramente meglio della parete metallica con buchi sparsi dello scolapasta, guarda la percentuale di spazio aperto rispetto al chiuso.

Ho letto che qualcuno lo usa, ma sinceramente una prova reale non l'ho mai fatta, io mi trovo benissimo con le griglie ikea incrociate.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io in realtà  nn uso il sacco ma mi serve un filtro x distanziare le trebbie dal filtro bazooka xche sennò ci metto quasi 10 min a svuotare una pentola da 35 litri...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Proverò - quest'autunno - e vi farò sapere. Nel frattempo, leggo e raccolgo informazioni.

Ciao

Mario

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che non me ne intendo piu' di tanto... ho fatto 3 cotte in BIAB nel giro di 1 settimana (per tarare l'attrezzatura) e la mia esperienza si limita a queste... pero' posso dirti, visto che anch'io ho fatto bene o male quello che vuoi far tu (fornello della cucina, pentola da 15/16 litri e 9-10 litri totali di mosto in fermentatore) che io quel cestello lo eviterei.

A quanto ho capito (e anche un po a quanto ho letto e visto per esperienza) il sacco non deve essere altro che una "seconda pelle" per la pentola... tu praticamente non devi fare altro che fare esattamente quello che faresti in una AG classica... la sacca deve servire solo in fase di strizzaggio per recuperare quel che è rimasto nelle trebbie, se metti quel pezzo di ferro forato tra la pentola e il sacco hai comunque un limite, non avrai mosto a diretto contatto con la pentola... un conto è metter tra la pentola e l'acqua un leggero sacco di materiale sintetico, un altro è metterci un colapasta di metallo.

 

Per il resto posso confermarti che il metodo "casalingo" è fattibilissimo. Io ho una pentola del tipo di quella che dovrai usare tu e ho un fornello normalissimo (non a doppia o tripla corona con piu' fuochi, quello "grande" a unico fuoco) e non ho problemi... parto con 14 litri e ne tiro fuori 9-10 (sto ancora tarando l'attrezzatura). Se poi ti hai una pentola in acciaio (come la mia) e fondo grosso e ti accorgi che non arrivi a temperatura abbastanza velocemente allora cercane una piu' sottile, ma vedrai che se hai fornello a piu' fuochi non ne avrai bisogno.

 

Quello che invece ti STRAconsiglio è una bella serpentina per il raffreddamento... fidati che fa la differenza... io con la mia autoprodotta da tubo di rame diametro 12mm e 2 tubi crystal con relativo raccordo per i tubi da giardino per collegarlo al rubinetto raffreddo 10 litri di mosto da 100 a 24 gradi in pochissimi minuti (circa 20) e senza usare troppa acqua corrente. Ti dico come faccio io: all'inizio la accendo molto forte, poi quando vedo che l'acqua in uscita si sta raffreddando troppo abbasso un po il rubinetto e "smuovo" un po (pochissimo eh) con la mano il tubo di rame nella pentola mer muovere un po il mosto... cosi' facendo vedrai che l'acqua in uscita torna caldina... poi a intervalli aumenti e diminuisci il flusso d'acqua dal rubinetto. Nel frattempo l'acqua che esce la usi per pulire l'attrezzatura, cosi' ne sprechi ancora meno; io cosi' mi son trovato benissimo e ti diro' che utilizzavo molta piu' acqua corrente quando non avevo la serpentina e immergevo la pentola in acqua fredda.

 

Altra cosa utilissima è la coperta termica per mantenere la temperatura. Hai presente quei fogli metallizzati tipo carta dell'uovo di pasqua (solitamente hanno un lato colorato esterno e uno color argento interno) che si usano come coperte per tenere calde le persone (solitamente in casi di catastrofi naturali in giappone ecc)? ecco quelle!!! Io l'ho presa su ebay, ma dovresti trovarla anche in farmacia.

 

Altra cosa indispensabile per il BIAB è un mulino, perchè i grani van macinati di piu' (devono "sfarinare" di piu') rispetto alla normale macinatura per all grain, quindi se li compri già  macinati dai vari fornitori te li macinano "grossi" e avrai meno efficienza.

 

Ultima cosa indispensabile è che il sacco sia esattamente del tessuto Voil Svizzero... io per ora sto usando sacca fatta con un tessuto simile (ho comprato 2 tende in acrilico al Leroy Merlin e l'ho fatto fare da quelle) ma non rende bene; Sto andando alla ricerca di quel tessuto e spero di trovarlo, anche perchè il sacco che ho ora è un po troppo largo e corto rispetto a quello che vorrei... ma quelle son cose che impari con la pratica...

 

Per il resto io ti consiglio di fare come sto facendo io... fai varie prove e ti segni tutti i valori possibili (livello di acqua iniziale, livello di acqua a fine mash, livello acqua a fine cotta; Gravity a fine mash e OG a fine cotta; ottimo anche se ti segni i tempi per arrivare da una temperatura a un'altra cosi' non stai a aprire e misurare ogni 2 minuti col termometro).

 

Io con questa attrezzatura che ti ho elencato e con mulino olandese (clone del Barley Crusher comprato su ebay a 110 euri, ma che si trova anche direttamente dal sito del produttore a 100, solo che non mi fidavo troppo) vado benissimo, è quanto di meglio si possa avere e in 2 minuti macini tutti i grani che ti servono per quel tipo di pentola.

 

Ultimissimo consiglio è un fermentatore piu' piccolo rispetto ai classici da 32 litri... Se usi quelli grandi per 10 litri di mosto hai troppa aria dentro al fermentatore e rischi (in teoria il rischio non c'è perchè hai sanitizzato, ma non si sa mai) che nel tempo in cui il mosto inizia a fermentare e riempie di anidride carbonica lo spazio vuoto, l'ossigeno che rimane causi infezioni al mosto. Ripeto, non dovresti avere problemi, ma non si sa mai... io ho preso dei fermentatori (5 in totale, 4 per le cotte e 1 per i travasi) da 16 litri che costano 16 euro l'uno su Pinta.it.

 

Per il resto l'attrezzatura è la classica da all-grain, PHmetro (con i liquidi per tararlo e possibilmente il liquido per mantenerne l'elettrodo), tintura di iodio per il test a fine mash, un qualche tipo di acido (io uso quello lattico e per quella quantità  di mosto di solito ne metto 1 cucchiaino e poco piu'), sanitizzante e tutto il resto che se hai già  usato per i kit luppolati probabilmente avrai già .

 

Tu parli "male" di questo metodo casalingo perchè produce poco mosto, io invece lo preferisco... conta che come dicevo in 1 settimana ho già  fatto 3 cotte e almeno tra 2 mesetti buoni avro' già  3 tipi diversi di birra da provare... visto che sono le prime prove e che ancora non ho calibrato bene tutta l'attrezzatura penso che 10 litri per cotta siano anche troppi... probabilmente ne verrà  fuori birra non perfetta, perchè farne di piu'?

 

Concludo dicendoti che per le prime 2 cotte ci ho messo 4 ore + una decina di minuti per finire di pulire l'attrezzatura (che comunque di solito lavo e metto via nei tempi morti durante la cotta) e per l'ultima birra, che aveva tempi un po piu' corti ci ho messo solo 4 ore totali. Come vedi il BIAB ti permette di mantenere tempi mooooolto piu' brevi rispetto all'All Grain classico ed è per questo che ho scelto questa strada...

L'unico appunto che ti faccio è assolutamente di trovare un metodo di raffreddamento (ri-consiglio serpentina) altrimenti i tempi si allungano di molto.

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che non me ne intendo piu' di tanto... ho fatto 3 cotte in BIAB nel giro di 1 settimana (per tarare l'attrezzatura) e la mia esperienza si limita a queste... pero' posso dirti, visto che anch'io ho fatto bene o male quello che vuoi far tu (fornello della cucina, pentola da 15/16 litri e 9-10 litri totali di mosto in fermentatore) che io quel cestello lo eviterei.

A quanto ho capito (e anche un po a quanto ho letto e visto per esperienza) il sacco non deve essere altro che una "seconda pelle" per la pentola... tu praticamente non devi fare altro che fare esattamente quello che faresti in una AG classica... la sacca deve servire solo in fase di strizzaggio per recuperare quel che è rimasto nelle trebbie, se metti quel pezzo di ferro forato tra la pentola e il sacco hai comunque un limite, non avrai mosto a diretto contatto con la pentola... un conto è metter tra la pentola e l'acqua un leggero sacco di materiale sintetico, un altro è metterci un colapasta di metallo.

 

Per il resto posso confermarti che il metodo "casalingo" è fattibilissimo. Io ho una pentola del tipo di quella che dovrai usare tu e ho un fornello normalissimo (non a doppia o tripla corona con piu' fuochi, quello "grande" a unico fuoco) e non ho problemi... parto con 14 litri e ne tiro fuori 9-10 (sto ancora tarando l'attrezzatura). Se poi ti hai una pentola in acciaio (come la mia) e fondo grosso e ti accorgi che non arrivi a temperatura abbastanza velocemente allora cercane una piu' sottile, ma vedrai che se hai fornello a piu' fuochi non ne avrai bisogno.

 

Quello che invece ti STRAconsiglio è una bella serpentina per il raffreddamento... fidati che fa la differenza... io con la mia autoprodotta da tubo di rame diametro 12mm e 2 tubi crystal con relativo raccordo per i tubi da giardino per collegarlo al rubinetto raffreddo 10 litri di mosto da 100 a 24 gradi in pochissimi minuti (circa 20) e senza usare troppa acqua corrente. Ti dico come faccio io: all'inizio la accendo molto forte, poi quando vedo che l'acqua in uscita si sta raffreddando troppo abbasso un po il rubinetto e "smuovo" un po (pochissimo eh) con la mano il tubo di rame nella pentola mer muovere un po il mosto... cosi' facendo vedrai che l'acqua in uscita torna caldina... poi a intervalli aumenti e diminuisci il flusso d'acqua dal rubinetto. Nel frattempo l'acqua che esce la usi per pulire l'attrezzatura, cosi' ne sprechi ancora meno; io cosi' mi son trovato benissimo e ti diro' che utilizzavo molta piu' acqua corrente quando non avevo la serpentina e immergevo la pentola in acqua fredda.

 

Altra cosa utilissima è la coperta termica per mantenere la temperatura. Hai presente quei fogli metallizzati tipo carta dell'uovo di pasqua (solitamente hanno un lato colorato esterno e uno color argento interno) che si usano come coperte per tenere calde le persone (solitamente in casi di catastrofi naturali in giappone ecc)? ecco quelle!!! Io l'ho presa su ebay, ma dovresti trovarla anche in farmacia.

 

Altra cosa indispensabile per il BIAB è un mulino, perchè i grani van macinati di piu' (devono "sfarinare" di piu') rispetto alla normale macinatura per all grain, quindi se li compri già  macinati dai vari fornitori te li macinano "grossi" e avrai meno efficienza.

 

Ultima cosa indispensabile è che il sacco sia esattamente del tessuto Voil Svizzero... io per ora sto usando sacca fatta con un tessuto simile (ho comprato 2 tende in acrilico al Leroy Merlin e l'ho fatto fare da quelle) ma non rende bene; Sto andando alla ricerca di quel tessuto e spero di trovarlo, anche perchè il sacco che ho ora è un po troppo largo e corto rispetto a quello che vorrei... ma quelle son cose che impari con la pratica...

 

Per il resto io ti consiglio di fare come sto facendo io... fai varie prove e ti segni tutti i valori possibili (livello di acqua iniziale, livello di acqua a fine mash, livello acqua a fine cotta; Gravity a fine mash e OG a fine cotta; ottimo anche se ti segni i tempi per arrivare da una temperatura a un'altra cosi' non stai a aprire e misurare ogni 2 minuti col termometro).

 

Io con questa attrezzatura che ti ho elencato e con mulino olandese (clone del Barley Crusher comprato su ebay a 110 euri, ma che si trova anche direttamente dal sito del produttore a 100, solo che non mi fidavo troppo) vado benissimo, è quanto di meglio si possa avere e in 2 minuti macini tutti i grani che ti servono per quel tipo di pentola.

 

Ultimissimo consiglio è un fermentatore piu' piccolo rispetto ai classici da 32 litri... Se usi quelli grandi per 10 litri di mosto hai troppa aria dentro al fermentatore e rischi (in teoria il rischio non c'è perchè hai sanitizzato, ma non si sa mai) che nel tempo in cui il mosto inizia a fermentare e riempie di anidride carbonica lo spazio vuoto, l'ossigeno che rimane causi infezioni al mosto. Ripeto, non dovresti avere problemi, ma non si sa mai... io ho preso dei fermentatori (5 in totale, 4 per le cotte e 1 per i travasi) da 16 litri che costano 16 euro l'uno su Pinta.it.

 

Per il resto l'attrezzatura è la classica da all-grain, PHmetro (con i liquidi per tararlo e possibilmente il liquido per mantenerne l'elettrodo), tintura di iodio per il test a fine mash, un qualche tipo di acido (io uso quello lattico e per quella quantità  di mosto di solito ne metto 1 cucchiaino e poco piu'), sanitizzante e tutto il resto che se hai già  usato per i kit luppolati probabilmente avrai già .

 

Tu parli "male" di questo metodo casalingo perchè produce poco mosto, io invece lo preferisco... conta che come dicevo in 1 settimana ho già  fatto 3 cotte e almeno tra 2 mesetti buoni avro' già  3 tipi diversi di birra da provare... visto che sono le prime prove e che ancora non ho calibrato bene tutta l'attrezzatura penso che 10 litri per cotta siano anche troppi... probabilmente ne verrà  fuori birra non perfetta, perchè farne di piu'?

 

Concludo dicendoti che per le prime 2 cotte ci ho messo 4 ore + una decina di minuti per finire di pulire l'attrezzatura (che comunque di solito lavo e metto via nei tempi morti durante la cotta) e per l'ultima birra, che aveva tempi un po piu' corti ci ho messo solo 4 ore totali. Come vedi il BIAB ti permette di mantenere tempi mooooolto piu' brevi rispetto all'All Grain classico ed è per questo che ho scelto questa strada...

L'unico appunto che ti faccio è assolutamente di trovare un metodo di raffreddamento (ri-consiglio serpentina) altrimenti i tempi si allungano di molto.

o.t. ma neanche troppo:

è un anno che gironzolo, scrivo e leggo sui forum birrari.

Un post così esauriente e soddisfacente non l'avevo ancora incontrato, pur con la gratitudine che ho verso tantissimi homebrewers.

Che dire di più ? GRAZIE

Ciao

Mario

p.s. se clicco mi piace mi piace non va bene perchè il secondo click annulla il primo, mannaggia :D 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo clicco io il secondo  ;)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti do un ultimo consiglio, per distanziare il fondo della pentola dal sacco (cioè per fare il doppiofondo) io ho trovato una di quelle teglie da pizza tonde, del diametro perfetto per la pentola (ho acquistato pentola e doppiofondo nello stesso negozio,dove una carinissima vecchietta mi ha tirato fuori il coniglio dal cilindro con quella teglia per pizza). La pentola ha diametro 30 e la teglia evidentemente poco meno, perchè ci calza come un guanto (ovviamente capovolta).

Una volta a casa non ho fatto altro che fare (anzi far fare a mio suocero ahaha) dei fori ed ecco fatto il doppiofondo... ti giuro che qualcosa di cosi' tanto perfetto non sarei riuscito a farlo nemmeno prendendo le misure e costruendolo da me... poi per toglierlo a fine mash gli ho legato un pezzetto di corda che esce dalla pentola... a fine mash tiro la corda e sfilo il doppiofondo.

 

Per strizzare il sacco invece uso un'altra pentola vecchia (Sempre di diametro 30 circa) e uno scolapasta diametro interno 28 con 2 manici che si allargano fino a circa 34 di diametro. Con 2 fascette lego i 2 manici dello scolapasta ai 2 manici della pentola, in modo che sia bello fermo e non si muova o caschi durante la fase di strizzaggio... cosi' facendo in 5 minuti riesco a strizzare il sacco completamente e senza problemi (con guanti in silicone comprati su ebay, ma un po mi scotto, quindi domani andro' all'IKEA a vedere se trovo quelli che dite siano perfetti).

 

Oggi sono riuscito a trovare la stoffa che, spero, sia perfetta per il sacco e ho già  incaricato la suocera che me la sta producento ahaha

 

Per quanto riguarda la sacca ti consiglio, se devi costruirtela da te (e penso di si perchè quelle che compri online, salvo quelle che trovi qui sul forum dall'utente che le sta facendo costruire su misura, sono tutte molto piu' grandi) di fargli anche un orlo e di inserirvi una corda. Una volta calzato il sacco sulla pentola stringi la corda (o gli fai un nodo o gli metti uno di quei pratici aggeggi per stringerla... non so come si chiamano ahaha), cosi' facendo il sacco rimane fermo immobile per tutta la durata del mash. Io non l'avevo prevista e quindi una volta che andavo a mescolare con il cucchiaio ogni tanto mi si spostava il sacco e pian piano i lembi tendevano a scivolare dentro al mosto... con la corda (ancora non ho provato eh ma lo faro' presto) invece riesci a evitare tutto cio'.

 

P.S.

Per chi mi ha ringraziato, sto pensando di fare alcune foto alla prossima cotta in modo da illustrare meglio l'attrezzatura e i consigli che riesco a dare.

Visto che qualche settimana fa ci sono passato anch'io a cercare info su questa tecnica su forum e siti, e apparte qualche guida, video di youtube e post sul forum ho trovato poco, pensavo appunto di abbreviare i tempi di ricerca ed aiutare chi è nella mia stessa condizione.

 

Sicuramente sbaglio a pensarla cosi', ma sembra quasi che in questo tipo di "mestiere" (l'homebrewing in generale) molti abbiano i loro "segreti" e che si faccia fatica a scucirglieli ahaha... Ho amici che fanno all-grain da qualche anno e oltre a dirmi "ma cosa fai???" non mi insegnano nulla, anzi... oltre alle informazioni di base tipo "fai il test del ph e dello iodio" non mi dicono altro... poi quando mi trovo al punto di dire "e se faccio cosi'?" allora arrivano e dicono "sisi ovvio, devi fare cosi'"... ma dirmelo prima no???

 

Attendo l'arrivo del materiale che ho ordinato da Birramia e poi provo a buttar giu' una bozza.

Edited by shockwave82
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ri-grazie !

Ho trovato un sito moolto interessante

biabrewer.info

ricco di consigli, con una bella guida sia per il biab che per il mini-biab

Ciao e buona giornata a tutti

Mario (oggi in ferie, non credete che sono un pelandrone)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve, anch'io avrei intenzione di fare la mia prima AG con il metodo BIAB e con l'attrezzatura attualmente in mio possesso, cioè una pentola di circa 20 litri e la sacca autocostruita in voile. Vorrei però fare due cotte successive da 15-10 litri in modo che mentre la prima si raffredda ben chiusa nel fermentatore, preparo la seconda che poi andrò ad aggiungere a quella raffreddatasi nel fermentatore, correggo eventualmente la temperatura, raffreddando o riscaldando il mosto (magari immergendo il fermentatore nell'acqua fredda o calda) e poi, raggiunta la temperatura ideale, aggiungo il lievito e metto il tutto a fermentare...

Secondo voi può funzionare?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me fai una "porcata". Ogni cotta è sempre lievemente diversa dalle altre. Vuoi metterne 2 insieme solo perché nn hai una pentola un po grossa? E poi...quanto tempo perdi???

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve, anch'io avrei intenzione di fare la mia prima AG con il metodo BIAB e con l'attrezzatura attualmente in mio possesso, cioè una pentola di circa 20 litri e la sacca autocostruita in voile. Vorrei però fare due cotte successive da 15-10 litri in modo che mentre la prima si raffredda ben chiusa nel fermentatore, preparo la seconda che poi andrò ad aggiungere a quella raffreddatasi nel fermentatore, correggo eventualmente la temperatura, raffreddando o riscaldando il mosto (magari immergendo il fermentatore nell'acqua fredda o calda) e poi, raggiunta la temperatura ideale, aggiungo il lievito e metto il tutto a fermentare...

Secondo voi può funzionare?

certo che si può fare.e funziona..

è la tipica doppia cotta che fanno quasi tutti i birrifici...

ma considerando che è la tua prima cotta,quindi non hai la piena padronanza del metodo preparati ad almeno 10\12 ore consecutive.. :good:  :good:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo l'avevo previsto, ma avrei pensato di fare una prima cotta la mattina ed una seconda il pomeriggio, mescolare tutto bene e mettere a fermentare...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×