Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
Guest Laawiyah

Idromele: La "prova Dell'aria"!

Recommended Posts

Guest Laawiyah

In questi ultimi giorni ho voluto fare una "prova dell'aria" per verificare la resistenza dell'idromele all'ossidazione; (L'idromele preso in esame è stato  preparato senza pastorizzare il mosto, con 80% di acacia, 20% di millefiori di bosco, acqua e lievito...niente altro!) ho proceduto esponendo all'aria una piccola quantità  di idromele (50 ml.) per 3 giorni circa!  Inoltre ho agitato il campione con vigore, 2 volte al giorno...tanto per massimizzare l'esposizione!

 

Confrontando il campione esposto all'aria, con un campione di riferimento, ho potuto notare che la limpidezza, il colore e l'aroma dell'idromele, sono rimasti inalterati...l'unica differenza l'ho notata assaggiando il campione esposto all'aria, il quale presentava una gradazione un po' inferiore (non so quantificare), rispetto al campione di riferimento...in pratica lasciando esposto l'idromele per 3 giorni, ad una temperatura di 15° C circa, l'alcool è, in parte, evaporato.

Quindi, l'idromele ha resistito all'ossidazione in modo eccellente e, sinceramente, è proprio quel che mi aspettavo da questa prova dell'aria!

 

Questo test si può effettuare prima di un travaso, per valutare il da farsi...si "spilla" un poco di idromele e lo si lascia esposto all'aria a temperatura ambiente; trascorso il tempo previsto si confronta il campione con dell'idromele appena "spillato".

Il fermentato per essere definito resistente all'ossidazione deve poter sopportare un'esposizione all'aria di minimo 3/4 ore fino anche a 2 giorni e risultare inalterato nell'aspetto e nell'aroma! (naturalmente anche la gradazione conta! un fermentato con alta gradazione è tendenzialmente più resistente alle alterazioni in genere, rispetto ad un fermentato con gradazione bassa...si deve tener conto anche di questo, in special modo riguardo all'analisi gustativa del campione)

 

Se il campione passa il test con successo, il fermentato può essere travasato tranquillamente, senza che ci siano problemi di ossidazione! Se invece abbiamo a che fare con un fermentato che si ossida nel giro di poche ore, ci conviene aggiungere dell'acido ascorbico in dosi calcolate e tenendo conto del pH; attendere 24 ore, poi travasare con cura, cercando di ossigenare il mosto il meno possibile!

Con il medesimo test dell'aria, possiamo anche osservare se il fermentato viene alterato da qualche microorganismo estraneo e in quanto tempo questo avviene!

 

Ciao a tutti!

 

La'awiyah

 

 

 

 

 

Edited by Laawiyah

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho mai fatto simili prove, ma ho notato come, a differenza della birra, una bottiglia di idromele aperta si conserva anche a lungo in frigo.. Ho regalato una bottiglia a mia nonna che l'ha finita in più di 3settimane! Anzi, a parer mio dopo un paio di giorni era addirittura meglio e dopo le 3settimane era ancora decisamente buono..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Laawiyah

Si!...anche a me avvolte l'idromele dura diversi giorni in frigo e effettivamente si mantiene tal quale senza alterarsi...ma ho voluto comunque provare ad esporlo ad un'ossidazione intensa e non ostante tutto l'impegno, non si è ossidato minimamente...o per lo meno l'alterazione, se c'è stata, non era percepibile ai miei occhi e al mio palato!

 

Che dire...l'idromele è highlander eheheheh... :good:

 

Ciao!

Share this post


Link to post
Share on other sites

il mio sidro di mele centrifugate non ha resisto mezzora :(

 

se riesco a farmi dare il miele alla genziana provo idromele alla genziana :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Laawiyah

se riesco a farmi dare il miele alla genziana provo idromele alla genziana :)

 

Miele di genziana? :huh:  Non l'ho mai sentito nominare! dev'essere un prodotto raro e/o tipico solo di alcune zone!...ho fatto una ricerca veloce, tanto per curiosità , ma google non mi da risultati con miele di genziana/gentiana...???.....inoltre, cercando flora di interesse apistico, sempre su google, ho letto che la genziana (le varietà  di genziana sono moltissime) è bottinata solo occasionalmente dalle api e, prevalentemente per il polline...+ che per il miele!

 

Insomma...(se riesci a procurartelo) consideralo un miele monoflora pregiato, direi al pari del miele di alfa-alfa, rovo, nespolo, tanto per citarne alcuni......poi chi ha la fortuna di produrli, se li fa pagare quindi, fanne buon uso!

(nel senso...non usare un lievito da birra o che ceda aromi propri al fermentato, cerca un ceppo dal carattere neutro, in modo da conservare intatto l'aroma di un miele cosi particolare ;) )

 

Ciao!

 

P.s: riguardo al sidro di mele centrifugate.....probabilmente la quantità  di miele che hai usato era insufficiente a proteggere il succo dall'ossidazione....purtroppo la frutta in genere (la mela in special modo) soffre parecchio l'ossidazione!

Edited by Laawiyah

Share this post


Link to post
Share on other sites
La genziana è una pianta tipica delle zone di montagna, e ci si fa un liquore particolare molto buono

Il "problema" è che la raccolta della parte della radice per fare il liquore è regolamentato in maniera ambigua, cioè la radice la puoi raccogliere se non arrechi danni alla pianta ( ciò richiede un lavoro molto più lungo del semplice strappare e spicconare tutto)

A me cresce spontanea in giardino quindi non ho problemi :)

Tornando al miele

Questa azienda ha una piantagione di genziana vicino a me

http://www.genzianino.com/coop-mucilla-m-10.html

Il proprietario è un mio cliente, e dice che sta facendo un miele alla genziana biologico nel vero senso della parola, le api le tiene in montagna vicino alla piantagione di genziana, ma non sono tantissime e il miele non lo venderà  se no lo dovrebbe vendere a peso d'oro mi ha detto! Gli ho detro che a me sembrava o tanti 8€ per un vasetto di miele alle castagne.. Si è messo a ridere e ha detto che il suo dovrebbe costare almeno il quadruplo se lo dovesse vendere


Se lo riuscissia rimediare vedo di combinarci qualcosa di bello :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Laawiyah

 

 

Gli ho detro che a me sembrava o tanti 8€ per un vasetto di miele alle castagne.. Si è messo a ridere e ha detto che il suo dovrebbe costare almeno il quadruplo se lo dovesse vendere

 

...appunto!...come il miele di nespolo che lo paghi 30/40 euri al kg :fool:....quando lo trovi!

 

Comunque se riesci a fartene dare un po' anche solo per sentirlo, bene!...che culo!  Eheheh.... :good:

 

P.s.:  miele alle castagne???....forse intendevi miele di castagno!? ;)

 

ciao...

Edited by Laawiyah

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mmm puo essere, ho notato tutti vasetti da mezzo chilo, c'era anche arancio, e altri nomi che non ricordo al momento, comunque era un erboristeria

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...