Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
blitz

Impiantino Elettrico 100Litri Per Biab (Attenzione Pics Intensive)

Recommended Posts

chiedo scusa rico! Ora che ho chiarito il discorso resistenze posterò solo qui :)

 

Oggi rifinitura delle cover delle resistenze e ho cominciato a prendere le misure per la coibentazione.

 

Intanto sono arriva 38kg di malto e 1,4kg di luppoli vari più qualche lievito ed estratto di malto, spero di essere pronto per fare qualche cotta tra  1 o 2 weekend

Edited by blitz

Share this post


Link to post
Share on other sites

I lavori proseguono...completato il sistema di tiraggio delle cover delle resistenze, 15cm di barre in acciaio inox da 12mm e 4 dadi per "spingere" e bloccare le cover verso la pentola, anche solo stringendole a mano non si muovono più e ho recuperato metà  altezza nella parte centrale e altezza piena nei laterali ;)

 

5mzp77.jpg

 

Poi dovevo trovare il sistema per bloccare la cover della sonda del termometro...e qui è subentrato il genio di mio padre, pezzetto di profilato rettangolare in acciaio inox, creata filettatura da 12mm con la madrevite e infilato passante nell'altra asticella a formare una T, e ora tutto il blocco è solidale

 

2crlu9t.jpg

 

6j3514.jpg

 

 

E si passa alla parte elettrica!

Edited by blitz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ovviamente le aste di sopra saranno sgrassate nel diluente, spazzolate a dovere e poi bollite per sterilizzare il tutto.

Per la parte elettrica al momento rimango, come dicevo nel primo post, sul semplice semplice...dimmer (dovrebbero essere tristori, che lavoro sullo sfasamento della fase 220v per ridurre la potenza) per dosare la potenza e interruttori bipolari per staccare completamente e in maniera indipendente le due resistenze, l'unica cosa che non mi convince degli interruttori (sono da 16A - 250v) è la connessione con i connettori a spade...vedremo se ci saranno problemi o se scaldano.

 

33aewsp.jpg

 

Scatola elettrica sigillata rimediata in giro nel garage, ho segnato il tutto e poi forato con il trapano e rifinito con la lima, non avevo il dremel a portata di mano.

 

etct1i.jpg

 

Dimmer e interruttori montati

 

21ak2h1.jpg

 

E pannello completato nella parte superiore

 

 

30skf1d.jpg

 

Domani finisco i collegamenti sotto (2 mammuth e 8 faston) e mi dedico alla coibentazione step 1, pannelli termoriflettenti intorno tenuti con le cinte e base di sughero (forse ci scappa anche un copri coperchio), in un secondo momento vorrei completarla con le perline di legno, clip per smontaggio rapido, ecc.

 

 

Byez
BlitZ

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ha...il foro delle resistenze è 38-39mm circa, infatti la fresa è 38mm.

Edited by blitz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Complimenti comunque sappi che da qualche hanno è stato normalizzato anche in Italia la tensione di distribuzione

la 220V è stata passata a 230V e la 380V e stata passata a 400V

Quindi quella resitenza in realta oggi alimenti anche tu a 230v :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Complimenti comunque sappi che da qualche hanno è stato normalizzato anche in Italia la tensione di distribuzione

la 220V è stata passata a 230V e la 380V e stata passata a 400V

Quindi quella resitenza in realta oggi alimenti anche tu a 230v :D

 OT: savio è possibile che questa sovralimentazione sia la causa della morte di diversi miei elettrodomestici ultimamente?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Savio! Eppure in uscita con il tester leggo 224-225v al massimo, e cmq le resistenze da contatore con consumano in modalità  diretta pià  di 2100watt...che strano!

 

Ho finalmente provato i dimmer, allora funzionano bene, variano il voltaggio tra 182V (1360watt) e 210volts (circa 2000watt), specifico questo perchè il circuito si succhia 10v! Quindi rispetto al collegamento diretto si perdono quasi 100Watt a resistenza....si rimedia con un deviatore a monte che permette di scegliere se inviare tutta la tensione alla res. o di passare per il dimmer (pilotato dal potenziometro) e quindi si possono ottenere tutti i vantaggi (massima potenza e regolazione fine e minor caramellizzazione) in una sola volta.
 
Interno della box 
 
123nyae.jpg
 
 
Materiale per la coibentazione, pannello termoriflettente per termosifoni e sughero per la base, che rivestirà  il legno e mi servirà  a incastrare la coibentazione laterale per sigillare meglio il tutto.
 
zthq4k.jpg
 
Coibentazione realizzata ritagliando a misura i fori e le asole per resistenze, rubinetto,  maniglie e termometro.
 
 
rm8f36.jpg
 
155s2o5.jpg
 
 
Base in legno e rialzo in sughero che si và  ad incastra alla perfezione nel 2 millimetri che sporge la coibentazione
 
2hydic4.jpg
 
24bu3k1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Riguardo la coibentazione....con 30litri d'acqua scende di 8gradi l'ora...al che mi ero preoccupato, ma tantissimo dipende da quanto volume riempi...è quello ad avere la maggior deriva termica, infatti con 7kg di grani in ammostamento (ebbene si ho fatto una cotta :D) e 42 litri in mash scende di meno di 4° l'ora, ho dovuto accendere le resistenze giusto un paio di volte perchè ero paranoico io...e cmq và  assolutamente coibentato anche il coperchio, il calore si perde tutto li.
 
Intanto ho aggiunto alla sagoma in formicone del mulino una base in legno più larga, diciamo reversibile...da un lato permette l'azione manuale, montando il mulino al contrario funge da supporto per un trapano/avvitatore che può essere lasciato poggiato sopra :)
 
35lgnm8.jpg
 
2dr875s.jpg
 
 
E finalmente l'impianto terminato, certo il supporto è artigianalissimo :D ma funzionale....lo scambiatore è una bestia, porta 23 litri in 20-25 minuti da 85-90gradi a 19,5/20° con una sola passata a caduta, bisogna regolare però il flusso dell'acqua abbastanza rapido e il flusso della birra mooolto ridotto (meno di 1/4 di valvola a sfera) 
 
330v821.jpg
 
 
 
Prossimi step:
 
hop strainer: stà  volta ho usato gli hop socket ma mi rompo le balls, e voglio fare un supporto a ragno in acciaio inox con una bag 50x50 (32cm di diametro) in cui buttare tutti i luppoli, piu pratico e funzionale.
carrello/stand: in acciaio con rotelle, supporto per la scatola elettrica, per lo scambiatore e se riesco un braccio rimuovibile per la carrucola (sarebbe il massimo)

Share this post


Link to post
Share on other sites

blitz, vedi se ti può interessare, il nostro amico crucco ha un carrello con braccio e carrucola, ho sempre pensato che sarebbe l'ideale per un biabista

Share this post


Link to post
Share on other sites
 
Hop spider pronto per la cotta di domani :D, tubo da caldaia da 30cm, asta filettata da 12mm (non serve così robusta ma io avevo quella) e un pò di dadi in acciaio inox
 
 
2817gy8.jpg
 
 
 
Prova di montaggio, anche la fascetta a metraggio è in acciaio inox, ad esclusione della vita che è zincata, come la trovo in inox la cambio anche se non è a contatto con il mosto.
 
143fara.jpg
 
 
Assemblata con la bag 60x60cm presa sempre dallo shop uk, pagata 10€
 
23mwh20.jpg
 
 
 
Prova della bag, arriva quasi fino in fondo, ci saranno 2-3cm 
 
2iurk1z.jpg
 
 
 
Ready to go!
 
4kelgj.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Volevo aggiornarvi su una situazione spiacevole che stò cercando di capire meglio, dopo una prima cotta in cui tutto è andato perfettamente, a parte l'efficienza che è stata molto bassa a causa della macinatura dei grani troppo grossolana, ho fatto una cotta di imperial ipa sui 1,090 OG, a fine cotta, nonostante non abbia sentito strani odori mi sono trovato questo
 
 
2a6jfix.jpg
 
9iwx9f.jpg
 
 
Per niente bello! Le resistenze e il mosto non puzzano di bruciato ma è decisamente avvenuta una caramellizzazione/carbonizzazione del mosto. Ora le possibili cause e differenze rispetto alla prima cotta in cui le resistenze sono uscite lucide e pulite
 
1) macinatura decisamente fine, i grani erano spappolati e hanno sfarinato tantissimo (ho seguito il consiglio australiano in merito per il biab), l'efficienza è andata alle stelle  (sopra l'80% con altissima densità ) questo è vero, ho finito per fare una birra da 1,098 OG, ma la quantità  di farina in mash e in bollitura era enorme, il mosto era un pappone densissimo.
2) malto pilsner e protein rest: ho letto che questo step che disgrega le proteine in catene più semplifici, e sopratutto la successiva rampa di salita di temperatura possono portare proteine che si attaccano alle resistenze e bruciano
3) aggiunta brutale di estratto di malto  secco verso la fine della bollitura, senza diluirlo prima....si è attaccato un pò ovunque sulla pentola, immagino sia successa la stessa cosa sulle resistenze
 
 
A 5 giorni dal fattaccio ho assaggiato la birra in fermentazione e anche se non è totalmente da buttare è decisamente presente una nota "affumicata/legnosa" nel gusto che non dovrebbe esserci, quindi il danno c'è stato, spero possa venire una smoked imperial ipa e che magari maturando questo sentore si attenuii.....
 
Nel frattempo ho fatto una nuova cotta di Weizen con malti pilsner e wheat e questa volta:
 
1) macinatura un pò meno fine ma sempre molto sfarinosa
2) saltato il protein rest
3) nessun estratto aggiunto
4) particolare attenzione è stata prestata nelle rampe di temperatura, ad esempio per arrivare al mashout ho sollevato la bag e agitato costantemente il mosto fino a temperatura, stessa cosa da mashouta bollitura, fino a 98° che l'acqua ha iniziato ad avere moti convettivi ho sempre mescolato il mosto.
 
Risultato?
 
xl9gdf.jpg
 
nq4hoh.jpg
 
Decisamente meglio, con la parte abrasiva della spugnetta e acqua calda è venuto tutto via in meno di 5min, ho finito il tutto con una spugnetta metallica per rifinire ma le resistenze sono come prima.
 
A questo punto sò quasi per certo che il problema è uno dei sopraelencati, prossima prova a dicembre faccio una pilsner mantenendo tutto inalterato tranne che proverei a fare nuovamente il protein rest....se non è quello allora sono quasi sicuro che il mio  aggiungere estratto secco ad cazzum è stata la causa dei danni!
 
 
Comunque non demordo e continuo, l'impianto mi stà  dando buone soddisfazione e intendo migliorare e migliorarlo ancora di più :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao.

bell'impianto.

anch'io ho quella pentola li, e come filtri nel rubinetto all'interno ho messo un tee in inox da un pollice e messi due filtri inox per acqua. 

volevo sapere come ti trovi con la bag e se riesci darmi l'indirizzo che la vorrei provare anch'io.

e se non chiedo troppo il prezzo

ciao grazie

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, deve arrivare anche a me la pentola del crucco da 100 litri. Vorrei sapere dove trovare la bag 50x50 per la pentola in questione.

 

Bel risultato, grande!

Share this post


Link to post
Share on other sites

A proposito della caramellizzazione sulle resistenze confermo che succedeva anche a me, ma solo in caso di protein rest, mentre in ricette monostep non succedeva.

Share this post


Link to post
Share on other sites

tbone grazie per il feedback importantissimo! Volevo proprio verificare se fosse dovuto all'aggiunta di estratto secco non premiscelata o al protein rest, a questo punto non sò se vale la pena buttare un'altra cotta avendo già  la tua esperienza, al limite faccio una minicotta in una pentola da 5litri giusto per verificare e metterci una pietra sopra....ma altri 20litri di birra affumicata non li voglio!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Con altri tipi di resistenze di è mai verificata la caramellizzazione?

Inviato dal mio Lenovo A660 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho capito se la domanda è rivolta a me...io ho provato solo queste :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho una resistenza da 2100 w a bassa densità  e nell'ultima cotta ho avuto depositi (leggere incrostazioni) quasi sicuramente dovuti al protein rest.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sì, hai sicuramente ragione Rico. L'unica cosa che mi incuriosisce è che il deposito si realizza unicamente quando faccio il proteine rest.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Confermo ulteriormente, fatta un'altra cotta di birra a 1092OG e senza protein rest e aggiunta di estratto secco NON ho avuto caramellizzazione.

 

Unica accortezza in tutte le rampe di salita di temperatura ho agitato un pò il mosto per far muovere l'acqua intorno alle resistenze, cotta completata senza nessun problema e resistenze quasi pulite.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualche foto dopo aver  completato il carrello (acciaio zincato) e lifter fatto con un paranco rimediato ;)

 

 

125gm01.jpg

 

 

334hls1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

dopo due anni mi sa che non risponderà  più....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×