Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Recommended Posts

..che una cotta si sia "infettata" solo dopo averla imbottigliata ???

 

Vi spiego: una cotta divisa in 2 fermentatori  , classico doppio travaso e crash cooling a 10° pre-imbottigliamento.

Assaggio ai travasi e in fase di priming senza alcun problema ,anzi la birra prometteva benissimo... 

 

Assaggio a 2 settimane di rifermentazione e :appena stappate le bottigliette test (di entrambi i "lotti") fuoriesce una puzzetta  che non vi so descrivere,  ma (scusate) a me sembrava cac*a  :cray:  :cray:  :cray: 

 

Sono stato ore a pensarci ma non riesco a trovare la causa ... tra gli ingrippi (notturni  :fool: ) pensavo:  sarà  il cosiddetto cloro gassoso che deriva dall accoppiata candeggina+bisolfito ???

 

ma io le bottiglie (mezz'ora di contatto) le risciacquo prima abbondantemente con acqua (fredda) e il giorno dell imbottigliamento con l avvinatore la classica spruzzata di bisolfito (giusto per eliminare qualche sentore residuo).... com'è possibile??

 

La sensazione è come se si fosse formato questo "gas" puzzolente nella bottiglia , perchè la birra è ok all esame visivo (schiuma gia presente) e anche in bocca il gusto c'era tutto ,al di la della puzza che però non permette di berla ma di lavandinarla subito e lavare per bene bottiglia e bicchiere che emanavano ancora quel puzzo 

 

è capitato a qualcuno di voi??? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me è capitato con due waizen, chiara e scura, ad un controllo dopo due settimane promettevano bene, ma le bottiglie hanno iniziato a guastarsi dopo un mese dall'imbottigliamento, nessun cattivo odore, solo una sensazione di acidità  sempre più pronunciata, la scomparsa del sapore di grano, e un aumento di carbonazione che dopo un altro mese rendeva impossibile stapparle senza effetto fontana.

Brassate a fine giugno, avevo dato la colpa all'aria dell'ambiente caldo, forse non proprio idoneo, unito alla poca luppolatura.

Edited by Thor

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me è capitato con due waizen, chiara e scura, ad un controllo dopo due settimane promettevano bene, ma le bottiglie hanno iniziato a guastarsi dopo un mese dall'imbottigliamento, nessun cattivo odore, solo una sensazione di acidità  sempre più pronunciata, la scomparsa del sapore di grano, e un aumento di carbonazione che dopo un altro mese rendeva impossibile stapparle senza effetto fontana.

Brassate a fine giugno, avevo dato la colpa all'aria dell'ambiente caldo, forse non proprio idoneo, unito alla poca luppolatura.

si nel tuo caso ci sta tutta... ma nel mio? cos'è questa puzzetta??? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Me lo chiedo anch'io. Serve uno dei Guru del forum...

Share this post


Link to post
Share on other sites

non sono un guru ma provo a risponderti. le ipotesi possono essere varie ma normalmente i composti responsabili di odore di ca**a so i mercaptani:

 

1) colpo di luce. immagino non avrai commesso questo errore ma te lo chiedo cmq: mica hai esposto le birre alla luce del sole? bastano anche pochi minuti per avere il classico odore di puzzola

 

2) autolisi del lievito. se la cotta è giovane però mi sembra difficile

 

3) infezione da brettanomiceti. a spanne direi l'ipotesi più probabile. alcuni bretta, tipo il bruxellensis, a volte danno questo tipico odore. l'ipotesi bretta spiegherebbe anche il motivo per cui all'inizio non avvertivi nulla e dopo un po' di tempo, all'aumentare della temperatura, è apparso l'odore (proprio perchè i bretta hanno iniziato a lavorare).

 

ma sono solo ipotesi. spero di averti aiutato

Share this post


Link to post
Share on other sites

non sono un guru ma provo a risponderti. le ipotesi possono essere varie ma normalmente i composti responsabili di odore di ca**a so i mercaptani:

 

1) colpo di luce. immagino non avrai commesso questo errore ma te lo chiedo cmq: mica hai esposto le birre alla luce del sole? bastano anche pochi minuti per avere il classico odore di puzzola

 

2) autolisi del lievito. se la cotta è giovane però mi sembra difficile

 

3) infezione da brettanomiceti. a spanne direi l'ipotesi più probabile. alcuni bretta, tipo il bruxellensis, a volte danno questo tipico odore. l'ipotesi bretta spiegherebbe anche il motivo per cui all'inizio non avvertivi nulla e dopo un po' di tempo, all'aumentare della temperatura, è apparso l'odore (proprio perchè i bretta hanno iniziato a lavorare).

 

ma sono solo ipotesi. spero di averti aiutato

grazie :-)

 

allora all effetto puzzola da luce c avevo pensato subito, dato che le bottigliette test  sono trasparenti .. ma rifermentano al buio di un cartone e l esposizione (alla luce artificiale poi ) è durata giusto il tempo di prenderle dalla camera di fermentazione , mettere a posto un po di roba e stapparle per l assaggio .... davvero basterebbero pochi istanti ??

 

per l ipotesi bretta , come potrebbe essere avvenuta la "contaminazione" ? durante la mezz'ora dell imbottigliamento ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io ho fatto una noel, buona ecc, dopo 10 mesi circa é apparsa la fioretta nel collo di quasi tutte le bottiglie restanti!
Una stout invece ha fatto un mese, dopo che aveva finito di maturare, nel quale era buona! Dopo quella breve finestra, dopo circa 5 mesi dall imbottigliamento ha cominciato a diventare acquosa e la schiuma assolutamente instabile :-\

Inviato dal mio GT-I9105P utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie :-)

 

allora all effetto puzzola da luce c avevo pensato subito, dato che le bottigliette test  sono trasparenti .. ma rifermentano al buio di un cartone e l esposizione (alla luce artificiale poi ) è durata giusto il tempo di prenderle dalla camera di fermentazione , mettere a posto un po di roba e stapparle per l assaggio .... davvero basterebbero pochi istanti ??

 

per l ipotesi bretta , come potrebbe essere avvenuta la "contaminazione" ? durante la mezz'ora dell imbottigliamento ? 

 

i bretta potresti averli beccati dal raffreddamento del mosto in poi. i maggiori indiziati potrebbero essere i fermentatori e i rispettivi rubinetti.

 

per il colpo di luce: prova ad aprire qualche bottiglia scura e vedi se il problema si ripresenta... così fughi questo dubbio

 

ciao e forza Benevento :-)  

Share this post


Link to post
Share on other sites

i bretta potresti averli beccati dal raffreddamento del mosto in poi. i maggiori indiziati potrebbero essere i fermentatori e i rispettivi rubinetti.

 

per il colpo di luce: prova ad aprire qualche bottiglia scura e vedi se il problema si ripresenta... così fughi questo dubbio

 

ciao e forza Benevento :-)  

eh per la seconda prova devo attendere il week end .. 

 

scusa l ignoranza, i bretta si formano nell aria o nei residui ? 

perchè se escludo il colpo di luce (mi sembra esagerato) dal raffreddamento in poi ho usato le solite maniacali accortezze e l unico indiziato puo essere solo il fermentatore che uso per primingare che è stato in cantina "scoperto" durante la vinificazione quest anno .. ma prima dell uso l avevo lasciato un 'ora affogato nella candeggina e ripassato anche col vapore dannazione :cray:  

 

OT forza bn ;) , ti abbiamo nominato alla birroteca sabato scorso mentre si parlava di "acide"  :good:

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusa l ignoranza, i bretta si formano nell aria o nei residui ? 

perchè se escludo il colpo di luce (mi sembra esagerato) dal raffreddamento in poi ho usato le solite maniacali accortezze e l unico indiziato puo essere solo il fermentatore che uso per primingare che è stato in cantina "scoperto" durante la vinificazione quest anno .. ma prima dell uso l avevo lasciato un 'ora affogato nella candeggina e ripassato anche col vapore dannazione :cray:  

 

OT forza bn ;) , ti abbiamo nominato alla birroteca sabato scorso mentre si parlava di "acide"  :good:

 

Ecco la causa secondo me più plausibile

i lieviti selvaggi si riproducono nei residui ma sono presenti nell'aria..

e durante la vinificazione chissà  con quanti mostri è venuta a contatto..

Io solo durante lo svuotamento di una damigiana ho preso l'acetobacter... non che mi abbia infastidito , mi sono creatao la mia madre con la quale tagliare le birre..però è bastato molto meno del'intera vinificazione

Edited by mad3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco la causa secondo me più plausibile

i lieviti selvaggi si riproducono nei residui ma sono presenti nell'aria..

e durante la vinificazione chissà  con quanti mostri è venuta a contatto..

Io solo durante lo svuotamento di una damigiana ho preso l'acetobacter... non che mi abbia infastidito , mi sono creatao la mia madre con la quale tagliare le birre..però è bastato molto meno del'intera vinificazione

 

eh se cosi fosse sarebbe un bel problema per me dato che divido la cantina con mio nonno che fa il vino...però ci sono solo le dame ....lui vinifica altrove e purtroppo quest anno è capitato che il fermentatore stesse scolando proprio mentre lui faceva il vino nel garage.......

ma questa è la prima potenziale contaminazione che prendo...  è cosi facile che la birra venga contaminata  ??  che accorgimenti potrei apportare ?

Edited by sannio brau

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma questa è la prima potenziale contaminazione che prendo...  è cosi facile che la birra venga contaminata  ?? SI

che accorgimenti potrei apportare ? NON SAPREI SE CONSIGLIARTI UN LAVAGGIO ACCURATO DEL TINO DI IMBOTTIGLIAMENTO O IL CAMBIO DIRETTAMENTE.. COMUNQUE NON TENERE I FERMENTATORI DOVE HAI DAMIGIANE O SI FA IL VINO..

 

Anch'io divido la cantina con mio nonno, ma ora la uso solamente per far maturare la mie sour ale..

tutto il resto sta altrove.

Edited by mad3

Share this post


Link to post
Share on other sites

eh per la seconda prova devo attendere il week end .. 

 

scusa l ignoranza, i bretta si formano nell aria o nei residui ? 

perchè se escludo il colpo di luce (mi sembra esagerato) dal raffreddamento in poi ho usato le solite maniacali accortezze e l unico indiziato puo essere solo il fermentatore che uso per primingare che è stato in cantina "scoperto" durante la vinificazione quest anno .. ma prima dell uso l avevo lasciato un 'ora affogato nella candeggina e ripassato anche col vapore dannazione :cray:  

 

OT forza bn ;) , ti abbiamo nominato alla birroteca sabato scorso mentre si parlava di "acide"  :good:

 

per i bretta ti ha già  risposto Mad... sottoscrivo :-) tenere il fermentatore in cantina soprattutto se ci fai fermentare/maturare vino è da evitare assolutamente. valuta tu se cambiare o meno il fermentatore. non dimenticare che non basta riempire il fermentatore con acqua e candeggina se prima non togli, solo per fare un sempio, un eventuale biofilm sulle pareti o nel rubinetto.

 

p.s. magari ci si vede a BN una votla di queste (scendo a natale) :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche se tengo i fermentatori in una camera di fermentazione (posizionata sempre in cantina) ?!? .. in pratica solo durante i travasi il mosto è esposto all aria ..   

 

il fermentatore lo passerò sicuramente con soda caustica e acido citrico .. compresa tutta l attrezzatura ! è la prima volta in 4 anni che capita ...  :80:

e sinceramente spero di aver beccato i bretta nel rubinetto , altrimenti non posso fare piu birra avendo a disposizione solo la cantina :-/ 

 

@scustu: sarebbe un onore!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anche a me é successa la stessa cosa. Dopo 15 giorni di bottiglia la birra era buona, dopo un mese presenta un odore ferroso - medicinale e non ha corpo. La birra é una E+G base amber ale a cui ho aggiunto spezie e un po' di miele per fare una birra natalizia. Le aggiunte hanno effettuato bollitura per almeno 5 miniti tranne il late hopping di luppolo, gettato nel mosto appena terminata la bollitura. Non ho effettuato dry hopping. Lo stesso problema l'avevo avuto con una Apa ma avevo dato la colpa all'eventuale cloro presente nell'acqua di rubinetto che avevo usato. Questa volta ho usato solo acqua in bottiglia. Sanifico tutto con chemipro oxi e tra le due cotte incriminate ce ne sono state altre tre venute bene, quindi non credo che la causa possa essere l'attrezzatura precedentemente infetta...

Share this post


Link to post
Share on other sites

allora ho stappato altre due bottiglie, stavolta da 33cl e quindi non trasparenti (come quelle del test) e anche se la "puzzetta" è di meno resta sempre :fool: 

 

la causa quindi potrebbe essere un'infezione da brettanomiceti,

in questo caso la birra è da buttare subito o in qualche modo svanirà  col tempo?

io ho provato a berla.. tolta la puzza la birra è buona ma è impresentabile cosi e dava un po di nausea iniziale....

 

Ah stamattina scopro che al mio socio  gli è scappato "un po troppo bisolfito nell avvinatore pre imbottigliamento" ... dato che io ci vado sempre cauto e non è mai successo nulla , è possibile che sia anche questa la causa??? anche se io il bisolfito lo collego a puzza di zolfo non a questa "puzzetta" strana mah   

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io dico la mia...

 

In teoria un eccesso di metaB non dovrebbe dare gli odori da te descritti (ca**a o fogna), ma quello che, in chimica, viene definito empireumatico; viene definito come un'odore pungente tipo bruciato (difficile da rendere a parole...).

Prova a lasciare una soluzione di metaB preparata in bottiglia e annusa dopo 1-2 giorni e identificherai meglio l'odore.

 

Ps

Recentemente ho letto questo, magari trovi ciò che ti serve

http://www.carolinabrewmasters.com/sites/default/files/Complete_Beer_Fault_Guide.pdf

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×