Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
mysobry

Micro Malteria Casalinga Diy Per Maltazione Orzo Domestica

Recommended Posts

hai un ventilatore quindi molta portata e poca prevalenza...direi di direzionare il flusso verso il fondo del "forno" o con una griglia alettata o con una "curca" ed applicare un'appertura nella parte alta...magari un aspecie di serranda in modo da poter regolare il flusso dell'aria...unico dubbio è se i grani, contenuti nel cestello, saranno "toccati" dall'aria che spari in quantità  ideale o no...

Share this post


Link to post
Share on other sites

hai un ventilatore quindi molta portata e poca prevalenza...direi di direzionare il flusso verso il fondo del "forno" o con una griglia alettata o con una "curca" ed applicare un'appertura nella parte alta...magari un aspecie di serranda in modo da poter regolare il flusso dell'aria...unico dubbio è se i grani, contenuti nel cestello, saranno "toccati" dall'aria che spari in quantità  ideale o no...


Quindi suggerisci di non avere una estrazione forzata dell'aria...?
nella mia idea iniziale volevo piazzare altra ventolina assialmente al cestello dalla parte opposta della puleggia..o sul coperchio

Invece di dirigere flusso aria sul fondo pensavo più verso tamburo in modo che penetri un minimo dai fori.
Tieni conto che sono vincolato anche da altezza ove applicare ventola e praticare asola in quanto nelle fasi precedenti vaschetta è piena di h2o fino altezza del asse del tamburo.

Insomma molto indeciso..dovrei provare ma in questa fase di costruzione parte meccanica vorrei impostare le cose con una logica

Ogni spunto benvenuto!

Davide

Inviato dal mio Nexus 7 usando Tapatalk 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

si immaginavo avessi limiti di altezza...pensavo che se applichi un estrattore di aria e quella in ingresso la "spari" diritta potresti creare dei flussi preferenziali.

ci penso un po' su vediamo se mi salta fuori qualche suggerimento utile

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora dopo vari ragionamenti e con i vostri suggerimenti pensavo di procedere come segue per generare un flusso di aria calda che fuoriesca asciugando i grani nel cilindro

 

Ho modificato il coperchio con una forma trapezioidale anziche' cilindrica (anche piu' facile da realizzare) e sul lato opposto all'ingresso dell'aria calda vorrei aprire una feritoia a cui applicare una griglia di areazione INOX

 

griglia.jpg

 

2013-10-29%252009.08.33.jpg

 

Sulla asola di ingresso della aria calda ,come suggeriva orso, realizzerei due alette covogliatrici verso il basso. L'aria calda dovrebbe distribuirsi sul fondo, avvolgere il tamburo e uscire dalle feritoie sul coperchio

 

aletta%2520deflettore.jpg

 

 

Eventualmente se non fosse sufficiente applicherei un paio di ventoline "slim" 12x12 sul coperchio per forzare estrazione aria 

 

che ne dite :good:  ??

 

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

recuperati altri due componenti della micro malteria..

 

sensore di livello con interruttore per controllare il caricamento dell'h20 nella vaschetta

 

elettrovalvola 12V DC a due vie per i cicli di carico e scarico h20 

 

2013-10-29%252020.19.01.jpg

 

non resta che realizzare vaschetta e coperchio e assemblare il tutto ! :)

 

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

fantastico!!..

I miei lavori purtroppo vanno molto a rilento.. grazie a questo thread sto prendendo degli spunti molto interessanti..

mitico mysobry!!

 

ps. per l'orzo sto ancora guardando se riesco a fare un salto dalle tue parti, altrimenti ti spedisco il tutto.

 

ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites

fantastico!!..

I miei lavori purtroppo vanno molto a rilento.. grazie a questo thread sto prendendo degli spunti molto interessanti..

mitico mysobry!!

 

ps. per l'orzo sto ancora guardando se riesco a fare un salto dalle tue parti, altrimenti ti spedisco il tutto.

 

ciao.

 grazie per supporto e incoraggiamento !

 

ci conto sull'orzo :good: ..se no qua continuo a fare "teoria" e bei disegni CAD senza vedere un chicco germinare !

 

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel lavoro!...mi lascia un po' dubbioso il sensore di livello...nel senso che mi sembra, magari sbaglio poi mi dici, che ci sia poco spazio tra il foro della botticella ed il perno di scorrimento...sai le incrostazioni sono sempre pronte a bloccarti tutto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel lavoro!...mi lascia un po' dubbioso il sensore di livello...nel senso che mi sembra, magari sbaglio poi mi dici, che ci sia poco spazio tra il foro della botticella ed il perno di scorrimento...sai le incrostazioni sono sempre pronte a bloccarti tutto!

 

Approved...

 

approved.gif

 

consegnato disegni in officina per taglio laser e saldatura vaschetta e coperchio  :good:

non resta che aspettare e intanto inizio a pensare a "software" e workflow per automatizzare le varie fasi

 

 

Il galleggiante del sensore di livello ha ampio spazio...nessun problema con incrostazioni...

 

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

In attesa che in officina mi facciano le lavorazioni sulla vaschetta INOX questo week end ho seminato 500mq di terreno con orzo distico varietà  CONCERTO

 

Ho usato 8kg di sementi e la resa teorica dovrebbe essere di un paio di quintali di orzo !

 

P1020546.JPG

 

stay tuned

Davide

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottimo!!.. il mio, seminato un paio di settimane fa e' gia' alto qualche centimetro, appena riesco vado a fare qualche foto al campo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cari amici del forum e follower finalmente posso mostrarvi qualche cosa di più di un disegno. :) Questa mattina dopo lunga attesa ho ritirato in officina la struttura inox della materia Valeva la pena aspettare..il titolare della azienda locale che lavora lamiere di precisione si è "appassionato" al progetto e ha fatto un gran bel lavoro curando e aggiungendo piccoli particolari A voi i commenti u3a5ahar.jpgajatumav.jpguzuhegy6.jpgy7y6yvyd.jpgujejyty6.jpg5eha8ude.jpg Nei prossimi post qualche dettaglio costruttivo Ora inizia la fase di assemblamento e di automazione... Tutto da pensare e costruire Stay tuned Davide Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk Edited by mysobry
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

bello...facci un video in movimento appena possibile...


Si bel oggetto...siamo ancora lontani dal "video in movimento"
Devo studiare bene algoritmo di controllo e automazione processo..e poi implementarlo

Mano a mano che procedo vi aggiorno

D.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

 Qualche dettaglio e particolare della costruzione meccanica

 

 

la feritoia di ingresso per la ventola ad aria calda con la staffa di supporto

 

P1020975.JPG

 

internamente due deflettori per diriger aria sul tamburo e verso il basso

 

P1020976.JPG

 

le staffe regolabili in altezza e laterlamente per centrare il motore e tendere la cinghia

 

P1030003.JPG

 

la prolunga del perno 

 

P1020992.JPG

 

i supporti interni in teflon per consentire al perno di scorrere e di sganciarsi

 

P1020994.JPG

 

P1020980.JPG

 

 

manicotto da 1/2" per collegare l'elettrovalvola di carico e scarico

 

P1020981.JPG

 

i pioli per la centratura del coperchio sul cassone

 

P1030006.JPG

 

P1030005.JPG

 

per ora ho provato a collegare l ventola con l'elemento riscaldante e anche senza le due ventole di estrazione sul coperchio esce un bel flusso di aria calda segno che la circolazione interna funziona

 

qualche dubbio sull'uso del motre passo passo..facile da controllare ma temo con poca coppia per fare girare cassone pieno

 

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

ancora qualche piccolo progresso

 

ho ordinato 2 ventole da 12CM ultra sottili da inserire nel coperchio nelle due feritoie dal lato opposto della ventola di riscaldamento

 

IMG_20140216_165148.jpg

 

IMG_20140216_164943.jpg

 

 

lo scopo è quello di estrarre aria calda e umida generando un flusso costante all'interno del box

per evitare che si surriscaldino ho trovato delle sorte di viti siliconiche che fissano la ventola ma la tengono separata dalla struttura di metallo

 

IMG_20140216_165115.jpg

 

con questa configurazione a attivando le due resistenze da 1Kw ciascuna ho ottenuto dopo pochi minuti un flusso di aria a 80C in uscita

 

IMG_20140216_182003.jpg

 

 

ora devo lavorare sul motore e la trazione..qualche problema a trovare cinghia e puleggia adeguata

 

stay tuned

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Davide,

dato che sto utilizzando il tuo stesso motore nema23 volevo sapere se sei riuscito a capire se riesce a farti girare il cassone.

Se si mi potresti anche dire come alimenti il motore ?

Grazie e complimenti per il tuo mostro. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessante ...stai facendo un progetto simile? puoi condividere qualche dettaglio ?

 

in merito al motore non ho ancora una risposta definitiva, il mio problema e' la trasmissione del moto...la cinghia poly-V tipica delle lavatrici slitta sulla puleggia in quanto non ho trovato una puleggia scanalata adatta 

POLY%20V.jpg

 

dovrei trovare qualcosa di simile

 Poly-V-Pulleys.jpg

ma per un asse da 6mm

 

sto pensando di cambiare approccio e usare una cinghia dentata con passo 5mm per cui trovo le pulegge lato motore e  modificando la puleggia grande della lavatrice che e' liscia incollando sopra uno spezzone di cinghia dentata 

 

per alimentazione del motore passo passo c'e' un sacco di letteratura... ;)

In due parole uso un microcontrollore arduino e un circuito di potenza/driver  per motori passo passo tipo questo 

 

https://www.sparkfun.com/products/10267

 

sono circuiti standard usati nella automazione e nei robot

Sul tipo di alimentazione, corrente e pilotaggio (unipolare e bipolare) dovremmo aprire un trattato ma in rete trovi tutto, se hai dubbi specifici sentiamoci  :good:

 

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai pensato ad usare dei rocchetti dentati come nella bicicletta?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai pensato ad usare dei rocchetti dentati come nella bicicletta?

 potrebbe essere una idea..trasmissione a catena

 

il problema e' come fissarli sull'asse del motore e del cestello...temo dovrei farmi tornire delle boccole di adattamento

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con il motore sto cercando di far funzionare una giostra girante per il riempimento delle bottiglie: 

se funzionerà  posterò tutto il progetto...

Uso arduino + un modulo basato sul driver  L298N ed ho il problema che non ha molta forza alimentato a a 5v 2a.

Però nel mio caso il motore è collegato direttamente all'asse di rotazione.

Proverò a collegarlo all'asse tramite cinghia dentata. Al motore ho infatti attaccato un giunto elastico in alluminio a stringere a cui avvitare una barra filettata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con il motore sto cercando di far funzionare una giostra girante per il riempimento delle bottiglie: 

se funzionerà  posterò tutto il progetto...

Uso arduino + un modulo basato sul driver  L298N ed ho il problema che non ha molta forza alimentato a a 5v 2a.

Però nel mio caso il motore è collegato direttamente all'asse di rotazione.

Proverò a collegarlo all'asse tramite cinghia dentata. Al motore ho infatti attaccato un giunto elastico in alluminio a stringere a cui avvitare una barra filettata.

 

tutt'altra cosa ! interessante non c'e' limite alla fantasia e all'impiego del mitico arduino  :good:

 

Anche se off topic qualche risposta non esaustiva derivante dalla mia pratica di utilizzo degli stepper motor per la costruzione della stampate 3D (per cose specifiche meglio rivolgere queste domande sul forum di arduino)

L298 e' un circuito dual h-bridge studiato piu' per pilotare due motori in CC ma puoi usarlo anche per uno stepper bipolare usando le due uscite A e B sulle due fasi. Il limite e' la massima corrente di uscita di 2A per canale...non molto per stepper di grossa potenza. 

 

Per ottenere la massima potenza devi pilotarlo alla massima corrente in ciascun step per cui servono circuiti piu' sofisticati di pilotaggio. Quello che puoi fare e' aumentare anche di brutto la tensione di alimentazione...12V o anche 24V

Gli stepper non hanno una tensione nominale ma sono controllati in corrente (viene fornita di targa la resistenza minima) quindi per ottenere un grande impulso di corrente aumenta la tensione. Alle basse velocita' la coppia e' direttamente proporzionale alla corrente..al crescere della velocita' le cose si complicano

Altre cose che puoi fare e' accoppiare motore e albero con una riduzione oppure usare uno stepper gia' demoltiplicato

 

Non mi e' chiaro se poi hai dei requisiti di "stepping" precisi overo di avanzamento controllato...viceversa puoi usare un motore in continua demoltiplicato (tipo girarrosto)

 

enjoy

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie 1000 per le informazioni. Pensa che provandolo ad alimentarlo a 24v il ponte h ha resistito 1 minuto e poi ha preso fuoco.

Da quello che leggo in girlo questi motori passo passo sono facili da pilotare ma difficili da alimentare..... Almeno per le mie scarse conoscenze in materia.

Ad ogni modo non vorrei andare off topic con questioni da porre sul forum di arduino.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×