Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
luca333

Agitatore magnetico

Recommended Posts

Sto' costruendo l'agitatore magnetico, e vedo che la maggior parte di voi lo costruisce in scatole di legno. Secondo voi e' possibile costruirlo in una scatola di derivazione, es questa?[url]http://www.subito.it/attrezzature/cassetta-derivazione-esterna-savona-32349333.htm[/url]

Share this post


Link to post
Share on other sites
io ho fatto cosi!!!
proprio con la stessa scatola, ho usato un alimentatore esterno da 12v ma se lo rifarei metterei il trasformatore dentro e farei uscire solo il filo x la 220v

poi se posso darti un consiglio per fare starter servirebbe anche poter controllare la temperatura, cosa che potresti fare con un regolatore tipo lo stc1000, e una resistenza, quindi se prendi la scatola più grande nel futuro potresti inserire dentro il regolatore!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma poi non rischio di colare la scatola? Che tipo di resistenza mi consigli? Ha quanti gradi dovrebbe stare?

Share this post


Link to post
Share on other sites
per lo starter non si superano mai i 30° (a voler essere saccharomycicidi), e quelle scatole sicuramente supportano più di 30°C (temperatura che al giorno d'oggi viene raggiunta in estate in qualsiasi località  alle nostre latitudini)

anche considerando il fatto che la plastica è un cattivo conduttore di calore (e soprattutto quel tipo di plastica, immagino), utilizzando una resistenza di corretto valore (e qua lascio il lavoro sporco ad andrea :D) a spanne dopo una decina di minuti sicuramente la plastica si sarà  scaldata in maniera uniforme (e pur sempre ad una temperatura inferiore a quella del corpo umano) e visto che il calore tende a salire per i fenomeni convettivi e visto che lo starter sarà  posizionato direttamente sopra l'agitatore, zero problemi in vista per noi

Share this post


Link to post
Share on other sites
tranquillamente resistono a 75-90gradi! il problema è appunto come scaldare, se si utilizza la ventola, questa è messa al di sotto della parete e quindi c'è poco spazio, si potrebbe creare ma serve cmq una resistenza fina, possibilmente piana, tipo un tappeto scaldante, da pochi watt, ho visto che qualcuno lo fa con il filo scaldante tipo quello dei terrai avvolto.
poi vi serve un termostato e il gioco è fatto!
certo per raffreddare è più complicato... io avevo pensato ad una cella di peltier, ma non trovo spazio per il dissipatore...
La cosa carina è che con la cella si potrebbe fare sia riscaldamento che raffreddamento!

Share this post


Link to post
Share on other sites
le celle di peltier però non hanno un rendimento terribile?

per scaldare sotto la parete si può utilizzare un cavo spellato disposto a spirale o a conformazione resistenza-del-forno con sopra una piastrina d'alluminio con vernice non conduttiva

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Motolo ha scritto:

le celle di peltier però non hanno un rendimento terribile?
[/quote]

Per un paio di litri di starter sono più adeguate, il problema (in generale, non solo per il peltier) è che o si fa bene i calcoli o altrimenti ci vuole un controllo della temperatura con sonda immersa nello starter, altrimenti si rischia di scaldare troppo e uccidere i lieviti. [B)]
Io ne ho fatto a meno, disponendo sempre di almeno 20 °C (in inverno in un locale riscaldato, in estate in cantina non supero invece i 25-26 nel caso peggiore) che al lievito bastano e avanzano per riprodursi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]X84ANDREA ha scritto:

infatti ci serve sempre il nostro amico stc1000!!!
[/quote]

Di quelli ne ho da vendere, non mi sconquiffera una sonda pucciata nella beuta (infezioni). Ma voi il riscaldamento in casa lo lasciate spento? [:p][:p]

Share this post


Link to post
Share on other sites
noi siamo tirchi, e non lo accendiamo, cosi risparmiamo per i malti...
Prendi una sonda ntc in acciaio, ce ne sono, cosi puoi pulirla per bene!

Share this post


Link to post
Share on other sites
costruito!!!!!
manca il potenziometro e la scatola per ora ho usato quella della minni4wd però funziona!!!!
ora però mi sono reso conto che non so se lo userò mai [B)]
appena trovo una scatola decente lo sistemo per bene e poi posto le foto...

Share this post


Link to post
Share on other sites
scusate ma come si fa a usare l'agitatore???
nel senso io ho una busta da 11g di t58 e devo far fermentare un mosto di 1052....quanto starter faccio? e l agitatore deve restare acceso tutto il tempo????

Share this post


Link to post
Share on other sites
Secondo me' con un lievito secco e un OG 1058 non hai bisogno di fare uno starter

Share this post


Link to post
Share on other sites
si scusa ho dimenticato il dato più imp...io faccio cotte da 50/60 litri, volevo riuscire a cavarmela con solo una busta....

Share this post


Link to post
Share on other sites
minimo 2, fai 2litri di starter, il secondo giorno dall'inizio dello starter butti dentro il mosto, che dovrebbe essere alla stessa temperatura o qualcosa in più!
L'agitatore serve appunto a mescolare il composto, quindi aiuta i lieviti, e deve essere sempre acceso, bisogna che ti trovi una ancoretta magnetica, e una beuta!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...