Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
DarthVader

Sparagno, guadagno e camera di fermentazione.

Recommended Posts

Amici, inauguro oggi una mia personale rubrica su idee folli per risparmiare qualche euro. Probabilmente il più delle volte si risolverà  tutto con il niente di fatto, ma tentar non nuoce.

Oggi, camera di fermentazione.


oggetto non volante identificato: [b]termoventilatore[/b].

[url]http://www.unieuro.it/climatizzazione/riscaldamento/termoventilatori-convettori/joiaone-jp-tv04-vCIKCggGL_EAAAEwiJZ1Wme7-I.EKCggEF4kAAAE5pW1_VE0_.html?JumpTo=OfferList&omnitureEvar3=browse[/url]


Secondo voi, in una piccola camera di fermentazione (e perchè no di maturazione) coibentata alla perfezione, un termoventilatore del genere può essere usato per mantenere la temperatura?
ovviamente un termostato di supporto e ovviamente qui non si parla di lagherizzare, ma di portare la temperatura intorno i 20°

premetto che un aggeggino del genere, se lo lascio un quarto d'ora acceso riscalda il mio bagno, quindi penso che una camera di fermentazione ben isolata si riscaldi pressochè immediatamente.



ps: non pensate che mi sia dimenticato, sto raccogliendo il materiale per gli articoli sull'autocostruzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
sarebbe interessante se si riuscisse anche ad abbassare la temperatura , data la doppia funzione caldo\freddo che leggo nella descrizione..

per il riscaldamento mi sa che non ci dovrebbero essere differenze con un normale cavo da terrari,no ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
per il caldo freddo, in teoria si potrebbe, ma non io.
nel senso, qualcuno che sa come fare, potrebbe aprirlo e capire come collegare le due funzioni al termostato. Io personalmente nel caso ne comprei 2...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Enzo sarebbe acceso veramente poco. Il lavoro grosso deve farlo la coibentazione.
Il termoventialtore si deve accendere solo per pochi minuti per riportare la temeratura di qualche grado più alto quando scende troppo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quando si dice sparare ai passeri con un obice... :D Ma di quanti metri cubi la vuoi fare ´sta camera? 2000W bastano per riscaldare il mio soggiorno, per una camera di fermentazione di dimensioni modeste con non piຠdi un centinaio di litri di birra bastano e avanzano un centinaio di watt, l´importante é isolare bene.
Con una potenza di 2000W rischi di sforare di parecchi gradi prima che il termostato intervenga. La ventilazione poi ti crea solo problemi, immagina cosa succede quando parte in un ambiente piccolo e ben chiuso, seppur non a tenuta stagna. [B)]

Ciao,

Vale

Share this post


Link to post
Share on other sites
io faccio già  così , e non ho mai avuto problemi la uso sia in un congelatore a pozzetto che in una cella frigorifera 2m x 2m
sulla stufetta "almeno la mia" puoi regolare sia la temp.che la velocità  io la tengo al minimo e và  alla grande
tutto regolato da termostato ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao,
anch'io uso una stufetta del genere per riscaldare.
Per raffreddare invece utilizzo un vecchio frigorifero.
Con un termostato imposto la temperatura, rilevata con una sonda all'interno del bidone di fermentazione/maturazione, e regolo l'accensione dei due sistemi.

La mia cella e' di 1 metro cubo circa, coibentata con dei pannelli da 12 cm, quelli che si usano per fare il cappotto di isolamento alle case. Ho gia' fatto dei test di fermentazione e maturazione ed il sistema funziona alla grande.

Share this post


Link to post
Share on other sites
su quello strumento la funzione freddo praticamente non c'è,stacca la resistenza e fà  effetto ventilatore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Volete un idea folle?!?
Se vuoi risparmiare veramente prendi un fil di ferro, tramite legge di ohm ti calcoli la resistenza e quindi la potenza che devi fargli dissipare, e il gioco è fatto, certo non è diciamo a norma, ne tanto meno sicuro, xò vuoi mettere che con 50cent hai fatto la resistenza? [8D][8D][8D]

Ritornado seri:
Il problema è che la tua camera di fermentazione se è in un interno è presumibile che sia a temperatura media oltre i 10.15gradi, quindi in fermentazione nella camera di fermentazione avrai temperature più elevate, sicuramente per fare una lager ti servirà  raffreddare non scaldare, poi se vuoi fare una ale allora una piccola resistenza potrebbe aiutarti, ma si parla di w o centinaia di watt non kw...

Share this post


Link to post
Share on other sites
X84ANDREA non credo di aver capito. Non voglio fare lager ma tenere la temperatura sui 20 gradi. Questa è la cosa più economica che sono riuscito a trovare per riscaldare, ovviamente regolato al minimo e con un termostato che lo tiene acceso giusto il tempo necessario per riportare la temperatura su di un paio di gradi. Perchè pensi che vada bene?

Share this post


Link to post
Share on other sites
se fai ale potrebbe andare, xò la potenza da immettere nella camera di fermentazione è piccola, quindi per alzare 1-2gradi ci mette un minutino.
Ti faccio i conti come se la camera fosse perfettamente isolata, calcolando che 1kcal scalda di un grado un litro di acqua, quindi per 20litri servono 20kcal, per 2 gradi sono 40kcal, che riportati in joule sono 167kj, quindi una resistenza da 1kw impiega 167secondi ad alzare la temperatura.[:50]
Il problema principale sono le inerzie termiche, infatti in 2 minuti non riesci a scaldare 2 gradi, ma solo in parte, il resto dell'energia è passato all'aria che lo cederà  al liquido pian piano, quindi si avrà  una temperatura dell'aria elevata, cosa che potrebbe portarti a sballare la misura della camera, quindi dovresti posizionare con attenzione la sonda, che non essendo immersa nel liquido misurerà  l'aria circostante...

vabbè basta pippe mentali, secondo me l'idea è buona, però con una stufetta più piccola è meglio!

Share this post


Link to post
Share on other sites
ok. io pensavo in realtà  ad una camera piccola ma non tanto, perchè ci vorrei infilare 2 fermentatori da 50 L.
La sonda tenderei ad attacarla all'esterno del fermentatore, magari facendo un piccolo rivestimento interno.

Io mi baserei sul principio che alla lunga, si raggiunga un equilibrio termico tra il liquido e l'area circostante. Quindi anche se l'aria raggiunge temperature più elevate, dovrebbero abbassarsi alzando quelle del liquido, fino all'equilibrio. A quel punto, riportando a temperatura l'aria, si riporta a temperatura il liquido

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tieni presente che nella fase attiva la fermentazione genera parecchio calore che poi deve essere smaltito. Più il fermentatore è capiente e più difficile è raggiungere un vero equilibrio fra temperatura ambiente e temperatura del mosto. 50L è già  un bel valore, con lieviti molto energici potresti avere anche 3-4 gradi di differenza, per cui è sempre meglio misurare la temperatura reale del mosto (con sonda e pozzetto) per evitare di riscaldare eccessivamente peggiorando la situazione.

Ciao,

Vale

Share this post


Link to post
Share on other sites
infatti anche a me è capitata la stessa cosa, il fermentatore da 50litri (damigiana...) era 1-2gradi più caldo di quello in plastica con 20litri... quindi il problema è sempre raffreddare...

certo alla lunga si va in equilibrio però se fuori ci sono 60gradi rischi che cuoci i lieviti vicino le pareti... non ci credo nemmeno io però è plausibile, infatti essendo il sistema isolato potrebbe capitare qualcosa del genere.
Ma cmq potresti trovare stufette più piccole, sicuramente ci sono, caso mai da 700w con possibilità  di abbassare potenza!

io ne avevo una da 1000k con 3 resistenze, una da 400 e 2 da 300w selezionabili, quindi potendo accendere solo quella da 300w saresti apposto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Perchè invece non usare un cavo per terrari immergibile, tipo questo?

[url]http://www.ebay.it/itm/Hydor-Hydrokable-cavo-riscaldante-50w-acquario-terrario-/110603087406?pt=Articoli_per_Rettili&hash=item19c0752e2e[/url]

Se un fermentatore perde e il liquido arriva alla stufetta ti salta l'impianto elettrico, con questo cavo invece non succede nulla (a parte la birra persa [B)])

Ciao,

Vale

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il cavo per terrari a mio parere è la soluzione ideale, non costa molto di più del termoventilatore, consuma al max 50/100W, (dipende dal modello che prendi) è impermeabile e lo puoi far correre su tutte le pareti della camera di fermentazione (per esempio quello da 50W è lungo 6 metri).

Share this post


Link to post
Share on other sites
mi è venuta una altra idea!!! prendi una lampadina ad incandescenza, ci fai un box nero per non farla illuminare i fermentatori e sei apposto!!! 1-2lampadine da 60w e il gioco è fatto!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]DarthVader ha scritto:

6 metri da 80w sono efficenti per una camera di fermentazione?
[/quote]

L'importante è la coibentazione, 80 watt poi non sono affatto pochi, vi ricordate come diventavano roventi le ormai vietate lampadine ad incandescenza da 75 watt?
In effetti c'è chi ha usato proprio una vecchia lampadina ad incandescenza come resistenza, il problema è che dopo un po' si bruciano e poi oggi non si trovano più in commercio. :(

Share this post


Link to post
Share on other sites
io con 4 lampadine ad incancedscenza avevo costruito un essiccatorio per i miei (ci seccavano funghi, pomodori ecc) però c'era appunto il problema che si fulminavano, soprattutto se si accendevano e spegnevano spesso.



ps: vale, dalle mie parti nei negozi cinesi ne trovi ancora quante ne vuoi. Comunque penso che per ora di orientarmi sul cavo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...