Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
don

Temperatura carbonazione e maturazione

Recommended Posts

ciao! cerco qualche informazione in più sulle temperature di questi due ultimi passaggi della produzione birraria. di solito vengono consigliate temperature tra i 18°-24° per la carbonazione e intorno ai 14° per la maturazione. ecco ciò che vorrei sapere:

perchè queste temperature?

per quanto riguarda la maturazione, è possibile avere un range di riferimento? (ho letto che c'è chi fa maturare la birra in frigo...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
La temperatura per la carbonazione deve essere ovviamente quella in cui lavora il lievito, mentre per la maturazione si rientra nelle regole generali di buona conservazione della birra, quindi al fresco e al buio (ed ecco i 14° come tipica temperatura "da cantina"). La maturazione in frigo, se la intendiamo a 4°, diventa una lagerizzazione ed è quindi un caso particolare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ok, grazie! cosa cambia nei tempi di carbonazione (si allungano/accorciano) se questa si conduce ad una temperatura fredda o calda?
la temperatura di maturazione, quindi, deve essere tale da rendere inattivi i lieviti?

scusa ma sto cercando di capire se posso effettuare questi due passaggi alle temperature che mi ritrovo a casa (per fortuna, posso scegliere tra parecchie nicchie con temperature differenti) così da poter sfruttare il refrigeratore per fare un'altra birra...

grazie ancora! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]don ha scritto:

ok, grazie! cosa cambia nei tempi di carbonazione (si allungano/accorciano) se questa si conduce ad una temperatura fredda o calda?
[/quote]

Esatto. Rimanendo nell'intervallo idoneo per il lievito che si sta usando, temperature più basse comportano tempi più lunghi e viceversa, tant'è vero che spesso anche le lager, se non sbaglio, vengono carbonate sui 20° per fare prima.

[quote]don ha scritto:


la temperatura di maturazione, quindi, deve essere tale da rendere inattivi i lieviti?
[/quote]

No, lo scopo non è quello, tanto finita la pappa (gli zuccheri nella birra) il lievito si inattiva comunque.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ho messo in camera difermentazione le bottiglie di tripel brewferm e ho impostato il pid a 18gradi
dite che va bene?
la fg era di 1020 da quattro giorni,esploderanno prima di natale?
quanto tenerle in camera di fermentazione?
è la prima volta che la uso per le bottiglie,visto la temperatura esterna sottozero

Share this post


Link to post
Share on other sites
Perchè dovrebbero esplodere?
Non so che lievito stai usando, ma se riesci a tenere 20° è meglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
zelig, grazie per le info! alla fine, sono stato costretto a mettere le bottiglie nel refrigeratore a 20° perchè ha iniziato a far freddo di brutto e, con le temperature tra i 14-16°, rischierei di carbonare per sei mesi, mi sa... [:o)]

Share this post


Link to post
Share on other sites
quello che ci sarebbe da capire, secondo me, è: come rendersi conto della fine del periodo di carbonazione? cioè, sappiamo che a 20° i tempi sono all'incirca di 2 settimane, ma se le temperature scendono...?

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]don ha scritto:

quello che ci sarebbe da capire, secondo me, è: come rendersi conto della fine del periodo di carbonazione? cioè, sappiamo che a 20° i tempi sono all'incirca di 2 settimane, ma se le temperature scendono...?
[/quote]

Per quello ti serve un manometro, o applicato al fusto per la birra infustata o ad una bottiglia della stessa cotta nel caso delle bottiglie (mettere un manometro per bottiglia non è ovviamente praticabile).

Ciao,

Vale

Share this post


Link to post
Share on other sites
oppure imbottigli un pò di bottiglie piccole e segui la carbonatazione aprendone una ogni settimana dopo le prime due settimane magari

Share this post


Link to post
Share on other sites
Salve gente, la mia cantina ora ha una temperatura sui 9 gradi...potrebbe essere un problema per la maturazione della mia birra? L ho fatta carbonare sui 23 gradi per circa 2 settimane e mezzo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il freddo non fa mai male, in maturazione (quindi dopo che la birra è carbonata), per cui stai pure tranquillo. Basta stare sopra lo zero, ovviamente! E' per il caldo che bisogna preoccuparsi, eventualmente...

Share this post


Link to post
Share on other sites
quello che io non riesco a capire è cosa influenza i tempi di carbonazione e maturazione. mi spiego: io ho fatto, finora, solo 2 birre (kit). vi faccio il ragionamento riportando le indicazioni della fabbrica: per la prima birra, FG 1006, gradi alcolici 4, priming 15gg (così come per la maturazione); per la seconda, FG 1014, gradi alcolici 5, priming 40-50gg (maturazione non indicata). esistono dei calcoli o dei rapporti o un qualcosa da cui si possa ricavare un'indicazione minima sui giorni necessari al priming o alla maturazione? me lo chiedo anche perchè ho aggiunto degli ingredienti ai kit che hanno sfalsato i valori di FG e alcool (calcoli: megafaq hobby birra).

Share this post


Link to post
Share on other sites
la rifermentazione in bottiglia, così come la fermentazione, avviene per opera dei lieviti, organismi viventi.
non esiste un modo per essere sicuri al 100% che i lieviti portino a compimento il loro lavoro in un determinato tempo.

immaginati di voler predire in quanto tempo un umano, del genere maschio del ceppo caucasico percorre i 100 metri.
potrai dire che ragionevolmente impiegherà  tra i 9.5 secondi ed i 60 secondi, ma a 9.5 ci arriva solo un centometrista di professione... e pure di quelli bravi, mentre 60 secondi li impiego io dopo un fusto di rasputin in una serata...

allo stesso modo i lieviti lavorano delle volte in fretta, delle volte nella media, delle volte più lentamente, in base a una miriade di fattori.

una ale, normalmente in due settimane termina la carbonazione (stando larghi, perchè spesso termina in una settimana) perciò si dice, precauzionalmente, di tenerla a temperatura di fermentazione per 2 settimane durente le quali quasi sicuramente si è carbonata.
vuoi esserne sicuro?
apri una bottiglia e bevila: è sicuramente più conveniente di un manometro e probabilmente più piacevole (discorso diverso se infusti...).

poi la maturazione.
ti direi un minimo di 2 settimane per le birre leggere extra luppolate (ad esempio le APA) da uno a due mesi per le altre con casi particolari come barley wine, lambic ecc. che possono raggiungere anche diversi anni di maturazione.
In genere comunque più una birra ha una struttura complessa a livello di malti e più ha grado alcolico, più beneficia di lunghi periodi di maturazione (più di 1 mese o 2).
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
ok! non mi serviva un'indicazione precisa, perchè so che per noi è quasi impossibile. un suggerimento generale va bene...

grazie! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao,

mi collego a questo post per chiedere se mi sapete dire: che livello può avere circa una choeffe houblon? sui 2,5?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Stile di birra Volumi di CO2
British Ales 1.5 - 2.0
Porter, Stout 1.7 - 2.3
Belgian Ales 1.9 - 2.4
Lagers 2.2 - 2.7
Wheat Beer 3.3 - 4.5

[url]http://www.hobbybirra.info/view_megafaq.asp?id_menu_megafaq=76[/url]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riporto in auge un vecchio post.

Non dispongo di una cantina quindi ho provveduto a creare una camera di fermentazione per fermentare e carbonare successivamente le bottiglie. Abito in una mansarda ed in estate avrei dei problemi seri almeno per i mesi di luglio ed agosto a tenere temperature medie accettabili tocchiamo anche punte di 31° gradi in casa e scendiamo fino a 23°. Come ovviare a questo problema. Non posso inserire un altro frigo per la sola maturazione (o anche solo mantenimento) si fa troppo presto a riempire un frigo con bottiglie di birra, ne potrei fare comunque poche ed in ogni caso se metto un altro frigo in casa, la mia donna mi uccide...(ovviamente quello per la camera di fermentazione l'ho recampato e messo a posto, non è nuovo e dire che non è propriamente silenzioso è fargli un complimento).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Polistirene, pannelli che trovi a poco nei negozi e nei fondi per edilizia, tagli a misura e incolli con semplice vinavil, trova il posto ideale nella casa, e crea una scatola su misura per le bottiglie in maturazione, con un pò di legno e fantasia può diventare una panca, o qualunque altra cosa possa piacere e non dia fastidio alla tua Lei. In freezer lasci un posto riservato a bottiglie di plastica d'acqua da ghiacciare, sono convinto che con una, massimo due bottiglie ghiacciate al giorno messe assieme alle birre, se l'isolamento è adeguato, non avrai problemi.  

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Potrebbe essere una soluzione per togliere le "birre dal fuoco"... mannaggia, non aver una cantina con temperature adeguate mi ha condizionato le possibilità  fin dall'inizio. Ma non demorderò!

Grazie per la dritta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io lunedi ho imbottigliato una english bitter con priming di 6gr/l 

 

oggi sabato, ho provato ad aprire una bottiglia per vedere se la carbonazione procedeva, e all'apertura mi ha fatto il classico "psss stap!" però la birra è ancora ovviamente piatta e  senza schiuma 

 

il fatto che sta carbonando avvolta in un piumino dentro a un mobile ma con 10 gradi di temp ambiente, farà  solamente allungare la carbonazione, o la annullerà ?

 

grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×