Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
Breddy

Candeggina per sanitizzare, quanta?

Recommended Posts

Ho letto che molti usano la candeggina per pulire l'attrezzatura.Ma che dosi usate?
Ho letto un cucchiaino per litro ma non mi sembra molto precisa come dose ed anche piuttosto bassa.
Io fin ora ho usato l'amuchina con una soluzione al 2% risciaquando tutto dopo, ma la candeggina costa meno e quindi volevo provarla.

Ciao a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non e' affatto bassa. Non si usa per sanitizzare quanto per pulire, e' comoda soprattutto perche', oltre che costare poco, e' anche in ogni casa in cui si fa il bucato e si puliscono i pavimenti.

Io uso piu' o meno lo 0.5% ... un tappo (misurato come capacita' precedentemente, pari a circa un cucchiaio, quindi ci siamo col tuo discorso cucchiaino) per qualche litro in acqua fredda, diciamo quattro o cinque. Agita per bene, quindi lasciala agire per 15-20 minuti, ripeti l'agitazione, sciacqua molto bene con acqua calda, piu' volte.

Tieni conto che la candeggina e' decisamente potente, irritante e pericolosa, meglio usare la massima cautela: guanti di gomma, indossa vestiti che non portino colori delicati, tieni la bottiglia aperta il meno possibile e trattieni il fiato quando e' aperta o versi, massima attenzione quando scuoti il fermentatore per evitare che ti goccioli o peggio schizzi addosso (stinge oltre che irritare), tieni lontani i bimbi e soprattutto stai distante dal bucato della moglie/madre/amante/persona di servizio ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Chris, l'hai descritta come acido corrosivo alla massima potenza!!! :)

Diluita in quel modo non fa assolutamente niente sui vestiti ne tantomeno sulle mani(testato tutto personalmente).
Sugli occhi sicuramente irrita anche in dosi minime. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
la candeggina è sicuramente corrosiva irritante e tutto quello che volete, ma contiene cloro, lo stesso cloro che si usa nelle piscine dove innumerevoli persone sbavano e sudano, quindi direi che è veramente il massimo per pulire...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]jOkz ha scritto:

Chris, l'hai descritta come acido corrosivo alla massima potenza!!! :)

Diluita in quel modo non fa assolutamente niente sui vestiti ne tantomeno sulle mani(testato tutto personalmente).
Sugli occhi sicuramente irrita anche in dosi minime. ;)
[/quote]
Vero, quand'e' diluita come dici ... ma quand'e' da diluire e' pericolosa, e' li che occorre usare precauzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Già , vero anche quello, da diluire è pericolosa e occorrono le precauzioni...

A proposito di vestiti: quando andavo alle elementari, circa 20anni fa, andavano di moda i jeans macchiati, cosi si faceva il nodo alle gambe dei jeans e si gettava sopra un po di candeggina pura! :D
Risultato: jeans con macchie bianche! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grazie per i consigli oggi ho lavato tutto con la candeggina allo 0,5% e poi ho risciaquato tutto senza fare danni...:):)

Share this post


Link to post
Share on other sites
allora...

un cucchiaino per 4 litri è la dose che consente di sanificare senza dover risciacquare il tutto... peccato che dovete tenere tutto in ammolo per + di mezz'ora...e primo nn ho voglia di usare 30 litri d'acqua per tenere tutto in ammollo ogni volta che sanifico...secodno nn ho "sbatta" di stare li 30 min a vedere il fermentatore...

quindi prondo il fermentatore...ci butto dentro un po d'acqua ...e un po di candeggina (e per un po intendo qualcosa come mezzo bicchiere) ci metto dentro la spugna che uso solo per sanificare (giusto epr nn sporcarla d'altro) e lavo ben bene tutto (consiglio l'uso di guanti...l'odore di candeggina sulla pelle è sgradevole) dopodichè risciacquo... con acqua calda...

ora... non voglia accendere l'eterna diatriba sul "se risciacquo contamino tutto di nuovo" quindi per tagliare la testa al toro dopo aver sciacquato gli verso dentro pure una soluzione diluita (un cucchiaino epr tre litri) di metabisolfito...così siamo tutti contenti :D

e se le dosi vi sembrano " poco precise" calcolatevele voi io nn ho voglia di fare il chimico quando faccio la birra :D mi basta già  tutto quello che faccio all'uni...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Chris ha scritto:

Non e' affatto bassa. Non si usa per sanitizzare quanto per pulire, e' comoda soprattutto perche', oltre che costare poco, e' anche in ogni casa in cui si fa il bucato e si puliscono i pavimenti.

Io uso piu' o meno lo 0.5% ... un tappo (misurato come capacita' precedentemente, pari a circa un cucchiaio, quindi ci siamo col tuo discorso cucchiaino) per qualche litro in acqua fredda, diciamo quattro o cinque. Agita per bene, quindi lasciala agire per 15-20 minuti, ripeti l'agitazione, sciacqua molto bene con acqua calda, piu' volte.

Tieni conto che la candeggina e' decisamente potente, irritante e pericolosa, meglio usare la massima cautela: guanti di gomma, indossa vestiti che non portino colori delicati, tieni la bottiglia aperta il meno possibile e trattieni il fiato quando e' aperta o versi, massima attenzione quando scuoti il fermentatore per evitare che ti goccioli o peggio schizzi addosso (stinge oltre che irritare), tieni lontani i bimbi e soprattutto stai distante dal bucato della moglie/madre/amante/persona di servizio ...
[/quote]

metti uno scafandro antiradiazioni!!!:D:D:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
HFS, sicuramente le dosi sono piu precise delle mie :D io butto un po di candeggina in un po d'acqua...sento se fa odore...se non lo fa, ne butto un'altro po finchè lo fa :D
5min in ammollo, sciaquo molto bene con acqua molto calda, lascio scolare e via son pronto...ho ancora un sacchetto di 1kg di metabisolfito non aperto se volete ve lo vendo [8D]

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma utilizzare un comodo e per niente laborioso spruzzino per poi risciaquare?come lo vedete?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anche...poi ognuno vede qual'è il proprio metodo migliore...

Share this post


Link to post
Share on other sites
La cendeggina ovvero ipoclorito di sodio non si usa per pulire dato che nn pulisce nulla ma per sanitizzare, sbiancare e disinfettare dato che ha propietà  battericida, sporicida, fungicida ed virocida,

E' molto simile al potassio metabisolfito, con la differenza che il primo la cadneggina è ossidante, il secondo il metabisolfito un anti-ossidante,

La candeggina va risciaquata, il metabisolfito no, anzi è meglio lasciarlo dato le sue propietà  anti-ossidanti.

Alla fine per sanitizzare ipoclorito di sodio o potassio metabisolfito è uguale, il metabisolfito imho è meglio perché oltra a sanitizzare fa da anti-ossidante sempre se nn lo si risciacqua

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]hindoo ha scritto:
metti uno scafandro antiradiazioni!!!:D:D:D
[/quote]
Esistono personaggi che sostengono l'uso del napalm come sanitizzante (in quel caso l'antiradiazioni non e' molto efficace), personalmente, se proprio la sterilizzazione e' di quelle dure, consiglio una soluzione a base di Cesio 137. Purtroppo dopo un trattamento del genere devi lasciare riposare il fermentatore per un tempo adeguato, ma nulla batta un buon trattamento con i raggi gamma.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]à4rKl4Â¥ ha scritto:



Alla fine per sanitizzare ipoclorito di sodio o potassio metabisolfito è uguale, il metabisolfito imho è meglio perché oltra a sanitizzare fa da anti-ossidante sempre se nn lo si risciacqua
[/quote]

se non fosse che... non è efficace come la candeggina...


ma a parte questo... lasciarne troppo sulle pareti non rischia di inibire un po la crescita del lievito? del resto un modo per bloccare la fermentzione nn è l'aggiunta di solfiti?

Share this post


Link to post
Share on other sites
il bisolfito (anidride solforosa) non ha grandi proprietà  antiossidanti, specialmente a bassi dosaggi. è classificato come antiossidante, ma in realtà  la sottrazione di ossigeno dal substrato avviene molto molto lentamente e necessita della presenza di catalizzatori (ioni ferro e rame)

a bassi dosaggi, l'attività  del lievito viene solo rallentata, non inibita.

l'attività  dell'anidiride solforosa dipende dal dosaggio e dal pH del substrato e dalla presenza di combinanti:
a bassi dosaggi si inibiscono solo i batteri
a medi dosaggi si inibiscono anche i lieviti apiculati
ad alti dosaggi si inibiscono anche le altre tipologie di lieviti (Saccaromyces spp, Brettanomyces spp e ossidanti tipo Candida, ecc..)

il discorso è molto complicato e non è possibile stabilire l'attività  dell'anidirde solforosa senza sapere quanta anidirde solforosa LIBERA, o ancor meglio MOLECOLARE, è presente in soluzione.
la determinazione dell'anidride solforosa libera può essere fatta solo con specifiche analisi di laboratorio.


Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]HellFireSam ha scritto:

[quote]à4rKl4Â¥ ha scritto:
<br />

Alla fine per sanitizzare ipoclorito di sodio o potassio metabisolfito è uguale, il metabisolfito imho è meglio perché oltra a sanitizzare fa da anti-ossidante sempre se nn lo si risciacqua
[/quote]

se non fosse che... non è efficace come la candeggina...


ma a parte questo... lasciarne troppo sulle pareti non rischia di inibire un po la crescita del lievito? del resto un modo per bloccare la fermentzione nn è l'aggiunta di solfiti?
[/quote]

Diciamo di si, la candeggina ha un potere più forte ma cmq il potassio metabisolfito basta.

Io cmq lavo con candeggina appena fermentato per pulirlo, e cmq un paio di giorni prima di utilizzare il fermentatore lo rilavo con candeggina e poi risciacquo, il giorno della cotta invece lo sanitizzo con potassio metabisolfito senza riscacquare.

Gaurda i solfiti danno noia a finghi, lieviti e batteri, ma per nostra fortuna il Saccharomices cerevisiae, il nostro lievito, è molto tollerante, quindi ne soffre poco nulla.

Quindi al nostro lieviti non da fastidio agli altri si.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ho letto l'interessante discussione, ora vorrei chiedervi se è davvero necessario attendere che il fermentatore sia completamente asciutto, dopo averlo trattato col bisolfito, prima di metterci il mosto dentro... o meglio che senso ha attendere che sia completamente asciutto se poi ci devo mettere dentro 20 litri di acqua???

Qualcuno di voi ha mai lavato le bottiglie cn la candegina? Prima ustavo il detersivo per i piatti e poi satinizzavo col bisolfito... poi ho letto che e detersivi che fanno schiuma nn andrebbero usati, voi che usate?
Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
si presume che l'acqua in bottiglia che usi per riempire il fermentatore è più pulita di quella del rubinetto che usi per risciacquare. Cmq la mia filosofia è che tra l'acqua del rubinetto e quella in bottiglia, a meno che nn sei nel burundi, nn c'è molta differenza (eventuale calcare delle condutture a parte). Poi ogn'uno si regola secondo la sua filosofia.

I detersivi in effetti nn fanno produrre schiuma, tuttavia, quando usi il metabisolfito, si presume che uccidi i batteri, e se riesci a uccidere tutti i batteri di certo nn dovrebbe essere rimasta schiuma. Cmq questa è la mia idea, poi ogn'uno si regola come vuole.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Pier81 ha scritto:

ho letto l'interessante discussione, ora vorrei chiedervi se è davvero necessario attendere che il fermentatore sia completamente asciutto, dopo averlo trattato col bisolfito, prima di metterci il mosto dentro... o meglio che senso ha attendere che sia completamente asciutto se poi ci devo mettere dentro 20 litri di acqua???

Qualcuno di voi ha mai lavato le bottiglie cn la candegina? Prima ustavo il detersivo per i piatti e poi satinizzavo col bisolfito... poi ho letto che e detersivi che fanno schiuma nn andrebbero usati, voi che usate?
Grazie
[/quote]

se temi residui di schiuma puoi usare i vari prodotti "oxyclean"
tipo vanish (è scritto così? mah...) o altri ma cerca quelli che nn hanno profumi o essenze varie

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per pulire il fermentatore lo riempio d'acqua e ci verso un bicchiere di candeggina. Poi lascio a riposo tutto per un giorno. Lo svuoto per metà  dal rubinetto e per metà  dalla parte del tappo dopodichè lo sciaquo col doccino della vasca da bagno. Se c'è qualche incrostazione ancora presente gratto via con la spugnetta e ripeto il lavaggio con meno acqua. Finora però mi è capitato solo una volta...[V]

Lo stesso faccio con le bottiglie e il resto dell'attrezzatura. Devo dire che è ottima per togliere via la eventuale muffa.

Bri

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao a tutti!

Ho finito il metabisolfito e probabilmente mi ritroverò a usare la candeggina per sanitizzare le bottiglie prima dell'imbottigliamento.. Come consigliate di procedere?

Grazie! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
rilava bene bene con acqua calda prima di imbottigliare!:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×