Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
theking0

Stabilizzatore di temperatura per fermentatore

Recommended Posts

Salve, dato che vorrei mettere il fermentatore nel garage e stiamo andando verso l'inverno vorrei realizzare una sorta di stabilizzatore di temperatura.
Essendo che ne garage ci potrebbe essere qualche grado in meno che in casa vorrei dotarlo di uno di questi:

[url]http://www.pinta.it/prodotti/233/brew_belt_cavo_riscaldante.html[/url]

[url]http://www.pinta.it/prodotti/238/brew_pad_-_cuscinetto_riscaldante.html[/url]

controllato da questo termostato per acquari dotato di sonda con ventosa da attaccare all'esterno del fermentatore:

[url]http://www.ebay.it/itm/TERMOSTATO-CAVI-RISCALDANTI-A-SPINA-CON-SONDA-REMOTA-MAX-500-W-/330739045593?pt=Altro_per_la_Casa&hash=item4d019554d9#ht_5053wt_1163[/url]

come vedete il range di temperature supportate vanno tra i 20 e 34 gradi celsius, con sensibilità  di 1 grado.
Penso possa essere un buon acquisto, o no ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io avrei il dubbio sulla reale temperatura del mosto in fermentazione. Se misuri la temperatura sulla parete esterna del fementatore, probabilmente avrai una lettura differente (temperatura inferiore di qualche grado) rispetto alla temperatura del mosto. Analogamente, se misuri la temperatura vicino al cavo riscaldante e questo è acceso in quel momento, la temperatura rilevata sarà  superiore rispetto a quella del mosto. L'ideale credo sia misurare la temperatura del mosto nel fermentatore,

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]ip4all ha scritto:

Io avrei il dubbio sulla reale temperatura del mosto in fermentazione. Se misuri la temperatura sulla parete esterna del fementatore, probabilmente avrai una lettura differente (temperatura inferiore di qualche grado) rispetto alla temperatura del mosto. Analogamente, se misuri la temperatura vicino al cavo riscaldante e questo è acceso in quel momento, la temperatura rilevata sarà  superiore rispetto a quella del mosto. L'ideale credo sia misurare la temperatura del mosto nel fermentatore,
[/quote]
quindi dovrei trovare il modo di inserire la sonda nel fermentatore.
Ci penso un po, vedo come potrei fare.

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
una volta un utente avevo postato un link dove si trovava un cavo riscaldante ad ottimi prezzi e si poteva scegliere anche il metraggio, ma non ritrovo più il post

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]nuvolario ha scritto:

Potresti far passare il cavo della sonda attraverso il gorgogliatore...
[/quote]

Confermo che mettere la sonda all'esterno del fermentatore non serve a nulla, misurerai praticamente la temperatura ambiente e quindi la resistenza rimarrà  sempre accesa, rischiando di sforare di brutto la temperatura.
L'unico modo preciso è mettere la sonda all'interno usando un pozzetto in INOX tipo [url="http://it.rs-online.com/web/p/accessori-per-sensori-di-temperatura/0465397/?searchTerm=465-397&relevancy-data=636F3D3126696E3D4931384E525353746F636B4E756D6265724D504E266C753D656E266D6D3D6D61746368616C6C26706D3D5E5C647B337D5B5C732D2F255C2E5D5C647B332C347D2426706F3D313426736E3D592673743D52535F53544F434B5F4E554D424552267573743D3436352D3339372677633D4E4F4E4526"]questo[/url], così misuri con precisione la temperatura del mosto e la resistenza viene accesa solo quando serve effettivamente.
"Pucciare" la sonda dall'esterno non è possibile, primo perchè le sonde standard non sono impermeabili e poi perchè con un cavo che entra dall'esterno rischi di portarti delle infezioni nel fermentatore. Il pozzetto invece isola perfettamente l'interno dall'esterno e non compromette la tenuta.

Ciao,

Vale

Share this post


Link to post
Share on other sites
sempre meglio avere la temperatura ambiente controllata e stabile che averla a sbalzi diurna e notturna
quindi io ho costruito una cameraa di fermentazione coimbentata e dotata di cavo riscaldante e termoregolatore e ho impostato a 20,5° la temperatura rilevata dalla sonda attaccata al fermentatore

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]DarthVader ha scritto:

una volta un utente avevo postato un link dove si trovava un cavo riscaldante ad ottimi prezzi e si poteva scegliere anche il metraggio, ma non ritrovo più il post
[/quote]

Interessante.... trovato il link? [:p]

Share this post


Link to post
Share on other sites
Secondo me se la differenza di temperatura non è enorme e se la sonda la piazzi come si deve (non vicino al cavo riscaldante e coperta con un pezzo di polistirolo per isolarla), può andare benissimo anche attaccarla all'esterno senza farsi troppe paranoie. Qui puoi vedere come ho fatto io, mai avuto problemi: [url]http://zeligplanet.altervista.org/2012/01/homebrewing-lo-sgabello-riscaldante[/url]

Share this post


Link to post
Share on other sites
io ho sempre fermentato in garage anche in inverno...dove le temperature arrivano anche a 4°...ho usato sempre e solo la brew belt...una volta capita l'altezza giusta da mettere (se la metti puù bassa si scalda di più...più alta si scalda di meno il mosto) li ti resta costante...si devi far a mano...ma dopo un paio di volte prendi la mano...
in ogni caso, i termostati da acquario sono impermeabili...io ne usavo uno che poi si è rotto e non ho più sostituito...lasciavo la sonda e mezzo metro di cavo dentro un bicchiere con acqua e candeggina per un paio d'ore...risciacquavo e lo inserivo attraverso la gommina del gorgogliatore...zero problemi di tenuta...
quella sonda attaccata all'esterno non serve a nulla...misuri l'ambiente
se fai come dice zelig ci può stare...ma dovrai tarare la sonda perchè a mio avviso, la temperatura del mosto interno sarà  diversa...

@zelig...ho visto le foto...mi piace proprio...ben fatto...ti chiedo solo se sei sicuro che la temperatura sia corretta. mi scpiego...io per tenere il mosto a 20° metto la brew belt a cira 12-13 cm dal fondo....te la metti a 4 o 5 cm circa...così a spanne la sonda esterna prender una parte della temperatura del mosto ma non tutta...sarei cuurioso se riesci a far delle prove anche solo con acqua con un termometro interno al liquido e lo compari con il tuo esterno...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Allora prenderò quel termostato, farò un po di test tenendola attaccata all'esterno.
Se vedo che non funziona posso sempre prendere il pozzetto in acciaio inox suggeritomi da Vale per spostare la sonda all'interno.
Per quanto riguarda il cavo e meglio quello o il cuscino riscaldante ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Zelig ha scritto:

Secondo me se la differenza di temperatura non è enorme e se la sonda la piazzi come si deve (non vicino al cavo riscaldante e coperta con un pezzo di polistirolo per isolarla), può andare benissimo anche attaccarla all'esterno senza farsi troppe paranoie. Qui puoi vedere come ho fatto io, mai avuto problemi: [url]http://zeligplanet.altervista.org/2012/01/homebrewing-lo-sgabello-riscaldante[/url]
[/quote]

Con lieviti molto energici ad alta fermentazione tipo alcuni inglesi o i weizen ho misurato, nella fase iniziale della fermentazione, anche 4 gradi di differenza, al punto che all'inizio la brew belt manco si accendeva. Hai provato a misurare la temperatura reale del mosto e a confrontarla con quella indicata dal termostato?

Ciao,

Vale

P.S: Bella l'idea dello sgabello termostatato! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]theking0 ha scritto:
Per quanto riguarda il cavo e meglio quello o il cuscino riscaldante ?
[/quote]

Hai un fermentatore in INOX o in plastica? Con l'INOX basta il cavo messo in fondo al fermentatore, la conduttività  del metallo distribuisce benissimo il calore uniformemente. Con la plastica magari può essere vantaggioso il cuscino che dovrebbe avere una superficie di contatto maggiore, naturalmente va comunque benissimo anche la brewbelt, sono solo sfumature.

Ciao,

Vale

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Vale ha scritto:

[quote]theking0 ha scritto:
Per quanto riguarda il cavo e meglio quello o il cuscino riscaldante ?
[/quote]

Hai un fermentatore in INOX o in plastica? Con l'INOX basta il cavo messo in fondo al fermentatore, la conduttività  del metallo distribuisce benissimo il calore uniformemente. Con la plastica magari può essere vantaggioso il cuscino che dovrebbe avere una superficie di contatto maggiore, naturalmente va comunque benissimo anche la brewbelt, sono solo sfumature.

Ciao,

Vale
[/quote]

ho il classico fermentatore in plastica tipo a bidone.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]GeCofreE ha scritto:


@zelig...ho visto le foto...mi piace proprio...ben fatto...ti chiedo solo se sei sicuro che la temperatura sia corretta. mi scpiego...io per tenere il mosto a 20° metto la brew belt a cira 12-13 cm dal fondo....te la metti a 4 o 5 cm circa...così a spanne la sonda esterna prender una parte della temperatura del mosto ma non tutta...sarei cuurioso se riesci a far delle prove anche solo con acqua con un termometro interno al liquido e lo compari con il tuo esterno...
[/quote]

L'altezza della fascia serve cambiarla se non hai il termostato, altrimenti credo sia sempre meglio metterla più in basso possibile, tanto il calore va in alto da solo e ci pensa il termostato ed accendere e spegnere quando serve. Se la metti più in altro sprechi solo calore e la fascia dovrà  rimanere accesa più a lungo.

[quote]Vale ha scritto:


Con lieviti molto energici ad alta fermentazione tipo alcuni inglesi o i weizen ho misurato, nella fase iniziale della fermentazione, anche 4 gradi di differenza, al punto che all'inizio la brew belt manco si accendeva. Hai provato a misurare la temperatura reale del mosto e a confrontarla con quella indicata dal termostato?
[/quote]

Mmmm, non ho capito bene. 4 gradi di differenza tra cosa?

Comunque prove empiriche per misurare l'eventuale differenza fra la temperatura interna e quella indicata non ne ho mai fatte, ma resto del parere che in queste condizioni non siano particolarmente rilevanti. Se uno di questi giorni mi capita di avere tempo e voglia, magari provo a vedere, comunque.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Zelig ha scritto:

L'altezza della fascia serve cambiarla se non hai il termostato, altrimenti credo sia sempre meglio metterla più in basso possibile, tanto il calore va in alto da solo e ci pensa il termostato ed accendere e spegnere quando serve. Se la metti più in altro sprechi solo calore e la fascia dovrà  rimanere accesa più a lungo.
[/quote]

hai ragione...non ci avevo pensato...mi regolavo sulla mia esperienza che non prevede si spenga da solo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Zelig ha scritto:
[quote]Vale ha scritto:


Con lieviti molto energici ad alta fermentazione tipo alcuni inglesi o i weizen ho misurato, nella fase iniziale della fermentazione, anche 4 gradi di differenza, al punto che all'inizio la brew belt manco si accendeva. Hai provato a misurare la temperatura reale del mosto e a confrontarla con quella indicata dal termostato?
[/quote]

Mmmm, non ho capito bene. 4 gradi di differenza tra cosa?

Comunque prove empiriche per misurare l'eventuale differenza fra la temperatura interna e quella indicata non ne ho mai fatte, ma resto del parere che in queste condizioni non siano particolarmente rilevanti. Se uno di questi giorni mi capita di avere tempo e voglia, magari provo a vedere, comunque.
[/quote]

Fra l'ambiente esterno e il mosto dentro al fermentatore, misurato dalla sonda nel pozzetto. La fermentazione se energica produce molta energia che deve disperdersi verso l'esterno, cosa ancora più difficile in un fermentatore fatto di materiale plastico. Se la sonda esterna misura una temperatura più bassa e il termostato fa partire la resistenza invece di smaltire il calore ne vai ad aggiungere ulteriormente e la temperatura ti va facilmente fuori dai parametri.
Ti consiglio di provare quando la fermentazione è proprio al massimo a misurare direttamente nel mosto con un termometro (ben disinfettato, ovviamente) e vedere che diffreneza c'è rispetto a quanto indicato dal termostato, potresti rimanere sorpreso. [8D]

Ciao,

Vale

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ok Vale, ma a noi importa poco sapere la differenza fra la temperatura ambiente esterna e quella interna. Sappiamo benissimo che c'è, tant'è vero che stiamo riscaldando forzatamente, e sappiamo anche che la fermentazione fa aumentare la temperatura del mosto di qualche grado. Ma quello che interessa a noi è semplicemente sapere se c'è una differenza fra la temperatura interna del mosto e quella misurata dalla sonda applicata all'esterno del contenitore, e una volta che la sonda l'abbiamo isolata con un materiale coibentante, questo valore diventa praticamente una costante.
Ma guarda che secondo me ci stiamo facendo dei problemi per niente, eh! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...