Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
wollace

"champenoise"

Recommended Posts

non so, bisognerebbe fare una ricerchina.
Io ho assaggiato l'equilibrista di del Borgo, che è una birra/vino spumantizzata. Una bella esperienza degustativa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lo "champenoise" più che uno stile è un sistema di produzione, secondo me, ci sono comunque 3-4 prodotti interessanti anche se non è uno dei più economici, personalmente ho provato sia l'equilibrista che la Deus che un altro paio di cui non ricordo il nome, ma tra tutti mi sento di dire che la deus è veramente un gradino sopra, ho tentato di fare una prova anch'io ma con scarsi risultati a causa di un'infezione, alla prossima invernata ritenterò l'esperimento!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lo champagne dopo un pò di tempo aprono le bottiglie avviene la sboccatura, operazione che consiste nell'estrarre i depositi della fermentazione in bottiglia e sostituendoli con il dosage prima di tappare definitivamente( copiata da mondobirra) nelle birre champagne aggiungono del lievito fresco...
quindi non fanno altro che il priming
per questo una buona ricetta e invece di inserire un solo grammo di lievito se ne inserisce di più, in fase di priming....................
credo che sia un esperimento possibile....!! devo trovare i malti usati e i luppoli e provo.....!!!! l'unica cosa che serve è la pazienza ;);)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest ErmenegildoMangiaBirra
Chiariamo questa cosa. Il metodo champenoise viene utilizzato per lo champagne e spumanti (avvolte)viene utilizzato per togliere la fondata di lieviti e altre robe, dato che il prodotto viene carbonato naturalmente: potete infatti notare che oggi come oggi tutte le bottiglie di questi prodotti hanno la possibilità  di essere tappate con normali tappi a corona, che vengono applicati inizialmente per la carbonazione. In un secondo momento la bottiglia viene girata sottosopra in modo che la fondata vada verso il tappo, poi avviene un congelamento del liquido dalla parte del collo, viene tolto il tappo e "raschiata" la parte dei lieviti congelata, in questo modo ogni residuo in bottiglia viene rimosso. Vengono poi tappate con tradizionali sugheri.
Per quanto riguarda le birre non mi sono interessato ma ci stà  che questo metodo fosse utilizzato anche per loro.
Spero di essere stato d'aiuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mangiabirra
grazie per l'aiuto,
io ho stappato una birra della Zago una cuvèè di malto Original HY
sono 20 anni che bevo birra, questa mi ha colpito veramente... 10 anni che produco.. mi era solo venuto in mente di trovare qualcosa che somigliasse anche vagamente a queste birre champaniose

ripeto cercavo qualcuno che sapesse i malti che usano ed il lievito per la fermentazione secondaria...:D:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
secondo me più che tanti i malti e i luppoli, fa tanto il lievito che usi nella fermentazione e rifermentazione, poi l'effetto che si cerca in questo tipo di prodotti credo sia l'autolisi del lievito, il classico gusto crosta di pane

Share this post


Link to post
Share on other sites
-OT-
avevo letto da qualche parte che la Deus, prodotta in Belgio, una volta imbottigliata viene esportata nello Champagne per far eseguire il "trattamento chapenouise", poi viene reimportata in belgio! ... sono pazzi questi belghi..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per quel che ricordo della Deus (fatta dal birrificio che produce kwak e karmeliet) è molto simile alla tripel karmeliet per profumi e gusti quindi deduco sia prodotta con lo stesso lievito...

E' una cosa che vorrei provare a fare anch' io in questo modo:

- partirei con una cotta con solo malto pils e zucchero per una OG di 1100 minimo e IBU molto bassa, direi 10-15 IBU, mash a 63° per avere massima fermentabilità  e renderla secca
- fermentazione con lievito belga
- lagerizzazione per far sedimentare tutto il lievito
- imbottigliamento con (da definire) una quantità  di lievito di champagne + zucchero per avere la pressione corretta
- far maturare, e qui ci vorrà  parecchio, come nello champagne metodo classico, dipende se si vuole secco o dolce
- esegure il remuage e degorgemet
- ritappare con una miscela di birra/zucchero

Che dici?

PS: la HY super/cuveè... secondo me di champenoise non ha proprio niente!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
seeeeeeeeeeeeeeeeeeeee.................
esegure il remuage e degorgemet
- ritappare con una miscela di birra/zucchero

guarda per quanto riguarda il mash sono d'accordissimo
io fare una lunga lagerizzazion, in fermentatore per 5/6 mesi....e con l'aggiunta di lievito e qualche luppolo molto aromatico.... e poi imbottigliamneto definitivo con aggiunta di altro lievito....e zucchero e stop..... eeeeeeeeeee quello che viene viene.....
ripeto volevo qualche dritta sui lieviti sui malti............ io aggiungerei qnche il Pale

va be... appena posso procedo :D:D e vi farò sapere........................

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non fanno priming nel metodo champenoise (o metodo classico) ma un rabbocco.
Quanti sedimenti vedi in una botiglia di champagne?
E poi lo scopo è l'autolisi dei lieviti per mesi, se non anni...altrimenti non è champenoise:D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×