Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Recommended Posts

@Andry
Il vino è veramente poco saranno si e no 100/150 ml
Quello che vedo in superficie sono dei filamenti biancastri trasluci...
E parte di questi sono sul fondo...
Per una quantità  così minima di vino non penso cambi molto il sapore, perchè calcola che vorrei arrivare ad una colonia consistente ma non certo come quella di una madre.... mi limiterei a raccogliere la parte superficiale oppure i grumi sul fondo ed immetterla nella damigiana con la birra che ora contiene quasi 2 litri di birra.
Mi pare troppo lungo il procedimento per ottenere la madre da immettere... per cui come dici tu tenterei di ottenere una colonia sufficientemente "forte".
Poi chiaramente avrò pazienza di aspettare che i batteri lavorino sull'alcol della birra per avere poi l'aceto:D
P.S
Parte della birra che aggiungerei al vino sarebbe sacrificata solo per la riproduzione dei batteri acectici

Share this post


Link to post
Share on other sites
allora io ti dico che ho messo all incirca un 3o cl di vino rosso con due litri di bianco e il rosso predomina ancora tanto come colore, come sapore poi non so quanto sia forte quello dell aceto di birra ma penso sia più delicato di quello di vino, quindi secondo me al massimo un 5percento di vino puoi immettere, se tu trasferisci nella birra solo i "fondi" dove in teoria dovrebbero esserci delle colonie dovrebbe andare da dio....
cmq adesso provo anche io con un po di litri di weizen e vedo come si comporta, io però non uso la madre, la faccio infettare per via aerea tenendola vicino allaceto...o al massimo metto un po' di filamenti che si sono fatti nel vino bianco per "aiutarla".
ti 6 informato per quanto si può conservare? avevo letto su un sito che non dura tanto l aceto di birra....anche se non ho capito perchè...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Andry4 ha scritto:

allora io ti dico che ho messo all incirca un 3o cl di vino rosso con due litri di bianco e il rosso predomina ancora tanto come colore, come sapore poi non so quanto sia forte quello dell aceto di birra ma penso sia più delicato di quello di vino, quindi secondo me al massimo un 5percento di vino puoi immettere, se tu trasferisci nella birra solo i "fondi" dove in teoria dovrebbero esserci delle colonie dovrebbe andare da dio....
cmq adesso provo anche io con un po di litri di weizen e vedo come si comporta, io però non uso la madre, la faccio infettare per via aerea tenendola vicino allaceto...o al massimo metto un po' di filamenti che si sono fatti nel vino bianco per "aiutarla".
ti 6 informato per quanto si può conservare? avevo letto su un sito che non dura tanto l aceto di birra....anche se non ho capito perchè...
[/quote]
Ciao
Sinceramente non sapevo che il tempo di conservazione dell'aceto di birra fosse breve... strano...
Ecco una foto della superficie della birra...
[url]http://flic.kr/p/csCkaY[/url]
oppure:
[url]https://www.facebook.com/photo.php?fbid=3896435662836&set=a.3895758805915.152240.1637433152&type=3&theater[/url]

Share this post


Link to post
Share on other sites
leggi qua: [url]http://it.ewrite.us/come-fare-laceto-di-birra-2445.html[/url]

non è molto attendibile come sito però non so, bisognerebbe informarsi meglio....ma dove????

Share this post


Link to post
Share on other sites
C'è un sito molto interessante:
[url]http://www.themadfermentationist.com/2010/02/making-maltbeer-vinegar.html[/url]
Solo che spiegano tutti il medesimo metodo per acetificare, non si dilunga nello specifico.
Comunque magari può esserti utile per avere qualche spunto anche per modificare la tua Weiss, mi sembra che in una parte del blog parla nello specifico di Weiss e colture di lactobacilli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Questa sera ho inoculato parte del film formatosi sullo starter con vino rosso ed immesso nella birra...
Ho utilizzato una di quelle pipette graduate da laboratorio (che mi sono state fornite da un amico).
Io pensavo fosse facile da aspirare, ma questa pellicola superficiale sembra gommosa ed elastica anche se lo spessore è sottilissimo (meno di un mm).
Alla fine ho dovuto utilizzare la pipetta a mo di bastoncino e cercare di farlo arrotolare sulla punta, sembrava che qualcuno ci avesse starnutito sopra....:D[xx(] faceva quasi una specie di filo che pendeva dalla pipetta!
Operazione riuscita... aspetterò i risultati...

Share this post


Link to post
Share on other sites
una foto della mia mamma-aceto risalente a qualche anno fa:
[url]http://img86.imageshack.us/img86/3993/dsc01133ww7.jpg[/url]

bellina vero?

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]velleitario ha scritto:

una foto della mia mamma-aceto risalente a qualche anno fa:
[url]http://img86.imageshack.us/img86/3993/dsc01133ww7.jpg[/url]

bellina vero?
[/quote]
Bella davvero :D
Sembra quasi una fetta di fegato...
Io sono proprio allo stadio velo superficiale.... vedremo...:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
la mia è molto più grumosa, non so a cosa sia dovuto, forse perchè la pulisco una volta ogni morte di papa....

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]velleitario ha scritto:

una foto della mia mamma-aceto risalente a qualche anno fa:
[url]http://img86.imageshack.us/img86/3993/dsc01133ww7.jpg[/url]

bellina vero?
[/quote]
Potrebbe anche traformarsi in un bel vestitino:D
Naturalmente solo per avvenenti signorine;)
[img]http://www.rissyroos.com/blog/wp-content/uploads/2012/06/470_2395184.0.jpeg[/img]
[url]http://www.foodista.com/blog/2012/06/16/red-wine-dress-is-a-curious-cellulose-garment[/url]
Che te ne pare?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hai hai ragazzi...:(!
Esperimento aceto, al primo tentativo fallito miseramente...
Stamattina scopro la damigiana e cosa mi ritrovo....
una copertura totale biancastra traslucida, quasi a macchia d'olio... avrei potuto pensare ad una bella patina acetica...
se non fosse per l'odore... nessun accenno acetico ma odore di solvente, anche piuttosto forte (odori del genere non li ho riscontrati nemmeno ad opera dei bretta quando li ho utilizzati).
Ora io pensavo che i batteri acetici fossero abbastanza "aggressivi", tanto da "preendere possesso" della birra senza troppi problemi, probabilmente nella birra c'è altro all'opera... forse ancora dei bretta, non saprei.
Quello di cui sono sicuro è che butterò tutto, ma ci riproverò visto che ho la testa dura... cambiero anche l'ubicazione della damigiana visto che penso che il sottoscala sia "infetto".

Share this post


Link to post
Share on other sites
Trovato la spiegazione ai mie dubbi:
Acetaldeide

Questo composto ha il sapore e l'aroma di mele verdi, appena tagliate, e viene anche descritto come erba, foglie verdi e [b]pittura in latex[/b]. Normalmente viene ridotta in etanolo dai lieviti nella seconda fermentazione, ma l'ossidazione della birra finita può invertire il processo, convertendo etanolo in acetaldeide. Livelli elevati si trovano nelle birre verdi, o se il lievito viene rimosso prematuramente. Può essere prodotta da alterazioni batteriche da Zymomonas o Acetobacter.

Sinceremante mi ero sempre fermato alla prima riga riguardo al sentore di mela verde... adesso però che leggo più attentamente vedo anche la menzione di aromi come pittura in latex...
Ciò che effettivamente ho riscontrato nella birra che ho buttato... livelli di acetaldeide decisamente alti, il mio dubbio è come possa essere possibile che i batteri acetici non siano riusciti a convertire questo composto ad acido acetico...
Forse avrei dovuto aspettare di più prima di buttare tutto o forse questi livelli di acetaldeide (mia supposizione) denotano un comportamento anomalo di batteri acetici... boh

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Lorenz ha scritto:

[quote]velleitario ha scritto:

una foto della mia mamma-aceto risalente a qualche anno fa:
[url]http://img86.imageshack.us/img86/3993/dsc01133ww7.jpg[/url]

bellina vero?
[/quote]
Potrebbe anche traformarsi in un bel vestitino:D
Naturalmente solo per avvenenti signorine;)
[img]http://www.rissyroos.com/blog/wp-content/uploads/2012/06/470_2395184.0.jpeg[/img]
[url]http://www.foodista.com/blog/2012/06/16/red-wine-dress-is-a-curious-cellulose-garment[/url]
Che te ne pare?
[/quote]
Mi piacerebbe assaggiarla

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest ErmenegildoMangiaBirra
Non so se qualcuno l'ha scritto.
Per fare l'aceto serve OSSIGENO i batteri acetici lavorano in ambiente aerobio!
Il vino utilizzato, sia biano che nero. deve avere almeno un anno, ovvero aver completamente finito tutti i vari cicli di fermentazioni secondarie che naturalmente avvengono durante la sua vita.
Inoltre non serve necessariamente avere UNA MADRE, uno la madre per l'aceto, se la fa, naturalmente lasciandno il fermentato all'aria aperta.
Feci un aceto con le more, sole more di bosco, senza usare nessuna madre, una cosa mai sentita, meraviglioso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]ErmenegildoMangiaBirra ha scritto:

Non so se qualcuno l'ha scritto.
Per fare l'aceto serve OSSIGENO i batteri acetici lavorano in ambiente aerobio!
Il vino utilizzato, sia biano che nero. deve avere almeno un anno, ovvero aver completamente finito tutti i vari cicli di fermentazioni secondarie che naturalmente avvengono durante la sua vita.
Inoltre non serve necessariamente avere UNA MADRE, uno la madre per l'aceto, se la fa, naturalmente lasciandno il fermentato all'aria aperta.
Feci un aceto con le more, sole more di bosco, senza usare nessuna madre, una cosa mai sentita, meraviglioso.
[/quote]
Certamente è corretto quello che dici, io per es avevo dato per scontato che fosse risaputo che i batteri acetici fossero aerobi obbligati:)
potresti fornire allora qualche consiglio... se ne hai esperienza;)
Io per es nel mio starter di vino lasciato ossigenare già  da un mese mi ritrovo degli agglomerati sul fondo... dato che ovviamente il metabolismo aerobico degli acetobater farebbe pensare che le colonie debbano stare in superficie, vuol dire che quello che mi ritrovo sono colonie di batteri morti??

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]ErmenegildoMangiaBirra ha scritto:

Non so se qualcuno l'ha scritto.
Per fare l'aceto serve OSSIGENO i batteri acetici lavorano in ambiente aerobio!
Il vino utilizzato, sia biano che nero. deve avere almeno un anno, ovvero aver completamente finito tutti i vari cicli di fermentazioni secondarie che naturalmente avvengono durante la sua vita.
Inoltre non serve necessariamente avere UNA MADRE, uno la madre per l'aceto, se la fa, naturalmente lasciandno il fermentato all'aria aperta.
Feci un aceto con le more, sole more di bosco, senza usare nessuna madre, una cosa mai sentita, meraviglioso.
[/quote]
Certamente è corretto quello che dici, io per es avevo dato per scontato che fosse risaputo che i batteri acetici fossero aerobi obbligati:)
potresti fornire allora qualche consiglio... se ne hai esperienza;)
Io per es nel mio starter di vino lasciato ossigenare già  da un mese mi ritrovo degli agglomerati sul fondo... dato che ovviamente il metabolismo aerobico degli acetobater farebbe pensare che le colonie debbano stare in superficie, vuol dire che quello che mi ritrovo sono colonie di batteri morti??

Share this post


Link to post
Share on other sites
aceto di more....cavolo una cosa mai vista si!!!
potresti descrivere come si presentava colore sapore e le quantità  usate.???

lorenz pian piano si alzeranno verso la superficie e formeranno quella patina che originerà  la madre, solo che non so spiegarti il perchè [:I]
penso che comunque i batteri lavorino in mezzo al vino con l aria disciolta in esso...

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Andry4 ha scritto:
lorenz pian piano si alzeranno verso la superficie e formeranno quella patina che originerà  la madre, solo che non so spiegarti il perchè [:I]
penso che comunque i batteri lavorino in mezzo al vino con l aria disciolta in esso...

[/quote]
Hai perfettamente ragione...:D
Infatti ieri sera ho aggiunto altro vino (Bonarda).... breve scrollatina per ossigenare, e stamattina mi ritrovo la madre in superficie...
Ma adesso mi chiedo se ogni volta che acetifica il vino dovrò rimuovere e aggiungere nuovo vino..??
Forse sono a buon punto... ma è ancora piccola (2cm di diametro).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Oggi scopro il barattolo in cui tenevo il vino ad acetificare e .... mi trovo questo:
[url]http://www.flickr.com/photos/82170873@N08/7651037814/[/url]
[url]http://www.flickr.com/photos/82170873@N08/7651043652/[/url]
Forse... (anzi quasi sicuramente...) è un po scura come foto... ma penso si distingua che non si tratta di un liquido...
la patina incomincia a ispessirsi... è proprio gelatinosa e anche liscia.
Sarà  questa sta benedetta madre??

Share this post


Link to post
Share on other sites
sei sulla buona strada, ma la via del successo è ancora lunga :)
cmq il vino lo devi cambiare si...io lo uso quotidianamente e tutte le volte che prelevo una boccetta lo rabbocco....

Share this post


Link to post
Share on other sites
In queste forse si vede meglio:D:
[url]http://www.flickr.com/photos/82170873@N08/7667357214/[/url]
[url]http://www.flickr.com/photos/82170873@N08/7667361684/[/url]
Iri ho deciso che era il momento di trasferirla nella birra.... mo vrdiamo come si comporta...?!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×