Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
Followers 0
paolomaria

Voglio fare la mia prima birra...

20 posts in this topic

Ho letto un bel pò di cose... ho comprato un kit coopers con due fermentatori...nel kit ho trovato un malto Coopers "Canadian Blonde" .... a parte ho preso un malto IronMaster "Irish Stout".
Vorrei chiedervi un pò di cose:

1- Dopo aver sciacquato tutto con acqua calda e sanificato con il metabisolfito presente nel kit...è necessario risciacquare??

2- La procedura nella preparazione è davvero questa?
- riscaldare il malto in acqua bollente per cinque minuti,
- sciogliere il malto in 5 litri di acqua, metterlo a bollire per circa cinque minuti,
- raffreddare il tutto e poi mettere nel fermentatore con il resto dell'acqua fredda già  presente in esso
- solo a temperatura opportuna mettere il lievito
(non ho capito molto riguardo il non ossigenare e non splashare)

3- Quando la fermentazione è diminuita ho capito che è opportuno travasare il "mosto" nel secondo fermentatore (nel mio caso senza rubinetto) e poi dopo che la densità  è quella corretta ritravasare per poi imbottigliare?
(la procedura è quella corretta??)

4- Lo zucchero per la seconda fermentazione conviene aggiungerlo di bottiglia in bottiglia o nel fermentatore (dopo la seconda travasatura)?

5- In questo periodo dovrei lasciare la prima cotta a fermentare in garage o nella villetta al mare dove capirete le temperature non dovrebbero essere altissime e non molto controllabili...cosa mi consigliate?....quale dei due malti a mia disposizione è il più indicato??

Vi ringrazio fin da ora per le vostre risposte....aiutatemi please...

Share this post


Link to post
Share on other sites
1)no
2- riscalda il malto, non serve che bolle,lo metti appena accendi il fuoco, quando è un po caldo lo togli, serve per avere il mato un po + liquido, cosi fai meno fatica a toglierlo dalla latta.
-io uso circa tre litri, non serve che bolle, e al massimo proprio 5 minuti, quando versi il malto e lo zucchero abbassa la fiamma.per la pentola tieni presente che il malto e lo zucchero occupano circa altri tre litri.
-per raffreddare, metti il tappo al lavello, poi fai scendere piano l''acqua, a me in circa 20/25 minuti si abbassa a 25/27 gradi, nel fermentatore metto circa 3/4 litri.poi metto l'acqua per arrivare a 21 litri.
-quando la temperatura è di circa 20/22 gradi innoculo il lievito, io uso un bicchiere da un litri per la birra lo riempio circa per 3/4 di acqua e gli metto il lievito, questo quando inizio la birrificazione cioe circa 1/2 ora prima del suo uso effettivo.in questo momento puoi far ossigenare il mosto, perchè l'ossigeno serve per il lievito,quando innoculi il lievito mescola bene per 1 minuto.misuri la densita, ossia la OG
3)-dopo una settimana travasi nel secondo fermentatore, controlli la densita. proseguo con un?altra risposta

Share this post


Link to post
Share on other sites
3) dopo un'altra settimana, travasi nel primo fermentatore, anche il mio non ha il rubinetto, uso il tubo crystal, lo riempi di acqua metti la parte rigida nel fermentatore vuoto, la parte morbida nel fermentatore pieno, per la teoria dei vasi comunicanti la birra scendera, non aspirare dal tubo con la bocca assolutamente, alto rischio di contaminazione.controlli la densita, a questo punto in teoria dovrebbe essere quella giusta, comunque il giorno dopo la rimisuri, se è rimasta invariata puoi imbottigliare.
4) io metto lo zucchero nel fermentatore,se leggi la guida di bertinotti, sul suo sito, troverai la quantità  di zucchero per fare il priming, riferita ad ogni tipo di birra ed ogni varia temperatura di fermentazione.
5)se hai circa 10/13 gradi la canadian blonde con lievito saflager s23, lavora bene dai 10 ai 15 gradi, ma sopporta fino ai 20,se hai temerature maggiori la irish stout, tieni presente che la fermentazione comporta un aumento di temperatura del mosto rispetto all'ambiente di circa 2 gradi.
RICORDATI SEMPRE LA SANITIZAZIONE.
CIAO

Share this post


Link to post
Share on other sites
come ha detto luca...

solo che, penso tu debba sapere che il lievito che ti è uscito inieme al kit canadian blonde è un lievito ad alta quindi leggi le temperature che ti danno le istruzioni e regolati con quelle.
ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giusto per aggiungere una piccola nota..

quando fermentare ricordate sempre che è importante anche la stabilità  della temperatura... meno oscillazioni ci sono meglio è...
io di massima preferirei il garage, che solitamente è un interrato e subisce poco gli sbalzi di temperatura...

per il resto in bocca al lupo! e ricorda 3 cose....

a) abbi sempre pazienza
b) pulisci sempre tutto bene
c) il gorgogliatore è il tuo nemico... se non gorgoglia è solo perchè vuole farti incazzare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao, e benvenuto!

[quote]
1- Dopo aver sciacquato tutto con acqua calda e sanificato con il metabisolfito presente nel kit...è necessario risciacquare??
[/quote]
Non devi risciacquare, altrimenti annulli l'azione del metabisolfito ed e' come se non avessi sanitizzato. Semplicemente fai sgocciolare, l'eventuale metabisolfito rimasto non avra' alcun effetto sulla birra.

[quote]
(non ho capito molto riguardo il non ossigenare e non splashare)
[/quote]
Splashare significa far cadere il liquido dall'alto tipo cascata. Questo genera ossigenazione, che puo' essere bene o male:

- se stai travasando il mosto dalla pentola al fermentatore assieme all'acqua prima di aggiungere lo lievito, ossigenare e' bene, quindi splasha pure, anzi ! Rimesta per un po' il mosto con l'acqua, l'ossigeno e' la benzina dello lievito;
- se stai travasando la birra da un fermentatore all'altro o imbottigliando, ossigenare e' male, malissimo, quindi bisogna stare attenti a ridurre lo splashing al minimo, meglio ancora se zero :)

[quote]
3- Quando la fermentazione è diminuita ho capito che è opportuno travasare il "mosto" nel secondo fermentatore (nel mio caso senza rubinetto) e poi dopo che la densità  è quella corretta ritravasare per poi imbottigliare?
[/quote]
Quasi ... travasa nel secondo fermentatore quando hai finito la fermentazione, ovvero quando la densita' e' stabile (due letture in due giorni danno lo stesso valore) e prossima al valore previsto di FG. La fine della fermentazione indica anche la fine della produzione massiccia di schifezze misto a lievito, il passaggio al secondo fermentatore serve a far riposare la birra lontana da dette schifezze e decantare altro lievito, quindi ha senso farlo solo quando di schifezze non ne vengono piu' prodotte.

[quote]
4- Lo zucchero per la seconda fermentazione conviene aggiungerlo di bottiglia in bottiglia o nel fermentatore (dopo la seconda travasatura)?
[/quote]
Questione di punti di vista ... io preferisco travasare una seconda volta ed aggiungerlo li. Abbi l'accortezza di rimestare dolcemente la birra ogni tanto per tenere ben uniti lo sciroppo di zucchero (non mettere lo zucchero direttamente) e la birra, non esagerare altrimenti rischi di ossigenare.

Ricordati di lasciare la birra imbottigliata alla stessa temperatura della fermentazione per almeno un paio di settimane: deve formare co2, e questo puo' succedere solo se gli lieviti sono in condizione di lavorare! A questo punto, inizia la parte piu' difficle: porta tutto in cantina ed aspetta qualche settimana che maturi. Ti garnatisco, aspettare non e' per nulla semplice :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
1- Dopo aver sciacquato tutto con acqua calda e sanificato con il metabisolfito presente nel kit...è necessario risciacquare??

NO

2- La procedura nella preparazione è davvero questa?
- riscaldare il malto in acqua bollente per cinque minuti,

IO LO SCALDO PER CIRCA 10 MIN. IN ACQUA CALDA NON NECESSARIAMENTE BOLLENTE

- sciogliere il malto in 5 litri di acqua, metterlo a bollire per circa cinque minuti,

QUI SI PUò DECIDERE IO AD ESEMPIO NON LO FACCIO, COMUNQUE NON FARLO BOLLIRE PERCHè RISCHI CHE SI CARAMELLI

- raffreddare il tutto e poi mettere nel fermentatore con il resto dell'acqua fredda già  presente in esso

NO, VERSI NEL FERMENTATORE IL CONTENUTO DEL BARATTOLO, AGGIUNGI CIRCA 3 LITRI DI ACQUA CALDA (oppure versi il tuo composto nel caso in cui tu lo abbia riscaldato in pentola) AGGIUNGI ACQUA FRESCA FINO A RAGGIUNGERE I LITRI NECESSARI. io per esempio mi sono accorto che per i 23 litri classici se faccio stare 2 casse d'acqua in frigo per una notte e poi le verso nel contenitore mi portano direttamente alla T di circa 24°.

- solo a temperatura opportuna mettere il lievito
(non ho capito molto riguardo il non ossigenare e non splashare)

ESATTO, INOCULA MASSIMO A 26°. OSSIGENA PURE QUANDO STAI VERSANDO L'ACQUA PRIMA DI METTERE IL LIVITO. PER OSSIGENARE SI INTENDE CHE MESCOLI VIGOROSAMENTE COL PALETTONE.

SPLASHARE, EVITARE DI FAR CADERE IL MOSTO A FONTANA DA UN FEMENTATORE ALL'ALTRO QUANDO FAI IL TRAVASO INTERMEDIO.

3- Quando la fermentazione è diminuita ho capito che è opportuno travasare il "mosto" nel secondo fermentatore (nel mio caso senza rubinetto) e poi dopo che la densità  è quella corretta ritravasare per poi imbottigliare?
(la procedura è quella corretta??)

IO TRAVASO SOLITAMENTE DOPO 7 GIORNI MA POSSONO ESSERE SUFF. ANCHE 4., QUANDO LA GRAVITA è STABILE IMBOTTIGLIO.
PREPARO IL PRIMING PER LA RIFERMENTAZIONE IN BOTTIGLIA DIRETTAMENTE NEL CONTENITORE CON CIRCA 250CL DI ACQUA E LO ZUCCHERO NECESSARIO. fACCIO BOLLIRE LO ZUCCHERO E L'ACQUA IN UN PENTOLINO E VERSO NEL FERMENTATORE, QUANDO SI è RAFFREDDATO TRAVASO LA BIRRA (senza splashare) OGNI CIRCA 2 LITRI DI BIRRA CHE IMBOTTIGLIO DO UNA MESCOLATINA PER EVITARE CHE LO ZUCCHERO SI STRATIFICHI

4- Lo zucchero per la seconda fermentazione conviene aggiungerlo di bottiglia in bottiglia o nel fermentatore (dopo la seconda travasatura)?

FERMENTATORE

5- In questo periodo dovrei lasciare la prima cotta a fermentare in garage o nella villetta al mare dove capirete le temperature non dovrebbero essere altissime e non molto controllabili...cosa mi consigliate?....quale dei due malti a mia disposizione è il più indicato??

IL LIEVITO CHE TI FORNISCONO IN DOTAZIONE è DA ALTA FERMENTAZIONE QUINDI SE RIESCI CERCA DI STARE SOPRA I 22° E SOTTO I 26°

sE FOSSI IN TE LA PROSSIMA VOLTA PRENDEREI LIEVITI LIQUIDI DEDICATI.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]kith ha scritto:

perchè lo splashing è male travasando la birra da un contenitore all altro?
[/quote]
Questo e' quello che ho capito io ... chi ne sa di piu' puo' correggermi ...

L'ossigeno che introduci prima della fermentazione viene consumato interamente dallo lievito, che lo usa come "carburante" per eseguire il suo sporco lavoro di fermentazione. Piu' ce n'e', piu' il tuo lievito e' contento.

Quello introdotto dopo la fermentazione (per esempio tramite splashing dal primario al secondario o dal secondario alla bottiglia) non viene consumato dallo lievito se non in parti minime (povero lievito sazio ed esausto, non puoi neppure incolparlo!), quindi si lega ad altre molecole (=ossidazione) con conseguenze nefaste alla tua birra.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si, soprattutto dopo aver agitato bene il tutto per amalgamare acqua e mosto, altrimenti ti succede come al sottoscritto che misura l'OG di un'IPA a 1088 e si spaventa [:I]

Share this post


Link to post
Share on other sites
@ Folle e tutti gl altri?
Quale lievito liquido mi consigliereste per i due tipi di malto che ho in possesso?.....cosa cambierebbe usando quelli rispetto un lievito tipo il saflger s-23 e a proposito di quest'ultimo è vero che asecondo la temperatura bisogna raddoppiare la dose del lievito stesso??

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guarda, la procedura di fermentazione a bassa temperatura e' decisamente un altro paio di maniche, richiede piu' passaggi ... e richiede molto molto piu' tempo per andare dal fermentatore al bicchiere. So per esperienza quanto e' duro attendere la prima cotta :), quindi ti consiglierei di lasciare le cose cosi' come stanno per la prima, ed al limite pensare alla lagerizzazione come seconda o terza. La stout e' ad alta, l'altra immagino sia una lager o una pils ma con lievito ad alta ... Per i lieviti liquidi non so dirti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
non è che devi raddoppiare la bustina diciamo che se gli fai uno starter col malto secco è meglio.
Uno starter deve avere una densità  di circa 1020 / 1025 se non sbaglio. Fai bollire il malto con l'acqua per una mezz'oretta, quando raggiunge la t° di inoculazione metti il lievito. Poi lo lasci fermentare per circa un giorno quando è bello attivo lo inoculi nel mosto.
Il Saflager come dice luca è a bassa fermentazione quindi ideale per fare tutte quelle birre che ovviamente non sono ad alta (sicuramente non va bene per la stout anche se il bello di farsi la birra è sperimentare)
Se semplicemente lo riattivi con acqua e zucchero farà  un po' + fatica a riprodursi.

Il lievito liquido a differenza di quello è che ...è meglio. Se poi prendi quelli wyeast con l'activator sei a posto non devi nemmeno fare uno starter.

Io ad esempio per la mia stout ho utilizzato
Lievito Irish Ale n°1084 - 125 ml della wyeast

per la canadian blonde dipende se vuoi fare una vera lager allora ti consiglio di leggerti fra i vari lieviti wyeast a bassa ferm e scegliere quello col profilo aromatico che preferisci, però tenendo conto che lavorano tra gli 8 e gli 11° in genere.
Tra quelli da Ale trovi degli ibridi che lavorano sia a basse in un range intorno ai 13° producendo caratteristiche da lager, che ad alta dando note fruttate.
Ad es questo
Lievito German Ale n.1007 - 125 ml

IMPORTANTE X LE LAGER: non fare l'errore che ho fatto io di inoculare il lievito a 11°, non avevo capito che va inoculato a temperatura standard e poi portato a bassa T una volta che è partita le fermentazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
[quote]Folle ha scritto:
IMPORTANTE X LE LAGER: non fare l'errore che ho fatto io di inoculare il lievito a 11°, non avevo capito che va inoculato a temperatura standard e poi portato a bassa T una volta che è partita le fermentazione.
[/quote]

e che è successo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
io uso il saflager, due bustine, lo metto nell'acqua tiepida circa 1/2 litro mezzora prima di innocularlo e problemi di attivazione mai avuti, lo innoculo tra i 20/24 gradi.
per le lager, il procedimento che io uso è il seguente:
1 settimana nel primo fermentatore
1 settimana nel secondo, a metà  settimana lo porto in un luogo un pò oiù caldo per 24 ore per effettuare il diacetyl rest,
controllo fg se è apposto imbottiglio facendo il priming nel fermentatore
2 settimane a temperatura di fermentazione in bottiglia
metto in un luogo fresco tra i7/18 gradi
inizio gli assaggi con cadenza settimanale delle bottiglie da 33 cl.
io la winterizzazione non l'ho mai fatta.
tieni presente che utilizzando l'estratto di malto secco con lo zucchero la birra migliora notevolmente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0