Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Search the Community

Showing results for tags 'lambic'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Per iniziare o per socializzare...
    • Ciao! io sono...
    • Risorse utili
    • Discussioni Off-Topic
  • Homebrewing: l'arte della birra fatta in casa
    • attrezzature, strumenti, materie, sanitizzazione
    • Autocostruzione
    • Luppolo: Varietà, Coltivazione e Cura.
    • Homebrewing con kit e malti preconfezionati.
    • Homebrewing con il metodo E+G
    • Homebrewing All Grain
    • Hombrewing All Grain col metodo BIAB
    • Post-imbottigliamento
    • Altri fermentati (Sidro, Idromele, Sake ecc)
    • Wild e Sour Ale
    • Ricette per homebrewing
  • Qui si parla di birra!
    • stili di birra e degustazione
    • curiosità dal mondo della birra
    • Dove la trovo???
    • Manifestazioni a tema
    • Viaggi alla scoperta della Birra
  • Collezionismo e Mercatino
    • collezionismo birrario
    • Compro Vendo Cerco
    • Area Feedback
  • Birra in cucina
    • Ricette a base di birra

Found 6 results

  1. Ciao a tutti, mi chiamo Giuseppe e sono un nuovo membro del forum.
  2. Buona sera a tutti, ho notato che il sig. malto ha messo in vendita dei nuovi
  3. Ho approfittato dell'arrivo repentino dell'autunno (alle mie latitudini, almeno) per mettere in cantiere la mia prima cotta di un lambic. La dimensione della cotta è di 30 litri circa, in fermentatore d'acciaio da 35 litri, inoculato col il lambic blend della Wyeast (2 buste, di cui una non freschissima). E' partito tutto che è un piacere. A questo punto però ho un dubbio: a tendere (inizio estate 2015) vorrei spezzare la cotta in damigiane di vetro da 5-10 litri, che ho già acquistato, per portare circa un terzo della cotta a 2 anni di invecchiamento, un terzo circa in bottiglia come lambic giovane, ed il restante terzo per esperimenti con frutta e chips di legno. Ho letto da più parti che è bene non disturbare Bretta e soci durante il lavoro, ed in special modo è meglio non eliminare la pellicola che protegge il lambic dall'azione dell'ossigeno e di conseguenza dei batteri che potrebbero acetificarlo; ad ogni modo, prima o poi, mi troverò nella condizione di doverlo fare. La domanda quindi è: finisco uno pseudo primario (cioè aspetto che smetta di gorgogliare) e travaso subito? Lascio tutto lì un annetto e travaso (lasciando quindi eventuali pellicole nel fermentatore del primario? Non dovrebbero esserci problemi di autolisi, anzi gli eventuali sottoprodotti dovrebbero aumentare la complessità... Non penso che Cantillon e soci travasino prima di blendare e/o aggiungere frutta, come si comporteranno con le "pellicole" che si formano sicuramente nelle botti "primarie"?
  4. Salve a tutti, dopo due anni di fermentazione, sono quasi pronto all'imbottigliamento. Ho due dubbi in merito alla quantità di zucchero da aggiungere all'imbottigliamento. Qualcuno dice che non necessità di aggiunta perchè un minimo di materiali fermentabili sono rimasti, qualcun'altro dice invece di aggiungere lo zucchero come per ottenere 3 volumi di co2. Altro dubbio: dovrò aggiungere il lievito per la rifermentazione? Teoricamente dopo due anni il lievito è morto, ed è rimasto solo il Brettaromyces. Saluti
  5. Ciao a tutti, ho bisogno di un consiglio su una rifermentazione che in bottiglia. Al posto dello zucchero vorrei usare sciroppo di lamponi per dare questo particolare profumo alla mia lambic. Il mio dubbio è questo: se prendo una bottiglietta di sciroppo di lamponi che mi dice che ci sono 50g di zucchero per 100g per esempio, e se io dovessi aggiungere per il priming 200g di zucchero, posso tranquillamente fare la proporzione diretta (400g di sciroppo = 200g di zucchero)? Perchè presumo che per lo zucchero inteso sull'etichetta, si intenda gli zuccheri compresi quelli contenuti nella frutta, giusto? Saluti
  6. questa è un esperimento la cui fase teorica si protrarrà per molto tempo, inizio a parlarne ora perchè sono talmente tante le cose che devo capire, chiedere e decidere che se mi va fatta bene per settembre forse inizierò ad avere le idee chiare e potrò passare alla fase pratica. La mia idea parte da una birra di cantillon, la Saint Lamvinus, fatta con uva francese : The grapes, of the merlot and cabernet-franc varieties, are soaked in Bordeaux barrels containing two to three years old lambic. The beer is not blended before the bottling. The foam is caused by the addition of a liquor which starts the fermentation. da qui partono i miei trip, cioè quelli di mischiare una birra lambic fatta con le percentuali che anche cantillon consiglia (35% frumento non maltato, 65% orzo maltato e luppolo vecchio e ossidato da tre anni O.o ) e una "birra" al mosto d'uva lambrusco, già altri hanno fatto questi esperimenti che personalmente mi sono piaciuti. il risultato che vorrei ottenere è una geuze che tramite blend possa avere un acidità relativamente contenuta, quindi un mosto dovrei farlo fermentare con i brettanomiceti mentre l'altro con un semplice lievito? la mia idea era quella di prelevare del lievito ponendo della "trappole" sotto alberi di ciliegie in montagna, e usare il risultato per fermentare il mosto con l'uva (una specie di fermentazione spontanea controllata)... visto che non mi convince a pieno il metodo con i due lieviti, perchè se mischiassi i due mosti poi i brett mi andrebbero a fermentare tutto quello che il lievito normale non è riuscito a fermentare rendendo tutto inutile, giusto? la fermentazione avverrebbe nel vetro, in damigiane che userei esclusivamente per questo test. è veramente obbligatorio aspettare che la lambic abbia 3 anni prima di essere utilizzata o è una caratteristica delle lambic di qualità altissima? ora lascio a voi i commenti e le informazioni da cui trarrò ispirazione, linkate tutto il possibile e sparate tutte le ***** che vi saltano in mente.