Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

prael

Utenti Registrati
  • Content count

    46
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1 Neutra

About prael

  • Rank
    Member
  • Birthday 24/07/1972
  1. Ad aprile, dopo sei anni di fermo, finalmente ho prodotto nuovamente con un impianto rinnovato. Uso una pentola da 70 litri (fondo sottile) scaldata a gas, con piatto filtrante. Prelevamento del mosto sotto piatto con pompa di ricircolo. Sono abbastanza soddisfatto del risultato anche se ho già individuato qualche errore dovuto alla mancanza di "allenamento". Ho usato soltanto 3 litri di acqua in ammostamento, a mio avviso un po' pochini e secondo me non ho estratto bene gli zuccheri, perché ho ottenuto il 20% in meno di mosto. La prossima volta proverò con 3,5 litri. Inoltre, mi sono distratto un attimo e: 1. all'inizio della bollitura ho dimenticato di eliminare l'hot break 2. ho subìto "l'esplosione" del mosto che è fuoriuscito dalla pentola. Inoltre, ho lavorato con il dubbio che il termometro del mash e della pentola dell'acqua di sparging non fossero correttamente tarati, quindi sarà la prima cosa che devo mettere a punto per la prossima volta Oggi la birra dopo circa un mese dall'imbottigliamento si presenta con schiuma persistente ma purtroppo è molto torbida; avrei voluto ottenerla più pulita in controluce. E poi è forse un poco sbilanciata verso l'amaro del luppolo, con un finale persistente sul palato. Avevo cercato di ridurre l'uso del luppoli, vista la minor quantità di mosto, riducendolo del 20%, come sopra ma forse non è bastato. Però non ho un riferimento, magari è corretto così. C'è da dire anche che l'assaggio a due e a quattro settimane ha data risultati diversi, quindi sospendo il discorso. Ora sono a chiedervi a voi un parere. La ricetta che ho eseguito è la seguente: ORIGINAL GRAVITY 1050 LITRI 23 4,3 kg Bairds Pale Ale 250 gr Château Crystal light250 gr Château Carablonde MASH 68°C per 60 min MASH OUT 78°C per 15 min Bollitura: 30 gr luppolo PERLE aa 5.9 (60min) 30 gr luppolo CHINOOK aa 11.2(10 min) 30 gr luppolo CHINOOK aa 11.2 in dryhopping Lievito US-05 FG: circa 1012 Il tutto riparametrato per 50 litri di mosto Al di là della eliminazione fisica dell'hot break a cui la prossima volta starò sicuramente più attento, c'è qualche altro accorgimento/intervento per pulire il mosto? Ho letto di alcuni prodotti - che però proprio non conosco - (tipo alghe o altro). Sono sistemi adattabili a questi ingredienti che ho usato? Non sostituiscono la centrifugazione, giusto? Io inoltre utilizzo il raffreddamento a piastre. Ci sono controindicazioni? PS gli ho dato anche una botta di freddo di 4-5 giorni prima di ritravasare e imbottigliare, ma forse mi ha eliminato soltanto i lieviti in sospensione. Che dite? avete qualche idea o consiglio da mettere in atto? Grazie per l'attenzione, Paolo
  2. Grazie, ma va direttamente nel mosto oppure tramite pozzetto?
  3. Grazie. Per inciso, ricontrollando ciò che ho scritto ho trovato un errore: per la cronaca quello elettronico, misurava 72, non 82 come invece mi è scappato di scrivere. Ma penso che lo abbiate immaginato. p
  4. Ho detto tutto. Vabbé, ho rimesso a punto l'impianto dopo tre mesi di lavori serali. La cotta l'ho fatta. Ma Avendo tre termometri (gabbia, uno da pozzetto della Polsinelli e uno elettronico), nell'intento di chiarirmi le idee sulle temperature, li ho tenuti monitorati. Ovviamente come immaginerete, sballavano. E mi hanno incasinato la vita, non sapendo più quale seguire. Soprattutto perché, dovendo fare un monostep a 68° non sapevo più se ero sbilanciato verso 66 o verso 72. Oppure giusto a 68°. E come cacchio si fa, non si può lavorare così! per fortuna che non avevo le rampe! Ho concluso che il polsinelli è un ciofeca. Mi fa specie che lo debba regolare io con la vite sul fondo della sonda. Quello a gabbia mi si è rotto (per fortuna non nel mosto!!). Su quello elettronico.. boh mi sembrava altissimo (almeno tre gradi in più. E non l'ho rispettato. Magari aveva ragione lui, quando mi indicava 82... Grazie al minchione ho anche pensato che avrei ottenuto un mosto poco fermentabile. In realtà la fermentazione è partita.... Che sia starato? E' un pezzo da laboratorio che ha qualche anno. Nel frattempo che di capire cosa c'è in giro. Mi parlate tutti bene dei termometri Hanna (Checktemp 1). Come va? Li posso inserire nel pozzetto o va messo direttamente in pentola (della qual cosa poco mi fido, con le pale in movimento)? Grazie per il vostro parere. pc
  5. prael

    Starter: grossi dubbi

    Situazione h. 19 Temperatura 17° Sono in dubbio.... Cioè, qualcosa c'è, non è che è proprio morto morto.... Ho messo una cintura al tino
  6. prael

    Starter: grossi dubbi

    Questa sera, al mio rientro verifico. Ho riportato quanto dice mia moglie da casa, perché ho fatto due fermentatori con leviti differenti entrambi da 20 lt. Il primo ormai è ben partito. Nel secondo parrebbe non esserci attività verso l'esterno dal gorgogliatore. Questa sera al mio rientro darò una sbirciata per capire meglio. Ieri ho evitato di aprire pensando che ci fosse attività aerobica in corso e questa mattina sono uscito fantozzianamente di corsa.
  7. prael

    Starter: grossi dubbi

    Stavo pensando che se a questo punto la fermentazione non è partita, il mosto sarà ormai bello che ossidato, no? Che faccio, butto?
  8. prael

    Starter: grossi dubbi

    Apprezzo ugualmente :-)
  9. prael

    Starter: grossi dubbi

    :-) Eh, sì... come è bello imparare! Peccato che questa cosa della flocculazione, benché l'avessi dovuta immaginare, il tutorial proprio non la prevedeva. Ma neppure che no :-) Quindi, in pratica sarei dovuto partire 1-2 giorni prima rispetto a quello che ho fatto... Adesso cosa dite, non butto tutto vero? Se ci mettessi questa sera un SAFALE US-05 di emergenza? Faccio l'ennesima ca..ata? Grazie ancora. p
  10. prael

    Starter: grossi dubbi

    Grazie, scusa l'inesattezza: è proprio l'agitatore magnetico. Ecco, era la risposta che non volevo sentirmi dire (ma che già immaginavo....). Che pirla...
  11. Sabato ho voluto sperimentare la preparazione del mio primo starter. Oggi, dopo l'inoculazione avvenuta ieri pomeriggio, i primi dubbi, che qui vi riporto. Dunque, avrei voluto utilizzare questo lievito: LIEVITO LIQUIDO WLP029 GERMAN ALE / KÖLSCH ALE della White Labs. Di per se' l'avrei potuto utilizzare anche tal quale, ma complice, un po' l'entusiasmo, un po' la temperatura non altissima del mosto, un po' la curiosità di sperimentare e un po' (molto) la mia inesperienza, ho paura di aver commesso qualche passo falso. Premetto che, come traccia di lavoro, ho utilizzato un tutorial presente nel sito dove ho comprato il lievito e ho cercato di seguirlo "alla lettera". Nel tutorial era scritto di produrre lo starter partendo da un litro di mosto preparato da ESTRATTO DI MALTO SECCO (DME). Ecco il primo dubbio: ho comperato insieme al lievito il presente malto secco: Muntons SprayMalt Extra Light kg. 0.5, non avendo però la certezza che fosse un prodotto adeguato per preparare un mosto, ma applicando solo l'istinto e il buon senso. Ho preparato il mosto bollendolo con 1 lt di acqua e 120 gr di malto, ho raffreddato e messo il tutto su una piastra di agitazione versandovi poi il lievito white labs. Secondo dubbio: non ho agitato per aerare il mosto, pensando che la piastra di agitazione potesse ovviare alla mancanza. Questo è successo sabato intorno alle 21 - 22.00. Il lievito avrebbe dovuto lavoro alle 15 circa del giorno dopo. Stando alle istruzioni, fermando la piastra avrebbe dovuto formarsi un letto di lievito bianco lattigginoso sul fondo del contenitore: terzo dubbio, il fondo non c'era!!! era tutto biancastro, il mio litro! Poi, sempre più incerto su quello che stavo combinando, ho eliminato l'80% del mosto (sempre come da istruzioni) cercando di trattenere il fondo che poi ho inoculato nella ALE appena prodotta, con il tragico dubbio però che così facendo ho eliminato anche l'80% del lievito. Adesso sto tenendo monitorata la situazione per capire se succede qualcosa nel fermentatore, ma non potrò saperlo sino al mio ritorno a casa questa sera. Avete qualche idea su quello che ho combinato? Alla peggio dite che se in estrema ratio dovessi inoculare un SAFALE US-05, sono ancora in tempo? era tutto sanificato ed isolato...... Grazie per l'attenzione e l'aiuto. p
  12. Ecco, appunto, come sospettavo :-) Provvedo a incrociare i flussi. Grazie. p
  13. prael

    Consigli per una Blonde Ale

    scusate, dry HOPPING, non shopping, quella è la spesa di fine mese.
×