Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Thor

Utenti Registrati
  • Content count

    1.804
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    25

Thor last won the day on May 18

Thor had the most liked content!

Community Reputation

642 Eccellente

1 Follower

About Thor

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 10/04/1975

Contact Methods

  • Website URL
    http://youtu.be/RqcSNIMqf5Q

Profile Information

  • Location
    Prosecco (TS)

Recent Profile Visitors

1.150 profile views
  1. E' tra i motivi per cui si dice che la sola ricetta non basti per clonare una birra. Ogni impianto è diverso dall'altro, con caratteristiche fisiche meccaniche e termiche proprie, oltre al livello di precisione del termometro, cambia anche il tempo di risposta delle sonde, influenzato dalla presenza o meno di un pozzetto, e dall'altezza della sonda nella pentola (per quanto si possa fare con mescolatori e ricircoli, è impossibile uniformare perfettamente la temperatura a tutte le quote con precisione al grado). Per mia esperienza personale, posso dirti che, entro certi limiti, la cosa più importante non è l'errore che introduce lo strumento, quanto invece la ripetibilità delle misurazioni. Non è importante che siano reali 63 o 65 gradi, è importante che lo strumento ti permetta sempre di tornare a quella temperatura per ripetere la cotta, e che sia sempre e solo uno il riferimento per gestire la temperatura ( ingresso del rims, pozzetto a mezza pentola, sonda che scende dal coperchio, se cerchi il mezzo grado, saranno sempre diversi uno dall'altro). Che poi, detto tra noi, la differenza di un grado in ammostamento, con tutte le variabili che entrano in gioco nei passaggi dal chicco al bicchiere, è una cosa veramente difficile da percepire, io cerco di essere preciso e metodico in tutte le operazioni, ma il mezzo grado di differenza lo lascio a chi è fissato con i decimali.
  2. Thor

    Automazione mulino

    Condensatore troppo grande, e penso sia probabile anche collegamento non corretto, in quanto rosso e nero possono ingannare. Dalla sigla del motore, vedo che usano condensatori da 3 a 12 microfarad. Un condensatore troppo grande può squilibrare il funzionamento come uno troppo piccolo, serve il suo. Il comune è il bianco, quindi il condensatore va tra bianco e nero o bianco e rosso, una fase di alimentazione va collegata al bianco, l'altra va al filo non collegato al condensatore. Collegare uno dei fili del condensatore al rosso o al nero è indifferente, cambierebbe solo il verso di rotazione.
  3. Thor

    Bombola CO2 per impianto di spillatura

    Io la bombola da 5 kg la uso solo per fare carbonazione forzata dei fusti, la lascio dove faccio birra perché pesa, è scomoda da spostare ed è delicata sui manometri del regolatore. Per spillare uso bombole usa e getta da 600 grammi, piccole e leggere, spendo forse un poco di più ma non da sbattermi per la ricarica, ed ho sempre una scorta di riserva. La metto direttamente dentro lo spillatore in un alloggiamento che la rende invisibile, e me ne dimentico per credo almeno 200 litri ( a occhio una decina di cornelius da 18, sinceramente non li ho mai contati ).
  4. Thor

    Automazione mulino

    Anch'io, mattmill kompakt komfort, con motorino tergicristalli ( a me lo sfasciacarrozze ha chiesto 5 euro ), e alimentatore 12V 30 Ampere ( sovradimensionato, ma lo uso anche per altro ), riesco a macinare 25 kg di malto in 45 minuti. Non si rompono gli ingranaggi interni, ma mi è capitato la prima volta stringendo troppo i rulli fino al blocco, di spappolare la filettatura esterna in ottone dell'albero del motorino.
  5. Ci sono arrivato alla stessa maniera di Gagge87 e di I.tester, l'ultima foto è stata risolutiva. Blu e marrone entrano e escono, il bianco invece si ferma al compressore, poi se guardi le piste della scheda, si vede che marrone e bianco arrivano a due dei tre piedini dell'integrato di potenza. Continua a sembrarmi strano che non abbia un'aletta di raffreddamento.
  6. Punti di vista, io la serpentina la usavo all'inizio quando facevo max 15 litri e mi trovavo bene, sono passato al controflusso al primo aumento di litraggio, con un poco di manualità sono meno di 2 ore di lavoro, mi ci sono trovato subito benissimo, sia per la pulizia che per la praticità, e non tornerei sicuramente indietro. Il controflusso non è perfetto, ma a me piace che non è immerso nel mosto e non disturba la torta del whirpool, piace che il mosto in pentola resta bollente e quindi relativamente al sicuro da inizio a fine travaso, piace che la pulizia si svolge in 5 minuti con semplici palline di stoffa spinte dentro dall'acqua di rete senza dover grattare o spazzolare, piace che posso poggiarlo ovunque in qualunque momento e la parte che mi interessa resta sempre pulita. La serpentina è sicuramente più economica e più semplice, sia da realizzare che da gestire avendo tutto a vista, ha i suoi pro e i suoi contro come li ha il controflusso.
  7. Il parallelepipedo grigio è solo un condensatore. Ha ragione I.tester, è il mos che comanda, anche se mi sembra strano che non abbia alette di raffreddamento. Compressori di quelle dimensioni con motore ad inverter non ne ho mai visti. Stacca il morsetto dalla scheda, e infila un ponticello tra il bianco e il marrone che ha accanto, attaccando la spina dovrebbe partire il compressore.
  8. Anchi'o avevo il tuo stesso dubbio anni fa, stessa serpentina in rame a immersione, stessa situazione. Ho risolto comprando una manciata di pezzi idraulici, aprendo la serpentina in rame, infilandola in un robusto tubo di gomma da 3/4, e dopo averla arrotolata di nuovo, trasformandola in un signor controflusso in rame, che uso tutt'ora. Meno di 20 euro di raccordi, e hai risolto il problema. Io dico sempre che il modo migliore per spendere meno soldi è spenderli una volta sola, ma penso che tra rame a immersione e controflusso inox, il controflusso in rame sia un ottimo compromesso.
  9. La sonda di temperatura è sulla stessa scheda, è quel componente grigio di fianco al portalampade, quello con uno dei reofori protetto da un tubicino di gomma. Prova a fotografare la sigla che c'è sopra. Potremmo provare a scollegare un reoforo della sonda, o a metterci una resistenza in parallelo, dipende dal tipo di sonda, lo freghiamo sulla lettura della temperatura. Sicuro che non ci siano altre schede e/o componenti in giro? Non vedo relè di potenza per il comando del compressore, mi manca qualcosa...
  10. Ciao, scusa la latitanza, periodo un po' incasinato. Io non sono un esperto, ho solo fatto un po' di esperienza con i frigoriferi classici, e chiacchierato con qualche frigorista per quel che a me serviva fare, essere esperti è un'altra cosa. Detto questo, a vedere la scheda, non mi sembra il classico frigorifero con termostato a depressione ( quello con il tubicino capillare che fa da sonda ). Sulla scheda vedo un potenziometro P1, che mi fa pensare. Potrebbe essere un offset della sonda di temperatura, forse già da quello potresti risolvere i tuoi problemi, ma non ne sono sicuro. Se decidi di spostarlo per fare qualche prova, prima segna in qualche modo la posizione in cui era regolato, magari con una spennellata di bianchetto che prenda base e perno. Dalla foto riesco a capire poco, sarebbe utile una foto anche della rotella di regolazione, e magari di quel che c'è sotto. Volendo, si può lavorare direttamente sul compressore, tagliando i cavi e fregandosene di scheda termostati e luci, tanto la termica di protezione è a bordo compressore, però serve qualche foto in più per sapere dove mettere le mani.
  11. Io sono riuscito a farmelo da solo seguendo i consigli di un frigorista. Ho eliminato la serpentina in alluminio di un vecchio frigo che si era forata, sostituendola con una equivalente in rame, che uso direttamente immersa in un secchio con acqua e glicole. La coibentazione l'ho fatta con polistirene da 5 cm, quello usato in edilizia per i cappotti. Due piccole pompe immerse nel glicole, una è comandata dallo stesso termostato che fa partire il compressore per tenere in temperatura il glicole ( la serpentina scende sotto i -30, se il glicole non è in movimento si gela sul rame ), l'altra è comandata dal termostato del fermentatore, e manda il glicole in ricircolo sull'esterno del fermentatore, in un tubo di polietilene di quelli da irrigazione lungo 50 metri che ho avvolto a stretto contatto, e coibentato con neoprene. Nessuna serpentina inox immersa nel mosto, non mi piaceva ne per la pulizia e sanitizzazione aggiuntive che comporta, ne per la troppa vicinanza tra mosto e glicole. Ho dovuto aiutarlo un poco con qualche ventola di raffreddamento aggiuntiva per condensatore e compressore, ma con un ex-frigo da casa di quelli comunissimi con scomparto freezer separato, e poco più di 15 litri di acqua glicolata, riesco a gestire tranquillamente un troncoconico da 100 litri, compresa winterizzazione finale a 4 gradi.
  12. Thor

    Allarme controller PID sestos

    Il cicalino funziona in corrente alternata, puoi collegarlo come ti pare, non c'è una polarità da seguire. Per la programmazione non so aiutarti, non ho esperienze con il sestos.
  13. Io ne uso da anni 3 di polsinelli, sono robuste e di ottima qualità, consigliatissime. Mash e boil della stessa dimensione ti permettono di salire tranquillamente di densità senza dover ridurre i litri finali.
  14. Il priming massimo consigliato è di 2 G/L, non perché fa troppa schiuma, ma perché il fustino non reggerebbe pressioni superiori, rischiando che si apra la giunta delle lamiere spruzzando birra ovunque. Il riempimento conviene farlo con un tubo che arrivi fino al fondo del fustino, in modo da evitare di ossigenare la birra con inutili splash. Io lo tengo su una bilancia per misurare la quantità, regolo la tara, poi ci metto 5 kg esatti di birra. Non provare a mettere il tappo se non quando c'è birra dentro, altrimenti poi è rognosissimo da togliere. Per metterlo bisogna andarci con decisione, senza esitare, una bella manata a pugno chiuso, o al limite in martello di gomma se proprio non si riesce a piazzarlo. Il tappo non serve a regolare la carbonazione, serve a consentire l'ingresso dell'aria quando a causa della spillatura si riduce la pressione interna, altrimenti dopo poco non esce più birra. Quel tipo di fusto conviene finirlo al massimo in un paio di giorni, da quando entra aria la birra inizia a rovinarsi per ossidazione. E' perfetto per una festa, un po' meno per berselo da soli.
  15. Ovviamente dipende sempre dal tipo di birra, dal grado alcolico, dall'importanza del luppolo. Un'ipa con dry hop di 4-5 G/L io potrei iniziare a berla già da 2-3 settimane dopo averla infustata per non perdermi aromi e profumi, un'imperial stout invece me la dimentico in cantina.
×