Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

paiolo

Utenti Registrati
  • Content count

    58
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

paiolo last won the day on April 1

paiolo had the most liked content!

Community Reputation

4 Neutra

About paiolo

  • Rank
    Member
  • Birthday 01/01/1976
  1. Non ho fatto travasi inetrmedi quindi era primo fermentatore. La gelatina va inoculata 2-3 giorni prima di imbottigliare, quando i lieviti hanno finito di lavorare... penso di aver mescolato molto poco per non sollevare troppo i fondi. In realtà il preparato è completamehte liquido finché è caldo
  2. Sì, gelatina in fogli. Da qualche parte ho letto che la gelatina va sciolta su acqua calda ma NON bollente. Ho portato un bicchiere d'acqua sui 70 gradi (temperatura circa di pastorizzazione), vi ho sciolto dentro i fogli di gelatina, e poi ho inoculato nel mosto... dopo 48 ore i lieviti sono in gran parte precipitati!
  3. Ciao a tutti! Come scritto in altri messaggi, io e dei miei amici acquistiamo da pinta.it taniconi di (ottimi!) malti della Brewferm da 25Kg e poi ce li dividiamo, ottenendo così un bel risparmio (a spanne li si paga quasi la metà!). Qualche volta però non è facile essere in abbastanza a volere lo stesso malto per arrivare a dividersi i 25Kg, e qualche acquisto quindi salta...stiamo cercando di allargare il giro di "soci" in modo da avere più scelta e fare più acquisti collettivi! Se sei di Padova o zone limitrofe e ti può interessare farne parte, batti un colpo! ;-) Ad esempio a giorni dovremmo acquistare un tanicone di Brewferm Diabolo, Brewferm Gold e Brewferm Tarwebier!
  4. Simone, intanto un grazzissimo per la risposta perché è proprio il tipo di risposta che cercavo! ;-) Alcuni tuoi consigli, ad averli avuto prima... L'anno scorso ho fatto una mono-luppolo sorachi-ace (era presente in molte birre che mi piacciono) ma come hai detto tu da solo proprio non va! Per scelta voglio al momento usare un SINGOLO luppolo per ciascun dry-hopping e non un blend, in modo da capire bene bene che tipo di aroma dà e usarlo poi in futuro, anche su blend, con cognizione di causa... Mi hai quindi convinto col Mosaic...ne ho provato già un certo numero di americani in passato ma questo manca ancora all'appello, e me ne hai parlato proprio bene ;-) Ora me ne manca un secondo con un aroma un po' più "europeo"...qualcosa che stia bene anche su una Pils! La volta scorsa come detto ho usato il Saaz ma voglio provare qualcosa di diverso, dal tuo elenco potrei scegliere se non erro tra kazbek e mandarina bavaria, confermi? Sai dirmi qualcosa di più di questi due?
  5. Dai ragà, mi serve qualche consiglio per i prossimi luppoli! :-D Nel giro di un paio di giorni devo fare l'ordine! ;-)
  6. Ciao a tutti! Volevo condividere la (bella) esperienza che ho avuto con questo malto...comprando i malti assieme agli amici riusciamo spesso a pigliare e spartirci da pinta.it i tanicozzi da 25Kg! Prima dell'estate, avendo a disposizione un bel po' di malto Brewferm Gold, ho voluto sperimentare un po'...e devo dire che ha ripagato ampiamente! Con un singolo malto come "base" ho fatto: - la Gold "originale", secondo ricetta...3Kg di malto e 1Kg di zucchero - Saaz-Gold, 2.5Kg + 0.5Kg di zucchero + 100gr di Saaz in DH - Amarillo-Gold, 2.5Kg + 0.5Kg di zucchero + 100gr di Amarillo in DH - Citra-Gold, 2.5Kg + 0.5Kg di zucchero + 100gr di Citra in DH ...Tutte fermentate con l'US-05 attorno ai 20 gradi... La prima, per chi conosce il malto, è una buona bionda che piace a tutti La seconda (col Saaz) l'ho voluta un po' più leggera, in vista dell'estate, ma con un sentore da Pilsner Urquell che adoro La terza (Amarillo) ha un bell'amarognolo di sottofondo che col caldo è super-dissetante La Citra è stata anche questa una bella sorpresa, ne è uscita una profumatissima APA. Con le quantità di luppolo, dopo alcune esperienze passate di DH un po' mosci, ho preferito andar giù pesante e semmai sbagliare di eccesso che di difetto...anche se alla fine, al sorso, su nessuna mi è venuto da dire "azz...ho esagerato"... Ora che calano le temperature si partirà a breve con la nuova stagione brassicola e probabilmente ripiglieremo quel malto per farci 2-3-4 fusti...Ho voglia però di provare qualcosa di nuovo, che altri luppoli mi consigliate di provare nel DH che siano belli "caratterizzanti" come i precedenti? Pensavo ad un classicissimo Cascade (con cui ho avuto però in passato risultati molto variabili...forse il mio pusher l'ultima volta non mi ha dato "roba buona" :-D ), e poi? Magari un europeo per fare qualcosa simil-Pils (anche se purtroppo devo lavorare ad alta, pazienza...) o Bitter inglese Dai, mi serve qualche idea! ;-)
  7. Grazie ad entrambe per i consigli, in realtà mi avete dato ottime notizie perché sono un hop-addicted e IPA/APA sono i miei stili preferiti! :-D Ma in realtà anche le bitter (che ammetto cmq di conoscere poco) non mi dispiacciono; in pratica tutto ciò che ha il luppolo come protagonista ;-) (PS: il dry-hopping non è un problema, con i kit lo uso già da un bel pezzo con mano pesante... ;-) )
  8. Ciao a tutti! Bazzicando sul sito di Bertinotti, mi sono imbattuto nella ricetta di questa Bitter: http://www.bertinotti.org/come-realizzare-15-litri-di-english-bitter/ ...che ha la particolarità di NON utilizzare grani speciali, e di essere quindi molto semplice da fare! Dato che, dopo anni di kit, devo convincere i miei soci di birrificazione a tentare l'E+G e volevo quindi trovare un inizio il più indolore possibile, volevo chiedervi:- - quali stili di birra si possono produrre senza l'uso di grani speciali? - oltre alla sopraccitata, conoscete altre ricette che non ne fanno uso? Grazie e a presto! :-)
  9. Di solito quando misuro la densità della birra bevo poi il mosto (spesso, come dite voi, ancora torbido) per sentire come sta venendo fuori la birra. Non mi è però mai capitato, come questa volta, di doverlo invece buttare via da quanto "fangoso" è! Certo, aspettando di sicuro la situazione non può che migliorare però... qua qualcosa è davvero andato storto, e non voglio trovarmi una birra che riuscirò a bere solo nel 2017! (anche perché perderebbe buona parte dei sentori del DH in corso) Ad ogni modo l'assaggio di ieri sera è molto promettente: il mosto è ancora nebbioso ma bevibilissimo, ed i sentori di lievito si sono ridotti drasticamente (e soprattutto non si ha più l'impressione di bere fanghiglia). Non è una tecnica che ho intenzione di applicare in maniera sistematica, però mi fa comodo avere una carta in più a disposizione per arginare quelle volte in cui le cose non vanno troppo dritte... Ho in mente ad esempio una Brewferm Gallia che ho fatto tempo fa con problemi simili, molto prob l'avrei potuta bere 3-4 mesi prima se avessi messo un paio di grammi di gelatina...a saperlo. Mi sa inoltre che in futuro quando concatenerò delle birre provvederò a togliere parte dei fondi prima della concatenazione...
  10. Ciao a tutti! Ho fatto partire due fermentatori, concatenati a due simil-Pils rispettivamente con US05 e BRY-97 e partiti a palla... (anche troppo!) ed entrambe, ora che è arrivata ora di imbottigliare, risultano molto, TROPPO torbide... vi sono tonellate di lievito in sospensione che non ne vogliono sapere di decantare, ed il mosto che prelevo dal rubinettino è quasi imbevibile... sa proprio da fondi. Ho sicuramente fatto qualche pasticcio con la temperatura di avvio, ma ormai indietro non si torna. Mi documento in Internet per salvare il salvabile, e vedo che la soluzione più rapida ed indolore (non avendo fusti extra per travasi, e non avendo modo di lagherizzare) è di acquistare una semplice gelatina per dolci e sciogliervene dentro "un po'": fico, dico... l'ho messa un paio di giorni fa ed effettivamente la situazione sembra drasticamente migliorata! Aspetto a cantare vittoria ma sembriamo sulla strada giusta... ;-) Mi rimane il dubbio su quale sia la quantità che andava effettivamente utilizzata: su un vecchio post di questo forum si parla di "una confezione", e così io ho fatto... 12gr di gelatina "Panedegliangeli" (quanta ne basterebbe per 500gr di gelatina). Poi leggo qualche post americano dove invece vedo che gli ordini di grandezza sono DUE miseri grammi per fermentatore; da un'altra parte dicono "5 grammi per 19 litri" (quindi per i miei 23 siamo sui 6 grammi)... insomma di tutto e di più! Qualcuno di voi ha mai utilizzato questo metodo? Se sì, che quantità avete usato e che risultati avete avuto?
  11. fusti = 23 litri farei un "agrumi" ed un "erbaceo" ...DH fruttato ne ho fatto da poco uno. Cmq questi come me li suddivideresti in base alla tua catalogazione? Cascade Citra Chinook Crystal Amarillo SIMCOE SORACHI ACE Galaxy Mosaic
  12. Dai... siete nella sezione "Homebrewing con kit e malti preconfezionati.", dovete portare un po' di pazienza! ;-) Invece visto che avete già risposto alle prime due domande ve ne faccio un'altra: la mia idea era di fare 3 fusti, partendo sempre da quel malto: - uno di Pils "semplice" - uno con DH Simcoe (pensavo 66gr) - ...qualche idea per il terzo fusto? Puntavo ad un DH con un altro luppolo americano, che magari si differenzi un po' dal Simcoe... Cascade e Chinook già provati, Amarillo cosa ne dite? Cosa consigliate in alternativa?
  13. Tutti i miei amici lavorano solo coi Kit, e non ci pensano lontanamente di fare un E+G... io come vedi sono un po' più sperimentalista, ma per fare acquisti collettivi bisogna un po' adattarsi alle esigenze di tutti...
  14. Ottimo, queste erano le due conferme che volevo avere! Per la temperatura di fermentazione spero in realtà di riuscire a stare sui 17-18, ma vediamo le temperature che ci saranno ora che ordino tutto e riesco a partire...
×