Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

davidebeer

Utenti Registrati
  • Content Count

    44
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutra

About davidebeer

  • Rank
    Member
  • Birthday 30/04/1975
  1. Ciao, ho a disposizione un bel numero di bottiglie con tappo meccanico, una novità per me che ho sempre utilizzato tappi a corona. Mi sapete dire se tale tipologia di tappi può essere utilizzata per la rifermentazione in bottiglie e quali eventuali acorgimenti occorre adottare? Grazie in anticipo..
  2. ciao theking0, ho il tuo stesso problema; mi puoi dire come hai risolto la questione? grazie.
  3. si concordo sulla comodità logistica; solo che quando ti trovi a valutare spese di tali importi, fare un viaggetto in più ne può valere la pena di affrontare tutti km. dopodichè tirero le somme... [quote]eastside ha scritto: magari non è una convenienza economica ma solo logistica perchè è più vicino a dove vivi e così puoi trattare di persona senza fare un lungo viaggio... [/quote]
  4. Ad oggi non abbiamo ancora comprato niente ma è solo questio di giorni/settimane; spadoni l'ho contattato e l'impianto proposto mi sembra ottimo; rispetto a bbc, però, non sono assolutamente competitivi sui prezzi. Scusa, ma perchè se sono dell'abruzzo dovrei avere convenienza a trattare con spadoni? [quote]sc.1976 ha scritto: un birrificio che conosco(badef vicino a brescia) a un loro impianto da 500 litri è unop spettacolo,sia per le finiture sia per i materiali e l'utilizzo.li ho conosciuti in fiera a rimini e sono veramente ottime persone e anche a buon mercato da quello che so.secondo me visto che sei dell'abruzzo ti converrebbe spadoni??????? [url]http://www.spadoni.it/[/url] [/quote]
  5. me ne puoi indicare qualcuno di tua conoscenza? [quote]Green House ha scritto: Dovresti cercare info su qualche birrificio a impatto zero USA: ce ne sono parecchi ormai! [/quote]
  6. Grazie, mi hai fornito particolari tecnici che non conoscevo e non avevo considerato e dei quali terrò conto. Per quanto riguarda le fonti di energia alternativa le ho messe in programma ma non da subito, strada facendo.... Capitolo costi: ogni preventivo che preveda la caldaia a gas ha dei costi maggiori, dai 5 mila ai 10/12 mila euro in + rispetto all' elettrico; con un piccolo conteggio dei costi per ogni cotta, sono arrivato alla conclusione che per ammortizzare la differenza di costi ci vogliono davvero tante cotte; diciamo dai 3 ai 5 anni. Ma nel frattempo mi sarò attrezzato con il fotovoltaico. [quote]ORSO ha scritto: ...ciao..questa è la mia opinione...l'acqua/vapore ha un'efficienza termica (scambio di calore) nettamente superiore all'olio diatermico..qualsiasi impianto "moderno" usa controlli di temperatura a PID quindi le inerzie termiche non dovrebbero esistere ....se ci sono problemi di perdite nell'impianto nella birra ti finisce acqua e non olio (cosa da non sottovalutare)...un circuito ad acqua ha bisogno di meno manutenzione rispetto ad uno ad olio in quanto l'acqua non è soggetta a "cracking"...al massimo si crea calcare o depositi fangosi...ma se filtri e tratti l'acqua questo si limita moltissimo...per quanto riguarda i costi...invece che "caldaia" a gas perchè non pensare ad un "riscaldatore" ad elettricità (in ogni caso dovrai richiedere il 400 Volt di fornitura se vuoi avere macchinari industriali)...vedo che sei da l'Aquila...quindi centro Italia...perchè non pensare anche ad un piccolo impianto solare termico che ti aiuti ad inalzare la temperatura del liquido riscaldante in modo da risparmiare energia (elettrica o gas)!?...o fotovoltaico!?... In ogni caso, secondo me, se vuoi sviluppare un business plan valido devi considerare costi d'avvio (acquisto) e di mantenimento (costo per cotta + manutenzione) dell'impianto. [/quote]
  7. Per quanto ne so, l'utilizzo di programmi Plc su impianti totalmente automatizzati dovrebbe annullare completamente eventuali problemi di inerzia termica; piuttosto si riduce il tutto ad una valutazione economica legata all'investimento iniziale e ai consumi in termini energetici per produrre birra. Ed è proprio a questo tipo di valutazione che sono parecchio sensibile.. [quote]mancyno ha scritto: per quello che sò il vapore è preferibile perchè non da problemi di inerzia termica,comunque risolvibile con un pò di esperienza sulla macchina. [/quote]
  8. Ciao ragazzi, chiedo dei consigli e opinioni circa i pro e i contro relativi all'uso del vapore o dell'olio diatermico nel funzionamento di un impianto da 5 hl. Da un pò di tempo sto chiedendo preventivi in quanto vorrei verificare la fattibilità di avviare un microbirrificio. Alcuni fornitori sostengono a spada tratta la bontà del vapore, altri, all'opposto, ritengono che la spesa iniziale legata all'acquisto della caldaia non venga ammortizzata in tempi accettabili dal minor costo del metano. Ora, siccome ognuno di loro tende a preferire e ad esaltare ciò che gli conviene vendere, chiedo a voi, nel caso abbiate avuto esperienza dirette o magari per sentito dire da chi ci è passato.. Saluti, grazie.
  9. [quote]rico kaboom ha scritto: Praticamente inserisci tutta l'acqua dall'inizio facendo questo calcolo: - litri che vuoi in fermentatore + - litri evaporati in bollitura + - litri lasciati in pentola con la fonda + - litri assorbiti dai grani. Raggiungi la "strike temperature" per il primo step, inserisci i grani nella grain bag e procedi come se fosse una AG tradizionale facendo i vari step previsti dalla ricetta (eliminando il mash out). Finiti gli step estrai la grain bag e la strizzi in modo da estrarre più mosto possibile e parti con la bollitura procedendo come al solito. [/quote] Rico perchè si elimina il mah out nel Biab?
  10. e certo, se no come fa!! che stupido! adesso è chiaro, in sostanza dopo aver impostato per es. 20° temp dei grani, mi vado a vedere il valore strike water temp. grazie di nuovo. [quote]rico kaboom ha scritto: Ah proprio non avevi capito a cosa si riferiva Grain Temp [:I] Quella sta a significare la temperatura dei grani, cioè la temperatura dell'ambiente dove tieni i grani per esempio 20°. Se no come fa il software a calcolare la temperatura;) [/quote]
  11. [quote]rico kaboom ha scritto: Dovresti dare un occhio ai settaggi magari puoi togliere quel 77° comunque è normale che puoi modificare solo quel valore, perchè gli altri valori li modifichi nella schermata della ricetta. Ora che ho dato un occhio al programma mi sono reso conto che tu stai lavorando con impostati i gradi Fareneith al posto dei Celsius perchè impostando i fareneith mi da 77° come valore di partenza della temperatura dei grani ;). Per quanto riguarda l'errore delle IBU quando fai 3,7 non devi mettere la virgola ma il punto del tastierino numerico e vedrai che ti torna tutto. Dovrei avere risolto i tuoi dilemmi[ Decisamente risolti per le IBU!! continuo a non capire il meccanismo della temperatura; avevo già impostato i fareneith, non è quello il problema. Penso di non aver capito a cosa si riferisce il valore grain temp...allora, io imposto la temp di mash desiderata, quantità di grani, ecc. a questo punto mi dovrei aspettare che il programma da in automatico la temperatura corretta di immersione dei grani; quindi ti chiedo qual'è questo valore??? scusami la cocciutagine e grazie per la pazienza che hai..
  12. Rico, sto cercando di capire brewmate ma qualcosa non torna; se vado in brew day mi ritrovo tutti i valori calcolati dal programma in base alla ricetta inserita ma, nella mascherina Mash, un unico valore modificabile è prorpio il Grain Temp, che adesso, non so perchè, sta a 77°; ma è pur sempre un valore modificabile a piacere. Inoltre, un'altra cosa strana è il calcolo delle Ibu, nel senso che mi da valori assurdi (tipo ibu 170 per 30 gr di luppolo AA% 3,7 in bollitura per 60 min.) Mi puoi dire dove sto sbagliando? [quote]rico kaboom ha scritto: I classici software come hobbybrew o Brewmate ti calcolano a quanto deve essere l'acqua in base al peso dei grani, la loro temperatura senza complicarsi la vita ;) [/quote]
  13. ciao ragazzi, ho deciso di voler provare il metodo biab; dispongo di una pentola del crucco di 50 lt, una grain bag di birramia per cotte da 23 lt che, se nessuno me la sconsiglierà , utilizzerò per questa prima cotta. Ora però, non ho ben capito un passaggio. se per ipotesi volessi utilizzare 5 kg di grani e fare da subito mash a 65°, a che temperatura dovrei immergere i grani? con l'Ag calcolo 6-7 gradi in più di quelli desiderati e verso nella pentola. con il biab come funziona? grazie.
  14. Proverò a ripetere la tua esperienza; se mi devo consumare le mani per pulirlo, no problem; piuttosto , non essendo dotato di grande fealing con il bricolage, pensi che si possano trovare anche con il rubinetto già montato? [quote]Prosit ha scritto: non potresti usare la stessa cinta riscaldante anche sull' comunque per il costo ti dico la mia esperienza: fusto inox 50litri per olio, comprato usato a 20€. di offerte così se ne trovano in quantità su internet per contenitori di tutte le dimensioni. vedi un po' quanti contenitori uno si può comprare con il costo di un fermentare conico. resta inteso che la passione non ha prezzo e uno i soldi li spende come vuole, però magari è una cosa a cui non avevi pensato. just my 2 cents. ovvio che comunque poi ti devi consumare le mani a pulirlo per bene. per l'isolamento non saprei dirti nulla; fino ad ora non ho mai isolato ma usato locali con temperature diverse. [/quote]
×
×
  • Create New...