Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

T.Rex

Utenti Registrati
  • Content count

    1.729
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    12

T.Rex last won the day on August 7

T.Rex had the most liked content!

Community Reputation

289 Eccellente

About T.Rex

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 15/09/1980

Profile Information

  • Location
    Drezzo (CO)

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. T.Rex

    Ammostamento e come influenza la FG

    Beh un buono stregone puo aiutare [emoji12] Un modo per farlo é il calcolo della attenuazione limite, ma si fa a posteri... Piú in fadlse di cotta per capire quando si é finito di fermentare che in fase di ricetta I vari sw di gestione ricetta ti Danno una previsione con una buona approssimazione, MA parliamo cmq di una stima spannometrica Inviato dal mio G8232 utilizzando Tapatalk
  2. T.Rex

    Ammostamento e come influenza la FG

    Difficile avere un calcolo preciso, le variabili in campo sono veramente tante, solo per elencare le piu evidenti dalla composizione dell'acqua ai parametri del malto, o per rendere il tutto piu incasinato del mix di malti, alle caratteristiche fisiche del tino di Nash ecc ecc Da quanto avevo letto in ambito industriale per ciascun lotto fanno dei batch di test sulle quali fanno analisi specifiche, ma come cosa in ambito home non la vedo praticabile, per tante ragioni. In primis per le dimensioni dei lotti di materiel prime, e per la variabilita della composizione dell'acqua I fine c'è sempre la problematical Della teoria degli errori. Per quanto il "modello di previsione" possa essere affidabile e preciso il risultato e' al massimo preciso quanto la peggior misura che usiamo come ingresso del modello. E' in ambito home le nostre misure sono endemicamente molto approssimative. Quindi se posso dirti la mia, credo che sia meglio affidarsi a quella base di concetti Sul mash che credo giá Hai unita all'esperienza che ti sei fatto sul tuo impianto e sulle tue ricette Per quanto mi riguarda il fatto che tante cose non siano sempre perfettamente previbili é anche il Bello del nostro hobby, del resto é produzione di birra non fisica nucleare [emoji39] Quindi citando papazian relax don't worry and have an homebrew Inviato dal mio G8232 utilizzando Tapatalk
  3. E pensa che c'è gente che in tanti Anni non ha mai fatto sparge [emoji12] Inviato dal mio G8232 utilizzando Tapatalk
  4. T.Rex

    Ricette per svernare

    Inghilterra e belgio principalmente. Magari eviterei una bitter che anche quella va bevuta giovane; poi quando inizia ad abbassarsi la tempperatura come ultime cotte puoi pensare anche a una kolsh o una pils Inviato dal mio G8232 utilizzando Tapatalk
  5. E poi e' la prima, e la prima non si scorda Mai [emoji7] Inviato dal mio G8232 utilizzando Tapatalk
  6. Come dice tyrion sia imperial ipa che apa son birre da bere molto giovano, per godere del meglio dell'esplosività della luppolatura d'aroma. Al contrario penso però che l'idea dello smezzarla può starci, in pratica fai "sorellona" e "sorellina" . Personalmente lo sbattimento della saturazione di c02 nel travasare lo eviterei, Se fai scorrere bene il flusso a caduta con un tubo non ossigeni tanto di più che saturando l'ambiente con C02. Se hai paura dell'ossidazione come ti dicevo prima per me il rischio vero è l'ossigeno disciolto nell'acqua che metti, non quello che si crea dal salto d'acqua. L'imperial ipa non è un grosso problema da gestire, la lasci attenuare bene gli fai un bel dh per 2-3 giorni, magari mentre raffreddi per far depositare il tutto e poi imbottigli o infusti. Tempo una settimana o due e puoi iniziare a berla Io con i tempi brevi esagero, ma si sa che preferisco decisamente le birre "teen" alle birre "milf" :p ma quando si parla di luppolate farle durare più di 3-4 mesi per me è un crimine p.s. il drop di efficienza di 12 punti su una og così alta ci sta benissimo. Sopra l'1.080 stare sopra al 70% di efficienza non è cosa facile
  7. il problema dell'ossigeno non è tanto nello splashare ma quanto nell'ossigeno disciolto nell'acqua che vai ad introdurre. Per diminuire l'impatto potresti bollire e raffreddare l'acqua che vai ad imettere personalmente io non diluirei… ogni tanto una "BIG" beer ci sta e una imperial ipa se ben bilanciata è un gran bere. Ovvio se l'idea è quella di una birra estiva "easy" da grigliata, vai e diluisci ( e in quel caso concordo con tyrion che sia meglio farlo il prima possibile, con una fermentazione vigorosa in corso assorbi in fretta l'ossigeno disciolto). Se invece l'idea di sperimentale qualcosa di diverso ti intriga… Anzi seguendo la strada dell'imperial IPA valuterei un 3-4gr litro di DH, che su una birra così ci vuole.
  8. Sì, anzi dal mio punto di vista devi assaggiarla
  9. Avendo calcolato il pitch rate del lievito su più litri, in teoria non dovrebbero esserci problemi di quantità di lievito, e l'US-05 come tolleranza alcolica dovrebbe reggere una OG 1.090. Beh hai anche più zucheri quindi qualcosa che ti bilancia i luppoli c'è. L'amaro della birra sale ma comunque non dovresti essere così fuori scala. Sul diluire dopo… boh è forse una mia fisima… considera che aggiungendo acqua vai ad ossidare comunque, cosa che su una birra focalizzata sul luppolo non è il massimo.
  10. o la tieni così… in pratica scalando in giù i litri da una apa tiri fuori una imperial ipa personalmente non sono un fan delle diluizioni. Io eviterei. Comunque prima di metter altro ci darei una assaggino
  11. T.Rex

    IGA, parliamone

    comunque dall'attività di questo thread possiamo solo confermare che la iga tira più di un carro di buoi u.u
  12. T.Rex

    IGA, parliamone

    e torniamo su questo punto; se si parla di stili la fonte più autorevole e quasi globalmente riconosciuta a livello mondiale resta il BJCP che nella sezione IGA nella parte ingredienti dichiara:
  13. T.Rex

    IGA, parliamone

    Scusami, ma dalla tua risposta mi sembra di essermi spiegato male. Quello che intendevo è che quando lasci fare a loro, non lasci fare ai brett. Quando vai in spontanea vera, non stai andando di brett, bensì lasci che nella tua fermentazione prendano piede i selvatici con cui il tuo mosto va a contatto. Con ambiente intendo tutto; dalla buccia non pastorizzata di un frutto, dall'aria, dal tino di fermentazione ecc ecc E questi selvatici possono essere di tutto: lattici, acetici, brett, pedicocchi, cinghialotti e toponi. Anzi mi correggo… sono di tutto. Perché per la divina grazia le culture mono ceppo sono una cosa che in natura non esiste, e ( chiedo di correggermi a qualcuno che ha più basi di microbiologia di me se sto dicendo una castronata ) anche il laboratorio si parla di culture al 99% pure di un ceppo. Onestamente non so quale sia la "fauna" del mosto e delle bucce d'uva, ma per le esperienze che ho avuto con altra frutta credo che per quanto ci siano anche i bretti, siano più presenti e quindi alla fine più "marcanti" sul prodotto finito altre bestie. La mia obiezione su questo punti era ed è strettamente lessicologica. Diverso il discorso dello stile. Li le direttive del BJCP (che fina a prova a contraria è l'organo riconosciuto per la distinzione degli stili a fini concorsi) prevede che nella definizione IGA ci siano le spontanee e le non spontanee. Quindi come avrebbe detto la mia nonna, c'è poco da sfogliar verze. Può non piacere il fatto che le due cose siano mischiate assieme ( e posso dirti che posso essere anche qui d'accordo ), ma alla fine quando hanno definito gli stilemi hanno deciso di metterli assieme. p.s. io non posso dare ragione a Metiu… In difesa dei vecchi campanilismi un comasco che da ragione a un lecchese non si può proprio vedere :p
  14. T.Rex

    IGA, parliamone

    Mi sembra che la spiegazione di didinho, sia stats piu che precisa e puntuale Esistono iga con mosto d'uva in bollitura e con mosto d'uva in fermentazione, sia con mosto pastorizzato, sia con mosto "vivo" . Stesso principio che vale per tutte le varie topologie di fruit beer. Se poi intendi dire che quelle a mosto vivo sono piu interesanti... Beh sono d'accordo ma lo stile precede nella stessa categoria anche le altre Sul discorso Bret credo sia un discorso lessoicologico; brettato e spontaneo sono due cose diverse. Esistono Brettate non spontanee (Bret inoculato a parte) e spontanee (e fermentazioni miste) non brettate Ad esempio ho bevuto molte fruit beer dove il carattere dominate e il lattico non il brettato. Per quanto riguarda le iga non ho una grande amore ma a livello aromatico le poche che ho provato piu che sensazioni di Bret mi Hanno ricordato dei vini a fermentazione spontanea Inviato dal mio G8232 utilizzando Tapatalk
  15. Sara' come diceva conco che faccio le stuot un po gaie ma il taglio di tostato del carafa 3s mi garba tanto e quindi di solito li mischio E' il roasted wheat che ho li Ancora chiuso e non so che farmene... Inviato dal mio G8232 utilizzando Tapatalk
×