Jump to content
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

pvnick

Utenti Registrati
  • Content Count

    10
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutra

About pvnick

  • Rank
    Junior Member
  • Birthday 24/03/1985

Contact Methods

  • Website URL
    Array
  1. ..ma hai un contatore industriale o hai fatto alzare i kw del domestico?
  2. Cacio com'è finita? Funza l'impianto??
  3. di solito i contalitri costano tanto perchè fan pagare le omologazioni... ne avrei messo uno anch'io ma visto i prezzi ho lasciato stare e mi sono convinto che un'asta graduata è la soluzione a tutti i miei problemi: semplice e veloce!! per il rumore, la mia tellarini fa casino solo c'è molta diversità tra volume di liquido in ingresso e volume in uscita dalla pompa, quando regolo il bypass diventa abbastanza silenziosa. Se fa rumore come se ci fosse dentro ghiaia che sbatte (paragone assurdo, ma tant'è) occhio che è cavitazione, dimensiona le portate (in e out) perchè ti mangi via la girante in pochissimo tempo!
  4. Scusate la prolungata assenza!! @eboo il coperchietto è incastrato dentro, a pressione. Vedo tre possibilità : o usi un coltello per farlo saltare, o lo vandalizzi, oppure fai un forellino al centro per agganciarlo con un uncino o simili e poterlo tirare. Io ho fatto una via di mezzo tra la due e la tre :D @ricky [url]http://muchomalto.wordpress.com/?attachment_id=227[/url] (la foto non è un granchè, già !)
  5. pvnick

    herms

    ciao sc, sono fatte "da zero" in inox
  6. pvnick

    herms

    solo una domanda.. ma perchè l'isolamento acustico?
  7. Dopo un anno di scambiatore a piastre sono ormai dell'idea che l''ideale sarebbe una serpentina a controflusso, lo scambiatore (a meno che non sia di quelli smontabili) è un problema da sanificare: per essere tranquilli al 100% bisognerebbe sodarlo, ma chi ne ha la possibilità ?!
  8. credo che il problema della temperatura non sia tanto di surriscaldamento quanto di tenuta delle... tenute! Io uso una tellarini 20L e tengono 90°C.. [url]http://www.tellarini.com/prodotti2b_ita.htm[/url]
  9. Ciao a tutti, posto credo l'ennesimo esempio di un mulino Marga adattato: benché si tratti di una realizzazione estremamente economica trovo che sia molto funzionale e penso di mantenerla finchè il mulino non cederà infatti -Marga a parte- ho speso 4 euro per una vaschetta dei panni, e qualche euro per colla a caldo e asse di legno. Spero possa esservi utile! Per i pochi che non lo sanno, il marga è un piccolo mulino a tre rulli, inclusi nella confezione ci sono una manovella e due vaschettine, una di carico del cereale e una di raccolta. Costo: poco più di 50€. Appena estratto dal cartone che lo contiene sembra una mini macchina per fare la pasta: visto frontalmente ha pressoché le dimensioni di un foglio A5, le vaschette, ad occhio, non contengono più di un etto di malto e la manovella da girare sembra essere una gran menata. Eppure è realizzato interamente in acciaio, le zigrinature dei rulli sono ideali per il loro impiego e i meccanismi interni nella loro semplicità hanno l’aria di poter durare parecchio. Il rapporto qualità - prezzo sembra essere decisamente favorevole, ma non senza qualche aggiustamento, non dimentichiamoci che per una all grain difficilmente si scende sotto i 4-5 kg di grani. Gli interventi essenziali sono tre, più un quarto opzionale. In ordine di importanza: [list][*]Aumentare le dimensioni della vaschetta superiore [*]Aumentare le dimensioni della vaschetta inferiore [*]Elettrificare il movimento [*]Sbloccare la manopola con i preset delle distanze di macinazione, in modo da poter gestire molte più misure[/list] La vaschetta superiore si aggancia al corpo del mulino tramite due alette a pressione, meccanismo difficilmente ricostruibile in casa quindi mi è sembrato meglio prendere una vaschetta per i panni in polipropilene che tra l’altro riporta anche la dicitura per alimenti (??!), farci un buco e incollarla con della colla a caldo alla vaschetta originale. La colla a caldo garantisce un’eccellente tenuta quando si tratta di saldare plastica con plastica, inoltre ho scelto di posizionare il cordone di saldatura all’esterno per non farlo entrare in contatto coi cereali e facilitare le operazioni di pulizia. [url]http://muchomalto.files.wordpress.com/2011/07/dsc_4406.jpg[/url] Per il punto due ho optato per una soluzione più drastica: smontare la base metallica e imbullonare i piedi del mulino a un asse di legno con un buco in mezzo, così il macinato potrà finire direttamente in una pentola. [url]http://muchomalto.files.wordpress.com/2011/07/dsc_4403.jpg[/url] Ancora più drastico e irrecuperabile il punto tre: ho tagliato la manovella poco oltre l’attacco in cui si infila nel mulino, in modo da avere un solo moncone dritto da fissare al mandrino di un trapano elettrico. Fantastico, tanto non mi verrà mai voglia di usarla! Risolvere il problema delle regolazioni invece è più semplice a farsi che a dirsi, bisogna togliere il tappo che chiude la manopola e allargando la clip di plastica bianca sfilarla. [url]http://muchomalto.files.wordpress.com/2011/07/dsc_4413.jpg[/url] A questo punto si può agire in due modi diversi: o completare con altri buchi il retro del pomello, oppure come ho fatto io, rimuovere il gancio che si infila nei suddetti buchi e inserire un distanziale di gomma tra il telaio e il pomello per mantenere la regolazione anche in fase di macinazione (il pomello tende a ruotare perchè è direttamente collegato ad uno dei tre rulli). [url]http://muchomalto.files.wordpress.com/2011/07/dsc_4411.jpg[/url] A distanza di quasi un anno il sistema sembra reggere bene, devo solo fare attenzione a non sgranare il perno collegato al trapano, o meglio, devo solo far attenzione a non farlo uscire dalla sua sede mentre macino perchè fuori asse e alla velocità del trapano si sgranerebbe in pochissimo tempo! Ciao! Nicola
  10. pvnick

    herms

    Ciao Cacio, io controllo la temperatura del mosto facendolo ricircolare in uno scambiatore che nel mio caso è una pentola da 30 litri piena d'acqua (gli americani lo chiamano Hot Liquor Tank o HLT) con 7 metri di tubo a serpentina immerso. Pilotando la temperatura dell'acqua con un termostato da lavatrice e una resistenza piloto di conseguenza il riscaldamento del mosto che ricircola attraverso la serpentina. Una volta terminato l'ammostamento uso l'acqua dello HLT per lo sparge. Ti allego il link delle foto che siccome sono un po' grandi evito di inserire qui sotto.. [url]http://muchomalto.files.wordpress.com/2011/07/07102010278_imp_hlt_inside_ii.jpg[/url] [url]http://muchomalto.files.wordpress.com/2011/07/07102010276_imp_hlt_montato_iii.jpg[/url] Se può essere utile sto cercando di scrivere queste cose in un blog, non so se le spiegazioni sono chiarissime ma per lo meno sono in italiano! [url]http://muchomalto.files.wordpress.com/[/url] Fammi sapere come procede, Nicola
  11. Ciao a tutti! Sono Nicola, homebrewer di Pavia ma temporaneamente trapiantato a Torino per lavoro...
×
×
  • Create New...